Kenya

Quasi pronti per l’espansione della pista del’aeroporto di Malindi

KENYA – Sta per iniziare la seconda fase dei lavori d’espansione dell’aeroporto internazionale di Malindi, la nota località balneare sulla costa orientale, affacciata sull’Oceano indiano.

(131 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Rwanda Free

    Avviato progetto per mutui low cost

    RWANDA - La Rwanda Development Bank (Brd) fornirà mutui a più basso costo per i cittadini ruandesi che intendono acquistare la prima casa. L’operazione sarà resa possibile anche grazie a una collaborazione con la Rwanda Housing Authority (Rha). Il progetto si basa su un fondo di 150 milioni di dollari messo a disposiizone dalla Banca Mondiale, ha lo scopo di aumentare la disponibilità di case a basso prezzo e sarà noto come Rwanda Housing Financing Project. Secondo dichiarazioni dell’amministratore delegato di Brd, Eric Rutabana, il target principale del progetto è rappresentato dalle fasce più giovani della popolazione. [MS]
  • EgittoEtiopiaSudan Free

    Diga sul Nilo, verso accordo su avvio riempimento...

    EGITTO / ETIOPIA / SUDAN - Egitto e Sudan avrebbero accettato una proprietà dell’Etiopia che prevede l’avvio del riempimento della Grand Ethiopian Renaissance Dam (Gerd) a partire da giugno 2020. La notizia è stata data da un membro del gruppo negoziatore etiopico, Gedion Asfaw, al giornale etiopico Ezega. E in questi termini è stata rilanciata anche dai media egiziani. La notizia deve però ancora essere confermata. In effetti i tre Paesi hanno portato avanti nuove consultazioni in questi giorni. Negli ultimi incontri trilaterali, i gruppi negoziatori avevano discusso del riempimento del bacino creato dalla diga, dei flussi d’acqua da rilasciare e di future operazione inerenti le acque del Nilo. Il punto critico riguarda i tempi di riempimento del bacino: Addis Abeba vorrebbe restringere questi tempi all’interno di una forchetta fra i quattro e i sette anni; Il Cairo insiste per un periodo di 16 anni. [MS]
  • Somalia Free

    Uccisa a Mogadiscio attivista Almaas Elman, dell’Ong...

    SOMALIA - Un’attivista per i diritti umani somala-canadese, Almaas Elman, è stata mortalmente colpita da un proiettile poche ore fa, nei pressi della zona dell’aeroporto di Mogadiscio. Almaas Elman era la figlia del’attivista pacifista  Elman Ali Ahmed, ucciso nel 1996, e sua sorella, Ilwad, ha ricevuto numerosi premi prima di essere stata recentemente nominata da Ottawa nella short list per il Premio Nobel per la Pace. La famiglia è a capo di un’organizzazione non governativa che milita per la difesa dei diritti umani in Somalia, battezzata Elman Peace and Human rights center, con sede nella capitale somala. Colpita da una pallottola, forse durante una sparatoria che non le era destinata, Almaas Elman è deceduta in ospedale. Si trovava a Mogadiscio per attività legate all’organizzazione nell’ambito di un programma di lotta alla violenza. [CC]
  • Burundi Free

    Prorogate restrizioni commerciali statunitensi

    BURUNDI - Il governo degli Stati Uniti ha esteso la validità del decreto che limita le relazioni commerciali e lo stanziamento di fondi nei confronti del Burundi.

    A comunicarlo è stato il presidente Donald Trump in una lettera inviata al Congresso, precisando che si tratta di una misura per contrastare le autorità di un paese che rappresenta una “straordinaria minaccia alla sicurezza nazionale e alla politica estera” di Washington.

    “La situazione [in Burundi] - si legge nella lettera di Trump - è stata segnata dall’uccisione e da altre violenze contro civili, disordini, incitamento alla violenza e significativa repressione politica, e che minaccia la pace, la sicurezza e la stabilità della regione, continua a rappresentano una minaccia insolita e straordinaria per la sicurezza nazionale e la politica estera degli Stati Uniti”.

    Il provvedimento, adottato in origine da Barack Obama nel 2015 in seguito alla decisione del presidente Pierre Nkurunziza di rimanere in carica per un terzo mandato, limita i viaggi, gli affari e gli aiuti degli Stati Uniti verso il Paese. [MV]

  • Etiopia Free

    Accordo con la Cina per valorizzare filiera dell...

    ETIOPIA - Etiopia, Cina e Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (Unido) hanno concordato di rafforzare ulteriormente la collaborazione per migliorare il sistema agricolo in Etiopia, in particolare lo sviluppo della catena del valore del bestiame. Questo accordo supporterà l’Etiopia nella creazione di un sistema agricolo moderno e maggiormente produttivo e promuoverà il commercio, secondo quanto sostenuto dai promotori dell’accordo. Una dichiarazione comune è stata firmata dal ministero dell’Agricoltura dell’Etiopia, dall'Amministrazione generale delle dogane della Cina e da Unido, con l’obiettivo generale di contribuire agli Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030. La cooperazione si concentrerà sullo sviluppo di capacità per la sicurezza alimentare; promozione del commercio bilaterale tra Etiopia e Cina; e condivisione delle conoscenze sulle migliori pratiche, normative e standard tecnici pertinenti. [MS]
  • Rwanda Free

    I professionisti dell’industria audiovisiva e...

    RWANDA – La capitale ruandese si prepara ad ospitare la II edizione del Kigali Audio-Visual Forum, un appuntamento di dimensione regionale centrato sull’industria audiovisiva e cinematografica. Sono attesi circa 500 partecipanti, con l’obiettivo di valutare e tendenze del settore e le opportunità di business. L’evento, che si terrà dal 27 al 28 novembre, sarà anche una piattaforma d’incontri tra i professionisti di questo settore. Per la prima edizione nel 2018, si sono incontrati circa 300  partecipanti provenienti da 20 Paesi del mondo. Uno dei temi di discussione sarà come produrre ed esportare contenuti africani autentici e come aiutare i nuovi produttori africani a trovare soluzioni di co-finanziamento e di collaborazioni transnazionali su progetti. Il Kigali Audio Visual Forum è un evento organizzato dal Rwanda Film Office, con la collaborazione della Cooperazione tedesca, il Rwanda Convention Bureau, la Rwanda Broadcasting Agency, Canal Plus International, l’ambasciata francese, la delegazione dell’Unione Europea e la compagnia nazionale aerea Rwandair. [CC]