Senegal

“Opportunità Senegal”, una conferenza a Roma il 1 Ottobre

SENEGAL – Sarà dedicata ad evidenziare opportunità e difficoltà del fare affari in e col Senegal la conferenza “Opportunità Senegal” che si terrà a Roma il 1 Ottobre prossimo.

L’incontro, organizzato dal mensile economico Africa e Affari, in collaborazione con lo Studio Legale internazionale Curtis, Mallet-Prevost, Colt e Mosle e Brussels Airlines, si terrà dalle 9:30 alle 13:00 presso lo Studio Curtis, Tower Floor di Palazzo Generali in Piazza Venezia 11.

“Il Senegal – scrivono gli organizzatori – è uno dei Paesi africani spesso presi come esempio di stabilità nel continente. Una stabilità che ha immediati riflessi anche sulla crescita economica, che è stata costante e che nel medio termine dovrebbe risentire anche in maniera positiva della prossima messa a frutto dei primi giacimenti petroliferi”.

Finora lo sviluppo economico senegalese si è poggiato soprattutto sull’agricoltura e sui settori a essa collegati, sull’industria mineraria e sulle costruzioni.

In termini percentuali, la crescita del Pil si è assestata intorno al 7% sia nel 2017 che nel 2018 e le previsioni delle principali istituzioni finanziarie internazionali confermano questo trend anche per il 2019 e il 2020.

Questo momento di crescita generale del Paese, coinciso con la presidenza di Macky Sall (ora al suo secondo mandato), sta andando avanti dal 2015 e poggia su una serie di investimenti pubblici delineati all’interno del Piano Senegal Emergente.

Come parte del Piano, le autorità senegalesi hanno attuato alcune riforme migliorando il clima degli affari. Nel settore agricolo, le riforme si sono concentrate sulla semplificazione delle procedure fiscali e sulla sospensione o l’esenzione di alcune imposte.

Nel settore dell’energia, varie misure e investimenti hanno raddoppiato la capacità installata in sei anni, arrivata a 1.250 MW nel 2018. Il piano di mix energetico ha aumentato la produzione e abbassato il prezzo dell’elettricità del 10%. L’operatività delle zone economiche e dei progetti industriali ha fornito alle aziende strutture conformi agli standard internazionali.

All’interno della regione, è indubbio inoltre che il Senegal occupi un posto di rilievo. E sono stati fatti sforzi per migliorare il sistema dei collegamenti con i Paesi vicini.

Energia, agroalimentare, salute e turismo sono alcuni tra i principali ambiti di possibili collaborazioni tra il sistema industriale italiano e il Senegal – spiegano gli organizzatori della Conferenza – Accanto a questi, occorre poi citare il campo delle infrastrutture e delle costruzioni, oltre che le opportunità commerciali che possono far leva anche sulla presenza in Italia di una forte comunità senegalese con diverse esperienze di imprenditoria di ritorno e casi di proficua cooperazione tra cittadini dei due Paesi”.

Durante la mattinata di lavoro verranno presentati dal team di Africa e Affari tutti gli ultimi dati economici relativi al paese, mentre esperti professionisti forniranno preziose informazioni sul Quadro Legale, su quello Finanziario e su quello Commerciale del paese. Una testimonianza di business di successo italiano in Senegal e un rappresentante istituzionale senegalese completeranno il quadro dei relatori. 

Per iscriversi alla Conferenza comunicare la propria adesione a eventi@internationalia.org

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Mali Free

    Miniere e petrolio al centro di un evento...

    MALI – L’industria mineraria e petrolifera del Mali sarà al centro di una conferenza/fiera di dimensione internazionale a Bamako dall’11 al 14 novembre prossimo. Si tratta dell’VIII edizione della “JMP”, organizzata congiuntamente dal ministero delle Miniere e del Petrolio maliano, e dalla società AME Trade, organizzatore di eventi con sede ne Regno Unito. Durante l’evento saranno fornite tutte le informazioni utili a potenziali investitori nel settore estrattivo in Mali, identificate soluzioni di finanziamento, presentate nuove opportunità d’esplorazione, stabiliti legami tra il settore minerario e altri settori economici, valutate opportunità di trasformazione locale, analizzato l’aspetto relativo alla protezione dell’ambiente in ambito estrattivo. Il Mali è il terzo produttore d’oro africano: nel 2018, ha prodotto 60,8 tonnellate del prezioso minerale. Oltre alle 13 miniere in attività, è prevista l’entrata in produzione nei prossimi anni di altri tre siti minerari. Il governo di Bamako  - scrivono gli organizzatori - sta attualmente rivisitando il codice minerario per renderlo più favorevole agli investitori, e integrare considerazioni sociali e ambientaliste più sane. E’ inoltre in corso un processo di cartografia per la regione del Birrimien, il processo di creazione di un moderno centro di documentazione, e quello della costruzione della Scuola africana delle miniere. L’edizione 2019 della JMP Conferenza e Fiera Internazionale avrà come tema : “Creare un quadro giuridico solido del settore minerario per garantire lo sviluppo sostenibile e gli investimenti sicuri”. [CC]
  • Costa Avorio Free

    Promesse da investitori internazionali per il piano di...

    COSTA D’AVORIO – Ha ottenuto l’attenzione degli investitori internazionali e promesse per 5 miliardi di dollari il programma di sviluppo del turismo in Costa d’Avorio, intitolato “Sublime Côte d’Ivoire”, presentato in occasione di una tavola rotonda a Dubai il 20 e 21 ottobre. Dal flash info pubblicato sul portale Abidjan.net si apprende che “la Costa d’Avorio ha potuto mobilitare 2500 miliardi di franchi Cfa” durante la tavola rotonda di Dubai. L’ambizioso programma mira a fare del Paese dell’Africa Occidentale una piattaforma del turismo in Africa entro il 2025. Il programma consiste in una serie di progetti che necessitano investimenti. L’obiettivo prefissato è una soglia di 5 milioni di turisti  all’orizzonte 2025 e la creazione di 375.000 posti di lavoro. [CC]
  • Ghana Free

    Obiettivo “stop” alle importazioni di riso nel 2022

    GHANA – Il Ghana potrà fare a meno delle importazioni di riso nel 2022: lo ha affermato il ministro dell’Alimentazione e del’Agricoltura,  Kennedy Nyarko Osei, basandosi sulle proiezioni recenti . “Ci stiamo concentrando sulla produzione di riso e di soia: il riso per sostituire le importazioni, la soia invece per l’alimentazione del pollame” ha spiegato il ministro. Tra gennaio e settembre, la produzione di mais è stata sufficiente per evitare le importazioni di tale cereale, un risultato presentato come un successo e un esempio da seguire per il futuro. Da circa due anni in Ghana è in vigore il programma intitolato “Planting for food and jobs” per la promozione dello sviluppo economico attraverso l’agricoltura. “Cambiare la struttura della nostra economia attraverso la diversificazione e il valore aggiunto non si realizzerà in una notte. Rimane una delle principali preoccupazioni del nostro governo perché è la via che ci consentirà di ridurre la nostra dipendenza, far crescere la nostra economia, creare lavoro, far aumentare le esportazioni, ridurre le importazioni e sostenere il valore della nostra moneta” ha aggiunto il responsabile. [CC]
  • Guinea Free

    Nuovo rinvio per le elezioni legislative

    GUINEA - La Commissione elettorale nazionale indipendente (CENI) della Guinea ha di nuovo annunciato un rinvio delle elezioni legislative, previste per il 28 dicembre prossimo.

    A darne notizia sono i media locali, citando difficoltà addotte dalla CENI a fare in modo che i lavori per l’organizzazione dell’appuntamento elettorale siano accettati da tutti gli attori politici nazionali.

    In particolare, le difficoltà maggiori sono state segnalate sulla necessità di aggiornare i registri elettorali nazionali e sull’aggiornamento delle dotazioni di strumenti informartici per la raccolta dei dati.

    “Abbiamo effettuato una valutazione e questa valutazione ci ha portato a stabilire che il calendario che era stato proposto dalla CENI era difficile da attuare - ha detto il presidente della CENI, Salif Kébé - Riconsidereremo la data per proporre alle autorità guineane una nuova agenda sostenibile che sia in linea con le raccomandazioni del comitato di sorveglianza del dialogo politico inter-guineano”.

    Allo stato attuale non è stata resa nota nessuna nuova data per le elezioni legislative in Guinea. [MV]

  • Africa Occidentale Free

    AfDB entra in fondo private equity per azioni in Paesi...

    AFRICA OCCIDENTALE - La Banca africana di sviluppo (AfDB) ha sottoscritto un investimento azionario di 12,5 milioni di euro all’interni di Adiwale Fund 1, un fondo di private equity di prima generazione destinato a piccole e medie imprese (Pmi) ad alto potenziale di crescita nell’Africa occidentale francofona. Con un obiettivo di raccolta di 75 milioni di euro, il Fondo prenderà quote di minoranza in Pmi dinamiche in Paesi in cui le prospettive economiche e le reti del Fondo consentono un rapido aumento. La dimensione delle operazioni per il Fondo varierà da 3 a 8 milioni di euro. I Paesi target principali includeranno Costa d’Avorio, Senegal, Burkina Faso e Mali, mentre i beneficiari secondari includeranno Togo, Benin e Guinea. In queste economie target, alcune delle quali fanno capo a quadri di fragilità, il Fondo punterà a tre settori: beni e servizi di consumo, compresi istruzione e sanità; servizi alle imprese come trasporto, logistica, informatica, edilizia e produzione, compresi prodotti farmaceutici; agro-trasformazione e prodotti chimici. “E’ interessante che il Fondo si concentri sulle Pmi dell’Africa occidentale francofona, che rappresentano quasi il 19% del Pil dell’Africa occidentale, ma attirano solo il 7% del capitale di private equity” ha osservato Abdu Mukhtar, direttore di AfDB per lo sviluppo industriale e commerciale. [MS]
  • Niger Free

    Scuole incendiate da terroristi nella regione di...

    NIGER - Individui armati hanno distrutto incendiato due scuole di due villaggi del Sud-est del Niger. Non si registrano né vittime né violenze, ma il gesto è emblematico della destabilizzazione che si vuole alimentare.   Vicina ai confini con il Burkina Faso e con il Mali, l’area è ormai teatro di frequenti episodi terroristici.   Questa volta, sono i bambini e le famiglie dei villaggi di Kiki e di Bomoanga a fare le spese di questa violenza cieca. Non è chiaro chi siano gli autori dell’incursione, giunti sabato, a bordo di motociclette. Lo stato dì emergenza in vigore non ha impedito ai terroristi di commettere l’atto.   Un centinaio di scuole sono in realtà  chiuse da mesi a causa dell’insicurezza nella regione, che mette a repentaglio sul futuro delle nuove generazioni. [CC]