Senegal

“Opportunità Senegal”, una conferenza a Roma il 1 Ottobre

SENEGAL – Sarà dedicata ad evidenziare opportunità e difficoltà del fare affari in e col Senegal la conferenza “Opportunità Senegal” che si terrà a Roma il 1 Ottobre prossimo.

L’incontro, organizzato dal mensile economico Africa e Affari, in collaborazione con lo Studio Legale internazionale Curtis, Mallet-Prevost, Colt e Mosle e Brussels Airlines, si terrà dalle 9:30 alle 13:00 presso lo Studio Curtis, Tower Floor di Palazzo Generali in Piazza Venezia 11.

“Il Senegal – scrivono gli organizzatori – è uno dei Paesi africani spesso presi come esempio di stabilità nel continente. Una stabilità che ha immediati riflessi anche sulla crescita economica, che è stata costante e che nel medio termine dovrebbe risentire anche in maniera positiva della prossima messa a frutto dei primi giacimenti petroliferi”.

Finora lo sviluppo economico senegalese si è poggiato soprattutto sull’agricoltura e sui settori a essa collegati, sull’industria mineraria e sulle costruzioni.

In termini percentuali, la crescita del Pil si è assestata intorno al 7% sia nel 2017 che nel 2018 e le previsioni delle principali istituzioni finanziarie internazionali confermano questo trend anche per il 2019 e il 2020.

Questo momento di crescita generale del Paese, coinciso con la presidenza di Macky Sall (ora al suo secondo mandato), sta andando avanti dal 2015 e poggia su una serie di investimenti pubblici delineati all’interno del Piano Senegal Emergente.

Come parte del Piano, le autorità senegalesi hanno attuato alcune riforme migliorando il clima degli affari. Nel settore agricolo, le riforme si sono concentrate sulla semplificazione delle procedure fiscali e sulla sospensione o l’esenzione di alcune imposte.

Nel settore dell’energia, varie misure e investimenti hanno raddoppiato la capacità installata in sei anni, arrivata a 1.250 MW nel 2018. Il piano di mix energetico ha aumentato la produzione e abbassato il prezzo dell’elettricità del 10%. L’operatività delle zone economiche e dei progetti industriali ha fornito alle aziende strutture conformi agli standard internazionali.

All’interno della regione, è indubbio inoltre che il Senegal occupi un posto di rilievo. E sono stati fatti sforzi per migliorare il sistema dei collegamenti con i Paesi vicini.

Energia, agroalimentare, salute e turismo sono alcuni tra i principali ambiti di possibili collaborazioni tra il sistema industriale italiano e il Senegal – spiegano gli organizzatori della Conferenza – Accanto a questi, occorre poi citare il campo delle infrastrutture e delle costruzioni, oltre che le opportunità commerciali che possono far leva anche sulla presenza in Italia di una forte comunità senegalese con diverse esperienze di imprenditoria di ritorno e casi di proficua cooperazione tra cittadini dei due Paesi”.

Durante la mattinata di lavoro verranno presentati dal team di Africa e Affari tutti gli ultimi dati economici relativi al paese, mentre esperti professionisti forniranno preziose informazioni sul Quadro Legale, su quello Finanziario e su quello Commerciale del paese. Una testimonianza di business di successo italiano in Senegal e un rappresentante istituzionale senegalese completeranno il quadro dei relatori. 

Per iscriversi alla Conferenza comunicare la propria adesione a eventi@internationalia.org

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Niger Free

    Approvata nuova legge sulle intercettazioni,...

    NIGER - Il parlamento di Niamey ha approvato venerdì un disegno di legge che autorizza l'intercettazione di alcune comunicazioni elettroniche nel paese, includendo le email.

    Lo riferiscono fonti locali e internazionali, precisando che la misura - altamente contestata dall'opposizione, dalla società civile e dalle organizzazioni internazionali per i diritti umani -  è stata approvata da una sessione caratterizzata  dall’assenza di legislatori dell’opposizione.

    La nuova legge, secondo il ministro della giustizia nigerino Marou Amadou, "mira solo a rintracciare i nigeriani o gli stranieri che intendono minacciare la sicurezza dello stato e l'unità nazionale, la difesa nazionale e l'integrità territoriale, prevenendo e combattendo il terrorismo e la criminalità organizzata transnazionale ".

    Punisce anche "tutti coloro che minano la prevenzione di qualsiasi forma di interferenza straniera, quelli che sono in collegamento con il nemico, così come quelli che si opporranno alla salvaguardia degli interessi economici e scientifici del Niger", ha chiarito.

    In una conferenza stampa organizzata venerdì, l'opposizione parlamentare nigerina ha qualificato questa legge come "liberticida", aggiungendo che "l'intercettazione della corrispondenza dei cittadini, anche autorizzata dalla legge, deve essere un'eccezione, e soprattutto motivata da pesanti presunzioni su un individuo. Questa proposta di legge, intesa come sistematica, intende renderla la regola ".

  • Liberia Free

    Al via studio su costi effettivi energia

    LIBERIA - La Commissione regolatoria dell’elettricità in Liberia (LERC) ha cominciato uno studio per verificare i costi effettivi dell’energia in modo da determinare tariffe appropriate al settore.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che lo studio sarà realizzato grazie al sostegno finanziario dell’agenzia governativa Millennium Challenge Account-Liberia (MCA-L), che si occupa di gestire i fondi concessi dall’ente statunitense per lo sviluppo internazionale Millennium Challenge Corporation (MCC).

    Secondo quel che viene reso noto, lo studio sarà portato avanti dalla società di consulenza e ingegneria statunitense Tetra Tech, che dovrà fornire i suoi risultati finali entro la fine del mese di novembre.

    Tra gli obiettivi dello studio, la necessità di analizzare la struttura e le prestazioni del settore energetico in Liberia, la disponibilità della popolazione a pagare determinate fasce di tariffe elettriche, l’approfondimento sui costi economici delle forniture elettriche e un modello di tariffario che rifletta i costi effettivi. [MV]

  • MauritaniaSenegal Free

    Ritardato il progetto gasiero di Grand Tortue Ahmeyim,...

    SENEGAL / MAURITANIA - E’ costretto a fermarsi per circa un anno il mega progetto d’estrazione del gas naturale del giacimento di Grand Tortue Ahmeyim (GTA), a largo dalle coste del Senegal e della Mauritania. La modifica al calendario è una conseguenza diretta della crisi legata alla pandemia di covid-19, un “caso di forza maggiore” secondo i dirigenti della major britannica BP, operatore principale in questo progetto da 10 miliardi di dollari. Il rinvio riguarda i tempi necessari per preparare l’installazione dell’unità galleggiante che servirà come base estrattiva, inizialmente prevista per il 2022. Il fornitore della “FLNG Gimi”, una filiale della Golar (registrata alle Bermuda), ha ricevuto da parte della BP che le condizioni non saranno riunite per poter accogliere la postazione nei tempi previsti, come da contratto del valore di 1,3 miliardi di dollari. Il giacimento GTA è oggetto di un accordo di cooperazione intergovernativo tra il Senegal e la Mauritania. E’ una delle maggiori riserve dell’Africa Occidentale, il cui sfruttamento commerciale dovrebbe essere avviato nel 2022. Ubicato a cavallo tra le acque del Senegal e della Mauritania, il campo gasiero GTA giace a 5200 metri di profondità e racchiude, secondo le stime, 450 miliardi di metri cubi di gas. Lo sfruttamento potrebbe far diventare i due Paesi produttori ed esportatori di classe mondiale. [CC]
  • Mauritania Free

    Nominato il direttore della nuova società pubblica per...

    MAURITANIA – E’ stato nominato ieri dal Consiglio dei ministri il primo presidente e direttore generale della nuova società nazionale mineraria, la MAADEN Mauritanie, creata nel marzo scorso. Il governo ha scelto l’attuale direttore dell’Alta autorità della stampa e del settore audiovisivo, Hamoud Ould M’Hamed, giunto al termine del sui secondo mandato quinquennale. Sotto la sua direzione, il comparto audiovisivo è stato liberalizzato e ha visto entrare nuovi operatori privati sul mercato. La MAADEN è stata creata con decreto il 5 marzo con l’obiettivo di attuare le riforme pensate dal governo e di promuovere le attività sostenibili nelle miniere artigianali e semi-industriali, attraverso una regolamentazione, una sorveglianza rafforzata e un monitoraggio rigoroso delle attività. [CC]
  • Costa AvorioSenegal Free

    Intesa con la Cooperazione francese per facilitare...

    COSTA D’AVORIO / SENEGAL - L’istituto finanziario francese specializzato nella cooperazione allo sviluppo Proparco ha firmato un’intesa con il fondo pan-africano Cofina per facilitare l’accesso al credito delle piccole e medie imprese.

    A darne notizia sono i media ivoriani, precisando che l’intesa prevede un prestito del valore di 10 milioni di euro per accompagnare le attività di micro-finanza di Cofina in Costa d’Avorio e Senegal.

    In base a quel che viene riportato, i fondi saranno utilizzati per mobilitare risorse a favore di piccoli e medi imprenditori locali in un contesto caratterizzato dalle difficoltà economiche causate dalla pandemia di covid-19.

    Annunciando l’intesa la direttrice generale di Proparco, Fatoumata Sissoko-Sy, ha sottolineato come questa rientri nell’ambito dell’iniziativa +Choose Africa+ lanciata lo scorso anno dall’Agenzia francese di sviluppo (AFD), che ha come obiettivo la mobilitazione di 2,5 miliardi di euro per finanziare e accompagnare la crescita di 10.000 piccole e medie imprese africane sul mercato continentale.[MV]

  • Ghana Free

    Nuovi fondi per startup del settore sanitario

    GHANA - La società farmaceutica ghanese mPharma ha raccolto 17 milioni di dollari in un’operazione d’investimento guidata dall’istituto britannica per lo sviluppo CDC Group.

    Secondo quel che viene riportato dai media che ne danno notizia, i fondi consentiranno alla startup fondata nel 2013 dall'imprenditore ghanese Gregory Rockson di sviluppare una rete di distribuzione dei farmaci nei principali mercati di Kenya, Ghana, Nigeria, Zambia e Zimbabwe.

    La nuova raccolta porta a poco più di 40 milioni di dollari l'ammontare totale dei finanziamenti mobilitati da mPharma dal suo lancio nel 2015. Nel 2019, mPharma è entrata nel mercato farmaceutico dell'Africa orientale acquisendo Haltons, una grande catena di farmacie presente in Kenya.

    La società è specializzata nel facilitare l'accesso ai medicinali per pazienti, farmacie e ospedali attraverso soluzioni innovative che, attraverso l’uso di dati aggregati e predittivi nonché la contrattazione collettiva, consentono di ridurre notevolmente i prezzi d’acquisto. [MV]