Senegal

Il Senegal batte la Tunisia al campionato del mondo di cous cous

SENEGAL – E’ il Senegal il paese vincitore del Campionato del mondo del cous cous, l’unica competizione internazionale che mette insieme, in maniera pacifica, paesi di 4 continenti: quello africano, europeo, americano e asiatico, compresi anche Palestina e Israele.

Il Campionato del mondo è il momento centrale del Cous Cous Fest, il festival internazionale dell’integrazione culturale, organizzato dall’agenzia di comunicazione Feedback di Palermo in partnership con il Comune di San Vito Lo Capo, la cui 22\esima edizione si chiude stasera a San Vito Lo Capo.

La ricetta di Mareme Cisse, senegalese di Dakar, che lavora al ristorante Ginger People&Food della cooperativa sociale Al Karub (Agrigento), in gara con il suo figlio maggiore, Falilou Diouf, da cui prende il nome la sua ricetta, couscous di Falilou, è stata la più apprezzata dalla giuria tecnica, tra quelle di Israele, Italia, Marocco, Palestina, Stati Uniti, Tunisia e il team dell’Unhcr, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati. La ricetta di Mareme Cisse, un cous cous con tartare dell’orto, mango e polpo iohos, marinato e lessato secondo tradizione, servito su crema di carote e zenzero con erbette e spezie di Salamba, ha convinto la giuria tecnica presieduta da Enzo e Paolo Vizzari, esperti di cucina, e composta da undici tra giornalisti, chef e blogger.

Mareme Cisse è molto impegnata, con la cooperativa Al Karub, in favore dell’inserimento lavorativo di donne e ragazzi stranieri rifugiati o in condizione di fragilità sociale. La cucina che propone rivisita la tradizione dell’Africa occidentale e quella siciliana, in un mix di culture e sapori molto accattivanti, secondo un antico proverbio siciliano che dice che “‘a tavula è trazzera”, la tavola è una strada che unisce. “Questo è lo spirito che anima il  mio lavoro – dice Mareme – consapevole della necessità di costruire una società multiculturale, colorata e aperta verso il futuro”.

La chef è stata proclamata Campione del mondo di cous cous in una piazza Santuario gremita di pubblico, dove ha ricevuto il premio offerto da Unicredit, consegnato dal sindaco di San Vito Lo Capo, Giuseppe Peraino e da Roberto Cassata, responsabile relazioni con il territorio Sicilia di UniCredit. “Anche quest’anno San Vito Lo Capo è tornata ad essere la capitale mondiale dell’integrazione e della contaminazione tra le culture – ha detto il sindaco Peraino – e il cous cous il pretesto per parlare di pace e solidarietà tra popoli all’insegna del motto “make cous cous not walls”.

Al Senegal è andato anche il premio per la migliore presentazione del piatto, offerto da Conad e consegnato da Giovanni Anania, responsabile marketing Conad Sicilia. “I colori del cous cous, del polpo e del battuto di verdure, distinti e giustapposti senza confondersi – recita la motivazione della giuria tecnica – rendono elegante e insieme attraente al palato la piccola ‘natura morta’ rappresentata nel piatto che la cuoca Mareme Cisse ha dedicato a suo figlio Falilou”.

La giuria popolare, composta dai visitatori della manifestazione, ha premiato invece l’Italia, rappresentata daGiuseppe Peraino, sanvitese, in squadra con il marsalese Francesco Bonomo e Massimiliano Poli, chef ad Eataly Paris Marais. La loro ricetta, dal titolo Viniri (venire), a base delle tre consistenze di scorfano, è stata premiata con il riconoscimento offerto da Bia CousCous e consegnato da Luciano Pollini, amministratore delegato di Bia. [CC]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Mali Free

    Miniere e petrolio al centro di un evento...

    MALI – L’industria mineraria e petrolifera del Mali sarà al centro di una conferenza/fiera di dimensione internazionale a Bamako dall’11 al 14 novembre prossimo. Si tratta dell’VIII edizione della “JMP”, organizzata congiuntamente dal ministero delle Miniere e del Petrolio maliano, e dalla società AME Trade, organizzatore di eventi con sede ne Regno Unito. Durante l’evento saranno fornite tutte le informazioni utili a potenziali investitori nel settore estrattivo in Mali, identificate soluzioni di finanziamento, presentate nuove opportunità d’esplorazione, stabiliti legami tra il settore minerario e altri settori economici, valutate opportunità di trasformazione locale, analizzato l’aspetto relativo alla protezione dell’ambiente in ambito estrattivo. Il Mali è il terzo produttore d’oro africano: nel 2018, ha prodotto 60,8 tonnellate del prezioso minerale. Oltre alle 13 miniere in attività, è prevista l’entrata in produzione nei prossimi anni di altri tre siti minerari. Il governo di Bamako  - scrivono gli organizzatori - sta attualmente rivisitando il codice minerario per renderlo più favorevole agli investitori, e integrare considerazioni sociali e ambientaliste più sane. E’ inoltre in corso un processo di cartografia per la regione del Birrimien, il processo di creazione di un moderno centro di documentazione, e quello della costruzione della Scuola africana delle miniere. L’edizione 2019 della JMP Conferenza e Fiera Internazionale avrà come tema : “Creare un quadro giuridico solido del settore minerario per garantire lo sviluppo sostenibile e gli investimenti sicuri”. [CC]
  • Costa Avorio Free

    Promesse da investitori internazionali per il piano di...

    COSTA D’AVORIO – Ha ottenuto l’attenzione degli investitori internazionali e promesse per 5 miliardi di dollari il programma di sviluppo del turismo in Costa d’Avorio, intitolato “Sublime Côte d’Ivoire”, presentato in occasione di una tavola rotonda a Dubai il 20 e 21 ottobre. Dal flash info pubblicato sul portale Abidjan.net si apprende che “la Costa d’Avorio ha potuto mobilitare 2500 miliardi di franchi Cfa” durante la tavola rotonda di Dubai. L’ambizioso programma mira a fare del Paese dell’Africa Occidentale una piattaforma del turismo in Africa entro il 2025. Il programma consiste in una serie di progetti che necessitano investimenti. L’obiettivo prefissato è una soglia di 5 milioni di turisti  all’orizzonte 2025 e la creazione di 375.000 posti di lavoro. [CC]
  • Ghana Free

    Obiettivo “stop” alle importazioni di riso nel 2022

    GHANA – Il Ghana potrà fare a meno delle importazioni di riso nel 2022: lo ha affermato il ministro dell’Alimentazione e del’Agricoltura,  Kennedy Nyarko Osei, basandosi sulle proiezioni recenti . “Ci stiamo concentrando sulla produzione di riso e di soia: il riso per sostituire le importazioni, la soia invece per l’alimentazione del pollame” ha spiegato il ministro. Tra gennaio e settembre, la produzione di mais è stata sufficiente per evitare le importazioni di tale cereale, un risultato presentato come un successo e un esempio da seguire per il futuro. Da circa due anni in Ghana è in vigore il programma intitolato “Planting for food and jobs” per la promozione dello sviluppo economico attraverso l’agricoltura. “Cambiare la struttura della nostra economia attraverso la diversificazione e il valore aggiunto non si realizzerà in una notte. Rimane una delle principali preoccupazioni del nostro governo perché è la via che ci consentirà di ridurre la nostra dipendenza, far crescere la nostra economia, creare lavoro, far aumentare le esportazioni, ridurre le importazioni e sostenere il valore della nostra moneta” ha aggiunto il responsabile. [CC]
  • Guinea Free

    Nuovo rinvio per le elezioni legislative

    GUINEA - La Commissione elettorale nazionale indipendente (CENI) della Guinea ha di nuovo annunciato un rinvio delle elezioni legislative, previste per il 28 dicembre prossimo.

    A darne notizia sono i media locali, citando difficoltà addotte dalla CENI a fare in modo che i lavori per l’organizzazione dell’appuntamento elettorale siano accettati da tutti gli attori politici nazionali.

    In particolare, le difficoltà maggiori sono state segnalate sulla necessità di aggiornare i registri elettorali nazionali e sull’aggiornamento delle dotazioni di strumenti informartici per la raccolta dei dati.

    “Abbiamo effettuato una valutazione e questa valutazione ci ha portato a stabilire che il calendario che era stato proposto dalla CENI era difficile da attuare - ha detto il presidente della CENI, Salif Kébé - Riconsidereremo la data per proporre alle autorità guineane una nuova agenda sostenibile che sia in linea con le raccomandazioni del comitato di sorveglianza del dialogo politico inter-guineano”.

    Allo stato attuale non è stata resa nota nessuna nuova data per le elezioni legislative in Guinea. [MV]

  • Africa Occidentale Free

    AfDB entra in fondo private equity per azioni in Paesi...

    AFRICA OCCIDENTALE - La Banca africana di sviluppo (AfDB) ha sottoscritto un investimento azionario di 12,5 milioni di euro all’interni di Adiwale Fund 1, un fondo di private equity di prima generazione destinato a piccole e medie imprese (Pmi) ad alto potenziale di crescita nell’Africa occidentale francofona. Con un obiettivo di raccolta di 75 milioni di euro, il Fondo prenderà quote di minoranza in Pmi dinamiche in Paesi in cui le prospettive economiche e le reti del Fondo consentono un rapido aumento. La dimensione delle operazioni per il Fondo varierà da 3 a 8 milioni di euro. I Paesi target principali includeranno Costa d’Avorio, Senegal, Burkina Faso e Mali, mentre i beneficiari secondari includeranno Togo, Benin e Guinea. In queste economie target, alcune delle quali fanno capo a quadri di fragilità, il Fondo punterà a tre settori: beni e servizi di consumo, compresi istruzione e sanità; servizi alle imprese come trasporto, logistica, informatica, edilizia e produzione, compresi prodotti farmaceutici; agro-trasformazione e prodotti chimici. “E’ interessante che il Fondo si concentri sulle Pmi dell’Africa occidentale francofona, che rappresentano quasi il 19% del Pil dell’Africa occidentale, ma attirano solo il 7% del capitale di private equity” ha osservato Abdu Mukhtar, direttore di AfDB per lo sviluppo industriale e commerciale. [MS]
  • Niger Free

    Scuole incendiate da terroristi nella regione di...

    NIGER - Individui armati hanno distrutto incendiato due scuole di due villaggi del Sud-est del Niger. Non si registrano né vittime né violenze, ma il gesto è emblematico della destabilizzazione che si vuole alimentare.   Vicina ai confini con il Burkina Faso e con il Mali, l’area è ormai teatro di frequenti episodi terroristici.   Questa volta, sono i bambini e le famiglie dei villaggi di Kiki e di Bomoanga a fare le spese di questa violenza cieca. Non è chiaro chi siano gli autori dell’incursione, giunti sabato, a bordo di motociclette. Lo stato dì emergenza in vigore non ha impedito ai terroristi di commettere l’atto.   Un centinaio di scuole sono in realtà  chiuse da mesi a causa dell’insicurezza nella regione, che mette a repentaglio sul futuro delle nuove generazioni. [CC]