R.D. Congo

Accordo per grande centrale solare a Kisangani

RD CONGO – Una centrale solare fotovoltaica sarà realizzata nei pressi di Kisangani, nel Nordest della Repubblica Democratica del Congo, dall’azienda Cat Projects Africa

(132 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • CamerunKenya Free

    Lapsset diventa un progetto continentale, il corridoio...

    KENYA - Il programma del corridoio infrastrutturale dedicato ai trasporti tra il porto di Lamu, in Kenya, il  Sud Sudan e l’Etiopia (Lapsset) è stato adottato come progetto dell’Unione Africana. Questo fatto implica una riprogettazione dello stesso corridoio per collegare il porto di Lamu sulla costa orientale dell’Africa al porto camerunese di Douala nell’Oceano Atlantico. L’adozione del progetto da parte dell’Unione Africana eleva lo status dello stesso allo scopo di attrarre maggiori investimenti diretti esteri e da parte di altri finanziatori. Significa anche che l’implementazione sarà ora una questione regionale sotto l’egida dell’Unione Africana, con quest’ultima che considera il progetto d'importanza strategica per la realizzazione della zona di libero scambio continentale africana (AfCFTA). L’Alto rappresentante dell’Unione Africana per lo sviluppo delle infrastrutture, Raila Odinga, ha reso noto gli ultimi sviluppi durante una cerimonia tenutasi la scorsa settimana a Mombasa, in Kenya. Alla cerimonia hanno partecipato i ministri del Kenya, dell’Etiopia e del Sud Sudan, che hanno firmato un memorandum di intesa per lo sviluppo e il finanziamento del progetto. [MS]
  • Africa Centrale Free

    Infrastrutture dei trasporti in Africa centrale sotto i...

    A CENTRALE – Lo sviluppo delle infrastrutture di trasporto in Africa centrale sarà al centro di una tavola rotonda il 19 marzo prossimo a Brazzaville, capitale della Repubblica del Congo. L’evento è promosso dalla Comunità economica degli Stati dell’Africa centrale (CEEAC) e dai governi del Ciad, della Repubblica Centrafricana, della Repubblica del Congo e della Repubblica Democratica del Congo. La regione centrale è in Africa quella meno sviluppata dal punto di vista delle infrastrutture di trasporto. Guardando alla sola rete stradale, rappresenta l’8% della rete continentale, e solo il 2,2% delle strade asfaltate. L’obiettivo della tavola rotonda è quello di raccogliere 2,5 miliardi di euro per finanziare una serie di progetti già individuati, come la costruzione e la riabilitazione della strada Ouesso-Bangui-N'Djamena, lavori di riabilitazione fluviale, di adeguamento dei porti esistenti e di creazione di nuovi porti. Uno dei progetti principali è quello del ponte strada-ferrovia tra Kinshasa e Brazzaville. [CC]
  • R.D. Congo Free

    Inaugurata una nuova miniera di cobalto e rame a Deziwa

    RD CONGO – E’ stata inaugurata in questi giorni nel Congo meridionale la miniera di rame e di cobalto di Deziwa, la cui costruzione era iniziata nel maggio del 2018. Il sito estrattivo e l’impianto di trasformazione, situati nella provincia di Luabala, sono gestiti da un consorzio, la Somidez, composto al 51% dal gruppo cinese China Nonferrous Metal Mining Company (Cnmc) e al 49% dalla compagnia mineraria statale Gecamines. La durata della concessione per il partner cinese è di nove anni, più due di proroga; passato questo termine, la gestione dovrebbe passare interamente alla Gecamines. Il potenziale annuale di produzione è di 80.000 tonnellate di rame e di 8.000 tonnellate di cobalto. La Repubblica Democratica del Congo è il primo produttore mondale di cobalto, di cui il 50% delle riserve mondiali si trovano nel sottosuolo nazionale. La domanda di cobalto è in continuo aumento ma il suo prezzo sul mercato internazionale è crollato nel 2019, dopo un biennio di forte crescita. . Nei mesi scorsi, la società minerarie svizzera Glencore ha interrotto le attività nella più grande miniera al mondo, quella di Mutanda. [CC]
  • Guinea Equatoriale Free

    Turkish Airlines apre la destinazione Malabo

    GUINEA EQUATORIALE - Già presente su 56 destinazioni africane, la compagnia aerea turca Turkish Airlines continua ad espandersi sul continente con l’apertura di una rotta verso Malabo, capitale della Guinea Equatoriale. Le operazioni di volo dovrebbero iniziare il 7 febbraio con un collegamento tre volte alla settimana tra Istanbul e Malabo, con scalo a Port-Harcourt, in Nigeria. L’entrata dei voli della Turkish Airlines è il linea con la strategia di investimenti fortemente voluta dal governo della Guinea Equatoriale per quest’anno 2020. Per la compagnia turca, la copertura delle destinazioni africane fa parte delle priorità aziendali di espansione. Sull’Africa, la Turkish Airlines è seconda solo alla Ethiopian Airlines. [CC]
  • Africa Centrale Free

    A marzo tavola rotonda su strade e trasporti

    AFR CENTRALE - Il segretariato generale della Comunità economica degli Stati dell’Africa centrale (ECCAS) sta organizzando il prossimo 19 marzo a Brazzaville in Repubblica del Congo una tavola rotonda sul settore dei trasporti nella regione.

    Obiettivo dell’iniziativa è definire un piano di finanziamento per una dozzina di progetti che dovrebbero essere realizzati tra il 2020 e il 2029.

    “Per stabilire le basi per lo sviluppo sostenibile e il successo dell'integrazione regionale, l'Africa centrale deve superare molte sfide, compresa la costruzione di una rete di trasporto multi-modale per favorire la circolazione di persone e merci", ha detto il segretario generale dell'ECCAS, Ahmad Allam-Mi.

    Organizzata con il sostegno della Banca africana di sviluppo (AfDB) sotto l'alto patrocinio del presidente congolese Denis Sassou-Nguesso, la tavola rotonda si propone di raccogliere tre miliardi di dollari per una prima fase di investimenti prioritari, che serviranno per proseguire gli sforzi compiuti dai Paesi membri dell’organizzazione per sviluppare strade e trasporti.

    Tra i progetti che saranno oggetto della discussione figurano la costruzione del ponte stradale e ferroviario tra Kinshasa in Repubblica democratica del Congo e Brazzaville in Repubblica del Congo, la riabilitazione  della strada Ouesso-Bangui-N’Djamena, la costruzione del tratto stradale mancante nel corridoio transafricano Pointe Noire-Brazzaville-Ouesso-Bangui-Ndjamena, nonché una serie di lavori di sviluppo fluviale, la riqualificazione di porti esistenti e la costruzione di nuovi porti e lo sviluppo di una serie di ormeggi sul fiume Oubangui e sui suoi affluenti. [MV]

  • Camerun Free

    Prestito dal Kuwait per progetto stradale

    CAMERUN - HA un valore pari a circa 15 milioni di euro il prestito concesso dal Fondo del Kuwait per lo sviluppo economico arabo (KFAED) al governo del Camerun.

    A darne notizia sono i media del Kuwait, precisando che i fondi saranno destinati a finanziare un progetto di riabilitazione della rete stradale nelle province centrali e meridionali del Paese centrafricano.

    I fondi, concessi sotto forma di prestito con grazie di cinque anni e durata di 22 anni, saranno utilizzati in particolare per finanziare i costi degli studi di fattibilità del progetto.

    Secondo quel che viene riportato, si tratta dell’ottavo prestito concesso dalla KFAED al Camerun. Complessivamente il Fondo kuwaitiano ha già concesso prestiti al Camerun per un valore complessivo pari a poco meno di 100 milioni di euro. [MV]