Sierra Leone

Vicepresidente indiano in Sierra Leone, sostegno alla filiera risicola

SIERRA LEONE – Il governo indiano ha concesso una linea di credito del valore di 30 milioni di dollari a favore della filiera risicola in Sierra Leone. L’accordo è stato sancito nel corso della visita del vicepresidente indiano Venkaiah Naidu nel Paese africano, svoltasi nei giorni scorsi.

(216 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Liberia Free

    Settore minerario e Oil&Gas protagonisti del Salone...

    LIBERIA – Settore minerario e Oil&Gas saranno al centro di una convention internazionale di tre giorni dal 28 al 30 novembre a Monrovia, dove sono attesi responsabili governativi, operatori, investitori ed esperti della filiera estrattiva.   L’evento è voluto dal governo e in particolare dal ministero delle Miniere e dell’energia, ed è organizzato in partnership con la Semica, agenzia di consulenza per la promozione del settore estrattivo in Africa, ed organizzatrice dell’omonimo Salone internazionale Semica.   “Exploring Opportunities and Investing in Africa’s Mining, Energy and Petroleum Industries” è il tema, vasto e generico dato all’evento, voluto anche per attirare l’attenzione sul potenziale liberiano.     Nel corso della conferenza stampa di presentazione, il ministro dell’Energia e delle Miniere ha ricordato che la Liberia è dotata di una varietà impressionante di risorse e che alcune di esse, come il ferro, l’oro, e i diamante, sono una fonte principale di reddito. Riferendosi ad un rapporto della Banca Mondiale, il ministro ha detto che il settore minerario è aumentato di recente del 7%, mentre gli altri settori non hanno avuto un andamento così positivo.   Altre risorse e potenziali necessitano ancora di essere esaminate e valutate: bauxite, manganese, kyanite, barite e fosfati, ma anche, per la produzione di energia, il potenziale solare ed idrico. [CC]  
  • Niger Free

    Tornato dall’esilio l’oppositore Hama Amadou

    NIGER – E’ rientrato ieri a Niamey dopo tre anni d’esilio l’oppositore politico Hama Amadou, uno dei principali rivali del presidente Mahamadou Issoufou e potenziale sfidante alle presidenziali del 2020. Condannato in un processo che lo ha visto accusato di sottrazione di minore attraverso una pratica che sarebbe stata quella di attribuire la maternità di un neonato non alla madre biologica ma a una seconda persona (traffico di fanciulli), Amadou non è stato arrestato al suo arrivo ieri, ma sembra che sia disposto a consegnarsi alla giustizia per scontare il resto della pena inflitta. Il primo gesto di Amadou è stato quello di recarsi sulla tomba di sua madre, deceduta lo scorso ottobre scorso. Ex primo ministro, Amadou si era candidato contro Issoufou nel 2016 ma la sua campagna era stata segnata dalla sua incarcerazione. Dopo il primo turno, era stato evacuato in Francia per motivi medici e non era più tornato. Il Movimento democratico nigerino (Moden Lumana) lo ha già scelto per essere candidato alle elezioni presidenziali dell’anno prossimo, ma la sua condanna per traffico internazionale di neonati rischia di tenerlo lontano dalla corsa elettorale. [CC]
  • Costa Avorio Free

    Accordo per finanziare impianti fotovoltaici a Touba e...

    COSTA D’AVORIO - Un accordo firmato tra International Finance Corporation (Ifc), organismo che fa capo alla Banca Mondiale incaricato di finanziare il settore privato, e governo ivoriano consentirà di finanziare due progetti fotovoltaici.  I due impianti, secondo fonti del governo ivoriano, saranno realizzati a Touba (nord-ovest) e Laboa (nord-est); all’accordo di finanziamento si è arrivati in seguito a incontri tra il primo ministro ivoriano Amadou Gon Coulibaly e i vertici della Ifc.  “L’accordo prevede l’assistenza dell’Ifc allo studio di fattibilità, al finanziamento e all’assistenza consultiva. I due impianti avranno una capacità di 30 MWp ciascuno. Le discussioni con l’Ifc si sono anche concentrate sullo sviluppo di una strategia di intervento mirato per un settore privato più competitivo nei prossimi anni” ha detto il primo ministro ivoriano. [MS]
  • Ghana Free

    Governo al lavoro per creare una Banca nazionale di...

    GHANA - Il governo ghanese ha deciso di creare una National Development Bank (Ndb) allo scopo di fornire prestiti a lungo termine ad attori del settore privato e in particolare a piccole medie imprese. L’obiettivo della banca - che dovrebbe vedere la luce il prossimo anno - è quello di sostenere in questo modo l’espansione del comparto privato.  La notizia è stata riferita dal ministro delle Finanze, Ken Ofori-Atta, presentando in parlamento la legge di bilancio 2020. Lo stesso ministro ha rivelato che il governo di Accra si è garantito un credito di 250 milioni di dollari messo a disposizione dalla Banca mondiale per favorire l’avvio delle operazioni della Ndb; altri capitali, ha sostenuto il ministro, dovrebbero arrivare da altre istituzioni internazionali, tra cui la Banca africana di sviluppo (AfDB).   Ofori-Atta ha dichiarato che lo studio di fattibilità per l’istituzione della Ndb che specifica il modello di business, il quadro giuridico e normativo, la proprietà, la governance e la sostenibilità della Banca è stato completato. [MS]
  • São Tomé e Príncipe Free

    Fondi Bei per recupero strada costiera

    SÃO TOMÉ E PRÍNCIPE - La Banca Europea degli Investimenti (Bei) ha approvato un significativo finanziamento a favore di opere stradali da realizzarsi a São Tomé e Príncipe. In particolare, secondo fonti di stampa locale, sono stati stanziati 12,5 milioni di euro a favore di un progetto (il progetto di Água-Grande) che prevede la riabilitazione e protezione di una strada costiera della capitale.  La firma dell’accordo di finanziamento dovrebbe essere apposta entro la fine del 2019, secondo le stesse fonti che citano un documento inviato dalla Bei al governo dell’arcipelago.  Il progetto prevede investimenti per un totale di 21 milioni di euro: fondi aggiuntivi a quelli della Bei dovrebbero essere messi a disposizione dal governo dei Paesi Bassi e dalla Banca Mondiale.  Il progetto di Água-Grande prevede la completa ripresa dell’asse stradale costiero dall’aeroporto fino alla zona di Pantufo con la realizzazione di corsie pedonali e piste ciclabili. [MS]
  • Togo Free

    Cementificio per mercato locale con Dangote

    TOGO - Un progetto da 60 milioni di dollari per la realizzazione di un cementificio in Togo è stato messo in cantiere dal milionario nigeriano Aliko Dangote. Secondo fonti di stampa locale, l’impianto sarà realizzato a Lomé, la capitale del Togo, e avrà una capacità produttiva annuale di 1,5 milioni di tonnellate.  La produzione servirà a soddisfare la domanda locale, una parte sarà esportata. Tramite un comunicato stampa Dangote Group ha riferito che i lavori di costruzione cominceranno nel primo trimestre del 2020 e che l’inaugurazione è prevista entro la fine dell’anno prossimo.  L’impianto metterà in diretta concorrenza Dangote con la società tedesca HeidelbergCement che attualmente domina il mercato togolese. [MS]