Mozambico

Elezioni, Renamo chiede di annullare il voto

MOZAMBICO – La Resistenza Nazionale Mozambicana (Renamo), il principale partito di opposizione del Mozambico, ha chiesto l’annullamento delle elezioni della scorsa settimana, accusando il governo di aver violato un accordo di pace siglato lo scorso agosto usando violenza e intimidazioni.

(516 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    Sasol entra nell’Hydrogen Council e conferma la...

    SUDAFRICA - Il gruppo petrolifero sudafricano Sasol è ufficialmente entrato nell'Hydrogen Council, con l'obiettivo di contribuire a garantire il futuro dell'idrogeno in Sudafrica

    L'Hydrogen Council è un'iniziativa globale guidata da CEO composta da oltre 120 aziende di tutta la catena del valore dell'idrogeno, con una visione unita e un'ambizione a lungo termine affinché l'idrogeno promuova la transizione verso l'energia pulita per un futuro migliore e più resiliente.

    Il presidente e CEO di Sasol Fleetwood Grobler afferma che il Sudafrica è nella posizione ideale per partecipare allo sviluppo dell’economia dell'idrogeno verde in quanto dispone di vaste risorse di energia rinnovabile e alcune delle più grandi riserve di metalli del gruppo del platino al mondo.

    "Sasol svolge un ruolo di primo piano nell'economia sudafricana e, per consentire lo sviluppo di un'economia dell'idrogeno in Sud Africa, l'azienda si impegna regolarmente con il National Energy Regulator of South Africa e il Dipartimento di Scienza e Innovazione (DSI)," Grobler ha detto.

    Sasol partecipa al comitato consultivo di un'iniziativa guidata da DSI, Hydrogen South Africa, o HySA, che mira a stimolare e guidare l'innovazione lungo la catena del valore delle tecnologie dell'idrogeno e delle celle a combustibile e, in definitiva, posizionare il Sudafrica in modo da trarre vantaggi locali dalla fornitura prodotti a valore aggiunto per i mercati internazionali in crescita delle celle a combustibile e dell'idrogeno.

    “Non solo la produzione di idrogeno tramite 'tecnologie più verdi' offre l'opportunità di trasformare le nostre operazioni attraverso materie prime alternative, ma a lungo termine, l'idrogeno come vettore energetico ha il potenziale per decarbonizzare il mix energetico e fornire un percorso alternativo per lo sviluppo economico del Sud Africa”, osserva Grobler.

    All'inizio di questo mese, Sasol ha firmato un memorandum di cooperazione con la società statale per lo sviluppo industriale per promuovere congiuntamente l'economia dell'idrogeno verde del Sudafrica.

    In una dichiarazione congiunta, le due società hanno affermato che il Sudafrica è in una posizione unica per sfruttare le sue risorse rinnovabili di livello mondiale e la tecnologia e le competenze di Sasol per posizionare il paese come leader globale dell'idrogeno.

    As aprile Sasol ha annunciato di lavorare alla creazione, in collaborazione con Linde, ENERTRAG e Navitas, di un impianto dimostrativo per la produzione di carburante per aviazione sostenibile, basato su idrogeno verde.

    Sasol aveva annunciato all'epoca che avrebbe collaborato con il produttore di veicoli Toyota per perseguire congiuntamente lo sviluppo di una dimostrazione di prova per un ecosistema di mobilità a idrogeno verde in Sud Africa.

  • Angola Free

    Bilancio dello stato torna in attivo, crescono riserve...

    ANGOLA - L’Angola ha circa 14,7 miliardi di dollari di riserve internazionali, che coprono circa 11 mesi di importazioni.

    Lo ha detto mercoledì il governatore della Banca nazionale dell’Angola, Jose de Lima Massano, intervenendo di fronte all'Assemblea nazionale, dopo che i parlamentari hanno approvato i conti generali dello Stato per il 2019.

    Secondo Massano, l'anno fiscale 2019 è stato positivo a causa delle crescenti riserve, la prima volta che il bilancio nazionale è tornato a fare registrare il segno positivo dal 2013.

    La valuta dell'Angola, il kwanza, si sta apprezzando al 2%, ha detto, osservando che "il differenziale tra il mercato formale e quello informale è praticamente inespressivo e inferiore al 5%".

    Massano ha affermato che l'impennata dei prezzi alimentari mondiali è la principale sfida per un paese come l'Angola, che è molto dipendente dalle importazioni.

  • Sudafrica Free

    Governo aggiorna bilancio proteste, oltre 300 le...

    SUDAFRICA - I disordini in Sudafrica seguito all’arresto dell’ex presidente Jacob Zuma hanno causato 337 vittime. Lo ha riferito ieri il governo sudafricano rivedendo al rialzo precedenti bilanci. “La polizia sudafricana ha rivisto il numero totale di morti nel Gauteng a 79 e nel KwaZulu-Natal a 258 in relazione ai disordini”, ha detto Khumbudzo Ntshavheni, ministro per le Piccole attività commerciali. La stessa ha precisato che l’aumento è dovuto almeno in parte al decesso di diversi feriti gravi. La violenza è degenerata in quella che è stata la peggiore agitazione dalla fine dell’apartheid, spingendo il presidente Cyril Ramaphosa a dispiegare l’esercito e a definire le proteste violente un tentativo di “insurrezione”. Dimostrazioni si sono avute nella provincia natale di Zuma, KwaZulu-Natal e Gauteng, le due province più popolose, che insieme rappresentano la metà della produzione economica del Sudafrica. Secondo stime correnti, nel KwaZulu-Natal il costo economico dei danni causati dalle violenze è stimato in 1,36 miliardi di dollari con 161 centri commerciali, 11 magazzini e otto fabbriche gravemente danneggiati.
  • Madagascar Free

    Diversi arresti per un presunto complotto contro...

    MADAGASCAR - Diverse persone, sia malgasce che di altra nazionalità, sono state arrestate in Madagascar con l’accusa di aver ordito un complotto ai danni del capo dello Stato Andry Rajoelina. La notizia è stata data oggi dal procuratore generale Berthine Razafiarivony, gli arresti sono stati effettuati martedì.  Rivolgendosi ai giornalisti, Razafiarivony ha detto che l’obiettivo sarebbe stato quello di uccidere Rajoelina e altre personalità a lui vicine. Non è chiaro se gli arresti siano collegati a un attentato sventato lo scorso 26 giugno contro il capo della gendarmeria, il generale Richard Ravalomana, che è considerato il braccio destro di Rajoelina.  Rajoelina ha giurato come presidente della grande isola dell’Oceano indiano nel 2019 battendo il suo predecessore e rivale di lunga data Marc Ravalomanana; ma al potere era arrivato già prima, nel marzo del 2009, grazie al sostegno dell’esercito, rimanendo presidente di un consiglio di transizione fino al 2014. [MS]
  • Sudafrica Free

    Covid19: accordo Pfizer-Biovac per produrre vaccino...

    SUDAFRICA/AFRICA - Una lettera di intenti per la produzione dei vaccini COVID-19 Pfizer-BioNTech è stata siglata ieri da da parte di un'azienda farmaceutica con sede a Città del Capo per la distribuzione all'interno dell'Unione africana (AU).

    Il Biovac Institute, che dispone di infrastrutture per la produzione di vaccini, laboratori di controllo qualità e magazzini con capacità di celle frigorifere, produrrà e distribuirà i vaccini Pfizer-BioNTech e le attività di trasferimento tecnico, sviluppo in loco e installazione di apparecchiature inizieranno immediatamente per facilitare il processo.

    Pfizer e BioNTech prevedono che la struttura di Città del Capo di Biovac sarà incorporata nella catena di fornitura dei vaccini entro la fine del 2021, mentre la produzione delle dosi finite inizierà nel 2022 con sostanze farmaceutiche provenienti dall'Europa. A piena capacità operativa, la sua produzione annuale supererà i 100 milioni di dosi finite all'anno, tutte distribuite esclusivamente negli Stati membri dell'UA.

    La provincia ha promesso di continuare a collaborare con il settore privato in termini di risposta alla pandemia di COVID-19 e alla strategia di lancio della vaccinazione.

    Western Cape, il principale hub sudafricano per la tecnologia sanitaria e l'innovazione nel settore medico, ha una delle più alte concentrazioni di dispositivi medici e aziende sanitarie nel paese.

  • Sudafrica Free

    Enel Green Power completa parco eolico, si rafforza...

    SUDAFRICA - Con il completamento del parco eolico di Oyster Bay, che genererà oltre 568 GWh di energia all’anno, Enel Green Power si conferma azienda leader del settore delle energie rinnovabili in Sudafrica.

    A scriverlo è la stampa sudafricana che oggi evidenzia come il progetto di Oyster Bay porta a nove il numero di impianti eolici e solari operativi di Enel Green Power South Africa in Sudafrica , con una capacità installata complessiva di oltre 800 MW.

    Il portafoglio di progetti del gruppo italiano comprende Nojoli (88 MW), Gibson Bay (111 MW) e Nxuba (140 MW), nell'Eastern Cape; Upington (10 MW) e Adams (82,5 MW), nel Northern Cape; Paleisheuwel (82,5 MW), nel Western Cape; Pulida (82,5 MW), nel Free State; e Tom Burke (66 MW), nel Limpopo.

    L'operazione commerciale di Oyster Bay segue da vicino la scia di Nxuba Wind Farm, che ha raggiunto l'operatività commerciale prima del previsto nel dicembre dello scorso anno, nonostante le sfide presentate dalla pandemia globale.

    William Price, country manager di Enel Green Power South Africa , afferma che Oyster Bay, che rappresenta un investimento di 180 milioni di euro in Sudafrica , “dimostra chiaramente il ruolo cruciale che l'azienda svolge nell'aiutare il Paese a risolvere la sua crisi energetica utilizzando soluzioni di energia rinnovabile ”.

    “Il parco eolico di Oyster Bay è stato uno dei cinque progetti eolici assegnati a Enel Green Power nell'aprile 2015. La soluzione è supportata da un accordo di acquisto di energia di 20 anni con il fornitore di servizi energetici sudafricano Eskom, nell'ambito del programma per le energie rinnovabili del governo sudafricano Programma di approvvigionamento di produttori di energia indipendenti ”, spiega.

    L'impegno dell'azienda per la sostenibilità è ulteriormente dimostrato dalla sua capacità di promuovere lo sviluppo socioeconomico locale attraverso la creazione di posti di lavoro e iniziative educative.