Mozambico

Elezioni, Renamo chiede di annullare il voto

MOZAMBICO – La Resistenza Nazionale Mozambicana (Renamo), il principale partito di opposizione del Mozambico, ha chiesto l’annullamento delle elezioni della scorsa settimana, accusando il governo di aver violato un accordo di pace siglato lo scorso agosto usando violenza e intimidazioni.

(516 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Madagascar Free

    Fondi dalla Banca Mondiale per migliorare collegamenti...

    MADAGASCAR - La Banca Mondiale ha approvato la concessione di un prestito del valore di 140 milioni di dollari per migliorare i collegamenti stradali in alcune aree rurali del Madagascar.

    In base a quel che viene reso noto dalla stessa Banca Mondiale, i fondi saranno utilizzati per progetti nelle regioni di Alaotra Mangoro, Anosy, e Atsimo-Atsinanana.

    In particolare, saranno riabilitati 148 chilometri di strade secondarie tra cui un tratto lungo 113 km della strada di collegamento RNS44 tra il bacino di produzione del riso di Ambatondrazaka e la rete stradale principale della regione di Alaotra Mangoro, nonché un tratto lungo 35 km della RNS12A che collega tra loro i distretti delle regioni di Anosy, e Atsimo-Atsinanana.

    E’ prevista inoltre la costruzione di un nuovo ponte sul fiume Manambondro lungo la RNS12A, che sostituirà l’attuale servizio di traghetti.

    Obiettivo del programma è migliorare la connettività nelle zone rurali del Paese, la cui scarsità influisce negativamente sulla produttività del settore agricolo impedendo ai contadini un accesso diretto ai mercati locali. [MV]

  • Sudafrica Free

    Andre de Ruyter alla guida di Eskom

    SUDAFRICA - Il ministero sudafricano delle Imprese pubbliche ha annunciato di aver scelto Andre de Ruyter come nuovo amministratore delegato del gruppo Eskom. De Ruyter assumerà la carica a partire dal 15 gennaio 2020 in sostituzione di Phakamani Hadebe che ha lasciato il servizio alla fine di luglio 2019. Hadebe è stata la decima persona a dimettersi dalla guida di Eskom negli ultimi 10 anni. Secondo il ministero, il posto vacante ha attratto 142 potenziali candidati, tra cui otto dipendenti Eskom. Attraverso un processo, il Consiglio alla fine ha intervistato sei candidati, di cui tre sono stati selezionati. De Ruyter è attualmente amministratore delegato di Nampak, la più grande azienda di packaging del continente.Prenderà la guida dell’utility elettrica del Paese che versa i critiche condizioni finanziarie. [MS]
  • Namibia Free

    Stampa: liberalizzato settore energia, scommessa su...

    NAMIBIA – La Namibia ha liberalizzato il settore dell’Energia per attrarre investitori ed, entro i prossimi due anni, puntare a produrre almeno il 60% dell’energia che il paese consuma. Lo riferisce l’agenzia di stampa cinese, Xinhua, citando il ministro delle Miniere e dell’Energia namibiano Tom Alweendo,  il quale ha dichiarato che il paese ha liberalizzato il settore energetico per consentire ai produttori indipendenti di energia e alle società di energia rinnovabile di entrare nel mercato dell'energia. Attualmente, la produzione energetica della Namibia è basata sulle importazioni di energia elettrica dallo Zimbabwe e dal Sudafrica, una situazione che, secondo Alweendo, ha ritardato l’industrializzazione del paese. "Abbiamo messo in atto misure diverse e identificato progetti prioritari per assicurarci di sostenere la produzione energetica entro il 2021. Ci siamo allontanati dal monopolio in cui Nampower, di proprietà statale, era il solo acquirente di energia e oggi abbiamo consentito ad altri consumatori di acquistare direttamente l’energia elettrica dai produttori " ha detto ancora il ministro citato da Xinhua. Alweendo ha poi evidenziato che la Namibia intende basare la propria produzione energetica sulle biomasse, energia rinnovabile ed energia convenzionale. La notizia, al momento, è riportata solo dall’agenzia di stampa cinese.
  • Botswana Free

    Rivista in leggero calo crescita economica

    BOTSWANA - Il governo di Gaborone ha rivisto al ribasso le previsioni per la crescita economica quest’anno, riducendo le stime al 3,6% rispetto al precedente 4,3%.

    A dirlo è stato il presidente Mokgweetsi Masisi, precisando che la revisione delle stime è legata alla decelerazione della crescita nel settore minerario.

    Secondo i dati resi noti dalla Banca centrale, la produzione mineraria ha infatti registrato un tasso di crescita dell’1,4% in netto calo rispetto al 5,6% dell’anno precedente, trascinando con sé anche le attività non minerarie.

    Significativo il rallentamento registrato nell’estrazione di diamanti, che rappresentano più del 60% del valore delle esportazioni totali del Paese e la cui produzione nell’anno in corso ha registrato un aumento solo dell’1% rispetto all’11,8% dell’anno precedente. [MV]

  • Angola Free

    Lo storico partito d'opposizione Unita ha un nuovo...

    ANGOLA – Ha un nuovo leader il principale partito d’opposizione dell’Angola, l’Unita – Unione per l’indipendenza totale dell’Angola: dopo 16 anni alla guida della formazione, Isaias Samakuva ha ceduto la poltrona ad Adalberto Costa Junior, eletto con il 54% dai delegati del partito nel fine settimana, durante l’XIII Congresso ordinario. Già rappresentante dell’Unita in Portogallo – l’ex potenza coloniale, che ospita la maggiore diaspora angolana – e capogruppo parlamentare, Adalberto Costa Junior sarà capolista del partito durante le prossime elezioni generali del 2022 e di conseguenza, il candidato alla Presidenza della Repubblica. L’Unita non ha mai vinto elezioni dall’indipendenza del 1975, che ha visto imporsi l’Mpla dell’oggi presidente Joao Lourenço, dopo circa 40 anni di leadership di José Edoardo Dos Santos. Durante il contesto di guerra civile che ha accompagnato l’Angola all’indipendenza, l’Unita fu uno dei movimenti protagonisti del conflitto, insieme a Mpla e Fnla. Il 22 febbraio 2002 Savimbi, leader storico dell'Unita, allora ribellione, venne ucciso dai militari governativi. All’apertura del Congresso dell’Unita, il leader uscente Samakuva ha affermato che “il ciclo del Mpla in Angola è terminato”, e allo stesso tempo che è giunto il momento di rinascita per l’Unita, dopo un periodo di tensioni interne. Nei confronti del presidente Lourenço sono giunti incoraggiamenti ed elogi per il processo di riforme avviato. [CC]
  • Angola Free

    Gruppo russo rinuncia a cedere Vtb-Africa

    ANGOLA - I risultati positivi del Banco VTB-África hanno portato il gruppo finanziario russo VTB a rinunciare alla vendita dell’intera quota del 50,10% nella banca angolana. A confermare il passo indietro rispetto a precedenti anticipazioni è stato il presidente del gruppo russo, Andrey Kostin. L’Autorità angolana per la concorrenza aveva annunciato lo scorso maggio di aver ricevuto una comunicazione (in data 24 maggio) che annunciava un progetto di fusione tra la VTB Bank, il Banco VTB-África e la società di intermediazione finanziaria russa Rostang. A causa dei risultati ottenuti, il quotidiano finanziario Economia e Finanças ha riferito che l'azionista russo e la controparte angolana avevano concordato di rafforzare il “buon andamento del gruppo dirigente”, che dovrebbe essere confermato con una partecipazione di circa il 20% entro la fine dell’anno.