Ghana

Obiettivo “stop” alle importazioni di riso nel 2022

GHANA – Il Ghana potrà fare a meno delle importazioni di riso nel 2022: lo ha affermato il ministro dell’Alimentazione e del’Agricoltura,  Kennedy Nyarko Osei, basandosi sulle proiezioni recenti .

(177 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Niger Free

    Approvato progetto centro commerciale Niamcoco

    NIGER - Il governo del Niger ha messo a disposizione quasi 19.000 metri quadrati di terreno nella città di Niamey per la costruzione di un centro commerciale. Sono precisamente 16.031 metri quadrati di strade e un’area aggiuntiva di 2.933 metri quadrati di superficie demaniale. Sull’area sarà realizzato un centro commerciale chiamato Niamcoco; i lavori saranno portati avanti dalla società Adimm.  “Nel contesto del programma di modernizzazione della città di Niamey - si legge in una nota del governo - si intraprende il progetto di costruzione per un centro commerciale e per il tempo libero. Questo per rafforzare le capacità di questa città a offrire alla popolazione migliori condizioni nell’ambito delle transazioni commerciali, del divertimento e dello sport”. Gli investimenti previsti dovrebbero ammontare a circa 181 milioni di dollari, in programma c’è anche la costruzione di un hotel a quattro stelle. Quello di Niamcoco sarà il primo centro commerciale di Niamey. [MS]
  • Burkina Faso Free

    Operazione militare congiunta con gli ivoriani, altri...

    BURKINA FASO – Per la prima volta, le forze armate del Burkina Faso e della Costa d’Avorio hanno lavorato insieme, uniti in un’operazione nella zona frontaliera, nel sudovest del Burkina. Secondo i vertici militari, l’operazione Comoé avviata il 13 maggio scorso aveva l’obiettivo di smantellare un non meglio precisato gruppo terroristico che stava cercando di insediarsi nel villaggio d’Alidougou, a meno di 10 chilometri dal confine con la Costa d’Avorio. Il bilancio ufficiale provvisorio parla di otto terroristi uccisi e di materiale sequestrato. L’assalto è stato condotto anche con l’aiuto delle forze aeree. Allo stesso tempo, nel Nord del Burkina Faso, i militari burkinabè in missione di ricognizione si sono imbattuti in un gruppo armato. La pronta reazione dei soldati avrebbe portato all’uccisione di 13 miliziani. [CC]
  • Liberia Free

    Fondi dalla Banca Mondiale per servizi sanitari

    LIBERIA - La Banca Mondiale ha approvato la concessione di un prestito d 54 milioni di dollari attraverso l’Associazione per lo sviluppo internazionale (IDA) per migliorare la qualità dei servizi sanitari in Liberia.

    A riportarlo sono i media locali, precisando che i fondi saranno destinati a finanziare un progetto denominato ‘Fondamenti istituzionali per migliorare i servizi dalla sanità’ (IFISH).

    In particolare, il progetto prevede l’espansione e l’operatività del nuovo Redemption Hospital a Caldwell, nella contea rurale di Montserrado alla periferia settentrionale di Monrovia.

    Obiettivo del progetto è ridurre il numero di donne che muoiono in gravidanza, migliorare la salute, il benessere e la sopravvivenza delle ragazze adolescenti e contribuire al miglioramento dell'indice del capitale umano della Liberia. [MV]

  • Togo Free

    Un salvagente per gli aerei di Asky, grazie a Wfp

    TOGO - Il World Food Program (Wfp) ha istituito il suo centro di risposta africano per il covid-19 in Ghana. Ogni giorno, gli aerei partono da Accra per trasportare personale medico e attrezzature in Africa occidentale e centrale. Dall’aeroporto di Kotoka, il Wfp opera con due Boeing 737 noleggiati da Asky, compagnia aerea fondata su iniziativa dei governi dell’Africa occidentale che ha il suo quartier generale a Lomé, in Togo.  Per Asky, il contratto con il Wfp è stato a dir poco tempestivo. Con i suoi velivoli fermi da due mesi a causa della chiusura degli aeroporti africani ma anche del resto del mondo (un discorso valido per tutte le compagnie aeree) la ripresa parziale delle attività grazie all’agenzia dell’Onu rappresenta una significativa boccata d’ossigeno. [MS]
  • Benin Free

    Una fabbrica di mattoni da plastica riciclata

    BENIN – Produrre mattoni a partire da rifiuti plastici: il progetto, che rende onore al concetto di riciclaggio, sarà presto realtà nel sudest del Benin, nel comune di Sèmè-Kpodji. Su un terreno di 1000m2 sorgerà l’unità di produzione, promossa dall’Agenzia per lo sviluppo Sèmè City, con il sostegno dell’Unicef. Un progetto simile era stato avviato l’anno scorso in Costa d’Avorio, in partenariato con l’azienda colombiana Conceptos Plasticos. I mattoni in plastici riciclata sono già stato utilizzati per costruire aule scolastiche. I mattoni di plastica sono ignifughe e possono resistere più a lungo nel tempo, di materiali convenzionali. In Costa d’Avorio, la direttrice dell’Unicef aveva previsto che si potesse riciclare 9600 tonnellate di rifiuti di plastica all’anno. [CC]
  • Ghana Free

    Fondo per le Pmi, ma secondo la camera di commercio non...

    GHANA – Ammonta a circa 95 milioni di euro il programma di sostegno alle piccole e medie imprese (Pmi) del Ghana annunciato dalla Presidenza, per alleviare gli impatti negativi del coronavirus. Il fondo è stato annunciato all’inizio della settimana dal presidente Nana Akufo-Addo, il quale ha precisato che il programma era il risultato di negoziati tra il governo,  il settore privato  - il National Board for Small Scale Industries (NBSSI) e alcune associazioni di commercio – e una serie di banche. Dalla Camera di commercio e d’industria, tuttavia, sono giunte critiche. “Questo pacchetto è molto inadeguato” ha detto il presidente della Camera, Nana Appiagyei Dankawoso, ricordando che i 93 milioni dovrebbero essere divisi in 200.000 Pmi, per un risultato finale di circa 465 euro ad azienda. Temendo gravi ripercussioni della crisi legata al coronavirus sull’economia, Dankawoso ha chiesto maggiori aiuti al governo per il settore privato, per contrastare il rischio di recessione per il Paese. [CC]