Egitto

Zona economica speciale di Suez, le opportunità per le imprese italiane

EGITTO – Esenzioni fiscali e incentivi, posizione geografica centrale tra Africa, Medio oriente ed Europa, porta di ingresso per un mercato da 100 milioni di persone come è quello egiziano: queste le parole chiave echeggiate ieri nella sede di Confindustria a Roma, dove i vertici della Zona Economica Speciale dell’Area del Canale di Suez hanno illustrato i vantaggi di investire in quell’area.

“L’industria italiana – ha sostenuto Ahmed El Mofty, general manager di East Port Said Economic Zone – ha bisogno di un’area come quella di Suez, dove può trovare in particolare anche costi più bassi dell’energia e costi più bassi della forza lavoro”.

A sottolineare la vicinanza dell’Italia all’Egitto è stata anche Ilaria Vescovi, presidente della Commissione tecnica per l’internazionalizzazione di Confindustria, secondo cui Suez può essere un mezzo per approfondire la cooperazione economica e commerciale tra i due Paesi (clicca qui per il discorso di Ilaria Vescovi).

All’incontro, realizzato in collaborazione con Banca Intesa San Paolo, unico istituto italiano che dispone di una sua rete commerciale in Egitto, sono intervenuti tra gli altri anche il presidente di Confindustria Assafrica & Mediterraneo, Giovanni Ottati, e Milton Stefani, responsabile della European Bank for Reconstruction and Development.

Sul fronte egiziano da registrare infine l’intervento di Ahmed Fikry, amministratore delegato di East Port Said Economic Zone, che ha sottolineato come l’Italia potrebbe trovare sbocchi interessanti nel settore delle pelli, in quello dell’automotive oltre che nei comprati dell’energia, della logistica e delle infrastrutture. [GB]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Africa Nord Free

    Mobilità elettrica, webinar su opportunità in Nord...

    AFRICA NORD - Si terrà lunedì 17 maggio un webinar dal titolo "Mobilità elettrica: opportunità per il Nord Africa" per approfondire il tema della mobilità sostenibile nella regione.

    A organizzare l'evento è la Fondazione RES4Africa, con il supporto di CSR Europe, al fine di fare luce sui fattori abilitanti e sugli ostacoli alla diffusione della mobilità elettrica in Nord Africa e presentare le migliori pratiche di altri Paesi.

    Secondo RES4Africa, infatti, sebbene i paesi nordafricani abbiano investito molto nelle fonti di energia rinnovabile (eolica e solare), il settore dei trasporti è ancora in una fase embrionale e sono necessarie politiche ambiziose e stimoli economici per garantire una rapida transizione verso l'uso dei veicoli elettrici e l'introduzione di infrastrutture di ricarica per supportare questo processo.

    Maggiori informazioni sono disponibili cliccando qui.

  • Libia Free

    Almeno 2 anni per produrre 2 milioni di barili al...

    LIBIA - Saranno necessari dai due ai tre anni prima che la Libia aumenti i suoi livelli medi di produzione di petrolio a 2 milioni di barili al giorno. È quanto dichiarato alla stampa, riferito al Libyan Express, dal ministro libico per il petrolio e il gas, Mohamed Oun, secondo cui con l’arrivo del nuovo governo si sono visti alcuni miglioramenti sulle le precedenti iniziative di esplorazione e sulla manutenzione di pozzi operativi, attrezzature di superficie e condutture. “Ciascuno di questi passaggi contribuisce alla possibilità di aumentare la produzione”, ha proseguito il ministro, “ma hanno bisogno di finanziamenti, gestione e società di lavoro, che devono garantire la protezione del Paese in tutte le regioni e l’assenza di problemi di sicurezza”. [ASB]
  • Algeria Free

    In crescita le esportazioni non petrolifere

    ALGERIA - Le esportazioni non petrolifere dell’Algeria hanno registrato un aumento del 58,83% nel primo trimestre del 2021 rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Ad indicarlo un rapporto del ministero del Commercio, secondo il quale il valore delle esportazioni ha raggiunto gli 870,33 milioni di dollari nel primo trimestre contro i 547 dello stesso periodo del 2020, con un incremento del 58,83%. Le esportazioni non petrolifere hanno rappresentato l’11,30% delle esportazioni totali tra gennaio e marzo 2021, un tasso raggiunto da 714 società di esportazione. L’export di cemento, precisa il documento, è aumentato del 96,19% con una cifra di 37,85 milioni di dollari, zucchero a 102 milioni di dollari  (+ 65,71%),  fertilizzanti a 226,85 milioni di dollari (10,96%). Gli oli e altri prodotti derivati ​​dal carbone distillato hanno raggiunto un valore di 124 milioni, con un aumento del 75%. Secondo gli stessi dati, l’esportazione di prodotti alimentari è stata nell’ordine di 169 milioni di dollari, con un incremento del 51%.  [GT]
  • Marocco Free

    Fissate a settembre le elezioni generali

    MAROCCO - Si terranno il prossimo 8 settembre le elezioni generali  in Marocco, convocate per rinnovare i membri della Camera dei Rappresentanti.

    A comunicarlo è stato il portavoce del governo di Rabat, Saaid Amzazi, segnalando l'adozione di una serie di decreti per fissare il calendario delle operazioni elettorali previste quest'anno nel Paese nordafricano.

    In base alle informazioni rese note, l'elezione dei consigli provinciali si terrà il 21 settembre metre il voto per la Camera dei consiglieri, la Camera alta del Parlamento marocchino, è previsto il 5 ottobre.

    Questa sarà la terza volta che i cittadini marocchini sono chiamati alle urne, da quando il 1° luglio 2011 è stata adottata una nuova Costituzione che ha limitato i poteri del re per assegnarli al governo e al Parlamento. [MV]

  • EgittoEtiopiaSudan Free

    Diga sul Nilo, Il Cairo non rinuncerà a diritti sull...

    EGITTO - Il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi ha affermato, in una dichiarazione pubblica, che le preoccupazioni degli egiziani sulla Grand Ethiopian Renaissance Dam (Gerd) sono “legittime” e ha avvertito che l’Egitto non rinuncerà ai suoi diritti sull’acqua. Parlando a margine dell’inaugurazione di alcuni progetti infrastrutturali al Cairo, al-Sisi ha affermato che si stanno esercitando pressioni per risolvere la crisi attraverso i negoziati. Lo rendono noto i giornali egiziani. Di recent Il Cairo è stato al centro di un’intensa attività diplomatica, con Jeffrey Feltman, inviato degli Stati Uniti nel Corno d’Africa, e Felix Tshisekedi, presidente della Repubblica Democratica del Congo e dell’attuale sessione dell’Unione africana, che hanno tenuto colloqui nel tentativo di raggiungere un accordo, mentre i colloqui per il riempimento e il funzionamento della diga tra Etiopia, Egitto e Sudan si sono interrotti. Sia il Cairo che Khartoum chiedono un accordo vincolante e globale che garantisca i diritti e gli interessi di tutti e tre i paesi. [ASB]
  • Tunisia Free

    Rapporto ong su import pesticidi nocivi da Ue

    TUNISIA - Una lista con oltre una trentina di pesticidi ritenuti pericolosi in Europa sono ancora importati e utilizzati in Tunisia: lo rivela un rapporto dell’Associazione per l’educazione ambientale per le generazioni future (Arrfg) in collaborazione con la rete internazionale dei prodotti inquinanti (Ipen), di cui l’agenzia stampa tunisina Tap ha avuto copia. Diversi paesi africani e magrebini, tra cui la Tunisia, continuano ad importare questi pesticidi per uso prevalentemente agricolo. In Tunisia, 33 aziende sono attive nel settore dei pesticidi, 215 materiali di pesticidi attivi sono registrati e distribuiti sul mercato nazionale sotto 493 marchi. Tuttavia, le quantità effettivamente importate non sono note. Nel 2018, la Tunisia ha importato 240,5 tonnellate di pesticidi per uso agricolo vietati o severamente limitati nell’Unione Europea. Tra questi, 35.000 chilogrammi di cianamide, secondo un rapporto di PublicEye, un’ong svizzera, e Greenpeace sulla lista dei Paesi che importano pesticidi pericolosi dall’Ue. La cianamide è un fertilizzante azotato utilizzato in agricoltura ma anche come erbicida o defogliatore. Inoltre, nel 2019, un elenco di altri 19 pesticidi vietati sul suolo europeo è stato oggetto di una notifica di esportazione ai tre paesi del Maghreb, compresa la Tunisia. “PublicEye”, Greenpeace-Uk e altre organizzazioni internazionali non governative qualificano l’esportazione di questi pesticidi dai Paesi europei come “ipocrisia tossica”. “La Tunisia, attraverso il ministero dell’Agricoltura, delle risorse idriche e della pesca, dovrebbe, come il Marocco, il Sudan e altri Paesi, pubblicare l’elenco dei pesticidi importati. Visitando il sito web del Ministero il 10 maggio 2021, ho notato che l’elenco dei pesticidi approvati risale al 2017, il che rivela un mancato aggiornamento dei dati nell’era della digitalizzazione”, ha dichiarato alla Tap Semia Gharbi, presidente dell’Associazione Aeefg, specialista in scienze ambientali e coordinatrice dell’hub regionale Ipen-Mena/Nord Africa. Gharbi ritiene che il governo tunisino debba agire senza aspettare l’attuazione dell’impegno della Commissione europea per porre fine all’esportazione di pesticidi pericolosi vietati nell’Ue. L’attivista denuncia anche una politica di “doppi standard, tra i cosiddetti paesi sviluppati e il resto del mondo”. Secondo PublicEye, una fonte della Commissione europea ha affermato che “un divieto alle esportazioni dell’Ue non significherà automaticamente che Paesi terzi smetteranno di usare questi pesticidi perché potranno comunque importarli da altrove”. Crede che “convincerli a non usare tali pesticidi sarà più efficace”. Ciò farebbe parte degli “sforzi di diplomazia verde” pianificati dall’Ue. Le normative europee assicurano che i Paesi importatori ricevano informazioni solide e affidabili sui rischi di queste sostanze. “Poiché l’importazione è una scelta sovrana, la Tunisia trarrebbe vantaggio dall’optare per la protezione della salute umana”, sostiene Gharbi. [CC]