Nigeria

Eni avvia la produzione del gas di Obiafu 41

NIGERIA – Eni ha avviato, in sole 3 settimane dal completamento del pozzo, la produzione di gas e condensati dalla scoperta di Obiafu 41, effettuata nel delta del Niger, in Nigeria. La scoperta contiene un volume di idrocarburi in posto pari a circa 28 miliardi di metri cubi di gas e 60 milioni di barili di condensato, e il gas prodotto verrà destinato in gran parte al mercato domestico al fine di potenziare la disponibilità di energia elettrica locale.

Il time to market record è stato possibile grazie al nuovo modello integrato di Eni, che prevede da un lato che le diverse discipline lavorino in parallelo già durante la fase esplorativa, e dall’altro che vengano valorizzate le sinergie realizzabili con impianti di produzione limitrofi. Al termine della fase di ramp-up del pozzo, la produzione raggiungerà una portata di circa 3 milioni di metri cubi di gas e 3000 barili di condensato al giorno.

Il gas prodotto è trattato nell’impianto di Ob-Ob, hub operato da Eni, per poi essere destinato alla centrale di Okpai, anch’essa operata da Eni, prima centrale elettrica indipendente e tra le più efficienti del paese. Okpai attualmente ha una potenza installata pari a 500 MW ed è in corso un potenziamento che ne raddoppierà la capacità fino a 1 GW. Questo consentirà a Eni di generare il 20% dell’intera produzione elettrica nazionale disponibile, attestandosi come leader tra i produttori di energia elettrica nel paese.

In Nigeria, circa il 30% del gas prodotto e operato da Eni è destinato al mercato domestico, segno evidente dell’attenzione della società ai temi della sostenibilità sia ambientale sia economica del proprio business per le comunità locali. L’impegno di Eni su questo fronte è testimoniato anche dalla continua attenzione e potenziamento delle attività volte alla riduzione dei fenomeni di flaring, attraverso una strategia che punta al suo totale azzeramento entro il 2025 (flaring down).

La vendita del gas che prima veniva inviato in torcia a società locali, rappresenta un ulteriore contributo allo sviluppo del mercato del gas domestico oltre a che della stessa economia locale.

Oltre alla centrale di Okpai, Eni fornisce energia elettrica, direttamente dai suoi impianti, a 85 comunità locali con un bacino di utenza di circa 500.000 persone. I fabbisogni e le necessità del paese sono al centro della strategia di Eni fin dall’avvio delle attività nel paese nel 1962, con iniziative relative all’accesso all’energia, lo sviluppo sociale e agricolo, l’istruzione e la formazione, l’assistenza sanitaria, la protezione dell’ambiente e della cultura. Solo negli ultimi 10 anni sono stati realizzati più di 1.000 progetti di sostenibilità, costruiti oltre 400 km di strade e 150 strutture tra scuole e ospedali, contribuendo significativamente al miglioramento della qualità della vita delle comunità in cui Eni opera. Tra i progetti di maggior impatto, il Green River Project, programma integrato di sviluppo imprenditoriale nel settore agricolo, realizzato per contribuire alla promozione di un percorso di sviluppo autonomo nel delta del Niger, che da 32 anni beneficia oltre 120 comunità per un totale di oltre 500,000 persone negli stati di Bayelsa, Delta, Rivers e Imo.

Eni è presente in Nigeria dal 1962 con attività di esplorazione, sviluppo e produzione, operate e non operate, su una superficie di 30.049 Km2 nell’onshore e nell’offshore del Delta del Niger. Nel 2018 la produzione equity è stata di 100.000 barili di olio equivalente al giorno. [CC]

 

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Costa Avorio Free

    Vertici partito al potere spingono per nuova...

    COSTA D’AVORIO - La morte improvvisa del primo ministro ivoriano e candidato presidenziale, Amadou Gon Coulibaly, ha aperto un confronto all’interno del partito al governo (Rhdp) con sviluppi ancora da verificare.  Nel corso di una riunione informale a porte chiuse, i vertici del partito - secondo alcune indiscrezioni di stampa - non hanno escluso una ricandidatura dell’attuale capo di Stato Alassane Dramane Ouattara alle elezioni che sono in programma ad ottobre.  Ouattara aveva annunciato lo scorso marzo la sua volontà di farsi da parte dopo dieci anni di presidenza e aveva designato Gon Coulibaly, il suo alleato di sempre, quale candidato del suo partito.  La morte di Coulibaly - che era appena rientrato dalla Francia dove era stato sottoposto a un intervento - ha rimesso tutto in discussione. La prima scadenza da tenere in considerazione è quella del 31 luglio, termine ultimo per presentare le candidature. Una eventuale ricandidatura di Ouattara sarebbe consentita dalla Costituzione, grazie a una revisione del testo risalente al 2016 benché contestata dall’opposizione.  Il candidato di Rhdp si confronterà sicuramente con l’ex presidente Henri Konan Bedie, che ha già annunciato la sua candidatura; altri dovrebbero farsi avanti nei prossimi giorni. [MS]
  • Burkina Faso Free

    Le raccomandazioni del parlamento per far fronte a...

    BURKINA FASO - Una lista di 19 raccomandazioni per far fronte alla fase di insicurezza che ormai segna il Burkina Faso negli ultimi anni è stata approvata dall’Assemblea nazionale e resa nota alla stampa dal presidente del parlamento, Alassane Bala Sakandé.  Le raccomandazioni includono il rinvio di un anno delle elezioni legislative ma il mantenimento delle presidenziali attualmente in programma il 22 novembre 2020. Il rapporto raccomanda poi un censimento degli sfollati interni per favorire politiche e operazioni umanitarie, l’invio di beni di prima necessità nei villaggi situati in zone insicure, donazioni alle famiglie che ospitano sfollati, dotazione di mezzi alle forze di difesa e di sicurezza.  Sakané ha poi sottolineato che chiunque sia il prossimo presidente dovrà inserire tra le priorità la questione della riconciliazione nazionale. [MS]
  • Ghana Free

    Tecnologie dell’informazione traino dell’economia

    GHANA - E’ stato il settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) a trainare la crescita dell’economia ghanese nel primo trimestre di quest’anno.

    Secondo quel che si apprende da uno studio di Standard Bank, il settore è cresciuto infatti del 77% su base annua contribuendo in larga parte a comporre il tasso di crescita del 4,9% registrato complessivamente dall’economia nazionale del Ghana nel periodo preso in esame.

    Lo studio prosegue osservando che l'espansione del settore delle ICT è previsto possa continuare senza ostacoli anche per tutto il resto dell’anno in corso alla luce delle misure di distanziamento fisico introdotte per contrastare la diffusione della pandemia di covid-19.

    “Il Ghana ha il secondo più alto tasso di penetrazione dati in Africa sub-sahariana e il mercato di mobile-money in più rapida crescita nel continente. Anche la scena delle start-up tecnologiche sta crescendo rapidamente nel Paese: dato il limitato impatto economico su questo settore durante la pandemia, prevediamo che la crescita nel settore delle ICT rimarrà senza ostacoli anche nei trimestri successivi”, si legge nello studio. [MV]

  • Benin Free

    Cotone, Benin si conferma primo produttore continentale

    BENIN - I dati preliminari diffusi dal ministero dell’Agricoltura conferma che anche quest’anno il Benin si conferma prima Paese produttore di cotone in Africa.

    A darne notizia sono i media locali citando un comunicato del consiglio dei ministri di Porto-Novo, da cui emerge che nella stagione 2019-2020 la produzione di cotone raggiungerà un valore minimo di 714.714 tonnellate, circa 2000 tonnellate in più della stagione precedente.

    Si tratta del quinto aumento consecutivo della produzione, che conferma per il secondo anno il primato del Benin a livello continentale.

    Negli ultimi 4 anni, il Benin ha fatto raddoppiare la produzione e ha superato tutti i produttori della regione, incluso il Mali, ex primo produttore africano.

    La gestione del settore di produzione di cotone è attualmente guidata dal settore privato. [MV]

  • Costa Avorio Free

    Deceduto il primo ministro, era candidato alle...

    COSTA D’AVORIO - Il primo ministro ivoriano Amadou Gon Coulibaly è deceduto ieri in serata, dopo essersi sentito male nel corso di una riunione del governo.

    A comunicarlo è stato il presidente Alassane Ouattara, rilasciando una dichiarazione ufficiale: “Rendo onore al mio fratello più giovane, al mio figlio Amadou Gon Coulibaly, che è stato per 30 anni il mio collaboratore più vicino; saluto la memoria di uno statista di grande lealtà, devozione e amore per la patria”.

    Ricopriva l’incarico di primo ministro della Costa d’Avorio dal gennaio 2017 ed era stato scelto dal partito di maggioranza come candidato alle presidenziali di ottobre, per fare da successore a Ouattara che ha annunciato di non correre per un terzo mandato.

    Gon Coulibaly, che era tornato solo la settimana scorsa dalla Francia dove era stato ricoverato per circa due mesi a causa di problemi cardiaci dopo aver ricevuto nel 2012 un trapianto di cuore, aveva 61 anni ed era considerato uno dei favoriti nelle elezioni presidenziali, che ora diventano più incerte. E ora ci sono analisti che non escludono che lo stesso Ouattara possa decidere di ripresentarsi per un terzo mandato. [MV]

  • Nigeria Free

    Riaperti alcuni aeroporti per voli interni

    NIGERIA - La Nigeria ha ripreso i voli interni oggi dopo una pausa di circa tre mesi. Le misure restrittive erano state imposte per frenare la diffusione del coronavirus. Gli aeroporti della capitale, Abuja, e della capitale economica Lagos sono stati riaperti. Un secondo gruppo di aeroporti aprirà l'11 luglio e il resto riprenderà i voli il 15 luglio. La ripresa dei voli è l'ultimo passo del governo per riaprire la più grande economia africana, che è stata colpita duramente dai bassi prezzi del petrolio. Nelle ultime settimane l’esecutivo ha revocato il divieto di viaggiare da uno Stato all'altro, ha permesso ad alcuni alunni di tornare a scuola e ha permesso l'apertura di luoghi di culto. [MS]