Guinea Equatoriale

Saipem ottiene contratto per gasdotto in Guinea Equatoriale

GUINEA EQUATORIALE – Il gruppo italiano Saipem ha ottenuto un contratto per la costruzione di un gasdotto sottomarino in Guinea Equatoriale.

A comunicarlo è stato il ministero del Petrolio equato-guineano, precisando che il contratto ha un valore economico compreso tra 90 e 100 milioni di dollari.

In base a quel che viene reso noto, l’infrastruttura lunga circa 70 chilometri servirà per collegare la piattaforma Alen con il centro petrolchimico di Punta Europa, sull’isola di Bioko, non distante dalla capitale Malabo.

Il gasdotto verrà utilizzato per giacimenti di gas offshore operati da Noble Energy e avrà una capacità di 950 milioni di metri cubi di gas al giorno.

“Anticipiamo che questo contratto… contribuirà immensamente a migliorare la prestazione delle imprese locali e a creare nuovi posti di lavoro”, ha detto il ministro del Petrolio equato-guineano Gabriel Obiang Lima.

Il gasdotto rientra nella strategia che prevede il collegamento di diversi giacimenti di gas offshore agli impianti di liquefazione del gas naturale e la trasformazione dell’isola di Bioko in un centro di trattamento del gas. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • AfricaR.D. Congo Free

    Vaccino "Ervebo" contro ebola pre-qualificato dall'Oms

    AFRICA – Per la prima volta, e anche in tempi record, un vaccino contro ebola è stato pre-qualificato dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Questo traguardo significa che il vaccino rispetta gli standard di qualità, di sicurezza e d’efficienza, fissati dall’Organizzazione, e rappresenta un passo avanti verso il riconoscimento del vaccino, la sua reperibilità e la sua diffusione. Il vaccino in oggetto è l’Ervebo, prodotto dall’azienda tedesca Merk, che è già utilizzato in fase sperimentale in Repubblica Democratica del Congo, dove un’epidemia è in corso da più di un anno, nelle province del Nord-Kivu e dell’Ituri. “E’ una tappa storica per l’accessibilità di questo vaccino che può salvare vite umane. Con un vaccino pre-qualificato e trattamenti sperimentali, ebola può adesso essere prevenuta e guarita, una cosa che solo cinque anni fa era impossibile” ha commentato il direttore generale dell’Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus. Soltanto 48 ore fa, la Commissione Europea aveva dato ad Eervbo il via libera all’immissione in commercio nell’Unione, seguendo la raccomandazione dell’Agenzia europea del farmaco. [CC]
  • R.D. Congo Free

    Tshisekedi ottiene promesse di sostegno da Parigi

    RD CONGO – In visita ufficiale in Francia, il presidente congolese Felix Tshisekedi ha ottenuto dal presidente Emmanuel Macron promesse di sostegno nei  « progetti di grandi ambizioni » lanciati dal neo capo di Stato. Una di queste ambizioni riguarda l’istruzione scolastica gratuita e la formazione dei maestri di scuola, con l’impegno ad investire 23 milioni di euro. “Daremo via, accanto a questo partenariato bilaterale, al partenariato mondiale per l’educazione” ha detto Macron in un video postato sull’account twitter della presidenza congolese. Altre promesse di sostegno arrivano per la sanità e il miglioramento del sistema e delle strutture sanitarie nazionali, e per l’agricoltura. Infine, uno degli ambiti di appoggio sarà la cooperazione militare  - sia con l’intelligence che con l’aspetto prettamente militare - per sradicare i gruppi armati che ancora attanagliano l’Est del Congo. Macron ha invitato tutti i Paesi della regione, a cominciare dal Rwanda e dall’Uganda, ad agire a fianco del presidente Tshisekedi. In totale, l’aiuto di Parigi dovrebbe avere un valore di circa 65 milioni di euro. Il presidente Macron ha accettato l’invito a recarsi in Congo-Kinshasa nel 2020. [CC]
  • R.D. CongoUganda Free

    Investimenti congiunti su piano sviluppo stradale

    RD CONGO / UGANDA - Investimenti congiunti per migliorare i collegamenti stradali tra Repubblica Democratica del Congo e Uganda sono stati preventivati dai capi di Stato dei due Paesi che si sono incontrati a Entebbe per la firma di una serie di accordi.

    Yoweri Museveni (Uganda) e Felix Tshisekedi (Rdc) hanno convenuto che ad oggi esistono eccessive restrizioni normative e infrastrutturali che di fatto rendono difficile le relazioni commerciali ed economiche tra i due Paesi. Hanno intanto concordato l’elaborazione di un piano da qui ai prossimi 24 mesi per ridurre intanto le distanze fisiche attraverso un piano di potenziamento dei collegamenti stradali.

    Gli assi viari che dovrebbero rientrare in questo piano - così come affermato da Museveni - sono quello da Goli a Mahagi-Bunia; quello da Mpondwe a Beni; e quello da Bunagana a Rutshuru e Goma.

    “Intendiamo sviluppare o realizzare infrastrutture che favoriscano le attività economiche e portino a una crescita economica con mutuo beneficio dei nostri popoli, anche perché la povertà in assenza di sviluppo è un fattore di instabilità” ha detto Museveni. [MS]

  • Camerun Free

    Convocate elezioni parlamentari e locali il 9 febbraio

    CAMERUN – Deputati dell’Assemblea nazionale e consiglieri municipali saranno eletti il prossimo 9 febbraio: lo ha annunciato ieri il presidente della Repubblica Paul Biya convocando il corpo elettorale per questo voto, a poco più di un anno dalle elezioni presidenziali.

    Inizialmente previste nel 2018, le elezioni parlamentari e municipali sono già state rinviate due volte. I deputati e consiglieri finora in carica lo sono dal 2013. L’emiciclo è ampiamente dominato dal partito presidenziale (Rassemblement démocratique du peuple camerounais) con 157 seggi su 180.

    La rielezione di Biya, che cumula 37 anni al potere, aveva scatenato una crisi politica e la sua rielezione era stata respinta dall’oppositore e sfidante, Maurice Kamto, costretto al carcere per vari mesi a causa di manifestazioni contro il presidente. Non è chiaro se il partito di Kamto, il Movimento per la rinascita del Camerun (Mrc), parteciperà alle prossime elezioni. Una sua richiesta è la revisione del codice elettorale. Non è chiaro nemmeno ad oggi quale sia la posizione del Social Democratic Front, storico partito d’opposizione e seconda forza in Parlamento.

    Sulle elezioni pesa anche l’incognita del conflitto separatista anglofono, che il presidente Biya ha voluto affrontare durante un grande dialogo nazionale nelle scorse settimane. Nonostante Paul Biya sa uno dei capi di Stato africani con più anni di potere, resta apprezzato da alcune diplomazie. Allorché si teneva il vertice Africa-Russia di Sochi, a fine ottobre, Paul Biya ha preferito rimanere in Camerun per accogliere il ministro francese degli Esteri, Jean-Yves Le Drian. [CC]

  • Repubblica Congo Free

    Economia: crescita troppo debole e risultati troppo...

    REP CONGO – La crescita macroeconomica della Repubblica del Congo sarà di circa il 2% nel 2019, un livello simile a quello del 2018, secondo gli esperti del Fondo monetario internazionale (Fmi). Si tratta però di una “crescita troppo debole per far indietreggiare la povertà, perché troppo tributaria delle fluttuazioni del settore petrolifero” scrive la missione del Fmi che ha soggiornato in Congo-Brazzaville dal 24 ottobre al 6 novembre. Secondo gli analisti il principale motore della crescita resterà il petrolio, la cui produzione è in aumento, anche se meno del previsto a causa di difficoltà tecniche puntuali su alcuni campi petroliferi. Per la prima volta dal 2015, la crescita al di fuori dal petrolio dovrebbe essere positiva, grazie ad una ripresa nell’agricoltura, la selvicoltura e i trasporti. E’ valutata positivamente la crescita delle esportazioni dei settori minerario e della selvicoltura, poiché rappresentano una diversificazione rispetto al petrolio. Tuttavia – scrive ancora l’Fmi in un comunicato – tale crescita rimarrà inferiore all’1% e numerosi settori rimarranno in recessione. “Le condizioni restano difficili”  scrive ancora l’Fmi, che nota una crescita negativa del credito al settore privato e un aumento dei prestiti improduttivi. Dal punto di vista del bilancio, i risultati sono modesti. Le autorità hanno raggiunto l’obiettivo per il saldo primario fuori petrolio ma gli introiti non petroliferi sono stati inferiori alle aspettative. Per cercare di migliorare questa situazione, la missione raccomanda di ridurre gli esoneri fiscali e di procedere al recupero delle imposte non pagate. [CC]
  • R.D. Congo Free

    Ex capo ribelle Ntaganda condannato da Cpi a 30 anni

    RD CONGO – La Corte Penale Internazionale dell’Aia ha condannato ieri l’ex capo ribelle congolese Bosco Ntaganda, noto come “The Terminator”, a 30 anni di carcere. È la maggiore condanna mai inflitta dalla Cpi. Ntaganda è stato dichiarato colpevole di crimini di guerra nell’Ituri, provincia nord-orientale della Repubblica democratica del Congo. La Corte ha stabilito che sono in totale 13 i suoi crimini di guerra e cinque quelli contro l’umanità. Ntaganda, nato in Ruanda, ha già fatto appello contro la condanna. Le modalità con cui è finito sotto processo all’Aia sono anomale. Ntaganda era entrato nell’ambasciata degli Stati Uniti, nella capitale ruandese Kigali, nel 2013 chiedendo di essere inviato al tribunale internazionale nei Paesi Bassi. I pubblici ministeri hanno sospettato che la sua decisione di consegnarsi alla Corte quell’anno era basata sul fatto che la sua vita era in pericolo a causa di una faida nel gruppo ribelle M23 fondato dallo stesso Ntaganda, generale dell’esercito congolese dal 2007 al 2012, dopo il conflitto nell’Ituri. Le accuse a Ntaganda sono circostanziate e ricche di testimonianze. Secondo organizzazioni per la difesa di diritti umani, più di 60mila persone sono state uccise dallo scoppio delle violenze nella regione dell’Ituri nel 1999. La Corte ha dimostrato che i combattenti fedeli a Ntaganda hanno commesso atrocità quali un massacro in un campo di banane nel villaggio di Kobu, nel Nord-est della Rd Congo, in cui almeno 49 persone, tra le quali bambini e neonati, sono state uccise. Ntaganda è stato anche ritenuto responsabile dello stupro e della schiavitù sessuale di ragazze minorenni nonché del reclutamento di soldati di età inferiore ai 15 anni. Durante il processo, l’ex capo ribelle è stato ritratto anche come lo spietato leader delle rivolte etniche dei Tutsi nei conflitti che agitarono la Rdc dopo il genocidio del 1994 nel vicino Ruanda. Ntaganda durante il processo si è difeso e ha detto ai magistrati di essere «un soldato, non un criminale». Una frase che farebbe pensare che eseguisse degli ordini. In effetti il suo ruolo di “generale” anomalo (nato in Ruanda, ma inquadrato nell’esercito congolese) fa pensare che in quegli anni facesse il lavoro sporco a vantaggio di protagonisti “terzi”. [Con Africa Rivista]