Angola

Presidente Lourenço in visita dal Pontefice

ANGOLA – Il presidente angolano Joao Lourenço si trova in Vaticano per incontrare oggi Papa Francesco. E’ probabile che al Pontefice sia rivolto un invito a recarsi in Angola.
Negli ultimi 27 anni, l’Angola ha ricevuto le visite di due Papi, Giovanni Paolo II nel 1992 e Benedetto XVI nel 2009.

“L’incontro è il risultato di relazioni di cooperazione secolari tra l’Angola e la Chiesa cattolica” ha sottolineato il ministro degli Esteri angolano, Manuel Augusto.

Il 13 settembre scorso l’Angola e la Santa Sede hanno firmato, nella Città del Vaticano, un accordo quadro che riconosce la personalità giuridica della Chiesa cattolica in Angola. In particolare, viene riconosciuta la personalità giuridica pubblica della Chiesa e delle sue Istituzioni, nonché il libero esercizio della sua missione apostolica e il suo contributo specifico nelle diverse aree della vita sociale.

Le due parti, pur salvaguardando l’indipendenza e l’autonomia che sono loro proprie, si sono impegnate a collaborare per il benessere spirituale e materiale della persona umana, così come per la promozione del bene comune. [CC]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    Massmart pronta a sforbiciare i negozi Game Store

    SUDAFRICA - La Massmart Holdings Ltd ha avviato colloqui con i sindacati per tagliare fino a 1.800 posti di lavoro nei negozi Game Store attualmente in difficoltà. A pesare, secondo la società, sono le limitazioni alla spesa che le famiglie si sono imposte e in generale gli effetti del coronavirus sull’economia.  La società ha aggiunto di non aver intenzione di chiudere nemmeno uno dei negozi Game Store nonostante questi abbiano rappresentato un freno ai profitti generati dal resto del gruppo.  Di proprietà della statunitense Walmart, Massmart - che gestisce supermercati e rivendite come Makro e Game - ha riferito di aver avviato i colloqui con i sindacati dopo aver valutato l’efficienza dei negozi. La stessa società ha quindi sostenuto di aver pronto da implementare un nuovo modello operativo per i Game Store. [MS]
  • Sudafrica Free

    Total riprenderà le perforazioni a settembre

    SUDAFRICA - Total e i suoi partner riprenderanno a perforare il blocco 11B / 12B nell'offshore del Sudafrica a settembre, dopo che la pandemia di covid-19 ha ritardato il programma di esplorazione di diversi mesi. La piattaforma semisommergibile Deepsea Stavanger è partita da Bergen, in Norvegia, per il Sudafrica per avviare un programma di perforazione multi-pozzo, ha riferito la canadese Oil Energy Corp, società partner di Total.  Il pozzo Luiperd-1 sarà avviato a settembre, ha appunto riferito Africa Energy; in precedenza, il piano prevedeva di riprendere le perforazioni a giugno. [MS]
  • Madagascar Free

    Fondi contro i rischi della siccità

    MADAGASCAR - Il governo di Antananarivo ha ricevuto dalla compagnia assicurativa Pan African Risk Management Mutual (ARC) dell’Unione Africana 2,13 milioni di dollari per coprire le perdite causate dall’ultima siccità.

    A darne notizia è la Banca africana di sviluppo (AfDB), precisando che il pagamento rappresenta il premio per l'assicurazione contro la siccità sottoscritta dal Madagascar.

    I fondi saranno utilizzati per proteggere 600.000 persone vulnerabili colpite da catastrofi climatiche, compresa la siccità, che ha colpito le colture durante l'ultima stagione.

    Gli interventi si concentreranno sul trasferimento di denaro a 15.000 famiglie vulnerabili, sul sostegno nutrizionale a 2000 bambini di età inferiore ai cinque anni e sulla fornitura di acqua potabile per 84.000 famiglie.

    Il Madagascar sta affrontando devastanti rischi climatici, che si aggiungono a una generale insicurezza alimentare. Oltre ai cicloni, l'isola dell'Oceano Indiano affronta inondazioni e siccità, che incidono sulle sue finanze pubbliche e sulla crescita economica.

    Secondo l’AfDB, nel 2017 le catastrofi naturali in Madagascar hanno causato danni per circa 420 milioni di dollari spingendo il governo malgascio ad aderire al programma pilota dell’ARC per la protezione dei rischi causati da fenomeni climatici estremi. [MV]

  • Angola Free

    Approvata creazione piattaforma informatica per...

    ANGOLA - Il presidente João Lourenço ha firmato un decreto che stabilisce la creazione di una piattaforma informatica per consentire agli investitori di accedere ai servizi della pubblica amministrazione angolana con maggiore rapidità.

    A segnalarlo sono i media specializzati, precisando che secondo quel che viene comunicato dalle autorità competenti lo strumento informatico sarà operativo entro il mese di settembre.

    La piattaforma, istituita attraverso il decreto presidenziale n. 167/20, si caratterizzerà come uno sportello virtuale dove concentrare tutti i servizi necessari agli investitori locali e internazionali per ottenere le licenze e le autorizzazioni necessarie e realizzare così i loro progetti di investimento, costituendo un meccanismo unico di contatto con la pubblica amministrazione.

    Obiettivo dell’iniziativa, che sarà realizzata e gestita dall’Agenzia per gli investimenti privati e la promozione delle esportazioni dell'Angola (AIPEX), è semplificare le procedure burocratiche e accorciare i tempi necessari ad avviare nuovi progetti di investimento. [MV]

  • Angola Free

    Obiettivo autosufficienza alimentare entro cinque anni

    ANGOLA - Raggiungere l’autosufficienza alimentare in cinque anni: un obiettivo che, secondo il ministro dell’Agricoltura Francisco de Assis, l’Angola può realizzare se risolve una serie di problematiche interne.

    Intervenendo in un’intervista sulla televisione pubblica angolana, il titolare del dicastero dell’Agricoltura angolano ha infatti sottolineato come tutti gli indicatori mostrino significativi progressi nella produzione, ma restino da risolvere alcune questioni centrali, dalle competenze del capitale umano alla logistica passando per alcune distorsioni legate all’importazione dei prodotti dall’estero.

    De Assis ha evidenziato però in primo luogo le difficoltà soprattutto per i piccoli contadini di accesso ai fertilizzanti e i loro alti prezzi, ricordando che l’Angola necessita di almeno 60.000 tonnellate di fertilizzanti agricoli all’anno.

    “La nostra seconda indipendenza si verificherà quando il Paese avrà una dotazione di fabbriche di fertilizzanti capaci di soddisfare il fabbisogno nazionale, producendo concimi diversi in base alle diverse caratteristiche delle regioni agro-climatiche del paese”, ha detto il ministro angolano.

    Uno dei maggiori problemi che ostacolano lo sviluppo dell'agricoltura, ha sottolineato ancora de Assis, ha a che fare con le difficoltà del flusso di prodotti a causa del gap infrastrutturale e dello scarso accesso ai mercati, creando gravi distorsione nell’area del commercio, della distribuzione e dei trasporti.

    “In sintesi - ha concluso il ministro dell’Agricoltura angolano - la sfida principale del settore è la sostenibilità dell’economia nazionale”. [MV]

  • Mozambico Free

    Sasol restituisce licenza esplorativa gas naturale

    MOZAMBICO - Il gruppo petrolchimico sudafricano Sasol ha comunicato di voler restituire al governo di Maputo una licenza per l’esplorazione del gas naturale al largo della provincia centrale di Sofala in Mozambico.

    “Sasol restituirà nella sua interezza il blocco 16/19 al governo del Mozambico - si legge in una nota diffusa dal gruppo - A tal fine, una comunicazione di recesso è già stata inviata alle autorità mozambicane interessate”.

    La restituzione della licenza rientra in una strategia che punta alla cessione di asset non strategici per far fronte alle difficoltà economiche e ripagare il debito aziendale evitando una potenziale voragine da due miliardi di dollari.

    La licenza esplorativa del blocco 16/19 era stata assegnata a Sasol nel 2005, ma nel 2013 il gruppo sudafricano aveva restituito i diritti relativi alle risorse in acque profonde ritenendo la loro estrazione non fattibile da un punto di vista commerciale e conservando la licenza per l’esplorazione delle risorse in acque poco profonde - fino all’odierna decisione di restituirla al governo.

    In Mozambico il gruppo sudafricano mantiene invece i diritti per l’estrazione di idrocarburi nei blocchi onshore di Pande e Temane nella provincia di Inhambane. [MV]