Libia

Sviluppo economico e protezione investimenti, intervista a presidente Ispramed 

LIBIA – “Sostegno allo sforzo libico nel continuare a migliorare gli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie nella consapevolezza che questi possono facilitare gli investimenti e quindi essere fattore di stabilità”. È questo un punto su cui insiste Paolo Sannella, Presidente dell’Istituto per la Promozione dell’Arbitrato e della Conciliazione nel Mediterraneo (Ispramed), alla vigilia della Terza Conferenza Internazionale sull’Arbitrato in Libia prevista il prossimo 19 novembre presso la sede della Camera di Commercio di Milano.

 

La Conferenza Internazionale sull’Arbitrato in Libia che si terrà a Milano il prossimo 19 novembre sarà la terza del genere ma sarà la prima sotto vari aspetti, in particolar modo per il fatto che si svolgerà in territorio europeo. Ambasciatore Sannella, perché l’Italia?

“In effetti, il Centro Libico per l’Arbitrato Commerciale Internazionale (Lcica) ha organizzato a Tunisi la Prima e la Seconda Conferenza Internazionale sull’arbitrato in Libia perché questo evento era difficilmente ospitabile a Tripoli. Queste due conferenze sono state essenzialmente aperte ai centri arbitrali del mondo arabo. Fino allo scorso anno, prima che Lcica chiedesse a Ispramed di organizzare la Terza Conferenza Internazionale nella sponda nord del Mediterraneo. Nell’organizzare questo convegno a Milano, vogliamo riaffermare il nostro pieno sostegno allo sforzo libico nel continuare a migliorare il sistema ADR ovvero le procedure di risoluzione delle controversie alternative al giudizio in tribunale. Questa conferenza, organizzata con la piena consapevolezza della struttura politica italiana, attraverso il Ministero degli Esteri e l’ambasciata italiana a Tripoli, e delle autorità politiche libiche, si propone come un incontro dal contenuto non solo tecnico ma anche politico. Da una parte, gli interventi puramente tecnici riguarderanno i vari passi di una procedura arbitrale e di come rendere tali procedure capaci di garantire la sicurezza e gli interessi delle parti. E dall’altra, riflessioni di carattere più economico e politico affronteranno la questione di come favorire la pace in Libia attraverso gli investimenti e gli scambi con la sponda nord del Mediterraneo”.

Quali sono gli obiettivi della Conferenza di Milano?

“Innanzitutto, attraverso la disamina del quadro legislativo e regolamentare che governa gli investimenti in Libia –  in questo momento in grande difficoltà in quanto attraversata da una grave crisi istituzionale, politica, economica e militare – si intende confermare la volontà di Lcica sostenuta da Ispramed di avviare una vera e propria attività continuativa di assistenza e di formazione di tutti gli operatori del mondo arbitrale: magistrati, avvocati, imprenditori e amministratori pubblici dei settori della giustizia, dell’economia e dello sviluppo.

La conferenza si propone di rafforzare questa volontà di dare maggiore vigore al sistema di risoluzione alternativa delle controversie nel Paese.

Il secondo obiettivo è quello di coinvolgere il mondo delle imprese italiane ma anche internazionali, per creare strumenti che favoriscano gli investimenti e così contribuire al ritorno della pace anche da un punto di vista economico. Per ricostituire  il tessuto socio economico locale, ci vogliono investimenti e per garantire quegli investimenti, ci vuole un fondo di assicurazione per i rischi di guerra, i rischi politici, e un sistema di risoluzione delle controversie come l’arbitrato”.

Può spiegare le garanzie conferite dalla procedura arbitrale alle aziende che operano all’estero?

“L’arbitrato si pone come alternativa alla giustizia ordinaria per la risoluzione di controversie commerciali con soluzioni efficienti, rapide ed economicamente sostenibili. È ormai opinione dominante a livello internazionale che il ricorso a strumenti agili e soprattutto consensuali – cioè scelti volontariamente dalle parti – faciliti la ricerca di una soluzione e il mantenimento di un clima pacifico tra gli attori del mondo economico, favorendo ulteriori investimenti, ulteriori scambi e quindi relazioni economiche di interesse crescente tra i partner. L’arbitrato (e ancor di più la mediazione), presupponendo per definizione una procedura di dialogo tra due operatori in conflitto tra di loro, qualunque sia il punto controverso del contratto tra le parti, è già una scelta pacifica. Io direi che è l’esempio stesso di come tutti i conflitti potrebbero essere risolti pacificamente, senza ricorrere alle armi. Esiste sempre un punto di intesa nelle controversie”. [CN]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Marocco Free

    Ambiente, accordo di cooperazione con Singapore

    MAROCCO – Il ministro marocchino degli Affari esteri e della Cooperazione africana Nasser Bourita e il ministro degli Affari esteri di Singapore, Vivian Balakrishnan, hanno firmato ieri a Rabat un memorandum d’intesa relativo all’accordo di Parigi , nonché una lettera di intenti tra i ministeri dei due Paesi. Attraverso questo protocollo d’intesa, le due parti hanno espresso l’intenzione di collaborare nel campo del superamento del carbonio previsto dall’Accordo di Parigi, e di promuovere lo sviluppo sostenibile e l’integrità ambientale. La cooperazione tra Marocco e Singapore, nell’ambito di questo memorandum, prevede lo scambio di informazioni, conoscenze, migliori pratiche ed esperienze per la gestione e lo sviluppo di attività e risorse di mitigazione dei gas serra. Per quanto riguarda la lettera di intenti, i due ministri hanno espresso la volontà di promuovere la cooperazione tra i loro Paesi nel campo del rafforzamento delle capacità e dell’assistenza tecnica. [GT]
  • Tunisia Free

    Ice aiuta imprese tunisine a partecipare a fiera Eima

    TUNISIA – Una decina di aziende tunisine saranno selezionate dall’Agenzia Italiana per il Commercio Estero (Ice) per partecipare alla 45a edizione di Esposizione internazionale di macchine per l’agricoltura e il giardinaggio che si svolgerà a Bologna (Italia) dal 9 al 13 novembre 2022. Lo ha annunciato ieri Donatella Laricci, direttrice dell’agenzia Ice in Tunisia, nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Tunisi per presentare l’evento. La responsabile ha spiegato che si tratta di una strategia di supporto, volta a sensibilizzare le aziende selezionate alle tecnologie italiane con l’obiettivo di creare condizioni favorevoli per una collaborazione congiunta tra i due Paesi. Le aziende partecipanti potranno beneficiare di spese di viaggio e soggiorno e di un programma di attività. La fiera Eima International vanta di essere la più grande manifestazione mondiale nel settore della componentistica per macchine agricole con una diversificata gamma di prodotti, tecnologie e attrezzature (trattori, mietitrici, impianti meccanizzati per la frutticoltura e l’olivicoltura, sistemi di irrigazione, raccolta, trasporto e giardinaggio…). Nel 2021, nonostante la pandemia, la manifestazione ha registrato la partecipazione di 270.700 visitatori e 1.364 espositori, di cui oltre il 30% provenienti da 70 Paesi, secondo gli organizzatori. [CC]
  • Algeria Free

    Sonatrach rivede i prezzi del gas esportato

    ALGERIA – L’Algeria annuncerà presto accordi con i suoi partner inerenti a una una revisione dei prezzi del gas per l’esportazione. Lo ha annunciato ad Algeri l’amministratore delegato del gruppo Sonatrach, Toufik Hakkar. Durante una conferenza stampa, organizzata dopo la presentazione dei risultati di Sonatrach per l’anno 2021 e i primi cinque mesi del 2022, Hakkar ha affermato che “la revisione dei prezzi del gas esportato dall’Algeria viene effettuata con tutti i suoi partner visto l’aumento dei prezzi mondiali del gas”. Come riferisce l’agenzia ufficiale Aps, oltre all’accordo siglato di recente con il gruppo italiano Eni, “sono in corso di negoziazione altri accordi con due partner, soprattutto perché nell’ultimo trimestre i prezzi del gas sono aumentati sul mercato Spot”, ha spiegato l’amministratore delegato di Sonatrach. “La revisione del prezzo viene eseguita con tutti i partner di Sonatrach senza tener conto della natura del partner. Le trattative sono molto avanzate”, ha affermato. Inoltre, Hakkar ha anche menzionato le recenti scoperte di gas a Hassi R’mel (Laghouat), affermando che le prime produzioni da queste scoperte inizieranno il prossimo settembre grazie agli impianti esistenti, con un volume previsto di oltre 10 milioni di m3/giorno . Interrogato sul possibile reindirizzamento del gas algerino ad altri Paesi da parte dei partner algerini, Hakkar ha affermato che “nessun caso di rivendita di gas algerino da parte dei partner di Sonatrach è stato registrato finora”. Si tratta di un riferimento alla riattivazione del gasdotto Maghreb Europa dalla Spagna verso il Marocco. Il manager del Gruppo nazionale idrocarburi ha sottolineato l’interesse di nuovi partner per l’acquisizione del gas algerino. In particolare, ha citato le richieste dei paesi dell’Est europeo, richieste che “sono attualmente allo studio”, a livello di Sonatrach. [CC]
  • Egitto Free

    Camera rappresentanti approva accordo con Riad sul Pif

    EGITTO – La Camera dei rappresentanti egiziana, la camera bassa del Parlamento, ha approvato un accordo firmato a marzo tra Il Cairo e Riad che ha come oggetto il Fondo per gli investimenti pubblici (Pif) dell’Arabia Saudita. L’accordo, scrive Arab News, mira a incoraggiare, sostenere e proteggere gli investimenti del Pif in Egitto, migliorare il commercio bilaterale ed espandere gli investimenti di entrambi i paesi in altri Stati a livello regionale e internazionale. Il Pif, fondato nel 1971, è uno dei più grandi fondi sovrani al mondo, con un patrimonio stimato di 620 miliardi di dollari. [TM]
  • Tunisia Free

    Delegazione Fmi a Tunisi per negoziati su prestiti

    TUNISIA - Una delegazione del Fondo Monetario Internazionale sarà in Tunisia a partire da oggi per avviare i negoziati su un programma di prestiti. La visita fa seguito al completamento dei colloqui tecnici tra l’Fmi e la Tunisia, ha dichiarato Zied Mouhli, portavoce della Banca centrale. La Tunisia, che sta affrontando una crisi finanziaria profonda, sta cercando di raggiungere un accordo di prestito in cambio di un pacchetto di riforme per sostenere le sue finanze pubbliche in difficoltà. Due settimane fa, l’Fmi ha accolto con favore le riforme economiche proposte dal governo tunisino e si è detto pronto ad avviare i negoziati. “Il programma di riforme annunciato dal governo presenta diversi vantaggi, come l'aumento della credibilità, che rende le possibilità di successo maggiori rispetto al passato", ha dichiarato Jihad Azour, direttore del Dipartimento Medio Oriente e Asia Centrale del Fondo. "Dopo mesi di discussioni tecniche con le autorità tunisine, l’Fmi è pronto ad avviare i negoziati sul programma nelle prossime settimane", ha aggiunto. Il piano di riforme della Tunisia prevede il congelamento dei salari, l'interruzione delle assunzioni nel settore pubblico, il taglio dei sussidi per l'energia e i generi alimentari e la vendita di azioni di società statali. Il sindacato Ugtt, con circa 1 milione di iscritti, si oppone fermamente al programma proposto e il mese scorso ha lanciato uno sciopero nazionale nelle aziende pubbliche. [MS]
  • Egitto Free

    Dopo attacco squalo chiuso tratto costa del Mar Rosso

    EGITTO - Le autorità egiziane hanno chiuso nel fine settimana un tratto di costa del Mar Rosso, dopo che uno squalo ha attaccato e ucciso una donna austriaca che nuotava vicino alla località di Hurghada. La donna, 68 anni, che ha perso una gamba e un braccio nell'attacco dello squalo, è morta poco dopo essere stata portata all'ospedale Nile Hospital di Hurghada, ha riferito un funzionario sanitario egiziano. La donna era a malapena viva quando è stata portata ammessa in ospedale, ha detto il funzionario che ha parlato con l’agenzia Ap in maniera anonima, aggiungendo che i tentativi del personale medico di rianimarla sono falliti. In un secondo tempo è stata accertata la morte di una seconda turista, di circa 40 anni di età e di nazionalità rumena. Secondo un documento interno dell'ufficio del governatore della provincia del Mar Rosso, le autorità dovrebbero chiudere l'area per tre giorni, vietando tutte le "attività marine", tra cui immersioni, snorkeling, wind surf e kite sailing. Anche le barche da pesca sono state bandite dalle acque al largo di Hurghada. [MS]