Angola

Accordi Angola-Eni per energia, salute, diversificazione economica

ANGOLA – Diversi accordi che coinvolgono l’Angola e l’Italia sono stati firmati ieri mattina presso l’ambasciata d’Angola a Roma a margine della visita ufficiale del presidente Joao Lourenço in Vaticano.

Gli accordi sono stati firmati alla presenza di una delegazione ufficiale di alto livello, tra cui il ministro delle Risorse minerarie e dell’Energia, Diamantino Azevedo, il Ministro dell’energia e dell’acqua João Baptista Borges, ill Ministro della salute Sílvia Lutucuta, il Presidente del Consiglio di Amministrazione dell’ANPG Paulino Fernando de Carvalho Jerónimo e il Presidente del Consiglio di Amministrazione di Sonangol Sebastião Pai Querido Gaspar Martins.

Gli accordi coinvolgono soprattutto la partnership con Eni, major italiana già impegnata in Angola, di cui i vertici erano presenti in Ambasciata.

L’Amministratore Delegato di Eni Claudio Descalzi e rappresentanti del Governo angolano hanno firmato un Protocollo di Intesa ed una serie di altri accordi che spaziano dallo sviluppo locale alle energie rinnovabili, dalla salute alla ricerca di idrocarburi e che si inquadrano nella strategia di sviluppo a lungo termine di Eni, che coniuga il business tradizionale con l’impegno per la crescita diversificata e sostenibile dei territori in cui opera.

Il Protocollo prevede lo sviluppo di progetti di accesso all’energia, diversificazione economica, life on land (protezione ed espansione delle foreste), accesso ad acqua sicura e servizi igienico-sanitari, accesso a servizi di sanità pubblica e istruzione. Area prioritaria di intervento sarà l’enclave di Cabinda, nel nord del paese, nella quale si prevede un impatto positivo su almeno 180.000 persone, con la creazione di circa 6.500 posti di lavoro e generando una capacità di riduzione delle emissioni di CO2 pari a circa 380 kt all’anno. Questo programma di sviluppo integrato (Local Development Program, LDP) è stato progettato nell’ambito del Piano di Sviluppo Nazionale dell’Angola, dei Contributi Nazionali Determinati (Nationally Determined Contributions, NDCs, gli obiettivi climatici che ogni Nazione si è data nell’ambito degli Accordi di Parigi per contribuire a limitare l’aumento della temperatura globale) e contribuisce agli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) dell’Agenda 2030 del Paese.

Eni e il Governo dell’Angola hanno altresì firmato l’Accordo di Concessione per un impianto fotovoltaico da 50 MWp nella provincia di Namibe, dove Eni supporta progetti di sviluppo rurale, e collegato alla rete di trasmissione nel sud del Paese. La centrale verrà realizzata da Solenova, joint venture tra Eni e Sonangol dedicata allo sviluppo di progetti di energia rinnovabile. Tale iniziativa è in linea con la strategia dell’Angola nel settore elettrico, volta a promuovere l’energia rinnovabile per ridurre il consumo di gasolio, i costi operativi e le emissioni di CO2 associate. L’implementazione della prima fase del progetto da 25 MWp consentirà una riduzione del consumo di diesel stimata in circa 13,500 metri cubi all’anno, la riduzione dei costi di produzione di elettricità e delle emissioni di gas serra pari a circa 20000 tCO2eq/anno.

Oltre a ciò, Eni e il Ministero della Salute dell’Angola hanno siglato un Memorandum of Understanding per rafforzare i servizi specialistici di ospedali selezionati investendo nello sviluppo delle risorse umane e nel miglioramento degli standard di qualità. Il progetto, che è una delle componenti del Local Development Program, prevede la selezione di personale angolano qualificato all’interno di strutture sanitarie di Luanda e della provincia di Cabinda, lo sviluppo di competenze nei campi della cardiochirurgia, nefrologia, nefrologia infantile, neurologia pediatrica, ematologia/oncologia pediatrica, malattie infettive, nutrizione, salute femminile, cura del bambino, epidemiologia, e una stretta collaborazione tra le istituzioni sanitarie angolane e quelle italiane di primaria eccellenza, attraverso job training e telemedicina. I beneficiari diretti del progetto saranno circa 200 tra personale medico, paramedico e tecnico delle diverse istituzioni coinvolte, con una ricaduta positiva sul Paese attraverso il miglioramento della qualità del servizio sanitario. Questo progetto è in linea con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDG).

Infine, Eni e l’Agenzia Nazionale del Petrolio, del Gas e dei biocombustibili (ANPG) hanno firmato i contratti di acquisizione dei diritti minerari sul blocco offshore 1/14, che vede Eni come operatore con il 35%, in consorzio con Equinor (30%), Sonangol P&P (25%) e Acrep (10%), e sul blocco onshore Cabinda centro, che vede Eni operatore con 42.5%, ExxonMobil con il 32.5%, e Sonangol P&P con il 25%.

Gli accordi sono stati firmati tra Eni e una delegazione di rappresentanti delle istituzioni angolane formata dal Ministro delle risorse minerarie e del petrolio Diamantino Azevedo, dal Ministro dell’energia e dell’acqua João Baptista Borges, del Ministro della salute Sílvia Lutucuta, dal Presidente del Consiglio di Amministrazione dell’ANPG Paulino Fernando de Carvalho Jerónimo e dal Presidente del Consiglio di Amministrazione di Sonangol Sebastião Pai Querido Gaspar Martins.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    In preparazione un piano nazionale per le...

    SUDAFRICA - Il ministero dei Lavori pubblici sudafricano sta lavorando alla redazione di un piano nazionali per gli investimenti infrastrutturali nel Paese.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che il governo ha recentemente istituito una nuova entità - denominata Infrastructure South Africa (ISA) - che sarà responsabile della progettazione, della presentazione, delle modalità di finanziamento e della supervisione strategica di tutti i progetti inseriti nel piano.

    Secondo le informazioni rese note dal ministro dei Lavori pubblici sudafricano, Patricia de Lille, il piano nazionale delle infrastrutture ha un arco temporale di 25 anni per fornire una strategia a lungo termine e dovrebbe contenere 276 progetti per un valore economico complessivo stimato pari a  circa 150 miliardi di euro.

    Obiettivo del governo è raddoppiare la spesa destinata alla realizzazione di nuove infrastrutture, attualmente equivalente a una percentuale del 5,8% rispetto al prodotto interno lordo. [MV]

  • Sudafrica Free

    Conferenza virtuale su una 'just energy transition'

    SUDAFRICA - RES4Africa Foundation organizza un evento virtuale incentrato su una “Just Energy Transition” in Sudafrica, il più grande mercato di energia elettrica in Africa, ancora fortemente dipendente dal carbone e la cui domanda energetica è influenzata da frequenti carenze di approvvigionamento, aumento delle tariffe e minore intensità energetica. Durante l’evento virtuale, sarà presentato lo studio “Development of a reskilling framework a support of a just energy transition”, sviluppato per RES4Africa Foundation da CSIR ed ERM.  Lo studio si propone di valutare il numero di nuovi posti di lavoro che verranno creati da fonti rinnovabili e il relativo fabbisogno di competenze, nonché di disegnare un piano quadro di riqualificazione che evidenzi i fattori abilitanti per renderlo attuabile.  Lo studio presenta anche le lezioni apprese dai Paesi in cui è già avvenuta la transizione a un sistema energetico a basse emissioni di carbonio, concentrandosi sui principali risultati socio-economici in termini di SDGs, evidenziando somiglianze e consigliando possibili azioni utili per il caso sudafricano. Per iscriversi al webinar seguire questo link cliccando qui.
  • Namibia Free

    Banca centrale al lavoro su inflazione e stabilità...

    NAMIBIA - Il nuovo governatore della banca centrale della Namibia ha affermato che continuerà a concentrarsi sull’inflazione e sulla stabilità finanziaria della nazione cercando nel contempo di rilanciare un’economia che si è contratta in tre degli ultimi quattro anni. “L’inflazione è attualmente sotto controllo e i tassi di interesse ai minimi dall'indipendenza”, ha detto ai giornalisti Johannes Gawaxab durante un briefing in occasione del suo centesimo giorno in carica. “Ora siamo tenuti a sostenere gli altri obiettivi economici del governo, in particolare quelli relativi alla disoccupazione, alla riduzione delle disuguaglianze, alla stabilità finanziaria e all'efficienza del sistema finanziario”. Gawaxab, un ex dirigente di Old Mutual Group Ltd., ha sostituito Ipumbu Shiimi, che è stato nominato ministro delle Finanze a marzo. La Banca della Namibia prevede che l'economia si contrarrà del 7,8% quest'anno prima di riprendersi per espandersi del 2,1% nel 2021 e del 2,7% nel 2022. [MS]
  • Angola Free

    Fmi approva l’aumento di sostegno finanziario a...

    ANGOLA – È stata accettata dal Fondo monetario internazionale (Fmi) la domanda d’aumento di sostegno espressa da Luanda. La decisione, titolo di apertura del Jornal de Angola, era attesa nel contesto di crisi economica conseguenza della pandemia di covid-19. L’Fmi ha approvato un aumento di sostegno finanziario di 765 milioni di dollari, che porta l’impegno complessivo a 4,5 miliardi. L’istituzione ha inoltre disposto il rilascio immediato di un miliardo. Il Consiglio dei direttori del Fmi ha riconosciuto che l’economia dell’Angola è stata duramente colpita da uno shock multiplo dovuto sia alla crisi del covid che al crollo dei prezzi del petrolio. L’accordo di finanziamento con l’Angola fu approvato il 7 dicembre 2018 per un periodo di tre anni e un ammontare di 3,7 miliardi di dollari. [CC]
  • Angola Free

    Sminate nuove aree nella provincia di Cuanza Sul

    ANGOLA - Oltre 190.000 metri quadrati di terra sono stati sminati nella provincia di Cuanza Sul, nell’ovest dell’Angola. Lo ha riferito Jorge Pombo, coordinatore provinciale  della Commissione nazionale per lo sminamento e l’aiuto umanitario (Cnidah).  Lo stesso pombo ha specificato durante una cerimonia di distruzione controllata di questi dispositivi mortali che i materiali distrutti includevano tre mine antiuomo, 1.358 diversi ordigni esplosivi e 2.589 munizioni di diversi calibri estratti dallo scorso anno nei comuni di Cela, Quibala ed Ebo de Cuanza Sul. Le principali aree bonificate sono sotto linee elettriche di media tensione e nelle aziende agricole, ha aggiunto Pombo. Secondo lui, Cuanza Sul è la terza provincia più minata del Paese, con 126 settori sospettati di essere minati, dopo le province orientali di Cuando-Cubango (256) e Moxico (244). Il governo intende liberarsi entro il 2025 dalle mine terrestri sepolte durante la guerra civile che ha devastato il Paese dal 1975 al 2002. [MS]
  • Mozambico Free

    Verso riduzione produzione tabacco

    MOZAMBICO - La Mozambique Leaf Tobacco (Mlt) sta pianificando la riduzione della produzione di tabacco nella provincia settentrionale di Niassa. La decisione è stata presa a causa delle difficoltà legate alla pandemia di covid-19.  Claudio Ferreira, responsabile di Mlt di Niassa e Zambezia, ha affermato che alcuni Paesi che sono potenziali mercati per il tabacco mozambicano hanno ridotto significativamente le loro importazioni per proteggere la salute dei loro cittadini. Il fumo ha sempre comportato gravi rischi per la salute e il tabacco sta quindi risentendo degli sforzi dei vari ministeri della Salute per ridurre il numero di persone che fumano. Ferreira ha detto che Mlt lavorerà con 36.500 produttori contadini, circa 4.000 in meno rispetto all’anno 2019-2020. L’area coltivata a tabacco si ridurrà, ha aggiunto, ma non ha detto di quanto. [MS]