Kenya

AfDB ritira finanziamento per centrale a carbone di Lamu

KENYA – La Banca africana di sviluppo (AfDB) ha deciso di non voler finanziare il progetto per la costruzione di una centrale a carbone a Lamu.

(105 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Kenya Free

    Arrestato il governatore di Nairobi per presunta...

    KENYA - Il governatore di Nairobi, Mike Sonko, è stato arrestato a Voi su ordine del procuratore della Repubblica Noordin Haji per presunto coinvolgimento nella scomparsa di fondi pubblici.   La polizia e la Commissione anti-corruzione stanno attualmente indagando su questi sospetti nei confronti del responsabile politico.   Diversi capi d’accusa per crimini economici pesano su Sonko,tra cui l’acquisto illegale di proprietà e riciclaggio. Il procuratore ha fatto sapere che l’indagine è stata resa difficile dai tentativi del governatore di ostacolare le ricerche.   Altri imputati del settore privato, che avrebbero beneficiato di manovre all’interno del City Council della capitale, sono sulla lista degli indagati. [CC]
  • Uganda Free

    Fondi Banca Mondiale a Grainpulse

    UGANDA - IFC, ente del gruppo della Banca mondiale e il Programma globale per la sicurezza alimentare e agricola (Gafsp), hanno annunciato un prestito di 11 milioni di dollari alla società agroalimentare ugandese Grainpulse per sostenere la sua espansione, rafforzare la sua filiera di fornitura agricola, aumentare la produzione alimentare e la crescita economica nel Paese. L’investimento aiuterà Grainpulse ad espandersi fino a diventare uno sportello unico per gli agricoltori, fornendo servizi multipli, come la miscelazione di fertilizzanti. Hannington Karuhanga, amministratore delegato e fondatore di Grainpulse, ha dichiarato che la collaborazione con IFC aiuterà Grainpulse a passare alla fase successiva della crescita: “Abbiamo scelto di lavorare con IFC perché offre una visione a lungo termine della nostra partnership e aggiunge valore oltre il finanziamento. Siamo in linea con IFC sul nostro obiettivo di sostenere gli agricoltori ugandesi”. IFC aiuterà inoltre Grainpulse a lanciare una piattaforma online in modo che gli agricoltori possano accedere facilmente alle informazioni sulle migliori pratiche e formare i rivenditori sulle capacità di gestione finanziaria per aiutarli ad espandere e garantire l’accesso ai finanziamenti. [MS]
  • Rwanda Free

    Dopo l’Arsenal Kigali sponsorizza anche il Paris...

    RWANDA - Il Paris Saint-Germain ha firmato un accordo con il Rwanda per una partnership triennale. Il noto club calcistico francese segue quindi gli inglesi dell’Arsenal che già nel 2018 avevano raggiunto un accordo simile con Kigali. Ancora una volta, lo scopo dell’operazione è promuovere il turismo e i prodotti ruandesi. A partire dalla prossima stagione, il Parco dei Principi - lo stadio del club parigino - avrà i colori del logo ‘Visit Rwanda’, lo slogan che mira ad attirare più turisti nel Paese africano. Un logo che si troverà anche sulle maglie da allenamento dei giocatori e sulle maglie ufficiali della squadra femminile del PSG. I tifosi potranno anche gustare tè e caffè ruandesi allo stadio parigino. Il Rwanda Development Board, l’agenzia governativa alla base di questa partnership, conta sulla notorietà dei giocatori del PSG, che saranno invitati in Rwanda, a promuovere i siti turistici del Paese. [MS]
  • Sudan Free

    Washington annuncia nomina ambasciatore a Khartoum

    SUDAN - Gli Stati Uniti hanno annunciato la nomina di un ambasciatore in Sudan per la prima volta dopo 23 anni. La mossa rappresenta di fatto un’apertura al nuovo governo guidato dal primo ministro Abdalla Hamdok che ha preso il posto della lunga presidenza di Omar Hassan al-Bashir.  Il segretario di Stato Mike Pompeo ha annunciato che gli Stati Uniti nomineranno un ambasciatore a Khartoum, previa conferma del Senato, e che il Sudan ripristinerà a sua volta una rappresentanza a pieno livello a Washington. “Questo è un passo storico per rafforzare le nostre relazioni bilaterali”, ha scritto Pompeo su Twitter. In una dichiarazione di accompagnamento, Pompeo ha elogiato il governo di transizione guidato da Hamdok per aver avviato “grandi riforme”. Hamdok “ha dimostrato un impegno nei negoziati di pace con i gruppi armati dell’opposizione, ha istituito una commissione d’inchiesta per indagare sulla violenza contro i manifestanti e si è impegnato a tenere elezioni democratiche alla fine del periodo di transizione di 39 mesi”, ha detto Pompeo. Il Sudan resta tuttora inserito nella lista dei ‘Paesi canaglia’ compilata dagli Stati Uniti cosa che ha finora comportato una serie di sanzioni oltre che l’esclusione dai finanziamenti garantiti da istituzioni internazionali. [MS]
  • Uganda Free

    Si riaccende il dibattito sulla centrale nel parco...

    UGANDA – Torna d’attualità il controverso progetto di diga idroelettrica nei pressi delle cascate di Murchison, che tre mesi fa era stato scartato dal consiglio dei ministro, concordo nel dire che tale opera avrebbe influenzato lo scenario, l’ecosistema e successivamente il turismo nella regione. Dal ministro del Turismo Godfrey Kiwanda è giunta adesso la notizia che si farà uno studio di fattibilità, per capire se all’Uganda è più benefica una centrale elettrica oppure la biodiversità e il turismo nel Parco nazionale di Murchison. Riparte quindi il braccio di ferro tra le autorità, gli operatori turistici e i difensori dell’ambiente, promotori di una campagna per “salvare le cascate di Murchison”. Sembrerebbe che sia la Bonang Power, l’azienda sudafricana interessata a costruire l’impianto idroelettrico, a dover realizzare lo studio di fattibilità, un aspetto che solleva dubbi sull’imparzialità del lavoro. Secondo i ricercatori e gli operatori turistici, il progetto mette in pericolo l’ecosistema naturale e le attività di turismo sviluppatesi in questa area del Nilo Victoria. [CC]
  • Sud Sudan Free

    Inaugurata la prima centrale elettrica per Juba

    SUD SUDAN – La prima centrale elettrica per la capitale Juba è stata inaugurata nei giorni scorsi dal presidente sud-sudanese Salva Kiir. Al momento è entrata in servizio la prima fase di una  centrale da 100 megawatt alimentata a diesel e dotata di scrubbers. E’ per ora di 30 megawatt la capacità dell’impianto, che può fornire energia a circa 70.000 residenti della capitale, attraverso il sistema di distribuzione Juba City Power realizzato con finanziamenti della Banca africana per lo sviluppo. Il cantiere della centrale, costruita dal gruppo Ezra, era iniziato nel 2017; la centrale finita dovrebbe essere pronta per essere consegnata entro il 2021. L’investimento è stato pari a 290 milioni di dollari. Il 70% dell’elettricità usata i Sud-Sudan dalle abitazioni ed uffici è prodotta da generatori o altri sistemi alimentati a kerosene. Si augura che l’uso della centrale possa ridurre il tasso d’inquinamento causato dall’uso di tutti questi generatori. “Questo progetto aprirà la porta dello sviluppo nei settori economici” ha commentato il presidente Salva Kiir, ricordando che le centrali che possedeva il governo sono state chiuse a causa del conflitto interno scoppiato nel 2013. [CC]