Libia

La giustizia alternativa come opportunità… – 2

LIBIA – Il futuro della Libia è ancora incerto. Eppure, anche in un contesto così complicato, nuovi investimenti possono favorire la pacificazione del Paese: ne sono sicuri i rappresentanti del Centro Arbitrale Libico (LCICA) e della Camera Arbitrale di Milano che hanno firmato un accordo di cooperazione durante la “Terza Conferenza Internazionale sull’Arbitrato in Libia” promossa da ISPRAMED.

Un incontro in occasione del quale gli interventi di tutti i relatori si sono soffermati sulla necessità per il Paese nordafricano, stravolto da guerra e frammentazione politica, di favorire le procedure di giustizia alternativa come arbitrato, conciliazione e mediazione in caso di controversie commerciali.

“Accordi come quello firmato oggi vanno nella direzione giusta – ha detto Abdul Wahab Shagluf, presidente del LCICA – perché si prefiggono l’obiettivo di creare un clima di fiducia fra i libici e gli operatori economici stranieri, in particolare europei. In assenza di un quadro giuridico chiaro attrarre investimenti è complicato e, se far ripartire l’economia diventa impossibile, anche le prospettive di pace diventano una chimera”.

A maggior ragione in un Paese come la Libia – che non ha mai ratificato la Convenzione di New York del 1958 per il riconoscimento e l’esecuzione delle sentenze arbitrali straniere, altro punctum dolens evidenziato durante la conferenza promossa da ISPRAMED – ancora oggi afflitto da caos e guerra civile, caratterizzato da scarsa digitalizzazione delle banche, chiusura dei registri delle proprietà commerciali, corruzione endemica e disomogeneità del sistema legale.

Insomma, un Paese che è tutto da ricostruire ma Abdul Wahab Shagluf, in un commento rilasciato a InfoAfrica a margine dell’incontro, si è mostrato ottimista: “Noi del LCICA siamo qui a Milano perché sposiamo in toto gli obiettivi fissati da ISPRAMED, convinti che possano essere una buona base per far ripartire l’economia del Paese”.

“Sono fiducioso – ha concluso il presidente del Centro Arbitrale Libico – la situazione del Paese migliorerà, a maggior ragione se, come pare, tutte le parti in causa nel conflitto parteciperanno all’incontro previsto a Berlino verso Natale, che avrà come obiettivo quello di trovare un accordo che porti alla fine delle ostilità”. [DF]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Tunisia Free

    Italia concede prestito di 200 milioni alla Tunisia

    TUNISIA - E’ stato firmato un protocollo d'intesa per la cooperazione italo-tunisina in materia di sviluppo per il periodo 2021-2023 tra il ministro degli Esteri, Othman Jerandi e il suo omologo italiano, Luigi Di Maio. A darne notizia è l'ufficio di Tunisi dell'Agenzia ICE, precisando che la firma di questo protocollo d'intesa fa parte della due giorni di visita ufficiale, iniziata mercoledì 16 giugno, del Presidente della Repubblica, Kais Saied, in Italia, su invito del suo omologo italiano, Sergio Mattarella

    Con questo memorandum, l'Italia concederà alla Tunisia un prestito di 200 milioni di euro (50 milioni di euro sotto forma di sovvenzione e 150 milioni di euro sotto forma di prestito a tasso agevolato) per finanziare progetti di sviluppo e di rilancio economico.

    Questi progetti di sviluppo riguarderanno l'agricoltura, l'occupazione, la formazione professionale e l'integrazione dei giovani.

  • Egitto Free

    Annunciati investimenti Usa per la conversione solare

    EGITTO - Gli Stati Uniti stanno pianificando di aumentare i finanziamenti all’Egitto per sostenere la conversione all’energia solare per abbandonare i combustibili fossili. Lo ha dichiarato ieri al Cairo l’inviato speciale degli Stati Uniti per il clima John Kerry, in visita ufficiale in Egitto. Lo riportano i media egiziani. Kerry ha parlato con i giornalisti subito dopo l’incontro con il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shukry. L’Egitto continua a dipendere dai combustibili fossili per il suo fabbisogno energetico e una gigantesca nuvola di inquinamento atmosferico spesso aleggia sulla sua capitale, Il Cairo, che ospita circa 20 milioni di persone. Il governo egiziano ha dichiarato di voler soddisfare il 20% del fabbisogno energetico del paese con le energie rinnovabili prima del 2022 e il 43% entro il 2035. Ai giornalisti Kerry ha detto che la conversione alle energie rinnovabili potrebbe aiutare anche l’Egitto a creare posti di lavoro e che il mondo ha ancora molta strada da fare prima di raggiungere gli obiettivi internazionali fissati dall’accordo di Parigi del 2015 sul clima. [ASB]
  • Tunisia Free

    Presidente tunisino Saied in visita in Italia

    TUNISIA - Il presidente tunisino Kais Saied è da oggi, mercoledì 16 giugno, in Italia per una visita di Stato di due giorni accompagnato dal ministro degli Esteri Othman Jerandi. Prima della partenza, all’aeroporto di Tunisi, Saied ha passato in rassegna un drappello militare e salutato il primo ministro Hichem Mechichi, il governatore di Tunisi, Chedhli Bouallegue, e il sindaco di Tunisi, la signora Souad Abderrahim. In Italia, Saied incontrerà questo pomeriggio il presidente del consiglio Mario Draghi, a Palazzo Chigi. La visita di Saied giunge su invito del capo di Stato italiano Sergio Mattarella: era in programma già diversi mesi fa, poi era stata annullata a causa del covid. La Tunisia sta attraversando un forte momento di crisi economica e sta cercando sostegni internazionali per il suo nuovo programma di sviluppo che dovrebbe essere presentato tra luglio e agosto. L’Italia è uno dei principali partner della Tunisia ed è presente nel Paese nordafricano con oltre 850 imprese. [MS]
  • Egitto Free

    Eni firma per accorpamento concessioni nel Deserto...

    EGITTO - Il gruppo energetico Eni ha annunciato di aver firmato con il governo del Cairo, con l'Egyptian General Petroleum Corporation (EGPC) e con la russa Lukoil un accordo per l’unione e l’estensione al 2036, con la possibilità di ulteriore prolungamento al 2041, delle concessioni delle aree contrattuali di Meleiha e Meleiha Deep, nel Deserto Occidentale dell’Egitto.

    Secondo quel che viene comunicato dal gruppo energetico italiano, l'accordo permetterà di valorizzare, attraverso condizioni contrattuali migliorative, le considerevoli risorse dell’area, aggiungendo nuovo potenziale esplorativo grazie ad una campagna di acquisizione sismica 3D ad alta risoluzione e alla perforazione di pozzi esplorativi e di sviluppo.

    La costruzione di un nuovo impianto di trattamento del gas, che sarà connesso al Western Desert Gas Complex di Alessandria d’Egitto, offrirà inoltre la possibilità di valorizzare ulteriormente le riserve di gas della regione, rafforzando il ruolo di Eni come maggior produttore di gas in Egitto.

    La società farà leva sulle competenze di contrattisti locali già impegnati nella realizzazione di importanti progetti in Egitto, tra cui lo sviluppo fast-track del giacimento di gas di Zohr.

    L’operatore delle concessioni è Agiba, una joint-venture paritetica tra EGPC ed Eni, attraverso la sua controllata IEOC Production. IEOC detiene una quota del 76% nella concessione mentre l’altro partner, Lukoil, detiene il restante 24%.

  • Algeria Free

    Elezioni, maggioranza relativa per Fln

    ALGERIA - Il Fronte di liberazione nazionale (Fln), partito governativo, ha ottenuto 105 seggi nel parlamento algerino nelle elezioni legislative che si sono tenute sabato ed è così la prima formazione politica nel paese. 

    A riferirlo è stata l’autorità elettorale nazionale. Pur avendo la maggioranza relativa dei seggi l’Fln è lontano dai 204 seggi che gli garantirebbero la maggioranza assoluta sui 407 della camera bassa.

    Il principale partito islamico, il Movimento della società per la pace, ha guadagnato invece 64 seggi, mentre i candidati indipendenti 78. A seguire il partito moderato di centro del Raggruppamento nazionale democratico (Rnd) con 57 seggi, i nazionalisti del Fronte El Mostakbel con 48 seggi e il Movimento El Bina con 40.

    Le elezioni algerine erano state convocate anticipatamente dal presidente Abdelmadjid Tebboune, ma sono state segnate dal più alto tasso di astensione da 20 anni, dovuto almeno in parte al boicottaggio invocato da alcuni partiti di opposizione e sostenuto dal movimento pro democrazia Hirak. [TM]

  • Marocco Free

    Prestito per fronteggiare disastri naturali

    MAROCCO - La Banca mondiale ha approvato un finanziamento di 300 milioni di dollari per aiutare il Marocco a far fronte all’impatto dei disastri naturali. Lo ha comunicato la Banca in una dichiarazione. “Proteggendo la sua popolazione e la sua economia dai rischi naturali, il Marocco potrebbe risparmiare più di 800 milioni di dollari all’anno”, ha affermato Jesko Hentschel, direttore delle operazioni della Banca mondiale per il Maghreb, citato dal comunicato. Il finanziamento andrà a migliorare un progetto già avviato sulla gestione del rischio di catastrofi naturali. [TM]