Africa

Le tendenze del turismo, inclusività come strategia – 2

AFRICA – Il potenziale dell’offerta turistica in Africa è estremamente vario, dal viaggio naturalistico a quello d’avventura passando per il mare del Mar Rosso o dell’Oceano Indiano. A fronte di una simile ricchezza, com’è possibile che la quota del continente rispetto al turismo mondiale è pari a meno del 5% del totale?
In primo luogo pesa sicuramente la percezione della sicurezza. È innegabile che siano stati compiuti progressi significativi, ma molti Paesi del continente sono tuttora caratterizzati da condizioni di instabilità o sono percepiti come insicuri. Prendiamo come esempio l’Egitto, soprattutto per il numero di presenze che aveva prima dell’inizio delle cosiddette ‘primavere arabe’: il tema della sicurezza è stato centrale nel calo registrato negli anni scorsi. Bisogna poi considerare che stiamo parlando di un continente e di un’offerta che di fatto non si rivolge a un pubblico di massa, perché andare nella savana non è come andare a Berlino o Barcellona. C’è anche un discorso sanitario, perché in molte zone del continente sono ancora presenti in forma endemica malattie come la malaria o la febbre gialla. Fatta eccezione per l’Egitto, quello in Africa è un turismo di piccoli numeri che non possono essere messi a paragone con quelli, per esempio, della riviera romagnola.

(877 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Abbigliamento usato, primi per importazioni

    AFRICA - Con il 34% delle importazioni mondiali totali, l’Africa subsahariana è la destinazione numero uno per l’abbigliamento usato a livello mondiale. Il settore genera diversi milioni di posti di lavoro nel continente, lungo tutta la sua catena del valore e le importazioni africane di abbigliamento di seconda mano hanno registrato un aumento del 28,84% nel 2021 per raggiungere 1,84 miliardi di dollari. Lo riferisce l’agenzia Ecofin basandosi sul rapporto dalla piattaforma specializzata in tessile-abbigliamento Fibre2Fashion, intitolato Abbigliamento di seconda mano in Africa: opportunità e sfide. Il rapporto indica che i principali esportatori di abbigliamento usato nel continente sono, nell’ordine, Cina, Unione Europea, Regno Unito, Stati Uniti e Sud Corea. Le esportazioni cinesi di abbigliamento di seconda mano in Africa sono cresciute di oltre il 131% nel 2021, raggiungendo i 624 milioni di dollari. Ciò rende Pechino il più grande esportatore di questo tipo di abbigliamento nel continente. In Nord Africa le importazioni di abbigliamento usato sono stimate in 107 milioni di dollari. Nell’ultimo anno, il Kenya è stato il più grande importatore di abbigliamento di seconda mano dell’Africa, con 183.500 tonnellate acquisite. [CC]
  • Africa Free

    Da Bic un concorso per premiare l’arte africana

    AFRICA - Bic, leader mondiale nella produzione di cancelleria, accendini e rasoi, ha annunciato l’inizio del suo concorso artistico di punta, Art Master Africa arrivato oramai alla sua quinta edizione.
    Il concorso invita i talenti di tutta l’Africa e del Medio Oriente a esprimere la propria creatività producendo opere d’arte utilizzando la nota penna a sfera Bic. Il tema del concorso di quest’anno è “Celebrare l’Africa”, con l’invito agli artisti a presentare le proprie percezioni del continente e delle culture africane.
    Gli artisti possono partecipare al concorso presentando fino a tre opere d’arte originali di cosa significhi per loro “Celebrare l’Africa”. Le candidature verranno quindi esaminate e selezionate da una giuria che include artisti, professori d’arte, collezionisti, nonché i vincitori del concorso 2019 e 2021  Gayi Eric e Oscar Ukonu. La fase di invio delle candidature si chiuderà il 31 agosto prossimo. Una volta completata la fase di valutazione, i vincitori saranno annunciati entro il 15 ottobre.
    I primi, secondi e terzi classificati regionali saranno nominati Maestri d’arte africani, saranno celebrati nei rispettivi Paesi e riceveranno premi in denaro. Il primo classificato regionale riceverà anche la sua galleria personale online e l’opportunità di entrare a far parte della Bic Art Collection esposta a Parigi, in Francia.
    Il legame di Bic con l’arte dura da più di 60 anni. Il marchio celebra regolarmente la creatività e l’originalità degli artisti che trovano grande ispirazione nella creazione di capolavori utilizzando i prodotti Bic. La collezione d’arte di Bic comprende oltre 250 opere d’arte di 80 artisti internazionali. Bic mantiene numerose collaborazioni consolidate con istituti d’arte di tutto il mondo e espone i suoi prodotti in rinomati musei in tutto il mondo. Per maggiori informazioni, cliccare qui. [GT]
  • Africa Free

    Rinnovabili, da AfDB e Regno Unito garanzie per 2 mld...

    AFRICA - Il Regno Unito ha accettato di garantire 2 miliardi di dollari del debito che la Banca africana di sviluppo ha esteso ai governi del continente, consentendo in questo modo alla stessa AfDB di liberare finanziamenti per progetti legati al clima.  Akinwumi Adesina, presidente della banca che ha sede ad Abidjan, in Costa d'Avorio, ha dichiarato in un'intervista che la capacità di prestito aggiuntiva sarà utilizzata per finanziare progetti di resilienza climatica e di energia rinnovabile.  "Questo ci permette di liberare 2 miliardi di dollari di margine di finanziamento aggiuntivo per la banca". Le garanzie sono un passo avanti per colmare un vuoto di finanziamenti che l'Africa, il continente più colpito dal cambiamento climatico, deve colmare per finanziare il rafforzamento di infrastrutture come strade e ponti. Allo stesso tempo, le sue abbondanti risorse di energia solare e rinnovabile favoriscono lo sviluppo di energia più verde. [MS]
  • Africa Free

    Al G7 Macky Sall chiede un seggio per l’Ua nel G20

    AFRICA - In Germania, dove ha preso parte al vertice del G7 allargato a Elmau, il presidente senegalese Macky Sall ha chiesto un seggio nel G20 per Unione africana. L’attuale presidente dell’Unione africana (Ua) è convinto che un posto all’interno del G20 andrà a favore degli interessi del continente africano, che conta oltre 1,3 miliardi di abitanti e un Pil cumulato di oltre 2600 miliardi di dollari. Sall ha inoltre elogiato i Paesi partner che hanno sostenuto una transizione climatica equa ed equa per l’accesso universale all’elettricità in Africa. Secondo il presidente della Repubblica Macky Sall, più di 600 milioni di africani vivono ancora senza elettricità. Sall era stato invitato dal cancelliere tedesco Olaf Scholz, assieme al suo omologo sudafricano Cyril Ramaphosa, e ai leader di India, Indonesia e Argentina. [CC]
  • AfricaAlgeria Free

    Autostrada trans-sahariana sarà anche corridoio...

    ALGERIA - I ministri dei lavori pubblici dei Paesi membri del progetto stradale trans-sahariano hanno concordato sull'accelerazione della creazione di un corridoio economico, frutto dello sviluppo del progetto autostradale trans-sahariano. A riferirlo ieri ad Algeri è stato il segretario generale del Comitato di collegamento della autostrada trans-sahariana (Comité de liaison de la route transsaharienne, CLRT), Mohamed Ayadi. Durante un briefing con la stampa a margine della 73a sessione del CLRT, Ayadi ha sottolineato che questo accordo fa seguito a uno studio condotto dall'Unctad che raccomandava la creazione di un corridoio economico attraverso un meccanismo regionale per garantire un coordinamento "efficace" tra i Paesi membri al fine di migliorare la strada trans-sahariana. Questo potenziamento, ha affermato, dovrebbe comportare la facilitazione del transito, dei trasporti, del commercio e la generazione di investimenti, il tutto supportato dall'attuazione dell'Area di libero scambio continentale africana. Alla presenza dei ministri del settore dei Paesi membri del progetto dell'autostrada trans-sahariana (Algeria, Tunisia, Niger, Nigeria, Mali e Ciad), il ministro dei Lavori pubblici algerino, Kamel Nasri, ha preso atto dei progressi del progetto nei sei Paesi. Lo stesso ha indicato che è stato proposto di muoversi verso la promozione della autostrada trans-sahariana per ottenere un sistema che consenta la facilitazione del commercio lungo il corridoio, con l'uso delle tecnologie al fine di migliorare questa rete stradale. Da parte sua, il ministro nigeriano dei Lavori pubblici e dell'Edilizia abitativa, Mu'azu Sambo, ha ricordato che la autostrada trans-sahariana è stata "quasi completata", il che dovrebbe ora consentire di procedere verso un accordo di gestione economica del corridoio tra i sei Paesi membri. Il ministro tunisino dell'Equipaggiamento e dell'Edilizia abitativa, Sarah Zafarani, ha affermato l'interesse dei Paesi membri a realizzare studi e a portare a termine i lavori per sostenere gli investimenti. "La Tunisia è impegnata a lavorare con i Paesi membri della CLRT per realizzare un corridoio economico, aumentare gli scambi commerciali e migliorare la sicurezza su questa strada", ha dichiarato. Per l'Algeria, questa strada è considerata un asse strategico, poiché attraversa 10 wilaya lungo un percorso di 2.022 km, da Algeri a In Guezzam, al confine con il Niger, nell'estremo sud, passando per Blida, Médéa e poi El-Meniaa, Ain Salah e Tamanrasset. [MS]
  • Africa Free

    Germania restituisce opere a tre Paesi africani

    AFRICA - La Germania riconsegnerà a tre Paesi africani numerosi manufatti di inestimabile valore non solo economico sottratti durante il periodo coloniale. Lo ha riferito ieri la Fondazione prussiana per il patrimonio culturale secondo cui tra le opere che saranno restituite c’è una statua della dea madre Ngonnso’, che ha un grande significato spirituale per il popolo Nso’ del Camerun nord-occidentale.  La statua fa parte della collezione del Museo Etnologico di Berlino dal 1903, dopo essere stata "donata" da un ufficiale coloniale tedesco che l'aveva sottratta con la forza agli Nso'. La fondazione ha dichiarato che il suo consiglio di amministrazione ha raccomandato la restituzione della statua dopo lunghi colloqui tra i rappresentanti del museo e le delegazioni del Camerun. Alla Namibia saranno invece restituiti 23 manufatti, tra cui gioielli, utensili e oggetti di moda. Gli oggetti, anch'essi trafugati durante il periodo coloniale dal 1884 al 1919, erano stati inviati in Namibia il mese scorso a scopo di ricerca e ora vi rimarranno. La fondazione ha dichiarato che il suo presidente è stato anche autorizzato dal consiglio di amministrazione a firmare un accordo per la restituzione degli oggetti che la Germania ha saccheggiato in Tanzania durante la ribellione di Maji Maji. [MS]