Zambia

Avicoltura, prestiti britannici per Goldenlay

ZAMBIA – La britannica AgDevCo ha definito un prestito per Goldenlay, leader di mercato in Zambia nella produzione di uova. 

(118 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Mozambico Free

    Energia e formazione, dono del Giappone a Maputo

    MOZAMBICO - Il governo giapponese ha donato 59 milioni di dollari al Mozambico per finanziare la costruzione di una centrale elettrica a Nacala, nella provincia di Nampula, nonché quattro scuole secondarie nello stesso numero di distretti della provincia di Zambezia. Lo riferisce oggi la stampa mozambicana, precisando che gli accordi sono stati firmati giovedì a Maputo dal ministro degli Affari esteri e della cooperazione, José Pacheco, e dall'ambasciatore giapponese in Mozambico, Toshio Ikeda. Il progetto Nacala Power Station, da 37,5 milioni di dollari, mira a migliorare la qualità e la capacità dell'approvvigionamento energetico, contribuire alla promozione dello sviluppo sociale ed economico nella regione e garantire la distribuzione di elettricità nel Corridoio di Nacala. Il progetto delle scuole secondarie, che costa 21,3 milioni di dollari, mira essenzialmente ad aumentare l'accesso all'istruzione secondaria in quella provincia del Mozambico e a migliorare la qualità dell'istruzione offerta. Parlando al termine della cerimonia della firma, il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione, José Pacheco, ha ricordato alcuni progetti finanziati dal Giappone, mettendo in evidenza, nel settore energetico, la centrale termoelettrica a ciclo combinato da 110 megawatt a Temane, provincia meridionale di Inhambane e la centrale termoelettrica a gas naturale a ciclo combinato di Maputo. Ha inoltre messo in evidenza il rafforzamento della rete elettrica del corridoio di Nacala, la centrale termoelettrica a carbone da 1200 megawatt nella provincia centrale di Tete, nonché l'assistenza tecnica al Master Plan in Mozambico per l'elettricità. La firma degli strumenti giuridici segue il piano d'azione della Conferenza internazionale sullo sviluppo africano di Tokyo (TICAD) VII, recentemente tenutasi in Giappone, con il motto "Promuovere lo sviluppo dell'Africa attraverso le persone, la tecnologia e innovazione "
  • Namibia Free

    Stanziati fondi per il settore energia

    NAMIBIA - Sono pari a circa un miliardo di dollari i fondi stanziati dalla compagnia elettrica nazionale NamPower per aumentare la capacità di generazione e migliorare le forniture di energia in Namibia.

    A dirlo è stato la presidente di NamPower, Kauna Ndilula, precisando che i fondi saranno in parte ottenuti dagli utili di bilancio della società e in parte attraverso il ricorso ai mercati di capitali.

    I fondi saranno utilizzati in particolare per realizzare nuovi impianti di generazione da fonti rinnovabili.

    Secondo le informazioni a disposizione, attualmente in Namibia c’è una capacità di generazione installata di circa 490 megawatt e la compagnia elettrica è costretta a importare dall’estero oltre il 60% del fabbisogno nazionale. [MV]

  • Angola Free

    Estesi termini per gara su raffineria di Soyo

    ANGOLA - Sono stati estesi, fino al 30 gennaio 2020, i termini di partecipazione per la gara internazionale di una raffineria petrolifera a Soyo, nella provincia settentrionale di Zaire.

    A renderlo noto è stato il ministero delle Risorse minerarie e del petrolio angolano, aggiungendo che l’apertura delle offerte avverrà il 31 gennaio e che la loro valutazione si svolgerà tra il 5 e il 6 marzo con l’annuncio dell’assegnazione il 31 marzo 2020.

    La gara era stata annunciata lo scorso 24 ottobre e prevede la costruzione di una raffineria con capacità fino a 100.000 barili di greggio al giorno.

    La costruzione della raffineria di Soyo si inserisce in un programma che comprende la costruzione di strutture simili a Cabinda (60.000 barili al giorno) e Lobito (200.000 barili al giorno), nonché la ristrutturazione e l'ammodernamento della raffineria di Luanda al fine di quadruplicare la sua capacità dalle attuali 300.000 a 1,2 milioni di tonnellate all'anno. [MV]

  • Angola Free

    Calano le importazioni alimentari, primi frutti dei...

    ANGOLA - Il valore delle importazioni effettuate dall'Angola da gennaio a ottobre 2019 è diminuito del 10% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, attestandosi ad un totale di 1,3 miliardi di dollari. Lo ha detto ieri il vice governatore della Banca nazionale dell'Angola, Tiago Dias, durante una conferenza stampa per fare il punto sui finanziamenti per l’economia promossi dal Ministero dell’Economia. Secondo Dias, questa riduzione delle importazioni è legata proprio alle misure adottate dal governo per aumentare la produzione nazionale di merci e sostituire così quei beni essenziali che si possono produrre internamente. Il vice governatore della Banca, citato dalla stampa angolana, ha anche affermato che le importazioni di cibo hanno avuto una riduzione del 21,7% in termini di valore rispetto alle spese in valuta estera dello stesso periodo del 2018. "Se tali misure non fossero state adottate, l'Angola avrebbe subito un peggioramento della sua bilancia commerciale estera, tenendo presente che le entrate delle esportazioni nello stesso periodo sono diminuite del 19,4% su base annua", ha affermato. Dei 1.339 miliardi di dollari spesi per l'importazione di prodotti, 205 milioni sono stati spesi per il riso, 204 milioni per il pollo, 186 milioni per l'olio di palma, 137 milioni di dollari in acquisti di zucchero e 124 milioni di dollari in acquisti di farina di grano, tra gli altri.
  • Angola Free

    Reso noto sito futura raffineria di Cabinda

    ANGOLA - La raffineria petrolifera di Cabinda, che sarà costruita dalla società britannica Gemcorp Capital, sarà situata nella pianura di Malembo, circa 30 chilometri a nord del capoluogo della provincia.

    A renderlo è stata la stessa Gemcorp Capital, precisando di aver già avviato i primi lavori di studio sul terreno.

    Secondo il progetto concordato con la compagnia petrolifera statale Sonangol, entro il 2021 dovrà essere terminata la prima fase dei lavori consentendo alla raffineria di essere operativa e lavorare 30.000 barili di petrolio al giorno.

    Una seconda fase di lavori, per aumentare la capacità di raffinazione fino a 60.000 barili al giorno e avviare la produzione di nafta, dovrebbe concludersi nel 2023.

    L’incarico per la costruzione della raffineria di Cabinda era stato inizialmente assegnato al consorzio United Shine, per essere poi rescisso a causa dell’incapacità del consorzio di fornire le necessarie garanzie sul finanziamento del progetto e riassegnato lo scorso novembre a Gemcorp Capital. [MV]

  • Angola Free

    Fondi europei per migliorare trasparenza di bilancio

    ANGOLA - L’Unione Europea ha sbloccato cinque milioni di euro per l’attuazione di un programma di sostegno alla governance economica dell'Angola, al fine di migliorare la trasparenza fiscale e l'efficienza della spesa pubblica.

    A darne notizia i media locali, precisando che il programma prevede anche la partecipazione del Fondo monetario internazionale (FMI).

    In base a quel che viene reso noto, obiettivo del programma che creare un sistema più efficace per combattere i flussi finanziari illeciti, migliorando la credibilità della spesa pubblica e degli investimenti pubblici e la trasparenza del bilancio.

    L'UE prevede inoltre di fornire assistenza tecnica  con un finanziamento di circa 2,5 miliardi di euro, a sostegno del quadro di bilancio a medio termine e dello sviluppo di una legge sulla responsabilità fiscale. [MV]