Africa

Domani a Roma la presentazione di ERFAN, la rete per la veterinaria africana ‘Made in Italy’

AFRICA – Sarà presentato ufficialmente domani al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), l’ERFAN (Enhancing Research for Africa Network), un network scientifico finanziato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità Animale (OIE) nonchè la prima piattaforma che riunisce laboratori diagnostici veterinari e Facoltà di Medicina Veterinaria africani e italiani con l’obiettivo di favorirne il coordinamento e la collaborazione in merito alle questioni sanitarie di interesse comune.

La presentazione che si terrà a partire dalle 10.30 presso la Sala Aldo Moro della Farnesina, a Roma, è stata organizzata da Internationalia e dalla Direzione Generale della Cooperazione allo Sviluppo (DGCS) in collaborazione con l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale per l’Abruzzo e il Molise (IZSAM) di Teramo che coordina il Segretariato del nuovo network.

Ad oggi, l’Erfan coinvolge 29 istituzioni di 14 Paesi africani e cinque IZS italiani. Si tratta del primo Network gestito dall’Italia e non da un’organizzazione internazionale.

L’incontro intende far conoscere a tutti i rappresentanti diplomatici africani accreditati in Italia e alle agenzie del Polo romano dell’ONU questa nuova realtà, invogliando i Paesi che ancora non sono membri del network a farne parte.

Alla presentazione interverrà il Direttore della Cooperazione allo Sviluppo, Giorgio Marrapodi, il Direttore Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari, Capo dei Servizi Veterinari presso il Ministero della Sanità, Silvio Borrello, il Direttore Istituto Zooprofilattico Sperimentale per l’Abruzzo e il Molise (IZSAM), Nicola D’Alterio, e Massimo Scacchia, Coordinatore e responsabile del Segretariato di ERFAN.

 

Cos’è l’Erfan?

ERFAN (Enhancing Research for Africa Network) è un network scientifico finanziato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità Animale (OIE). È la prima piattaforma che riunisce Laboratori diagnostici veterinari e Facoltà di Medicina Veterinaria africani e italiani con l’obiettivo di favorirne il coordinamento e la collaborazione in merito alle questioni sanitarie di interesse comune. ERFAN nasce su impulso dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e del Molise (IZSAM), ente attivo in Africa sin dal 1991 a seguito dell’istituzione, da parte del Ministero della Salute italiano, del Centro di Referenza Nazionale per lo Studio e l’Accertamento delle Malattie Esotiche degli Animali (CESME).

Due sono i punti fondamentali su cui si basa il progetto ERFAN: da un lato, la diagnostica regionale e la capacità di sorveglianza e, dall’altro lato, la ricerca operativa congiunta tra Istituzioni italiane e africane, due punti entrambi ottenibili mediante la formazione condivisa e il rafforzamento di capacità e competenze. La disseminazione dei risultati della ricerca attraverso la circolazione di idee, esperienze e pratiche, infatti, consente non solo di costruire uno spazio comune di dialogo ma di avere altresì un uguale accesso alle opportunità di crescita e sviluppo – anche economico – nei settori di riferimento di ERFAN.

La costituzione di ERFAN risale al marzo 2017, quando nove istituti africani provenienti da otto Paesi si incontrarono a Teramo per condividere i risultati delle collaborazioni allora in essere e identificare le aree di possibile cooperazione in campo veterinario. Sostenuti dalla Direzione Generale della Sanità Animale e dei Farmaci Veterinari del Ministero della Salute italiano, l’IZSAM ha quindi dato vita, insieme ai partner africani storici, a una rete internazionale le cui attività dovevano avere come focus la sanità animale, la sicurezza alimentare e la protezione dell’ambiente secondo l’approccio “One Health”. Ad oggi, sono coinvolte 29 istituzioni di 14 Paesi africani e cinque IZS italiani. Si tratta del primo Network gestito dall’Italia e non da un’organizzazione internazionale. La partecipazione dei cinque IZS italiani al progetto ERFAN è anche il segno di un iniziale processo di rete degli Istituti la cui piena realizzazione consentirebbe di massimizzare gli sforzi e ottimizzare le risorse disponibili sotto l’ombrello del Ministero della Salute italiano.

ERFAN costituisce pertanto un prezioso mezzo di collaborazione internazionale. Cruciale è il coinvolgimento di Organizzazioni Internazionali multilaterali quali FAO, Au-IBAR (Interafrican Bureau for Animal Resources) e OIE attraverso gli uffici regionali, e importante è il supporto del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) mediante la rete diplomatica e consolare italiana in Africa. Tutte le organizzazioni sono coinvolte tramite la partecipazione alla struttura organizzativa di ERFAN, in particolare il comitato scientifico e il comitato consultivo. Il braccio operativo di ERFAN è invece costituito dai gruppi di lavoro, che hanno il compito di delineare le proposte di ricerca. Sono inoltre previsti meccanismi interni di controllo e supervisione dei lavori.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Airtel ottiene finanziamenti per attività nel...

    AFRICA - Airtel Africa ha sottoscritto una linea di credito rotativo (credit revolving) da 125 milioni di dollari con l’istituto bancario statunitense Citi. I fondi ottenuti saranno impiegati per sostenere le operazioni e gli investimenti in quattro delle filiali di Airtel nel continente. “La linea di credito risponde alla strategia di indebitamento delle nostre società operative locali e comprenderà sia il debito in valuta locale che quello denominato in dollari”, ha riferito la divisione Africa di Bharti Airtel in un comunicato. Airtel Africa ha aggiunto che la linea di credito rotativo ha una durata fino a settembre 2024 e fornisce potenziali risparmi sui tassi di interesse in cambio del raggiungimento di obiettivi di impatto sociale relativi all’inclusione digitale e alla diversità di genere, con particolare attenzione alle aree rurali e alle donne, e dell’allineamento con la strategia di sostenibilità del gruppo, lanciata nell’ottobre 2021. [MS]
  • AfricaTunisia Free

    Evento AfDb su energia verde a margine della Ticad8

    AFRICA - Accelerare l’accesso all’energia pulita con i finanziamenti per il clima: questo sarà il tema dell’evento che organizzeranno il prossimo 22 agosto la Banca africana di sviluppo (AfDb) e l’International Finance Corporation per discutere le sfide relative all’accelerazione della transizione verso l’energia pulita, le opportunità di investimento per il settore privato e il modo in cui le istituzioni di finanziamento dello sviluppo stanno aumentando il loro sostegno per raggiungere questi obiettivi. L’evento, che si svolgerà virtualmente a margine dell’ottava Conferenza internazionale di Tokyo sullo sviluppo africano (Ticad8) prevista il 27 e 28 agosto 2022 a Tunisi, riunirà esperti del settore pubblico e privato in Asia e Africa, nonché istituzioni di finanziamento dello sviluppo con l’obiettivo di dibattere della necessaria transizione equa e giusta verso l’energia pulita che attende il continente africano. La Conferenza internazionale di Tokyo sullo sviluppo africano mira a promuovere la cooperazione e il partenariato tra Giappone e Africa a sostegno dello sviluppo sostenibile del continente. Per informazioni sull'agenda e sulle modalità di partecipazione, cliccare qui. [CN]
  • AfricaMarocco Free

    A ottobre in Marocco un forum sulla resilienza...

    AFRICA - Dal 26 al 28 ottobre, la città di Ifrane, nel Marocco occidentale, ospiterà il quinto Vertice africano sul commercio e gli investimenti, con la resilienza del continente agli effetti del cambiamento climatico al centro delle discussioni, sotto il tema “Cambiamenti climatici: l’Africa si fa carico del suo destino”. “L’Africa è responsabile di meno del 4% delle emissioni globali di gas serra. Tenuto alla vigilia della Conferenza delle Parti sul cambiamento climatico (Cop27) delle Nazioni Unite, l’Ifrane Forum 2022 metterà in evidenza le iniziative del settore privato e le soluzioni innovative sviluppate per fornire risposte adeguate all’emergenza climatica in Africa”, afferma Khadija Idrissi Janati, presidente dell’associazione I-Afrika, che organizza l’incontro. Ifrane Forum 2022 riunirà quasi 200 partecipanti provenienti da 30 paesi africani, inclusi operatori economici, decisori politici, organizzazioni non governative, ricercatori, sindacati professionali e start-up. Durante i tre giorni dell’evento, i partecipanti discuteranno di finanza e imprenditorialità verde, diplomazia climatica, genere e clima, industrie non inquinanti, ma anche dell’impatto sull’occupazione e del coinvolgimento del settore privato. Per maggiori informazioni, cliccare qui. [CN]
  • Africa Free

    Ict, nuova partnership per servizi ad aziende africane

    AFRICA - La sudafricana Seacom sarà in grado di proteggere la propria infrastruttura, fornire nuove soluzioni di networking, sicurezza e comunicazione ai clienti aziendali in Africa grazie a una nuova partnership con il gruppo britannico Bt. “Grazie alla rete globale e alla presenza locale di Seacom, nonché alla portata e all’esperienza globali di BT, saremo in grado di fornire un portafoglio completo di servizi cloud, sicurezza e connettività affidabili, scalabili e all’avanguardia nel settore”, afferma Oliver Fortuin, Ceo di Seacom. Seacom, che, dal lancio della sua divisione aziendale, afferma di aver notevolmente ampliato la sua base di clienti e partnership per rafforzare le sue offerte e servire i clienti oltre i mercati esistenti, sfrutterà i servizi, le relazioni con i fornitori e le competenze di Bt per espandere il proprio portafoglio di servizi rivolti alle imprese africane. Il gruppo Bt protegge già alcune delle più grandi organizzazioni del mondo dalle minacce informatiche e dispone di una rete globale di centri operativi di sicurezza dedicati 24 ore su 24, 7 giorni su 7. [CN]
  • AfricaRwanda Free

    A Kigali il Vertice continentale su agricoltura e...

    RWANDA - Sono in corso i preparativi per l’organizzazione del 12° vertice annuale per l'alimentazione e l'agricoltura (Agrf) che si svolgerà a Kigali, capitale del Rwanda, dal 5 al 9 settembre. L'Agrf, il principale forum africano per l'alimentazione e l'agricoltura, si terrà sotto il tema "Crescere, nutrire e premiare: azioni coraggiose per sistemi alimentari resilienti". Il presidente dell’Agrf e ex-Primo ministro dell’Etiopia, Hailemariam Dessalegn, afferma che sarà necessaria un'azione collettiva per accelerare il progresso e il vero cambiamento. “Nessun paese è sano a meno che il cibo e i mezzi di sussistenza non siano sani. Fornire per il pianeta, le persone e la prosperità richiederà sforzi collettivi da parte di tutti i settori. Tuttavia, i governi africani dovrebbero guidare questi sforzi dando priorità e integrando politiche che affrontano molteplici obiettivi, compresi quelli che richiedono diete sane e nutrienti, un reddito dignitoso per gli agricoltori e politiche che affrontano il clima e altre fragilità ambientali”, ha dichiarato il presidente dell’Agrf, i cui punti salienti includeranno quest’anno l'Agribusiness Deal Room, una piattaforma per collegare gli innovatori con il capitale necessario, in vertice presidenziale, un forum degli agricoltori e un municipio della gioventù. Per approfondire, cliccare qui. [CN]
  • AfricaEtiopia Free

    Ad Addis Abeba a settembre l’African Technology Fair

    AFRICA - L’Etiopia ospiterà il mese prossimo, dal 7 al 9 settembre, l’African Technology Fair. Lo ha annunciato alla stampa locale il portavoce del ministero degli Esteri, Dina Mufti, precisando che la fiera punterà su energia solare, veicoli elettrici, sistemi di pagamento digitali, telecomunicazioni, servizi bancari e assicurativi. All’evento è attesa la partecipazione di aziende straniere impegnate nei settori della sicurezza informatica, della biotecnologia, dell’energia solare e delle comunicazioni, che presenteranno i loro prodotti e servizi, favorendo così lo scambio di tecnologie, ha aggiunto Mufti. Le autorità etiopi prevedono la presenza di oltre 45.000 persone. Per maggiori informazioni, cliccare qui. [SS]