AfricaOpinioni

Opinioni: Perché le aziende non partecipano al Bando profit della Cooperazione?

Di seguito ripubblichiamo senza modifica alcuna un commento pubblicato la scorsa settimana dal sito Info-Cooperazione (la community italiana della Cooperazione internazionale) che, alla vigilia dell’uscita del nuovo Bando dedicato (già pubblicato, vedi notizia) al settore profit della Cooperazione, si interroga sullo scarso successo dell’iniziativa nelle prime due edizioni. Buona lettura

L’Agenzia per la cooperazione si appresta a lanciare la terza edizione del bando per supportare le iniziative di cooperazione delle imprese italiane, si tratta della “Procedura aperta per la selezione di iniziative imprenditoriali innovative da realizzare nei Paesi partner di cooperazione per il perseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile”. Un bando per il quale ormai da tre anni l’AICS mette a disposizione una dotazione finanziaria di 5 milioni di euro con la speranza di attrarre l’interesse dell’imprenditoria italiana sul fronte della cooperazione allo sviluppo.

Un percorso difficile che necessita sicuramente di un cambiamento culturale da parte del mondo imprenditoriale che fino ad oggi ha visto l’Africa e i paesi partner come mercati da conquistare o luoghi dove andare a fare shopping di risorse e lavoro a basso costo. Ora il paradigma deve cambiare, sono finiti i tempi del “business as usual”, fare cooperazione per le imprese vuol dire contribuire al raggiungimento degli SDGs non soltanto andando alla ricerca di nuovi mercati ma portando innovazione, investimenti, know-how e generando crescita e posti di lavoro nel rispetto dell’ambiente e dei diritti umani.

Un nuovo orizzonte quello della cooperazione che però non sembra attrarre più di tanto le imprese italiane, almeno a giudicare dai risultati dei primi due bandi messi in campo dall’Agenzia. La prima edizione di questo bando nell’anno 2017 si è chiusa con l’assegnazione di poco più di 1,5 milioni della dotazione finanziaria complessiva di 4,8 milioni a 13 imprese selezionate su 25 partecipanti.

Poco meglio è andata la partecipazione alla seconda edizione targata 2018, il numero di imprese partecipanti è aumentato sensibilmente, sono 40 gli operatori economici che hanno sottoposto un’idea progettuale. Purtroppo però anche questo secondo bando è riuscito ad assegnare meno della metà dei fondi disponibili. Saranno 20 le imprese che vedranno co-finanziati i progetti sottoposti sui tre lotti proposti dal bando, nello specifico 7 sul lotto 1 – “Nuove idee A”, 7 sul lotto 2 – “Nuove idee B” (start-up) e 6 sul lotto 3 – “Idee mature”. Come se non bastasse, durante l’iter di assegnazione dei contributi due imprese selezionate hanno rinunciato al contributo e in quattro casi si è dovuto procedere alla riduzione del contributo concesso in quanto questo andava ad eccedere le soglie “de minimis” previste dalla UE in materia di aiuti di stato alle imprese.

Restano non assegnati ben 2.687.727 euro che secondo la recente delibera del direttore dell’AICS saranno utilizzati per “attività di monitoraggio dell’ufficio VIII e per l’assistenza tecnica che sarà necessario richiedere per il bando profit 2019”. Questa somma va ad aggiungersi al residuo generato con la prima edizione del bando che ammontava a 3.243.442 euro, anche questo destinato in parte alle attività di monitoraggio delle iniziative finanziate.

Eppure il moltiplicarsi di iniziative dedicate all’internazionalizzazione delle imprese italiane verso i paesi partner della cooperazione (vedi la fiera Exco 2019 e l’Italia Africa Business Week che si svolge in questi giorni a Milano) sembrano testimoniare un crescente interesse del mondo imprenditoriale nell’ottica della cooperazione.

Forse è arrivato il tempo di interrogarsi sull’efficacia dello strumento “bando” messo in campo fino ad oggi dall’AICS e destinare una parte del tesoretto residuo a studiare e implementare strumenti più efficaci per raggiunge gli obiettivi che ci si è preposti, ovvero quello di rafforzare il ruolo del settore privato profit nella cooperazione in partnership con gli altri attori del sistema italiano della cooperazione. Un bando come quello sperimentato in questi due anni sembra non essere adatto alle esigenze dei potenziali beneficiari e contiene vincoli e limitazioni che ne vanificano l’efficacia tanto da non risultare allettante per le imprese e comunque scoraggiare la partecipazione degli imprenditori.

Che sia arrivata l’ora di ripensare a questo strumento e cambiare rotta?

 

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Frontiere europee aperte solo in parte; la protesta...

    AFRICA - Non è andata giù a molti Paesi africani la decisione dell’Unione Europea di riaprire le sue frontiere a soli quattro Paesi (su un totale di 15) nella strada di ammorbidimento delle misure anti-pandemia.  Disappunto è emerso per esempio in Senegal ma anche in Gabon. In Senegal, in particolare, le autorità locali hanno ricordato che il Paese farà ricorso al principio di reciprocità, che in questo caso non consentiranno quindi l’arrivo di cittadini europei. Il prossimo appuntamento per rivedere la lista dei Paesi che possono avere accesso all’Unione Europea è fissato per il 15 luglio. Fino ad allora, per quanto riguarda l’Africa, frontiere aperte con Algeria, Marocco, Tunisia e Rwanda. [MS]
  • Africa Free

    Rinnovabili, webinar su come colmare le lacune per...

    AFRICA - Un webinar dedicato a comprendere come mai solo il 2% delle rinnovabili globali siano state installate in Africa negli ultimi 10 anni avrà luogo mercoledì prossimo, 8 luglio, a partire dalle ore 10:30.

    A organizzare il webinar, che si svolgerà in lingua inglese, è RES4Africa Foundation che in occasione dell’evento presenterà un’analisi sul tema realizzata in collaborazione con Enel Green Power.

    Il webinar sarà quindi occasione per approfondire l’impegno politico dei Paesi africani, gli obiettivi fissati e raggiunti, lo sviluppo dei sistemi e delle reti, nonché le raccomandazioni per risolvere le sfide esistenti.

    A introdurre i lavori sarà l’amministratore delegato di Enel Green Power e presidente di RES4Africa Foundation, Antonio Cammisecra. L'evento prevede inoltre una sessione di domande e risposte, che si terrà tramite chat per i partecipanti.

    Maggiori informazioni sono disponibili consultando l’agenda qui in allegato. La partecipazione al webinar è gratuita previa registrazione qui.

  • Africa Free

    Turismo, persi 55 miliardi di dollari causa covid-19

    AFRICA - I Paesi africani hanno perso quasi 55 miliardi di dollari di entrate nel settore del turismo e dei viaggi in tre mesi  a causa della pandemia di covid-19.

    A dirlo è stata la Commissaria dell’Unione africana per le Infrastrutture e l’energia, Amani Abou-Zeid, in una conferenza stampa sull’impatto economico delle misure di contenimento della pandemia adottate nei diversi Paesi del continente.

    Abou-Zeid ha ricordato che circa il 10% del prodotto interno lordo africano è generato dal turismo, da cui dipendono per il loro sostentamento economico almeno 24 milioni di famiglie in tutto il continente.

    “Il colpo è stato molto duro, tra perdite economiche e perdita di posti di lavoro”, ha aggiunto la Commissaria UA, sottolineando come i blocchi e la chiusura delle frontiere abbia colpito in modo particolare l’industria aerea.

    Secondo i dati resi noti, le compagnie aeree africane hanno visto infatti ridursi i loro ricavi del 95%, pari a circa otto miliardi di dollari. [MV]

  • Africa Free

    Sahel, confermato l'impegno militare per "intensificare...

    AFRICA - Intensificare la battaglia delle forze nazionali e internazionali contro i gruppi terroristici, rafforzare l’impegno della comunità internazionale in ambito militare, continuare ad appoggiare e a formare gli eserciti nazionali: sono le decisioni chiave adottate dai partecipanti al vertice sul Sahel di Nouakchott martedì scorso.   Protagonisti del vertice, i presidenti dei cinque Paesi del Sahel (Mali, Mauritania, Burkina Faso, Niger e Ciad), l’alleato militare francese, rappresentato dal presidente Emmanuel Macron, il capo del governo spagnolo Pedro Sanchez. Presenti, il presidente della Commissione dell’Unione africana Moussa Faki Mahamat, e la segretaria generale dell’organizzazione della francofonia, la ruandese Louise Mushikiwabo. In collegamento video hanno assistito al vertice anche il presidente del Consiglio dei ministri italiano, Giuseppe Conte, il presidente del Consiglio europeo Louis Michel, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres.   I partecipanti hanno preso atto della persistenza delgi attacchi terroristici nel Sahel e del deterioramento della sicurezza in Libia, con rischi reali sulla stabilità nella regione.   I leader hanno inoltre parlato del duro impatto economico della pandemia di covid-19, che per alcuni Paesi in oggetto potrebbe tradursi in una contrazione del Pil del 7 o dell’8%.  I presenti hanno rinnovato l’appello alla cancellazione del debito estero dei Paesi del G5 Sahel.   I capi di Stato e di governo hanno anche ribadito a sostenere i programmi di sviluppo, “consapevoli che la crisi nel Sahel è anche una questione di sviluppo”. [CC]
  • Africa Free

    Banca mondiale si riorganizza in Africa Sub-Sahariana

    AFRICA - La Banca mondiale ha annunciato di aver riorganizzato la sua divisione africana per concentrarsi meglio sulla regione sub-sahariana, creando due vice-presidenze che si occuperanno di due sottoregioni ciascuno.

    A riferirlo è la stessa Banca in una dichiarazione diffusa ieri nella quale si precisa che una vicepresidenza coprirà l’Africa Occidentale e quella Centrale, mentre la seconda si concentrerà su Africa Orientale e Africa Australe.

    La decisione, spiega la Banca nella nota, “si allinea all'impegno della Banca mondiale per l’Africa” e “consentirà di monitorare maggiormente i progressi e le sfide inserendole in un’ottica regionale”.

    A guidare la vicepresidenza di Banca Mondiale per Africa Occidentale e Centrale sarà  Ousmane Diagana, Vice Presidente per l'Africa occidentale e centrale, ex Banca mondiale Direttore nazionale della Costa d'Avorio, Burkina Faso, Guinea, Benin e Togo.

    A guidare la vicepresidenza di Banca Mondiale per Africa Orientale ed Australe sarà Hafez Ghanem, già vicepresidente per l’Africa dal 2018. 

    “ Sono onorato di guidare gli sforzi della Banca in Africa occidentale e centrale, con una forte attenzione all'innovazione, all'impatto e alla trasformazione. Lavorando insieme […] possiamo e faremo di più per mettere i paesi e le persone al primo posto e trovare modi per affrontare le sfide di sviluppo odierne utilizzando tutti gli strumenti a nostra disposizione ”, ha commentato Diagana.

    Hafez Ghanem ha affermato che “il nostro impegno per l'Africa si rafforza ogni giorno e sono entusiasta di lavorare a fianco di Ousmane Diagana. Siamo due vicepresidenti, ma consideriamo l'Africa unica e continueremo a condividere lezioni, competenze e idee in tutto il continente. "

    L'Africa rappresenta circa un terzo del portafoglio complessivo della Banca mondiale, secondo i dati ufficiali. Nell'ultimo decennio, l'istituzione ha raddoppiato gli aiuti alla regione SSA.

    La stessa Banca Mondiale fa poi sapere che alla fine del 2020 la cifra di prestiti garantiti ai 48 paesi dell’Africa sub-sahariana toccherà la cifra record di 50 miliardi di dollari. 

  • Africa Free

    L'atomo russo piace all'Africa

    AFRICA - La Russia sta cercando di esportare la tecnologia nucleare in Africa. A partire dal 2014, le sanzioni occidentali imposte alla Russia dopo l'annessione della Crimea, hanno costretto Mosca a cercare nuovi mercati. Così Rosatom, società pubblica russa che si occupa di tutti le attività legate al nucleare, è sbarcata in forze nel continente cercando di siglare accordi con le nazioni africane. Ne è nata una collaborazione sempre più stretta con alcuni Paesi. In Egitto, la società russa sta realizzando la più grande centrale nucleare del continente che avrà una capacità installata di 4,8 gigawatt. In Ruanda, il parlamento ha approvato, proprio insieme a Rosatom, un piano per costruire un centro di ricerca nucleare nella capitale, Kigali. Il centro, il cui completamento è previsto entro il 2024, includerà laboratori di ricerca e un piccolo reattore con una capacità fino a 10 MW. Etiopia, Nigeria e Zambia hanno firmato accordi simili con Rosatom, mentre Ghana, Uganda, Sudan e Rd Congo hanno concluso intese di cooperazione e di ricerca meno ambiziosi. “Per la nostra società - hanno dichiarato i dirigenti di Rosatom - l'Africa è una regione prioritaria. Nel continente costruiremo nuovi reattori nucleari ed espanderemo la nostra attività”. [EC]