Uganda

A febbraio la V edizione della Pearl of Africa Tourism Expo

UGANDA – Si terrà dal 4 al 6 febbraio la Pearl of Africa Tourism Expo – POATE 2020, la fiera del turismo organizzata dall’Uganda Tourism Board (Utb) per la V edizione.

(173 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Comore Free

    Elezioni legislative, si impone partito presidenziale

    COMORE - Il partito del presidente delle Comore, Azali Assoumani, ha conquistato la vittoria in un’elezione parlamentare boicottata dall’opposizione. E’ quanto emerso dai risultati uffici resi noti dalla Commissione elettorale. Secondo i dati, la Convenzione per il rinnovo delle Comore (Crc) ha conquistato 17 dei 24 seggi, altri due sono andati a partiti della coalizione presidenziale. Una seconda tornata di votazioni si svolgerà il 23 febbraio per assegnare i restanti cinque seggi. I partiti di opposizione hanno deciso di boicottare il voto per l’assemblea nazionale di questo arcipelago dell’Oceano Indiano sostenendo di non aver ottenuto garanzie di elezioni “trasparenti, libere e democratiche”. [MS]
  • Etiopia Free

    Telecomunicazioni, allungati tempi per privatizzazione...

    ETIOPIA - Il processo di privatizzazione del settore delle telecomunicazioni In Etiopia per consentire l’accesso a nuovi operatori sarà allungato. La decisione è stata presa tenendo in considerazione richieste in questo senso pervenute da società interessate.  Eyob Tekalegn, ministro delle Minanze, ha affermato che alcuni attori interessati a impegnarsi nel settore delle telecomunicazioni hanno affermato che la linea temporale è molto breve. “In diverse consultazioni pubbliche gli attori interessati hanno spesso insistito per riprogrammare la cronologia e avere più tempo per la preparazione”, ha spiegato il ministro aggiungendo che la Ethiopian Communications Authority (Eca), ente che gestisce le consultazioni, dovrebbe elaborare un nuovo calendario. Il governo ha allo stesso tempo reso noto che due operatori dovrebbero essere identificati entro aprile 2020. [MS]
  • Rwanda Free

    Gratuità dei visti per cittadini del Commonwealth,...

    RWANDA - La soppressione delle spese di visto d’ingresso potrebbe presto diventare realtà per i cittadini del Commonwealth, della Francofonia e dell’Unione Africana: lo ha annunciato il presidente Paul Kagame da Londra, a margine del vertice Africa-UK per gli investimenti. L’obiettivo del provvedimento è proprio quello di attirare più visitatori e potenziali investitori nel ‘Paese delle Mille Colline”, offrendo gratuitamente l’ingresso sul territorio. In caso di reciprocità, diventerebbe anche più facile per i rwandesi poter recarsi all’estero. Già molto ambito per la tenuta di congressi internazionali, il Rwanda con questa misura potrebbe diventare ancora di più attraente, grazie alla facilità d’accesso. Finora, solo 17 Paesi africani erano esenti dalle spese di visto d’ingresso in Rwanda. Il Rwanda ha deciso di unirsi al Commonwealth nel 2009. [CC]
  • Kenya Free

    Allo studio fondo per favorire crescita start-up

    KENYA - Il governo di Nairobi ha accelerato la creazione di un fondo per aiutare le piccole e medie imprese a capitali per l’avviamento delle attività e stimolare la loro crescita.

    A dirlo ai media locali è stato il segretario principale del ministero dell’Industria, Francis Owino, affermando che l’esecutivo sta finalizzando le normative per la creazione di un fondo nazionale che dovrà affrontare le strozzature esistenti a livello finanziario e che ostacolano la crescita delle start-up locali.

    “Abbiamo già elaborato i regolamenti che guideranno l'operatività del fondo per le piccole e medie imprese nel primo trimestre del 2020 - ha detto Owino - Una volta istituito, dovrebbe favorire la crescita delle piccole imprese nel paese”.

    Secondo le statistiche a disposizione del governo keniano, le PMI contribuiscono quasi il 20% alla creazione del prodotto interno lordo nazionale e rappresentano il 70% dei nuovi posti di lavoro generati. [MV]

  • Uganda Free

    Verso avvio attività estrattive di petrolio

    UGANDA - Il governo di Kampala sta cercando di risolvere una disputa fiscale con le compagnie petrolifere internazionali che hanno licenze esplorative nel Paese, al fine di avviare finalmente l’estrazione di greggio.

    A dirlo è stato il segretario permanente del ministero dell’Energia, Robert Kasande, ricordando che il governo sta negoziando con la britannica Tullow Oil, la francese Total e la cinese CNOOC per risolvere i disaccordi esistenti e avviare le attività presso i giacimenti petroliferi di Kingfisher e Tilega nella regione del Lago Albert.

    Secondo le stime, i costi di sviluppo per i due campi petroliferi raggiungeranno almeno 5 miliardi di dollari er la perforazione di almeno 500 pozzi.

    Gli investimenti previsti aumenteranno, secondo Kasande, a una cifra compresa tra 15 e 20 miliardi di dollari se si includono anche i progetti di costruzione di una raffineria e di un oleodotto verso l’oceano Indiano. [MV]

  • Etiopia Free

    Intesa con il Giappone per promuovere infrastrutture di...

    ETIOPIA - Il governo di Addis Abeba ha firmato un memorandum d’intesa con il Giappone per promuovere infrastrutture di qualità e colmare in questo modo il divario esistente tra domanda e offerta.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che obiettivo dell’intesa è quella di delineare un quadro normativo di cooperazione per affrontare le sfide e le opportunità esistenti in Etiopia in materia di realizzazione di nuove infrastrutture in Etiopia.

    In occasione della firma del memorandum, il ministro dei Trasporti etiope Dagmawit Moges ha ricordato che il governo di Addis Abeba ha in programma di costruire nei prossimi anni 80.000 chilometri di nuove strade estendendo così la rete nazionale dagli attuali 137.000 ad almeno 220.000 km, nonché circa 3500 km di nuove ferrovie in modo da estendere la rete ferroviaria dagli attuali 656 a più di 4000 km.

    “Offrire infrastrutture di trasporto di qualità in Etiopia è strategico perché solo così potremo garantire sicurezza, affidabilità e resilienza contro i disastri naturali - ha detto Dagmawit - Abbiamo bisogno di infrastrutture di qualità per promuovere soluzioni innovative, sfruttare un sistema di manutenzione proattiva, avere un processo di industrializzazione sostenibile, sostenere lo sviluppo economico e il benessere umano”. [MV]