Angola

Petrolio: prorogate licenze offshore, nuovi investimenti per Total

ANGOLA – L’Agenzia del Petrolio, Gas e Biocombustibili dell’Angola (Anpg) ha firmato con le compagnie petrolifere Total, Equinor, ExxonMobil, BP e Sonangol un accordo per la proroga fino al 2045 delle autorizzazioni di produzione nel blocco offshore 17, a 150 km dalle coste.

(190 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Mozambico Free

    Cabo Delgado, l'appello dei vescovi: "Soluzione andando...

    MOZAMBICO - Una sofferenza che ha “radici profonde nel tempo”, un governo incapace di fornire risposte adeguate, la forza di un popolo che sta fornendo assistenza a se stesso. Questi alcuni dei punti toccati dalla Conferenza episcopale del Mozambico in un messaggio in cui si affronta lo stato di insicurezza in cui versa la regione di Cabo Delgado dove da oltre due anni sono attivi gruppi islamisti armati.  “Noi ci domandiamo, perché tanta sofferenza? Non troviamo risposta, oltre a riconoscere che la causa di tanta sofferenza ha radici profonde nel tempo in cui il popolo è stato dimenticato” scrivono i vescovi aggiungendo subito dopo: “Mentre le istituzioni sembrano non essere all’altezza di compiere il dovere di alleviare tanta sofferenza, ci riempie di meraviglia e di stima il grande sforzo e la capacità di accoglienza che le famiglie e i comuni cittadini sanno offrire, sia quelli che vivono nelle zone non colpite dalla guerra all’interno della stessa provincia, sia quelli delle province vicine”. Un quadro fosco a fronte del quale i vescovi dicono di voler sollecitare appoggi anche fuori del Paese con contribuzioni canalizzate attraverso la Caritas. Nella lettera si richiama poi la figura del vescovo di Cabo Delgado, Dom Luiz Fernando Lisboa, “che, in mezzo ai tristi avvenimenti che vi colpiscono già da molto tempo, è stato la voce del pastore che mette in guardia sulla presenza di lupi che attentano alla vita del gregge, e che con le sue parole e i suoi interventi è stato di grande aiuto per far prendere coscienza della gravità della situazione e della grande sofferenza a cui siete sottoposti, e che adesso è un grande promotore nel sollecitare una risposta urgente a questa tragedia”. Una tragedia che secondo i vescovi richiede interventi sulla cause “non solo perché sia ristabilito l’ordine, ma anche e soprattutto con progetti di sviluppo, investendo sul posto le risorse della provincia, con infrastrutture, il lavoro e l’offerta di servizi essenziali quali la salute e l’educazione”. [MS]
  • Angola Free

    Approvato piano generale per le infrastrutture dei...

    ANGOLA - La Commissione interministeriale per l'approvazione degli strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica ha dato il proprio via libera a un piano generale per il settore delle infrastrutture di trasporto e le strade (PDNST).

    A segnalarlo sono i media locali, precisando che il piano dovrà ora essere ratificato dal consiglio dei ministri prima di poter entrare in vigore.

    In base a quel che è stato reso noto dalla ministra della Pianificazione urbanistica e portavoce della Commissione interministeriale, Ana Paula de Carvalho, il piano prevede una serie di azioni da realizzare nei prossimi 19 anni a breve, medio e lungo termine, occupandosi di questioni relative al settore stradale, aereo, marittimo e ferroviario.

    Tra le opere previste figurano la costruzione di una metropolitana di superficie a Luanda con quattro linee principali, oltre a unità portuali in diverse province, ferrovie e autostrade.

    Le infrastrutture, la cui ideazione ha cominciato a essere concepita nel 2019, entreranno tutte in fase progettuale entro il prossimo anno, con la possibilità di una revisione entro il 2025.

    L’esecuzione delle opere incluse nel piano non è ancora inclusa nel programma di investimenti pubblici ma, secondo quel che ha dichiarato de Carvalho, d'ora in poi grazie al nuovo piano generale i progetti potranno essere programmati e finanziati più facilmente. [MV]

  • Mozambico Free

    Prorogate misure economiche straordinarie

    MOZAMBICO - La Banca del Mozambico ha deciso di prorogare per ulteriori tre mesi le misure straordinarie già prese per mitigare gli effetti del covid-19.  Le misure prevedono che le società attive nell’ambito della moneta elettronica (e-Mola, Vodafone M-Pesa e Mobile Wallet / mKesh) non addebitino commissioni sui trasferimenti da un cliente all'altro fino al limite giornaliero di mille meticais; il limite per transazione nel portafoglio mobile è portato da 25 mila a 50 mila meticais, il limite giornaliero per le transazioni nel portafoglio mobile salirà da 125 mila a 250 mila meticais; il limite annuale delle transazioni per i clienti di livello I nel portafoglio mobile è portato a 400 mila meticais. Ancora, secondo le direttive della Banca centrale, gli istituti di credito non imporranno commissioni sulle transazioni elettroniche fino a un limite quotidiano di 5000 meticais. [MS]
  • Angola Free

    Luanda si impegna a tagliare produzione petrolifera

    ANGOLA - Il governo di Luanda ha deciso di aderire al patto con l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC) sull’eccesso di offerta di petrolio, compensando la precedente sovrapproduzione.

    A riportarlo è l’agenzia di stampa Reuters citando due funzionari dell’OPEC e ricordando che i Paesi produttori di petrolio avevano concordato di ridurre la produzione di greggio da maggio dopo che la crisi legata alla diffusione della pandemia di covid-19 ha ridotto di un terzo la domanda globale.

    Alcuni Paesi membri dell'OPEC, tra cui l'Angola, non hanno però rispettato in pieno i tagli alla produzione concordati.

    In base a quel che viene riportato, l’attuale impegno del governo di Luanda a ridurre la propria quota e compensare al tempo stesso la sovrapproduzione di maggio e giugno è stato mediato dal Comitato misto di controllo ministeriale (JMMC), che comprende che comprende membri dell’OPEC e del gruppo di Paesi non OPEC per la situazione sul mercato petrolifero e il rispetto dei tagli ed è attualmente presieduto dall’Arabia Saudita.

    Secondo i dati a disposizione, a maggio l’Angola ha estratto 1,28 milioni di barili al giorno e ridotto leggermente la produzione a 1,24 milioni di barili al giorno a giugno. [MV]

  • Sudafrica Free

    Allo studio programma per sviluppare uso idrogeno

    SUDAFRICA - Il ministero della Scienza e dell’innovazione ha avviato un processo in collaborazione con altre istituzioni pubbliche e private, sviluppare un programma destinato a trasformare il Sudafrica in una società votata all’uso dell’idrogeno.

    A riportarlo sono i media locali, precisando che l’obiettivo è realizzare un documento politico che informi tutte le parti interessate nel Paese sui benefici immediati e su quelli potenziali dello sviluppo e dell'implementazione delle tecnologie legate all'idrogeno e su come queste possano essere integrate nel piano nazionale sulle energie rinnovabili.

    Secondo quel che viene reso noto, il programma metterà in prospettiva i costi associati alla realizzazione di tecnologie legate all’idrogeno verde, nonché all’approvvigionamento di idrogeno grigio e blu, quello cioè derivato dal carbone e dal gas naturale. [MV]

  • Sudafrica Free

    Massmart pronta a sforbiciare i negozi Game Store

    SUDAFRICA - La Massmart Holdings Ltd ha avviato colloqui con i sindacati per tagliare fino a 1.800 posti di lavoro nei negozi Game Store attualmente in difficoltà. A pesare, secondo la società, sono le limitazioni alla spesa che le famiglie si sono imposte e in generale gli effetti del coronavirus sull’economia.  La società ha aggiunto di non aver intenzione di chiudere nemmeno uno dei negozi Game Store nonostante questi abbiano rappresentato un freno ai profitti generati dal resto del gruppo.  Di proprietà della statunitense Walmart, Massmart - che gestisce supermercati e rivendite come Makro e Game - ha riferito di aver avviato i colloqui con i sindacati dopo aver valutato l’efficienza dei negozi. La stessa società ha quindi sostenuto di aver pronto da implementare un nuovo modello operativo per i Game Store. [MS]