Etiopia

Ad Addis Abeba il prossimo Congresso su libertà di ricerca scientifica

ETIOPIA – Si terrà dal 25 a 26 febbraio prossimi ad Addis Abeba, presso il quartier generale della Commissione dell’Unione Africana, la sesta riunione del Congresso mondiale per la libertà di ricerca scientifica.

A darne notizia è l’associazione Luca Coscioni, che organizza l’incontro e che dal 2004 funge da segretariato del Congresso.

Obiettivo dell’iniziativa, promossa da Science for Democracy e dalla Commissaria UA per laRicerca Sarah Anyang Agbor, è offrire l’opportunità di esplorare e concordare proposte concrete per affrontare il modo con cui la scienza e la tecnologia possono strutturalmente contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDGs) fissati dalle Nazioni Unite, oltre che quelli inclusi nell’Agenda 2063 dell’UA e accompagnare così la politica nel suo lavoro di regolamentazione di nuovi fenomeni.

L’evento di due giorni vedrà la partecipazione, tra gli altri, di Sir Richard J. Roberts, premio Nobel per la medicina, Michele De Luca, oltre che scienziati, esperti, pazienti, nonché rappresentanti del sistema delle Nazioni Unite e di altre istituzioni regionali africane. Alla fine della discussione una serie di raccomandazioni saranno articolata in un documento finale che servirà come base per le attività successive in Africa.

E’ la prima volta che il Congresso si svolge in Africa, dopo cinque edizioni svolte in Europa, tra il Parlamento italiano e quello europeo.

“Abbiamo deciso di concentrare buona parte delle attività dedicate alla promozione del diritto alla scienza all’Africa perché molto raramente la ricerca, tanto quanto il poter godere delle sue scoperte, rientrano nelle relazioni che l’Europa, o più in generale il mondo ricco, intrattiene con il continente africano”, sottolineano gli organizzatori. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Uganda Free

    Sette nuovi centri urbani per 'alleggerire' Kampala

    UGANDA - Il governo ugandese ha creato sette nuove città allo scopo di decongestionare Kampala. Secondo dichiarazioni rilasciate dal ministro delle Finanze, David Bahati, l’obiettivo è proprio quello di alleggerire la pressione demografica che stringe in una morsa la capitale ugandese.  Le nuovo città si chiameranno Fort Portal, Mbarara, Masaka, Arua, Jinja, Gulu e Mbale. Bahati ha affermato che i finanziamenti per queste nuove città sono già garantiti, ma che saranno rilasciati nel corso del tempo. “Il punto di partenza è finanziare la pianificazione fisica per far partire bene questi nuovi centri urbani”, ha affermato Bahati. Come sta avvenendo in molti altri Paesi africani, aumento demografico e urbanizzazione stanno esercitando una notevole pressione sulla tenuta di centri urbani che spesso non sono in grado di fornire servizi adeguati. E l’Uganda non fa eccezione. [MS]
  • Somalia Free

    Pesca illegale: Mogadiscio contro Teheran

    SOMALIA - Una formale denuncia su pesca illegale praticata nelle sue acque è stata presentata dalla Somalia contro l’Iran. Secondo il governo somalo, navi battenti bandiera iraniana stanno sfruttando in maniera irregolare le acque somale per pescare il tonno.  Il ministro della Pesca somalo, Abdullahi Bidhan, ha confermato la notizia della denuncia aggiungendo che sulla base di immagini satellitari almeno un centinaio di imbarcazioni avrebbero praticato forme di pesca illegale in acque somale; lo stesso ministro ha poi detto che il governo chiederà un risarcimento.  La Somalia non ha buone relazioni con l’Iran. Nel 2016 ha interrotto ogni contatto diplomatico, espellendo l’ambasciatore di Teheran e schierandosi apertamente con l’Arabia Saudita che aveva fatto la stessa cosa poco prima. [MS]
  • Etiopia Free

    Proteste nella regione oromo e scontri, finita la luna...

    ETIOPIA - E’ pesante il bilancio degli scontri che hanno opposto negli ultimi giorni manifestanti e polizia in alcune città dell’Etiopia. Scoppiate all’indomani dell’uccisione di un popolare cantante, Haacaaluu Hundeessaa, i dimostranti sono scesi per le strade di Addis Abeba e nella regione oromo.  Ancora una volta, è la rabbia contro un diffuso sentimento di marginalizzazione politica alla base delle proteste; la polizia ha risposto in maniera pesante, e ci sono state conseguenze anche per i piccoli esercenti commerciali.  Tra gli arrestati sono finiti poi un leader dell’opposizione oromo, Bekele Gerba, e un magnate dei media, Jawar Mohammed.  Haacaaluu era noto per aver ideato e cantato dei testi che avevano fatto da sottofondo musicale e inno per chi negli ultimi anni era sceso in piazza contro il governo. Secondo alcuni osservatori sembra si sia creato un divario tra l’attuale premier e premio Nobel per la pace, Abiy Ahmed, e quanti pur sostenendolo in passato, si sono sentiti traditi o comunque non hanno visto concretizzarsi una lunga serie di promesse. [MS]
  • Tanzania Free

    Economia digitale in crescita, sempre più mobile money

    TANZANIA - Sempre più spazio per l’economia digitale in Tanzania. Vodacom M-Pesa, fornitore leader in Tanzania per i servizi di mobile money, ha esteso la possibilità di ricevere e inviare fondi ad oltre 200 Paesi.  Grazie a una serie di partnership - con MoneyGram, WorldRemit, Remitly, JubaExpress - gli utenti di Vodacom M-Pesa potranno d’ora in avanti avere un ventaglio di servizi più ampio.  Questi ultimi sviluppi consentiranno di spingere ulteriormente in avanti l’economia digitale. Secondo gli ultimi dati resi noti dalla Tanzania Communications Regulatory Authority, nel primo trimestre del 2020 le transazioni via telefonino hanno raggiunto quota 3,9 miliardi di dollari; di questi 2,2 miliardi sono state transazioni fatte attraverso M-Pesa. [MS]
  • Uganda Free

    Aumentati dazi su importazione prodotti agricoli

    UGANDA - Il governo di Kampala ha aumentato i dazi doganali imposti sull’importazione di prodotti agricoli in Uganda nel tentativo di incrementare gli introiti fiscali.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che i dazi doganali sui prodotti agricoli sono stati aumentati del 60% mentre è confermata l’esenzione dal pagamento dell’imposta sul valore aggiunto per l’importazione di macchinari e altre attrezzature agricole.

    “Al fine di promuovere la sostituzione delle importazioni e lo sviluppo delle industrie locali, abbiamo aumentato i dazi all'importazione sui beni prodotti o che possono essere prodotti localmente”, ha detto il ministro delle Finanze ugandese, Matia Kasaija, aggiungendo che l’aggiustamento delle aliquote è stata decisa per aumentare le entrate a sostegno della ripresa economica e mantenere un livello accettabile di benessere sociale. [MV]

  • AfricaKenyaNigeriaSudafrica Free

    Sudafrica, Kenya e Nigeria le principali destinazioni...

    AFRICA - Oltre metà degli investimenti destinati negli ultimi cinque anni alla creazione di start-up innovative in Africa sono andati a iniziative imprenditoriali in Sudafrica, Kenya e Nigeria.

    E’ quel che emerge nell’ultimo rapporto realizzato dagli analisti di African Private Equity e Venture Capital Association (ACVA), precisando che tra 2014 e 2019 è stato il Sudafrica ad attrarre maggiori investimenti (21%), seguito da Kenya (18%) e Nigeria (14%).

    La maggior parte degli investimenti sono andati a finanziare start-up innovative nel settore fintech, ma sono aumentate anche le iniziative imprenditoriali nei settori dell’energia, della logistica, dei trasporti, dell'e-commerce, della sanità e dell'agroalimentare.

    Secondo il rapporto di ACVA, l’Africa meridionale è la zona che attrae maggiori capitali (25%) seguita dall’Africa orientale (23%) e dall’Africa occidentale (21%).

    A trainare gli investimenti, conclude il rapporto, sono investitori con base nel Nord America con una quota del 42%, seguiti da investitori con sede in Europea (23%), in Africa (20%), nella regione dell’Asia e del Pacifico (8%) e del Medio Oriente (&%). [MV]