Capo Verde

Una ‘green card’ per gli stranieri che acquistano proprietà immobiliari

CAPO VERDE – Il governo di Capo Verde ha approvato la creazione di uno status diverso per chiunque possieda una seconda casa nell’arcipelago, prevedendo una ‘carta verde’ per gli stranieri, che offre un permesso di soggiorno permanente per un periodo di tempo indefinito, in virtù di un decreto pubblicato nel Bollettino ufficiale.

(120 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Burkina Faso Free

    Kaboré candidato dal suo partito per prossime...

    BURKINA FASO - Come ampiamente previsto, il capo di Stato Roch Marc Christian Kaboré si candiderà per un secondo mandato. A designarlo ufficialmente per le elezioni in programma il prossimo novembre è stato il suo partito, il Movimento del popolo per il progresso (Mpp). La campagna elettorale, ha detto il presidente del partito Simon Compaoré, sarà centrata si sanità, educazione, acqua, energia, agricoltura, infrastrutture stradali.  Grande assente all’assemblea che lo ha investito, è stato lo stesso Kaboré che ha affidato il suo pensiero a un messaggio letto dal ministro di Stato, Siméon Sawadogo.  Sulla campagna peserà tutto il capitolo della sicurezza con intere regioni del Burkina Faso destabilizzate e fuori dal controllo governativo a causa della presenza di gruppi armati islamisti. [MS]
  • Mali Free

    Scontri e violenze (2): opposizione rigetta concessioni...

    MALI - Lo scioglimento della Corte costituzionale e l’implementazione delle raccomandazioni dell’Ecowas con un ritorno alle urne per rifare le legislative di marzo, per l’opposizione maliana sono un “non-senso”.  Il portavoce del Mouvement du 5 juin-Rassemblement des forces patriotiques (M5-Rfp), noto anche come Movimento del 5 giugno, ha ribadito che soltanto le dimissioni del presidente Keita, potranno dare soddisfazione alla piazza.  Coalizione di partiti politici, gruppi religiosi e società civile, il Movimento del 5 giugno contesta a Keita l’incapacità di risolvere la perdurante situazione di insicurezza, soprattutto nel nord, e i problemi economici.  La contestazione delle legislative di marzo, secondo molti osservatori, è stata semplicemente la miccia che ha dato sfogo a un malessere profondo che covava da tempo.   Negli ultimi giorni i dimostranti hanno alzato il tiro, riuscendo ad occupare il parlamento e la sede della televisione pubblica. Keita ha risposto dicendosi pronto a collaborare. Di certo la situazione appare confusa e preoccupante. [MS]
  • Mali Free

    Scontri e violenze: Ibk scioglie Corte costituzionale,...

    MALI - Ha richiamato alla calma i suoi sostenitori dopo giorni di scontri anche cruenti l’imam Mahmoud Dicko, leader del movimento del 5 Giugno (di opposizione) che reclama le dimissioni del capo di Stato Ibrahim Boubakar Keita (Ibk).  Attraverso un video girato nella sua moschea e diffuso dai suoi collaboratori sui social, Dicko ha chiesto di evitare provocazioni e attacchi, annunciando un suo intervento video.  L'intervento dell’imam ha fatto seguito alla decisione di Ibk di sciogliere la corte costituzionale e di implementare le raccomandazioni fatte dalla missione Ecowas, l’organismo che riunisce i Paesi della regione.  Secondo quanto dichiarato dallo stesso capo di Stato, già questa settimana si dovrebbe andare verso una nuova Corte costituzionale che avrà il compito di dirimere una serie di questioni venute fuori in seguito alle ultime legislative.  Gli ultimi sviluppi e gli inviti alla calma sono stati accompagnati dai bilanci provvisori di due giorni di scontri che secondo fonti ufficiali hanno visto la morte di 7 persone; di diverso avviso l’opposizione secondo cui il bilancio è invece molto più pesante. [MS]
  • Ghana Free

    Piano per facilitare concessione licenze industria...

    GHANA - L’Autorità ghanese per l’alimentazione e i medicinali (FDA) intende lanciare un programma per facilitare la concessione di licenze nel settore dell’industria della trasformazione agro-alimentare.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che l’iniziativa denominata ‘Progressive Licensing Scheme’ è rivolta alle piccole e medie imprese con sede in Ghana e prevede tre diversi tipi di licenza, senza tutta specificare le differenze tra di esse.

    Secondo quel che viene reso noto, il programma mira a far crescere l'industria alimentare nazionale puntando a fare in modo che tutti i negozi di alimentari e i supermercati in Ghana siano riforniti con almeno il 60% di alimentari prodotti localmente. [MV]

  • Capo Verde Free

    Istituita Zona Economica Speciale Marittima

    CAPO VERDE - Il presidente capo-verdiano Jorge Carlos Fonseca ha promulgato il provvedimento che istituisce ufficialmente la Zona economica speciale per l'economia marittima a São Vicente.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che sono già previsti investimenti privati per un valore di oltre 2,5 milioni di euro per consentire il funzionamento della zona economica speciale.

    In base a quel che viene reso noto, la zona economica speciale prevede l’istituzione di una zona franca e le aziende che vi si installeranno beneficeranno di incentivi fiscali e doganali da parte dello Stato.

    “Gli incentivi speciali da destinare alla Zona economica speciale per l'economia marittima dovranno tenere conto della quantità di investimenti, dell'impatto sociale ed economico, della creazione di posti di lavoro e della loro pertinenza”, si legge nel provvedimento istitutivo precisando inoltre che l’importo minimo degli investimenti privati per poter beneficiare degli incentivi è pari a 2,5 milioni di euro.

    Obiettivo del governo è creare a São Vicente una piattaforma logistica marittima nel centro dell’oceano Atlantico per favorire il trasbordo delle merci e la loro trasformazione, la commercializzazione e la distribuzione di pesce e lo sviluppo di una meta turistica di fama internazionale. [MV]

  • Costa Avorio Free

    Vertici partito al potere spingono per nuova...

    COSTA D’AVORIO - La morte improvvisa del primo ministro ivoriano e candidato presidenziale, Amadou Gon Coulibaly, ha aperto un confronto all’interno del partito al governo (Rhdp) con sviluppi ancora da verificare.  Nel corso di una riunione informale a porte chiuse, i vertici del partito - secondo alcune indiscrezioni di stampa - non hanno escluso una ricandidatura dell’attuale capo di Stato Alassane Dramane Ouattara alle elezioni che sono in programma ad ottobre.  Ouattara aveva annunciato lo scorso marzo la sua volontà di farsi da parte dopo dieci anni di presidenza e aveva designato Gon Coulibaly, il suo alleato di sempre, quale candidato del suo partito.  La morte di Coulibaly - che era appena rientrato dalla Francia dove era stato sottoposto a un intervento - ha rimesso tutto in discussione. La prima scadenza da tenere in considerazione è quella del 31 luglio, termine ultimo per presentare le candidature. Una eventuale ricandidatura di Ouattara sarebbe consentita dalla Costituzione, grazie a una revisione del testo risalente al 2016 benché contestata dall’opposizione.  Il candidato di Rhdp si confronterà sicuramente con l’ex presidente Henri Konan Bedie, che ha già annunciato la sua candidatura; altri dovrebbero farsi avanti nei prossimi giorni. [MS]