Egitto

Allo studio creazione ente per investimenti a Suez

EGITTO – Il governo del Cairo intende creare una nuova entità per promuovere gli investimenti nella realizzazione di progetti nella zona del canale di Suez.

(159 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Algeria Free

    Sonatrach diventa azionista di maggioranza in gasdotto...

    ALGERIA - La compagnia petrolifera statale Sonatrach ha acquisito la quota di maggioranza nel gasdotto sottomarino Medgaz, che collega Algeria e Spagna.

    A darne notizia sono i principali media specializzati, ricordando che la compagnia spagnola Naturgy detiene una quota del 49% nella società responsabile della gestione del gasdotto.

    La transazione consolida la posizione di Sonatrach quale uno dei principali fornitori di gas naturale verso l’Europa, e in particolare verso la penisola iberica.

    Operativo dal 2010, il gasdotto è lungo 210 chilometri e trasporto il gas naturale algerino da Beni-Saf fino al Almeria in Andalusia.

    L’infrastruttura ha una capacità di 8 miliardi di metri cubi (bcm) di gas naturale all'anno, ma sono previsti lavori per aumentare la capacità di ulteriori due bcm durante il primo trimestre del prossimo anno grazie all’aggiunta di un quarto turbocompressore nella stazione di compressione Beni-Saf. [MV]

  • Egitto Free

    Approvate nuove agevolazioni doganali per stimolare...

    EGITTO - Il ministero delle Finanze egiziane ha approvato una misura che include nuove strutture doganali per stimolare gli investimenti e ridurre i costi di produzione.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che la misura approvata include la semplificazione delle procedure, la riduzione dei tempi di rilascio delle autorizzazioni doganali, il razionamento dei costi di sdoganamento e la riduzione dei prezzi per i prodotti destinati ai mercati locali.

    In particolare, la misura introduce una ‘white list’ per gli operatori economici certificati. Le società incluse nell’elenco godranno di una priorità nelle procedure con l’autorità doganale.

    La decisione mira a rafforzare la competitività sui mercati esteri, in particolare con in un contesto globale caratterizzato dalla coesistenza con la crisi causata dalla pandemia di covid-19. [MV]

  • Tunisia Free

    Le frontiere riapriranno il 27 giugno

    TUNISIA – La Tunisia riaprirà il 27 giugno prossimo le frontiere terrestre, aeree e marittime. La decisione di porre un termine al lockdown internazionale è stata annunciata dal governo, a seguito di una riunione con il comitato scientifico e con l’istanza di lotta al coronavirus. A partire da domani, 4 giugno, sarà invece possibile spostarsi all’interno del Paese. Per i tunisini provenienti dall’estero, è previsto un isolamento di sette giorni all’arrivo, in albergo. Altri sette giorni di sorveglianza medica saranno obbligatori.  Anche le moschee e i caffè riapriranno domani. Secondo il ministro del Turismo, Mohamed Ali Toumi, il settore perderà circa due miliardi di dollari a causa della pandemia di covid-19. Per il momento, i proventi del settore sono diminuiti del 27% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. “La Tunisia ha concepito una strategia per rilanciare il settore in tre fasi: la resistenza, la ripresa e il recupero dello splendore” ha precisato il ministro. Nell’economia tunisina, il turismo rappresenta circa il 14% del Pil, secondo lo studio KPMG Tunisie. Sono 98.000 i posti di lavoro permanenti e 389.000 i posti di lavoro diretti e indiretti. Secondo un articolo della rivista economica Forbes, la Tunisia fa parte delle sette migliori destinazioni con potenziale di ripresa turistica post-covid. Un’altra destinazione africana, l’Etiopia, fa parte dell’elenco. [CC]
  • Algeria Free

    Autorizzata maggioranza straniera in progetti non...

    ALGERIA - Il parlamento algerino ha approvato una provvedimento nella legge finanziaria che consente agli investitori stranieri di acquisire quote di maggioranza in progetti nei settori economici ritenuti “non strategici”.

    A darne notizia sono i media locali, ricordando che sono invece ritenuti strategici i settori dell’industria energetica e farmaceutica che sono ancora soggetti alla regola del 51/49, che non consente agli investitori stranieri di detenere più del 49 per cento delle aziende algerine.

    La decisione di aprire i settori non strategici a maggiori investimenti dell’estero era già stata presa all’inizio dell’anno, ma è stata rafforzata in seguito al recente crollo dei prezzi del petrolio e all’impatto economico causato dalla diffusione della pandemia di covid-19.

    Secondo le stime del governo, l'economia algerina dovrebbe registrare quest’anno una contrazione del 2,6%. [MV]

  • Egitto Free

    Samsung annuncia investimenti

    EGITTO - Ha un valore pari a 84 milioni di dollari il piano d’investimenti che Samsung, la multinazionale attiva nel settore dell'elettronica di consumo e degli elettrodomestici, ha in programma in Egitto nei prossimi cinque anni.

    A dirlo è il presidente della sussidiaria egiziana della multinazionale sudcoreana, Choonki Kwon, precisando che 23 milioni di dollari saranno diretti alla realizzazione di una nuova linea di produzione per l’assemblaggio di personal computer.

    Non è stata invece resa nota la destinazione della parte restante del piano d’investimenti.

    In Egitto, nel 2013 Samsung ha aperto una fabbrica a Beni Suef per la produzione di schermi piatti per televisori e personal computer, la cui produzione attuale è per il 79% destinata al mercato interno.

    Obiettivo di Samsung è aumentare la produzione e cercare di utilizzare il Paese come centro di produzione ed esportazione regionale per Medio Oriente, Europa e Africa. [MV]

  • Marocco Free

    Invito a partenariato per tre parchi industriali in...

    MAROCCO -  L’agenzia governativa Millennium Challenge Account-Morocco (MCA-Morocco) ha pubblicato un avviso riguardante l'allestimento, lo sviluppo e la gestione di tre zone industriali pilota nella regione di Casablanca.

    A segnalarlo è l’Ufficio di Casablanca dell’Agenzia ICE, precisando che l’avviso rientra nel quadro del programma di cooperazione statunitense Millennium Challenge Corporation per la qualificazione professionale e del territorio.

    Secondo quel che viene reso noto, le tre zone industriali pilota - , per un totale di 140 ettari ad Had Soualem, Bouznika e Sahel Lakhyayta - dovranno essere realizzare sulla base di un modello di partenariato pubblico-privato, il cui obiettivo primario è quello di attirare investimenti e creare opportunità di impiego nel settore industriale.

    Le offerte potranno riguardare uno, due o tutti e tre i siti, secondo scelta. Ogni sito sarà oggetto di un'offerta distinta e separata.

    In base ai criteri stabiliti, il partner pubblico assicura la mobilitazione della base fondiaria risanata e connessa a tutte le infrastrutture fuori sito necessarie e realizzate secondo i migliori standard internazionali, l'ottenimento delle autorizzazioni urbanistiche, ambientali e sociali necessarie, e la ristrutturazione delle zone industriali adiacenti .

    Il partner privato è chiamato a versare il prezzo, molto vantaggioso, di acquisizione del terreno del nuovo parco industriale e una somma forfettaria, quale diritto di ingresso, per beneficiare del progetto per il quale sarà designato, realizzare gli allestimenti in-site necessari e assicurare la commercializzazione e la gestione delle zone industriali in base ai migliori standard qualitativi e nel rispetto delle norme ambientali e sociali di MCC.

    Maggiori informazioni possono essere ottenute consultando la pagina dedicata. [MV]