Sud Sudan

Firmato accordo di pace in Sud Sudan grazie a Sant’Egidio

SUD SUDAN – Tutte le parti politiche coinvolte nel conflitto in Sud Sudan hanno firmato ieri presso la Comunità di Sant’Egidio un accordo che prevede il cessate-il-fuoco dal 15 gennaio e una road map per consolidare l’unità del paese e la riconciliazione.

A darne notizia è la stessa Comunità di Sant’Egidio, sottolineando che il documento è il risultato di molte giornate di lavoro ma anche dell’impegno di Sant’Egidio negli ultimi anni per facilitare il dialogo politico in Sud Sudan.

La Dichiarazione di Roma è stata firmata dai membri della delegazione del governo centrale del Sud Sudan, dai rappresentanti dei movimenti di opposizione sud sudanesi che non hanno aderito all’accordo di pace rivitalizzato del 2018 ad Addis Abeba (Ssoma) e da quelli delle opposizioni firmatarie dell’accordo.

“Il cessate il fuoco è necessario per ricostruire la fiducia e la speranza nel nostro popolo”, ha detto Barnaba Marial Benjamin, inviato del presidente Salva Kir.

La guerra civile ha avuto inizio il 15 dicembre 2013 e, dopo sei anni, su una popolazione complessiva di 12 milioni di abitanti il bilancio è di quasi 400.000 morti, due milioni e mezzo di rifugiati (la maggior parte nel vicino Uganda) e due milioni di sfollati interni. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Tanzania Free

    Rimosso ministro dell’interno dopo accuse di frode

    TANZANIA - Il ministro dell’Interno tanzaniano, Kangi Lugola, è stato rimosso dal suo incarico dopo essere stato accusato di aver concluso accordi fraudolenti per lo Stato.

    A rimuovere Lugola è stato il presidente John Magufuli, secondo il quale l’ex ministro dell’Interno avrebbe autorizzato la stipula di un contratto di 453 milioni di dollari per l'acquisto di attrezzature antincendio fra i Vigili del fuoco e una società romena, senza prima informare il ministero delle Finanze né il Parlamento.

    Lugola era stato chiamato alla guida del ministero dell’Interno a luglio 2018 in seguito a un rimpasto di governo, prendendo il posto di Mwigulu Nchemba.

    Eletto a novembre 2015, Magufuli è soprannominato “bulldozer” e ha promesso di eliminare la corruzione nel Paese. [MV]

  • Etiopia Free

    Pepsi diventa principale azionista in produttore di...

    ETIOPIA - PepsiCo, multinazionale statunitense leader nel settore alimentare e delle bevande, ha acquisito una quota di maggioranza nella società etiope Senselet Food Processing, specializzata nella produzione di patatine chips.

    A renderlo noto è stata la stessa multinazionale, precisando di aver acquisito la quota azionaria dalla società d’investimento olandese Veris Investments, che aveva fondato Senselet nel 2015 e che resterà nella compagine azionaria come socio di minoranza.

    Obiettivo dell’acquisizione da parte di PepsiCo è far crescere ulteriormente le attività di Senselet, che già oggi ha una posizione di leader nel mercato delle patatine con il marchio Sun Chips in Etiopia, e sviluppare programmi di approvvigionamento di patate.

    La fabbrica Senselet, situata a circa 65 km da Addis Abeba, è una moderna struttura produttiva che opera in linea con elevati standard di sicurezza alimentare e qualità e impiega oltre 150 persone. [MV]

  • Seychelles Free

    Al lavoro per nuovo accordo sulla pesca con UE

    SEYCHELLES - Dovrebbe essere firmato nella seconda metà di febbraio il nuovo ‘protocollo di accordo e partenariato per una pesca sostenibile’ tra le Seychelles e l’Unione Europea (Ue).

    A dirlo è stato il ministro della Pesca delle Seychelles, Charles Bastienne, rivelando che i negoziati tra le parti sono terminati lo scorso ottobre e che le Seychelles sono ora in attesa dell’approvazione finale dell’Ue prima di firmare l'accordo.

    "Stiamo aspettando che il Consiglio dell’Ue approvi il testo legale dell'accordo: è un processo lungo e approfondito - ha detto Bastienne - Ecco perché non è stato ancora implementato e le navi battenti bandiera  dei Paesi dell'Ue non possono svolgere le loro attività nelle acque delle Seychelles”.

    Il precedente accordo è scaduto il 16 gennaio e prevedeva un contributo finanziario totale da parte dell’Ue di 30 milioni di euro, comprese le tasse di accesso, per le navi da pesca che operano nelle acque della nazione insulare.

    Secondo le indiscrezioni, il nuovo accordo prevede che siano 40 le navi battenti bandiera dei Paesi dell’Ue autorizzate a pescare nelle acque delle Seychelles. [MV]

  • AngolaEtiopia Free

    Più collegamenti aerei tra Addis Abeba e Luanda, se ne...

    ANGOLA / ETIOPIA – L’Etiopia è interessata ad aumentare la frequenza dei voli settimanali a destinazione dell’Angola, a partire dall’hub aeroportuale di Addis Abeba. Il numero dei collegamenti settimanali potrebbe quindi passare da cinque a sette.   La possibilità di rivedere l’accordo in vigore sul trasporto aereo fra i due Paesi è stata discussa nella capitale etiope tra l’ambasciatore d’Angola Francisco da Cruz e Aklilu Kebede, rappresentante del ministero etiope del Commercio estero.   Secondo una nota dell’ambasciata angolana in Etiopia, l’iniziativa si inserisce nell’ambito di un rilancio della cooperazione fra i due Paesi.     Il primo accordo aereo che lega l’Etiopia all’Angola risale al 1977. La sua revisione consentirebbe alla Ethiopian Airlines di aumentare il ritmo delle rotazioni verso Luanda, e alla TAAG, la compagnia di bandiera angolana, di potenziare la formazione del personale e la manutenzione degli aerei.     Durante l’incontro si è parlato di una prossima visita in Etiopia del ministro angolano degli Esteri, Manuel Augusto, la cui data resta da definire. [CC]
  • Kenya Free

    RES4Africa a Nairobi per promuovere la transizione...

    KENYA - La Fondazione RES4Africa, su richiesta dell’Ambasciata d’Italia in Kenya, ha organizzato un seminario alla Strathmore University a Nairobi intitolato “Energia rinnovabile in Kenya: sbloccare gli investimenti, l’innovazione e la ricerca”.

    A segnalarlo è stata la stessa fondazione, precisando che il seminario ha visto la partecipazione di oltre 250 tra rappresentanti del settore privato, dell’accademia, di organizzazioni internazionali, di istituzioni pubbliche keniane e aziende italiane per discutere temi legati alle innovazioni nel settore delle energie rinnovabili in Kenya e in Africa.

    Secondo i dati resi noti, grazie alla diffusione delle tecnologie legate alle fonti rinnovabili il Kenya ha registrato negli ultimi anni uno degli aumenti più rapidi dei tassi di elettrificazione nel continente e oggi circa il 75% della popolazione gode dell’accesso all'elettricità.

    Tra i partecipanti al dibattito di alto livello tra settore pubblico e privato si segnalano in particolare gli interventi del ministro dell’Energia keniano Charles Keter e dell’Ambasciatore italiano a Nairobi, Alberto Pieri.

    “Sono già passati quattro anni da quando RES4Africa ha lanciato il suo programma per il Kenya - ha detto Roberto Vigotti, segretario generale di RES4Africa - è incredibile notare i notevoli progressi compiuti dal Paese per sbloccare il suo potenziale di energia rinnovabile. Oggi siamo lieti di partecipare a questa discussione con le principali istituzioni del Paese, che dimostrano la forte relazione che lega le esperienze keniane e italiane nella diffusione delle energie rinnovabili, dell’innovazione e della ricerca”.

  • Comore Free

    Elezioni legislative, si impone partito presidenziale

    COMORE - Il partito del presidente delle Comore, Azali Assoumani, ha conquistato la vittoria in un’elezione parlamentare boicottata dall’opposizione. E’ quanto emerso dai risultati uffici resi noti dalla Commissione elettorale. Secondo i dati, la Convenzione per il rinnovo delle Comore (Crc) ha conquistato 17 dei 24 seggi, altri due sono andati a partiti della coalizione presidenziale. Una seconda tornata di votazioni si svolgerà il 23 febbraio per assegnare i restanti cinque seggi. I partiti di opposizione hanno deciso di boicottare il voto per l’assemblea nazionale di questo arcipelago dell’Oceano Indiano sostenendo di non aver ottenuto garanzie di elezioni “trasparenti, libere e democratiche”. [MS]