Ghana

Investimenti nel settore agricolo

GHANA – La Ghana Commercial Bank (GCB Bank), considerata la più grande banca del Ghana in termini di totale attivo operativo e quota di depositi, ha annunciato l’intenzione di voler investire una cifra pari a 66 milioni di dollari nel settore agricolo locale.

(139 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Togo Free

    Siglato contratto per progetto energie rinnovabili

    TOGO - La britannica Globeleq ha firmato un contratto con il governo di Lomé per sviluppare in forma congiunta un progetto su larga scala per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

    A renderlo noto è stata la stessa società, precisando che l’intesa prevede lo sviluppo di un progetto capace di generare tra 24 e 30 megawatt di energia a basso costo da fonti rinnovabili.

    In base a quel che viene riferito, il progetto può prendere la forma di un impianto idroelettrico puro, di un impianto combinato idroelettrico e solare oppure di un impianto fotovoltaico con grande capacità di accumulo.

    Il progetto dovrebbe essere realizzato nell’area compresa tra le località di Kara e Dapaong a seconda della scelta tecnologica che verrà effettuata e sarà poi collegato alla linea di trasmissione Kara-Mango-Dapaong attualmente in costruzione. [MV]

  • Guinea Free

    Intesa con Londra per nuova ferrovia

    GUINEA - Il governo di Conakry ha firmato un accordo con il Regno Unito per realizzare una nuova linea ferroviaria, denominata ‘Nuovo Corridoio Centrale’, tra la prefettura di Mamou e il port di Benty.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che l’intesa è stata firmata dal ministro delle Miniere, Abdoulaye MAgassouba, e la ministra britannica del Commercio internazionale, Liz Truss, in occasione del primo vertice tra Regno Unito e Africa svoltosi nei giorni scorsi a Londra.

    Nell'ambito di questo accordo, il governo britannico sosterrà la società  Anglo-African Minerals nell'attuazione del progetto di sviluppo della nuova linea ferroviaria, che sarà lunga circa 270 chilometri, in modo da facilitare il trasporto dei minerali estratti nella prefettura di Mamou fino al porto di Benty.

    In base a quel che viene reso noto, la linea ferroviaria faciliterà inoltre anche il trasporto di prodotti agricoli.

    “un gruppo di lavoro intergovernativo studierà le opportunità di sviluppo delle infrastrutture legate all'estrazione mineraria al fine di promuovere la diversificazione economica”, si legge in un comunicato congiunto diffuso dai due governi. [MV]

  • Nigeria Free

    Abuja valuta revisione del settore energetico

    NIGERIA - Il governo di Abuja sta valutando una profonda ristrutturazione del settore energetico affidato ai privati.

    A rivelarlo all’agenzia di stampa internazionale Reuters sono stati funzionari governativi al termine di una riunione del Consiglio economico (NEC) del gabinetto del presidente Muhammadu Buhari.

    Il settore della generazione e della distribuzione dell’energia in Nigeria è stato privatizzato nel 2013, ma circa 80 milioni di nigeriani rimangono ancora senza accesso diretto all’elettricità e la rete di distribuzione nazionale è colpita da frequenti blackout, lasciando aziende e consumatori dipendenti dai generatori di energia, spesso alimentati a diesel.

    In base a quel che è stato reso noto, il NEC ha approvato una risoluzione secondo cui la privatizzazione del settore dovrà essere riesaminata.

    “Dovranno essere trovate soluzioni a breve termine”, ha detto il governatore dello stato di Kaduna, Nasir Ahmad El-Rufai.

    Negli ultimi anni, i piani per la costruzione di nuove centrali elettriche finanziate dai privati sono stati spesso ostacolati dalle preoccupazioni relative alle persistenti carenze nei pagamenti.

    Attualmente, la Nigerian Bulk Electricity Trading Company (NBET), di proprietà statale, acquista l’energia dai produttori e la trasmette alle società di distribuzione che poi raccolgono denaro dai clienti sulla base dei consumi e rimborsano la NBET. Tali rimborsi, però, non sono sufficienti a coprire interamente i costi sostenuti dalla NBET, costringendo il governo a creare un fondi di emergenza per mantenere il settore. [MV]

  • Africa Occidentale Free

    Sahel, verso rafforzamento missione Barkhane

    AFRICA OCCIDENTALE - La Francia rafforzerà ulteriormente la sua missione operativa Barkhane nel Sahel e la nuova Task Force internazionale Takuba sarà pienamente operativa entro l’autunno. Ad annunciarlo è stato il capo dello stato maggiore delle forze armate francesi, il generale François Lecointre, parlando con i giornalisti a Parigi.  Il generale ha aggiunto che nei prossimi giorni sarà proposto un profilo aggiornato della missione al presidente francese Emmanuel Macron. Secondo i media francesi, indicazioni più precise saranno date il 29 gennaio.  La Francia ha recentemente rinforzato Barkhane con 220 soldati che erano in missione a breve termine in Costa d'Avorio. Ulteriori rinforzi saranno accompagnati da un supporto "logistico e di intelligence" aggiuntivo, ha affermato Lecointre, con sforzi concentrati sulla regione di Liptako-Gourma in Mali, Burkina Faso e Niger. La missione Takuba sarà integrata a Barkhane e sarà composta da militari messi a disposizione da Paesi europei. Al momento, l’Estonia ha già annunciato il suo aiuto; discussioni sono in corso con Finlandia, Svezia e Norvegia. [MS]
  • Costa Avorio Free

    Prima volta in Africa per la World Cashew Convention ...

    COSTA D’AVORIO – La VI edizione della World Cashew Convention & Exhibition (WCCE), congresso e fiera dedicati alla filiera degli anacardi, si terrà al Radisson di Abidjan dal 12 al 14 febbraio prossimo. E’ la prima volta che questo evento si tiene sul continente africano, dopo precedenti edizioni che hanno toccato Singapore, Abu Dhabi, Dubai, Macau.  Quest’anno la Convention internazionale sugli anacardi si presenta in Costa d’Avorio, primo produttore mondiale di nocciole di anacardi. La WCCE è organizzata dal sito d’informazione specializzato cashewinfo.com e per questa edizione ivoriana, dall’Associazione nazionale degli esportatori di anacardi. Sono attesi centinaia di esperti e operatori della filiera da tutto il mondo, per incontrarsi attorno al tema “Quale ecosistema sostenibile per il settore mondiale degli anacardi?”. L’evento sarà inoltre gemellato alla III Giornata nazionale degli esportatori di anacardi. India, Vietnam e Stati Uniti sono stati, nelle ultime tendenze, le principali destinazioni di vendita delle nocciole ivoriane non trasformate. La Costa d’Avorio conta molto su questo evento per stimolare la trasformazione locale, sulla quale sta puntando e sta investendo. Si vendono ogni anno circa 2 milioni di tonnellate di nocciole di anacardi all’anno, per un volume d’affari di circa 3,5 miliardi di dollari. [CC]
  • Mali Free

    Elezioni parlamentari, alle urne il 29 marzo

    MALI – Si terrà il 29 marzo 2020 il primo turno delle elezioni parlamentari in Mali. La convocazione del corpo elettorale per l’elezione dei deputati dell’Assemblea nazionale è stata annunciata ieri dal portavoce del governo, Yaya Sangaré. Inizialmente previste il 18 ottobre e 18 novembre 2018, dopo le presidenziali, le parlamentari erano state rinviate di un mese a causa di uno sciopero dei magistrati. La Corte Costituzionale aveva poi rimandato il voto ad aprile 2019, prorogando di sei mesi il mandato dei deputati. Un’ulteriore proroga fino a maggio 2020 è stata votata dal governo il 7 giugno 2019, per poter attuare il progetto di riforma costituzionale. Alle precedenti elezioni parlamentari del 2013, il partito del presidente Ibrahim Boubacar Keita, il “Rassemblement pour le Mali” aveva vinto 66 seggi su 147. L’Assemblea nazionale è l’unica istituzione del Parlamento monocamerale maliano. [CC]