Angola

Luanda punta a industrializzare produzione di diamanti

ANGOLA – L’Angola sta sfruttando il suo potenziale e aspira a diventare il terzo più grande produttore di diamanti al mondo.

(265 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Angola Free

    Quattro angolani su 10 vivono in povertà

    ANGOLA - Il tasso di povertà in Angola si attesta al 41%, secondo i dati contenuti nell’ultimo rapporto realizzato dall’Istituto nazionale di statistica (INE).

    Realizzato lo scorso anno e diffuso in questi giorni a Luanda, il rapporto sulla povertà in Angola evidenzia come più della metà (57%) della popolazione costretta a vivere al di sotto del livello di povertà risieda nelle zone rurali del Paese.

    Secondo i dati dell’INE, i livelli maggiori di povertà si registrano nelle province di Kwanza Sul, Lunda Sul, Huila, Huambo, Uije, Bié, Cunene e Moxico dove oltre la metà della popolazione residente dev’essere considerata povera. In particolare le province di Cunene e Moxico sono quelle con il tasso più alto: il 62% del totale.

    Le province di Namibe, Benguela, Kwanza Norte e Bengo hanno invece un incidenza della povertà compresa tra il 42 e il 48%, mentre la provincia di Luanda è quella con il tasso più basso, intorno al 20%.

    Dalla fine del 2014, l’Angola sta vivendo una significativa crisi economica, finanziaria e monetaria a causa del calo del prezzo del petrolio sui mercati internazionali - la principale fonte di introiti per il Paese - con ripercussioni negative sulla condizione socio-economica dei suoi cittadini. [MV]

  • RwandaSudafrica Free

    Società sudafricana di servizi sanitari si quota anche...

    RWANDA / SUDAFRICA - Ha deciso di quotarsi anche alla Borsa ruandese la società sudafricana RH Bophelo attiva nei servizi sanitari. L’obiettivo, secondo quanto riferito dagli stessi sudafricani, è raccogliere risorse finanziarie da investire in Rwanda. Per RH Bophelo, già quotata alla Borsa di Johannesburg, si tratta di un passo inedito, ufficializzato solo pochi giorni fa.  Quinton Zunga, amministratore delegato della società, ha dichiarato al New Times che la decisione di quotarsi sulla borsa ruandese è quella di diversificare la sua base di investitori e raccogliere più capitali da investire in Rwanda ma anche nella regione. Attualmente Bophelo ha un portafoglio ospedaliero per un totale di 665 posti letto di proprietà e oltre 800 ulteriori posti letti sotto contratto attraverso l’Africa Healthcare Proprietary Ltd in otto province sudafricane. [MS]
  • Angola Free

    Idrocarburi, rinviata asta per licenze ma data-room...

    ANGOLA - L’Agenza nazionale per il petrolio e il gas (ANPG), responsabile di supervisionare le attività di esplorazione e produzione di idrocarburi in Angola, ha annunciato la disponibilità dei dati relativi a nove blocchi petroliferi.

    A darne notizia sono i media specializzati, dai quali si apprende che la relativa asta per l’assegnazione delle licenze esplorative sarebbe dovuta partire alla fine di maggio ma che, a causa dell’attuale pandemia di covid-19, si è deciso di rinviare la pubblicazione del bando di gara.

    I blocchi oggetto dell’asta sono situati nel bacino onshore del Basso Congo (CON1, CON5, CON6) e in quello di Kwanza (KON5, KON6, KON8, KON9, KON17 e KON20).

    Le parti interessate a consultare i dati relativi ai bacini sopra menzionati e degli altri disponibili, nonché a partecipare a una presentazione dei dati possono ottenere maggiori informazioni consultando il sito internet del concessionario.

  • MalawiZambia Free

    Studio legale sudafricano prosegue espansione all...

    MALAWI / ZAMBIA - Lo studio legale sudafricano Bowmans, in precedenza noto come Bowman Gilfillan, ha reso noto di espandere le proprie attività anche in Malawi e in Zambia.

    Ad annunciarlo è stato il presidente e socio senior dello studio, Robert Legh, sottolineando come la nuova espansione arrivi a quasi un anno dall’annuncio dell’avvio delle attività in Etiopia e Mauritius.

    Secondo Legh, nonostante le difficoltà e le incertezze legate al contesto caratterizzato dalla pandemia di covid-19, la decisione di espandere le attività dello studio in due nuove giurisdizioni è legata alle opportunità esistenti in Malawi e Zambia, che sono tra i Paesi in Africa sub-sahariana che hanno realizzato i maggiori progressi in termini di semplificazione del clima d’affari secondo la Banca Mondiale.

    In base a quel che è stato reso noto, in Malawi lo studio Bowmans ha stretto un’alleanza formale con lo studio PFI Partnerships (PFI) di Elton Jangale, specializzato in fusioni e acquisizioni.

    In Zambia, invece, è stato aperto un nuovo ufficio registrato con il nome B&M Legal Practitioners.

    Considerato uno dei maggiori cinque studi legali sudafricani, Bowmans è ora presente in otto Paesi del continente: oltre al Sudafrica, anche Etiopia, Kenya, Malawi, Mauritius, Tanzania, Uganda e Zambia. [MV]

  • Botswana Free

    Incentivi per sostenere la ripartenza del turismo

    BOTSWANA – Il presidente Mokgweetsi Masisi ha chiesto al governo di incentivare la ripartenza del settore del turismo in Botswana. Mentre si stanno allentando le restrizioni per contenere la diffusione del nuovo coronavirus, Masisi ha incoraggiato iniziative per stimolare sia il turismo domestico che il turismo internazionale. Favorire investimenti nel settore, rendere il turismo locale più accessibile, fanno parte del percorso verso un’accelerazione nella ripartenza. Un accento particolare sarà dato all’agriturismo. A questo riguardo, il governo rivedrà le regole rendendole più flessibili, e autorizzerà la presenza di animali d’allevamento all’intero delle proprietà, per renderle più attraenti per i visitatori. Prima della pandemia, il turismo in Botswana era in crescita, sulle tracce di un master plan per lo sviluppo . Nel 2018 il settore aveva fatturato 2,7 miliardi di dollari, con una maggioranza di visitatori stranieri. Il Botswana, vasto territorio dell’Africa australe con scarsa popolazione, è apprezzato per le sue bellezze naturalistiche, come i parchi nazionali, il Delta dell’Okavango e il deserto del Kalahari. [CC]
  • Zimbabwe Free

    Al via un servizio di taxi elettrici

    ZIMBABWE - Vaya Africa, una società con sede alle Isole Mauritius, creerà una rete di taxi elettrici con l'obiettivo di  promuovere la mobilità sostenibile Zimbabwe. Il servizio è stato sviluppato in collaborazione con l'imprenditore Strive Masiyiwa, presidente e fondatore di Econet Wireless, una società globale di servizi nel comparto delle telecomunicazioni (reti cellulari mobili, rete fisse aziendali, cavi in fibra ottica e servizi satellitari). Vaya Africa ha acquisito una serie di veicoli elettrici Nissan Leaf e ha creato numerose stazioni di ricarica solare. «Questi veicoli non producono CO2 e non generano inquinamento atmosferico. Il nostro obiettivo è rendere incrementare notevolmente il numero di auto elettriche sulla piattaforma Vaya entro i prossimi dieci anni», ha dichiarato Dorothy Zimuto, Ceo di Vaya Mobility. I taxi elettrici messi in circolazione consentiranno a Vaya Africa di risparmiare fino al 40% dei costi di esercizio e di manutenzione ordinaria e del carburante rispetto ai veicoli convenzionali alimentati a combustibili fossili Mentre il servizio viene lanciato in Zimbabwe, Vaya sta perfezionando nuove partnership anche in altri Paesi africani, a cominciare da Kenya, Nigeria, Sudafrica e Zambia. [EC]