Egitto

Fondi italiani per la filiera del pomodoro in Egitto

EGITTO – La Cooperazione italiana allo sviluppo ha firmato con l’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo sviluppo industriale (UNIDO) un accordo di finanziamento per un progetto a sostegno della filiera del pomodoro in Egitto.

A darne notizia è la stessa UNIDO, precisando che l’Italia ha inoltre siglato un secondo accordo per la promozione degli investimenti in Iraq per un contributo complessivo su entrambi i progetti di 4,5 milioni di euro.

In base a quel che viene reso noto, il progetto in Egitto si propone di creare nuove opportunità di occupazione, in particolare quella giovanile, tramite la creazione di un “Centro Pilota di Formazione e Servizi” volto a potenziare le capacità di produzione e la qualità della filiera del pomodoro.

L’Egitto è il quinto produttore mondiale di pomodoro con circa otto milioni di tonnellate all’anno, ma solamente una quota compresa tra il 3-4% di questa produzione viene lavorata in modo industriale.

Obiettivo del progetto promosso da UNIDO è sviluppare questo potenziale tramite l’introduzione di processi e prodotti innovativi nel settore. [MV]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Eni scopre giacimento di gas nel delta del Nilo

    EGITTO - Eni ha annunciato di aver scoperto un giacimento di gas al largo del delta del Nilo, nella concessione di North El-Hammad. Dal 2015 Eni gestisce il blocco North El-Hammad (di cui detiene una quota del 37,5%) insieme alla britannica Bp (37,5%) e alla francese Total (25%). L'esplorazione delle tre compagnie ha però preso il via solo nel 2018. Il nuovo giacimento si trova a una profondità di 22 metri e dista 11 km dalla costa. È vicino ai campi offshore di Nooros e Baltim South West, entrambi gestiti da Eni. La società di San Donato ha dichiarato che il pozzo ha “eccellenti proprietà petrofisiche” e sarà testato per la produzione. Le tre aziende si coordineranno con le autorità petrolifere egiziane per iniziare a studiare le modalità di sviluppo. Eni ha dichiarato che, quest'anno, perforerà anche un altro pozzo, Nidoco Nw-1 Dir, nell'area di Great Nooros, situata nella concessione di Abu Madi West. La società italiana opera in Egitto dal 1954 attraverso la sua controllata Ieoc e la sua attuale produzione giornaliera è stimata in 280.000 barili di petrolio equivalente. Nel 2015 la società italiana ha scoperto il gigantesco giacimento di gas Zohr, il più grande del Mediterraneo. [EC]
  • Egitto Free

    Oro, compagnia pubblica scopre giacimento

    EGITTO – Una nuova scoperta di oro, un giacimento che conterrebbe un milione d’once del metallo prezioso, è stata annunciata dal ministro egiziano del Petrolio, Tarek El Molla. Il giacimento si trova nella regione desertica orientale di Eiqat, nell’area in concessione alla società statale Shalateen Mineral resources. “È il risultato di un investimento egiziano nell’esplorazione aurifera, da parte della Shalateen, con il partenariato di operatori di Stato come l’Authority per le risorse minerarie (Emra), la National Service Projects Authority (Nspo), la Banca nazionale per gli investimenti e (NIB) e la Compagnia egiziana per le risorse minerarie. (Ecmr)” scrive il Daily News Egypt. È prevista la costituzione di una nuova società tra la Shalateen e l’Emra per approfondire l’esplorazione e procedere all’estrazione. Secondo il ministro El Molla, alla luce del programma di riforme dell’industria mineraria, l’Egitto intende attirare 375 milioni di dollari di investimenti diretti esteri entro i prossimi due anni e fino a un miliardo di dollari entro il 2030. [CC]
  • Marocco Free

    Startup produce termometri a infrarossi

    MAROCCO - La startup locale Nextronic, con sede a Casablanca, ha progettato e prodotto il primo termometro a infrarossi marocchino al 100%. Gli ingegneri della piccola società hanno presentato la loro invenzione sabato 27 giugno a Moulay Hafid Elalamy, ministro dell'Industria del Marocco. Dallo scoppio della pandemia di coronavirus, il Marocco ha importato i termometri a infrarossi. La nuova invenzione consentirebbe alle istituzioni pubbliche e alle società private marocchine di monitorare la temperatura del proprio personale utilizzando apparecchiature prodotte localmente. Il ministero dell'Industria si è detto orgoglioso per il prodotto e ha offerto la disponibilità del suo dipartimento a sostenere il progetto. “Questi piccoli strumenti hanno una grande utilità estrema - ha detto Elalamy - Come governo speriamo che il progetto non si fermi perché i marocchini devono partecipare al processo di innovazione tecnologica. Come ministero daremo il massimo supporto ai prodotti marocchini, purché siano di alta qualità”. [EC]
  • Egitto Free

    Boom di esportazioni agricole

    EGITTO - Nella prima metà dell'anno le esportazioni agricole egiziane hanno raggiunto i 3,47 milioni di tonnellate nonostante il lockdown imposto dalla pandemia di coronavirus. Ad annunciarlo è stato Al-Sayed El-Quseir, il ministro dell'Agricoltura del Cairo. Un risultato eccellente. Se il trend dovesse continuare, si potrebbe infatti raddoppiare la quantità di prodotti agricoli (5,4 milioni di tonnellate) esportata nel 2019. Il ministro ha dichiarato che l'Egitto esporta 305 diversi prodotti agricoli in 160 Paesi diversi. Le esportazioni includono 1,3 milioni di tonnellate di agrumi, 661.580 tonnellate di patate, 267.223 tonnellate di cipolle, 96.186 tonnellate di uva, 29.685 tonnellate di aglio e 20.622 tonnellate di fragole. [EC]
  • Tunisia Free

    Tunisia la più “covid-safe” del Bacino...

    TUNISIA – La Tunisia è il primo Paese mediterraneo dichiarato “covid-safe” e uno dei 30 Paesi più sicuri al mondo dal punto di vista dell’epidemia in questo momento. Lo scrive e se ne rallegra l’Agenzia per la promozione degli investimenti esteri (Fipa) – Invest in Tunisia, pubblicando i risultati di uno studio di Targa Consult. Nel grafico della cartina de Bacino Mediterraneo, la Tunisia è l’unico territorio di colore verde, indicativo dei territori con meno di 10 casi per milioni di abitanti attualmente registrati. Lo studio si è basato su numeri della John Hopkins University. Secondo un sondaggio di Ceoworld Magazine svoltosi tra gennaio e aprile 2020, la Tunisia è risultata la prima destinazione in Africa per opportunità di investimenti esteri diretti (Fdi). Tra le principali misure di sostegno alle aziende durante questo periodo di crisi legato alla pandemia, la Fipa ricorda la creazione di un fondo di sostegno alle Pmi da 300 milioni di dinari, il rinvio di scadenze fiscali e lo scaglionamento dei debiti fiscali fino a sette anni, per le imprese più colpite. [CC]
  • Marocco Free

    Alle forze armate 24 elicotteri Apache

    MAROCCO – Le forze armate marocchine acquisiranno 24 elicotteri d’attacco Boing AH-64E Apache. “Questo è un passo avanti nella nostra lunga collaborazione con il Regno del Marocco”, ha dichiarato Jeff Shockey, vicepresidente Boeing Defence, Space & Security e Government Services. Shockey ha aggiunto: “La domanda mondiale di Apache è in crescita e siamo orgogliosi di fornire questo velivolo, un prodotto di eccellenza, al Marocco”. Attualmente, sono 16 Paesi in possesso dell’elicottero militare specializzato nell’attacco al suolo e nel contrasto alle forze corazzate. All'inizio di quest'anno, il Marocco ha presentato un piano quinquennale di investimenti mirato a raggiungere la “supremazia militare regionale” attraverso la modernizzazione delle sue dotazioni. Già nel 2019, il Marocco ha superato l'Arabia Saudita negli acquisti di armi, investendo 10,3 milioni di dollari in nuovi sistemi di difesa. Oltre all’accordo con la statunitense Boing, Rabat ha concluso intese con numerosi produttori di armi francesi. [EC]