Africa

Africa 2020, a Roma e Milano per parlare di prospettive politiche ed economiche 

AFRICA – Un bilancio politico ed economico del continente africano per l’anno che si è appena concluso e uno sguardo alle prospettive che il 2020 porta con sé: a questi temi, il mensile Africa e Affari, dedica, come consuetudine ormai, una mattinata di discussione, alla quale parteciperanno esperti e protagonisti del mondo italiano che si occupa di Africa.

Per la prima volta, quest’anno, l’incontro “Africa 2020: prospettive politiche ed economiche” si terrà sia a Roma (il 28 Gennaio dalle ore 9:30 a Palazzetto Mattei in Villa Celimontana presso la stupenda cornice della Società Geografica Italiana in via della Navicella 12) che a Milano (il 30 Gennaio dalle ore 09:30 presso lo Studio Andersen Tax & Legal in Corso Magenta 82).

Durante le due mattinate di lavori verrà presentato un quadro politico, passando in rassegna tendenze geopolitiche e fattori di rischio nei vari Paesi, ma anche tutti gli appuntamenti elettorali che attendono una dozzina di nazioni africane nel 2020. Per quanto riguarda l’economia, verrà presentata una sintesi di tutti gli ultimi dati aggiornati forniti da Banca Mondiale, Fondo Monetario Internazionale e Banca Africana di Sviluppo. Un quadro economico, quello africano, molto variegato ma che comunque indica (nonostante l’affanno dell’economia internazionale) che l’Africa continuerà anche nel 2020 ad essere la seconda zona del mondo (dopo l’Asia) con la maggior crescita economica. Il 2020, poi, sarà per l’Africa un anno che entrerà nella storia con l’entrata in vigore a luglio dell’Area di libero scambio africana (Afcfta).

Sia durante la conferenza di Roma che di Milano, un’attenzione particolare quest’anno sarà data a far conoscere le opportunità finanziarie esistenti per chi intende operare in Africa grazie alla presenza di due ospiti d’eccezione: Paolo Munini, Capo della Divisione prestiti ai privati per l’area Africa di Banca Europea degli Investimenti (BEI), che illustrerà gli strumenti messi a disposizione dall’Istituto europeo delle aziende che intendono operare in Africa; e Antonella Baldino, Direttrice del dipartimento cooperazione internazionale di Cassa Depositi e Prestiti (CDP) che spiegherà la nuova fase di attenzione e attività del suo Istituto verso il Continente.

Durante l’appuntamento del 30 gennaio di Milano, poi, si terrà un focus particolare sulle nuove modalità di Partenariato Pubblico Privato (PPP) in Africa grazie anche alla presenza del responsabile dell’ufficio PPP del governatorato dello Stato di Lagos in Nigeria, Baba Alokolaro.

Tra gli altri ospiti delle due giornate ci sarà Giuseppe Mistretta, Direttore Africa subsahariana al Ministero degli Esteri (per affrontare le attività politiche italiane in Africa), ICE Agenzia (che presenterà un programma di formazione dedicato all’Africa Sub-Sahariana pensato per aiutare le aziende italiane a comprendere come approcciare al meglio questo nuovo mercato), l’amministratore delegato del gruppo ghanese Trasacco, Massimiliano Colasuonno Taricone, lo studio di architettura Stefano Boeri, e responsabili di Fiera di Roma che presenteranno Codeway, la nuova fiera dedicata alla cooperazione profit-no profit.

I due eventi sono organizzati dalla redazione del mensile Africa e Affari e del notiziario InfoAfrica: a Roma in collaborazione con Il Centro Relazioni con l’Africa (CRA) della Società Geografica Italiana, e a Milano con lo Studio Andersen Tax & Legal ed Ethiopian Airlines, la prima compagnia aerea africana. Durante le due mattinate verrà distribuita ai partecipanti una copia gratuita del numero di Gennaio 2020 del mensile Africa e Affari, contenente i temi stessi affrontati nel corso dei lavori.

Per maggiori informazioni è possibile consultare qui il programma dell’evento di Roma del 28 gennaio e qui il programma dell’evento di Milano del 30 gennaio. Per partecipare scrivere a eventi@internationalia.org.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Accordo di Cotonou esteso fino a fine anno

    AFRICA - L’accordo di Cotonou, che stabilisce il quadro generale per le relazioni di partenariato tra l’Unione Europea e i Paesi dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP), è stato esteso fino alla fine di dicembre di quest’anno.

    A comunicarlo sono stati i capi negoziatori delle due parti, per i Paesi ACP il ministro degli Esteri togolese Robert Dussey e per l’UE la Commissaria europea per le partnership internazionali Jutta Urpilainen.

    L’intesa sull’estensione della durata dell’accordo di Cotonou, che altrimenti sarebbe scaduto questo 29 febbraio, consentirà di proseguire i negoziati senza dover modificare il testo in vigore dalla sua adozione nel 2000 per sostituire la convenzione di Lomé del 1975 e che si basa su tre pilastri fondamentali: la cooperazione allo sviluppo, la cooperazione economica e commerciale, e la dimensione politica.

    I colloqui per un nuovo accordo destinato a gettare le basi del futuro partenariato tra UE e Paesi ACP sono cominciati a settembre 2018, con l’UE che si sta adoperando per una base comune a livello di ACP affiancato a tre partenariati regionali su misura per l'Africa, i Caraibi e il Pacifico.

    Nelle intenzioni dell’UE il futuro accordo riguarderà settori prioritari tra cui democrazia e diritti umani, crescita economica e investimenti, cambiamenti climatici, eliminazione della povertà, pace e sicurezza, migrazione e mobilità. [MV]

  • AfricaAngola Free

    Capo della diplomazia statunitense a Luanda, seconda...

    AFRICA – Il capo della diplomazia statunitense Michael Pompeo è giunto la notte scorsa in Angola, seconda tappa di un tour in Africa che lo ha già portato in Senegal e che lo condurrà in seguito in Etiopia. E’ previsto per stamani alle 10.00 un incontro con il presidente della Repubblica Joao Lourenço al Palazzo presidenziale a Cidade Alta, seguito da un colloquio con il suo omologo, Manuel Domingos Augusto, e successivamente da incontri con imprenditori. Vige tra gli Stati Uniti e l’Angola un accordo di partenariato strategico, firmato nel 2010. Dal punto di vista commerciale, l’Angola esporta verso gli USA principalmente petrolio, derivati e diamanti, mentre dagli Stati Uniti sono importati beni alimentari, attrezzature per l’industria petrolifera e altri macchinari. La visita in Africa del Segretario di Stato statunitense giunge in un momento in cui il governo di Washington ha imposto nuove restrizioni per l’ottenimento di visti a quattro nuovi Paesi, portando il numero totale a 6. La considerazione del presidente Donald Trump nei confronti dell'Africa ha più volte suscitato critiche e sgomento, e da qualche settimana, il governo sta anche valutando  di ridurre la presenza militare nel Sahel, allorché l'insicurezza nella regione è drasticamente aumentata. Da Dakar, la capitale senegalese dove ha soggiornato nel fine-settimana, Pompeo ha lasciato la questione aperta, limitandosi a dire che gli USA “faranno quel che bisogna fare” in Africa,  senza chiarire se ci sarà effettivamente una riduzione di truppe. Considerato come modello di democrazia e di stabilità, il Senegal era stato scelto per iniziare questo tour, volto soprattutto a rafforzare le relazioni economiche e a contrastare la dominazione della Cina. “E’ allettante scegliere denaro facile, da interlocutori come la Cina. Ma ci sono alternative migliori” ha detto il capo della diplomazia in conferenza stampa, invitando a scegliere partnership con aziende americane, dotate di “valori migliori e di migliore qualità”. [CC]
  • Africa Free

    In crescita traffico aereo passeggeri in Africa

    AFRICA - Il numero dei passeggeri che hanno viaggiato nel 2019 su compagnie aeree africane è cresciuti del 5% rispetto all’anno precedente.

    A segnalarlo è l’Associazione internazionale del trasporto aereo, (IATA), sottolineando come il dato della crescita del traffico aereo in Africa sia il più alto a livello mondiale in rapporto agli altri continenti e ad una media globale del 3,4%.

    Il ritmo di crescita del numero di passeggeri in Africa è in leggero rallentamento rispetto al 6,3% registrato nel 2018, ma evidenzia comunque - secondo quel che riportala IATA - un contesto economico generalmente favorevole, caratterizzato da una maggiore stabilità in diversi Paesi del continente e da un miglioramento della connettività del trasporto aereo.

    I dati della IATA mostrano inoltre come la capacità di carico dei singoli aerei in Africa sia cresciuta nel 2019 del 4,5% raggiungendo quota 71,3%.

    A livello globale, i passeggeri in Africa rappresentano il 2,1% del totale del traffico aereo mondiale. [MV]

  • AfricaMauritaniaSenegal Free

    Al via esercitazioni militari Flintlock

    MAURITANIA / SENEGAL - Almeno 1600 militari di 34 nazioni africane e di alti Stati partner prenderanno parte dal 17 al 28 febbraio alle esercitazioni militari Flintlock. Le esercitazioni Flintlock sono organizzate dagli Stati Uniti nell’ambito dello U.S. Africa Command e quest’anno si terranno in diverse località della Mauritania e del Senegal. Alle esercitazioni parteciperanno anche l’Italia, diversi altri Paesi europei, il Giappone, il Canada e il Brasile. [MS]
  • Africa Free

    Rimesse, accordo tra Ecobank e Alipay

    AFRICA - La banca panafricana Ecobank ha siglato un accordo con Alipay, la piattaforma mondiale di pagamento e lifestyle che mira a offrire servizi finanziari più inclusivi fornendo un modo rapido, sicuro e conveniente per i lavoratori di trasferire denaro a casa. La partnership faciliterà i trasferimenti istantanei da Rapidtransfer, la soluzione dedicata alle rimesse di Ecobank, agli utenti di Alipay, che serve oltre 1,2 miliardi di persone a livello globale insieme ai suoi partner di e-wallet locali. Secondo Ecobank in questo modo si fornirà un canale aggiuntivo che aumenterà le opzioni disponibili per gli utenti, contribuirà a ridurre i costi di transazione e migliorerà la qualità del servizio sul mercato. “Siamo entusiasti di collaborare con Ecobank e di utilizzare la nostra tecnologia per offrire servizi veloci e convenienti per le rimesse e per un numero maggiore di utenti in tutto il mondo, in particolare i lavoratori che vivono lontano da casa", ha affermato Ma Zhiguo, responsabile di Alipay per il settore delle rimesse globali. [MS]
  • Africa Free

    Inaugurata nuova sede dell’Intelligence africana, un...

    GUINEA EQUATORIALE – La nuova sede del Comitato per l’Intelligence e Servizi di Sicurezza dell’Africa (CISSA) è stata inaugurata ad Addis Abeba (Etiopia) a margine del 33° Vertice ordinario dell’Unione Africana, nel corso del fine settimana scorso. La nuova sede dell’Intelligence africana è stata interamente finanziata dalla Guinea Equatoriale, per un importo che non è stato reso pubblico. A tagliare il nastro inaugurale è stato infatti il presidente della Guinea Equatoriale, Teodoro Obiang Ngema, alla guida del Paese da 40 anni, e la cui statua orna l’ingresso del nuovo edificio. Obiang ha ricevuto il plauso dei dirigenti africani per questa e altre opere “umaniste” dedicate all’Africa e al panafricanismo. Il CISSA è stato creato nel 2004 per promuovere gli scambi di informazioni fra i Paesi africani per lottare contro il terrorismo e la criminalità transfrontaliera. Il comitato è collegato al Consiglio per la pace e la sicurezza dell’Unione Africana. [CC]