Egitto

La Bers entra nel capitale della Infinity Energy

EGITTO – La Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (Bers) sta investendo 60 milioni di dollari per entrare nel capitale di Infinity Energy S.A.E., una delle principali società energetiche private egiziane. L’ingresso avverrà attraverso l’emissione di nuove azioni. 

(167 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Tunisia Free

    Fakhfakh annuncia squadra di governo, ma Ennadha...

    TUNISIA - Il primo ministro tunisino incaricato Elyes Fakhfakh ha reso nota la composizione della sua squadra di governo.

    Secondo quel che viene riportato dai media locali il partito di maggioranza relativa in Parlamento, il movimento islamico Ennahda, ha tuttavia già annunciato che non darà la propria fiducia, spingendo Fakhfakh a proseguire le negoziazioni con le forze politiche nonostante le tre settimane già impiegate nelle consultazioni.

    La composizione del governo annunciata nei giorni scorsi e che include 31 membri tra cui sei donne, sarà quindi rivista.

    Incaricato di formare il governo lo scorso 20 gennaio, Fakhfakh ha un mese di tempo per formare la sua squadra di governo e ottenere la fiducia di almeno 109 deputati su 217.

    Se il primo ministro designato non dovesse riuscire a formare un nuovo governo entro la scadenza prevista, il presidente ha il diritto di sciogliere il parlamento e convocare elezioni legislative anticipate. [MV]

  • EgittoEtiopiaSudan Free

    Salta accordo su diga del Nilo

    EGITTO / ETIOPIA / SUDAN - Nessuno accordo sulla gestione delle acque del Nilo: l’incontro che a Washington doveva mettere la parola fine al contenzioso tra Egitto, Etiopia e Sudan si sarebbe concluso con un nulla di fatto.

    A dirlo, sul proprio account Twitter, è stato l’ambasciatore etiope negli Stati Uniti Fitsum Arega, senza tuttavia fornire maggiori dettagli sul motivo per cui l’accordo sia saltato.

    Il mese scorso le tre nazioni avevano trovato una prima, ma importante, intesa, in seguito ai colloqui mediati dagli Stati Uniti e dalla Banca Mondiale, sui tempi e le modalità di riempimento del bacino e sul funzionamento della Grande diga del millennio, il più grande sbarramento idroelettrico dell’Africa che si sta costruendo sul fiume Nilo azzurro (il principale affluente del Nilo).

    Questa intesa prevedeva che la Grande diga del Rinascimento dovesse essere riempita gradualmente durante la stagione delle piogge. Mancavano però i dettagli delle fasi di riempimento e di gestione del grande bacino in tempi di siccità.

    Erano quindi necessari ulteriori negoziati prima che l’accordo finale potesse essere finalizzato. Si prevedeva comunque che la sigla finale sarebbe stata posta entro la fine di questo mese.

    L’Etiopia, che sta costruendo la diga, vuole iniziare a generare elettricità il più presto possibile. Ma l’Egitto è preoccupato per le sue riserve d’acqua se la diga viene riempita troppo velocemente. Per Il Cairo la portata del Nilo non può scendere. La maggior parte della popolazione egiziana, che nei giorni scorsi ha raggiunto i 100 milioni di abitanti, vive lungo il corso del fiume e per essa le acque del fiume sono fonte di vita. Per l’Egitto, ancora di più che per il Sudan, il Nilo ha anche un grande valore economico. Sulle sponde del corso d’acqua si concentrano infatti le principali industrie locali e le principali attività agricole. Un calo del flusso delle acque significherebbe un lento ma inesorabile declino per il Paese.

    Le trattative messe in atto nelle scorse settimane rappresentano un modo pacifico per risolvere la delicata questione. Un metodo non scontato. Quando l’Etiopia annunciò la costruzione dello sbarramento membri dell’allora governo Morsi minacciarono bombardamenti sui cantieri. Il rischio di una guerra per l’acqua non è quindi così lontano. [Africa Rivista]

  • Egitto Free

    Progetto per trasformare paglia di riso in legno

    EGITTO - Ha un valore economico pari a 228 milioni di dollari il progetto promosso dal governo egiziano per costruire una struttura dove trasformare la paglia di riso in legno.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che obiettivo del progetto è limitare l'inquinamento atmosferico derivante dalla combustione della paglia.

    L’impianto è frutto di un accordo tra la Egyptian Wood Technology Company (WOTECH) e la compagnia petrolifera Petrojet, mentre la società d’ingegneria tedesca Siempelkamp si occuperà di sviluppare il progetto tecnico.

    Secondo quel che viene reso noto, l’impianto sarà realizzato nel governatorato di Buhayra nella regione del delta del Nilo e sarà in grado di produrre 205.000 metri quadrati di pannelli di fibra a media densità (MDF) all’anno.

    La struttura produrrà prodotti locali di alta qualità che verranno utilizzati in vari settori tra cui l'arredamento, l'edilizia e la decorazione. [MV]

  • Algeria Free

    Turismo, verso facilitazioni per visti

    ALGERIA - Investimenti in vista in Algeria a sostegno della rete diplomatica e consolare con lo scopo di attrarre investimenti stranieri e di promuovere il mercato algerino e il Paese anche come destinazione turistica. A parlare di questo sforzo che sarà fatto è stato il primo ministro algerino Abdelaziz Djerad, presentando il suo piano d’azione in Parlamento. Già denominato ‘Plan destination Algerie’, sul lato turistico il progetto è quello di facilitare l’ottenimento dei visti di ingresso e di sostenere le attività delle agenzie di viaggio. Sul fronte infrastrutturale il piano farebbe perno sul nuovo aeroporto di Algeri, attualmente sotto utilizzato rispetto alle sue potenzialità. [MS]
  • Algeria Free

    Alla Safex la XIV edizione del Salone internazionale...

    ALGERIA - Si avvicina la XIV edizione del Salone Internazionale della Farmacia e Parafarmacia (Siphal), evento che ogni anno riunisce in Algeria i protagonisti del settore farmaceutico e della sua industria. “La sicurezza farmaceutica” sarà il tema di questo Siphal, in programma dal 19 al 22 febbraio presso il Padiglione centrale della Safex, la Fiera d’Algeri. “La farmacia del futuro, ovvero di domani, sta andando verso una farmacia connessa che offrirà una grande sicurezza agli utenti ad ogni livello della catena, dalla produzione all’erogazione, passando dalla formazione, dalla ricerca e dalle prove cliniche. La scelta di questo tema comporta sfide per tutta la corporazione: officinali, ospedalieri e industriali” scrivono gli organizzatori sul sito Internet, http://siphaldz.com/ Operatori privati e pubblici sono attesi per mettersi in mostra, creare connessioni e partnership, parlare di ricerca e innovazione. Il Siphal 2020 si svolge sotto l’egida del Ministero della Sanità. [CC]
  • Marocco Free

    In crescita export prodotti agro-alimentari

    MAROCCO - Ha registrato un aumento del 9% il volume delle esportazioni di prodotti agro-alimentari dal Marocco nell’ultima stagione 2018-19 rispetto alla precedente.

    A segnalarlo è stato il ministero dell’Agricoltura, della pesca marittima, dello sviluppo rurale, delle acque e delle foreste, rendendo noto che le esportazioni hanno raggiunto per la prima volta il livello record di 3,1 milioni di tonnellate.

    In termini economici, il valore delle esportazioni di prodotti agro-alimentari ha raggiunto quota 5,97 miliardi di dollari, pari secondo i dati dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’agricoltura e l’alimentazione al 30% di tutte le esportazioni marocchine. [MV]