Repubblica Congo

Oil&Gas, appello a manifestazione d’interesse per la licenza KLL II

REP CONGO – Un appello a manifestazione d’interesse è rivolto alle società del settore idrocarburi in vista della selezione dei futuri operatori sulla licenza d’esplorazione di Kombi-Likalala-Libondo II (KLL II), nell’offshore congolese.

(145 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Centrale

  • Repubblica Congo Free

    In corso Conferenza sul petrolio, “motore dell...

    REP CONGO – La IV edizione della Conferenza internazionale sul petrolio e il gas della Repubblica del Congo è in corso da ieri e fino a domani presso il Centro congressi di Kintélé. All’evento, vetrina del settore degli idrocarburi congolese, è presente il primo ministro Clément Mouamba, a sostegno del tema dato a questa edizione: “Valorizzare le risorse in idrocarburi per la diversificazione economica e l’integrazione regionale”. In apertura, il capo del governo ha insistito sulla necessità di diversificare l’economia nazionale per allontanarsi dai rischi legati ad un’economia concentrata solo sul petrolio. “La risorsa petrolifera deve finanziare l’economia, ma allo stesso tempo servire la diversificazione che garantisce le basi per una crescita più resiliente e inclusiva. E’ un punto comune negli obiettivi fondamentali delle politiche pubbliche in ognuno degli Stati africani petroliferi, che stanno attuando riforme per allentare la morsa del petrolio sulle economie” ha detto Mouamba. Sotto l’ombrello del ministero degli Idrocarburi, la “CIEHC4” in sigla, è organizzata da AME Trade Ltd che attende circa un migliaio di partecipanti. Sono presenti delegazioni di Paesi produttori di idrocarburi, investitori, aziende del settore, esperti e analisti. L’industria petrolifera è la principale fonte di reddito del governo congolese. Rappresenta il 70% degli introiti, l’80% delle esportazioni e il 50% del Pil. [CC]
  • Camerun Free

    Ad aprile la Fiera internazionale del Commercio a...

    CAMERUN – La prima edizione della Fiera Internazionale degli affari e del Commercio di Douala / Forum internazionale delle Pmi – FIAC-PMEXCHANGE - si terrà dal 4 al 19 aprile prossimo. L’appuntamento nasce per diventare un luogo d’incontri e di scambi commerciali fra aziende, in particolare piccole e medie imprese (Pmi). La nova fiera nasce infatti dal partenariato tra la Fiac e il Forum internazionale delle Pmi. Si propone inoltre come alternativa al Salone Promote di Yaoundé, principale appuntamento fieristico commerciale del Camerun. Attraverso la FIAC-PMEXCHANGE si vuole fare di Douala una sosta d’obbligo nel panorama del commercio regionale e valorizzare la posizione strategica della metropoli economica del Camerun. Sono previsti seminari tematici per gli imprenditori, appuntamenti B2B, la consegna del Gran Premio dell’innovazione, e un grande spazio espositivo multisettoriale. Il governo ha affidato l’organizzazione dell’evento alla fondazione internazionale Inter-Progress, alla quale è possibile rivolgersi per informazioni all’indirizzo  info@interprogress.org  [CC]
  • Repubblica Congo Free

    Inaugurata la terza turbina Eni nella centrale a gas di...

    REP CONGO – Aumenterà in modo significativo la produzione di elettricità alla Centrale Elettrica del Congo (CEC) grazie alla nuova e terza turbina installata dal gruppo italiano Eni. Inaugurata martedì alla presenza del presidente della Repubblica Denis Sassou Nguesso e del responsabile di Eni in Africa Occidentale, Guido Brusco, la nuova turbina permette alla centrale a gas di far aumentare la produzione da 314 a 484 megawatt. La CEC, ubicata nella periferia sudorientale della capitale economica, Pointe-Noire, è frutto di un partenariato tra il governo congolese e l’Eni, entrambi titolari di quote di capitale della centrale (Eni ne possiede il 20%). “La centrale elettrica del Congo, che è una nostra iniziativa, dal 2010 fornisce elettricità alle città di Pointe-Noire e Brazzaville, grazie alla riqualificazione della rete di trasporto fino a Brazzaville e all’ampliamento della rete di distribuzione in Pointe-Noire” spiega il gruppo italiano. Secondo il Journal de Brazza, a partire dal gas naturale, la CEC fornisce il 60% dell’elettricità usata in Congo. La capacità nazionale installata è di 500 megawatt, a fronte di una domanda di 600 megawatt. Per il futuro, esiste il progetto di una quarta turbina che potrebbe ancora aumentare la produzione in maniera rilevante. [CC]
  • Gabon Free

    Idrocarburi, assegnate tre nuove licenze esplorative

    GABON - Il governo di Libreville ha firmato con la compagnia franco-britannica Perenco un contratto per l’assegnazione di tre licenze esplorative di idrocarburi in Gabon.

    A segnalarlo sono i media specializzati, precisando che le licenze riguardano i blocchi di Ezila, Onémbé ed Evaro, situati nel sub-bacino Settentrionale nella provincia di Ogooué Maritime.

    Insieme, i blocchi coprono un'area di 5161 chilometri quadrati.

    Secondo le informazioni a disposizione, le licenze prevedono un periodo esplorativo iniziale sui tre blocchi di otto anni.

    L’assegnazione delle licenze è il risultato di negoziati diretti tra le due parti, in conformità con le disposizioni del nuovo codice degli idrocarburi, promulgato a luglio dello scorso anno. [MV]

  • R. Centrafricana Free

    Accordo con società tunisina per installazione...

    CENTRAFRICA - Un progetto intrapreso da una Epc con base in Tunisia è destinato a portare una soluzione almeno parziale ai problemi di elettricità di Bangui, la capitale della Repubblica Centrafricana. Il progetto è finanziato dal Saudi Development Fund (Fsd) sotto l’egida del ministero dell’Economia, della pianificazione e della cooperazione del Centrafrica; la società tunisina contrattualizzata è la Tragadel di Tunisi. Il progetto prevede l’acquisizione e l’installazione di generatori e illuminazione stradale fotovoltaica. Clarke Energy ha annunciato la fornitura di quattro unità di gruppi elettrogeni diesel Kohler-SDMO KD3500-F per Tragedel che serviranno ad alimentare la rete elettrica. Questo progetto rappresenta un'importante pietra miliare per Clarke Energy - ha riferito in una nota la stessa società - in quanto sarà il primo riferimento nella Repubblica Centrafricana e nella sua più grande centrale diesel in Africa. Il progetto aggiungerà 10 MW alla rete elettrica della capitale del paese, migliorando così le condizioni di vita della popolazione. [MS]
  • Guinea Equatoriale Free

    Joint-Venture tra Gepetrol e gruppo tedesco De Raj

    GUINEA EQUATORIALE – La compagnia nazionale di petrolio Gepetrol e il gruppo tedesco De Raj hanno costituito una joint-venture per sviluppare, in Guinea Equatoriale, progetti nell’industria degli idrocarburi. Nell’ambito della strategia 2020 proclamata dal governo di Malabo “anno degli investimenti”, grande enfasi viene data al comparto dell’Oil & Gas. Grazie alla nuova joint-venture, saranno realizzati investimenti nella produzione di petrolio, la costruzione e riabilitazione di Fpso (unità galleggiante di produzione, stoccaggio e scarico), nella costruzione di una raffineria e di un complesso petrolchimico. La Gepetrol è un’azienda pubblica al 100%, che opera sia in attività di produzione che nel monitoraggio del settore. Dal CEO della compagnia, Antonio Oburu Ondo, è giunto l’augurio che questa joint-venture possa aiutare la Gepetrol a sviluppare una cultura dell’eccellenza e dell’innovazione, e a migliorare per diventare un’azienda di prima classe sia in Guinea Equatoriale che all’estero. Il gruppo De Raj fornisce servizi e soluzioni ad aziende del comparto Oil & Gas in Europa, Asia e Africa. [CC]