Malawi

Intesa per sviluppare infrastrutture per ricerca e istruzione

MALAWI – UbuntuNet Alliance, associazione no-profit tra le reti di ricerca e formazione regionali di Africa orientale e meridionale, ha siglato un’intesa con il governo di Lilongwe per assicurare connettività ad alta velocità, soprattutto in fibra ottica, per le istituzioni universitarie e della ricerca in Malawi.

(206 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Sudafrica Free

    Eskom chiede nuovi fondi: aumento tariffe o...

    SUDAFRICA - Eskom ha bisogno di nuovi fondi e ne ha bisogno subito, che arrivino da un aumento delle tariffe o da una ricapitalizzazione: a sostenerlo è stato il nuovo amministratore delegato della utility energetica sudafricana, Andre de Ruyter.  “La questione del debito di Eskom deve essere affrontata per rendere Eskom sostenibile”, ha detto de Ruyter alla Commissione permanente dei conti pubblici del Parlamento. Secondo stime correnti, Eskom ha debiti per 450 miliardi di Rand, ovvero circa 31,4 miliardi di dollari. Un debito che grava soprattutto sul governo e che sta pesando sulle performance della società.  “I soldi dovranno provenire da qualche parte. O da un aumento delle tariffe o da un'iniezione di capitale. Il debito non scompare e basta. In realtà crea un rischio molto significativo per il sovrano”, ha detto de Ruyter. [MS]
  • Namibia Free

    Luce verde a export carne bovina verso Usa

    NAMIBIA - La Namibia è diventata il primo Paese africano ad esportare carne bovina verso il mercato statunitense. A riferirlo è stato il portavoce del principale esportatore di carne del Paese, la Meatco. La prima spedizione di carne bovina verrà spedita negli Stati Uniti a giorni, ha dichiarato Jethro Kwenani in una nota. Kwenani ha dichiarato che alla Namibia è stato concesso l’accesso al mercato statunitense nel 2016 e nel 2017 e che l’impianto di Meatco è stata sottoposto a un audit di sanità pubblica e assicurazione da parte dei servizi di sicurezza e ispezione degli Stati Uniti. “L’audit, che viene condotto ogni 18 mesi o due anni, è stato effettuato per verificare se la Namibia è conforme al mantenimento degli standard richiesti", ha affermato Kwenani. Il previsto volume delle esportazioni di carne bovina della Namibia verso gli Stati Uniti dovrebbe partire da circa 862 tonnellate e aumenterà a circa 5.670 tonnellate entro il 2021. [MS]
  • Angola Free

    Entro fine anno l’avvio della costruzione dell...

    ANGOLA – Comincerà a fine anno a Quivinca Nvemba, vicino a Soyo, la costruzione di un impianto per la produzione di gas naturale liquefatto (Gnl) nel quale sono coinvolte Eni-Angola, Sonangol, British Petroleum, Cabinda Gulf Oil Company (Cabgoc, filiale della Chevron) e Total. Riunite nel “Novo Consórcio de Gás” costituito alcuni mesi fa, le aziende del settore Oil & Gas stanno preparando la realizzazione di questo impianto su un’area di 100 ettari, nel quale verranno assunti circa 3000 lavoratori. Gli ultimi aggiornamenti sul progetto sono stati riferiti dal Jornal de Angola che cita il direttore dei lavori per Eni, Kresimir Vujec. L’impianto è progettato per processare 1,1 miliardi di piedi cubi di gas naturale al giorno e produrre 5,2 milioni di tonnellate di Gnl all’anno, oltre a gas naturale, propano, butano e condensato. [CC]
  • Angola Free

    Finanziamento dalla Svezia per elettrificazione in...

    ANGOLA – Arriva dal governo svedese un rilevante aiuto per l’elettrificazione nella provincia angolana nord-occidentale di Bengo, dove il presidente della Repubblica Joao Lourenço si è recato solo pochi giorni fa. Nell’ambito della cooperazione Svezia-Angola, l’ambasciatrice di Stoccolma a Luanda, Ewa Polano, ha annunciato un aiuto finanziario che coprirà le spese di elettrificazione per 22.000 persone, nelle località di Dembos, Pango Aluquém, Bula Atumba e Nambuangongo. L’iniziativa sarà attuata nell’arco dei prossimi due anni e comprende la costruzione di cinque sottostazioni elettriche con rispettive linee lunghe 304 km. La governatrice della provincia di Bengo, Mara Quiosa, ha sottolineato che le località coinvolte sono a vocazione agricola e hanno bisogno di elettrificazione per l’industrializzazione della produzione. [CC]
  • Lesotho Free

    Contributo UE per l’emergenza fame e siccità in...

    LESOTHO – L’Unione Europea ha offerto un contributo del valore di 1,5 milioni di euro per l’assistenza alimentare in Lesotho. Nella piccola nazione dell’Africa australe, secondo il Programma alimentare mondiale (Pam) delle Nazioni Unite, il 30% della popolazione vive in una situazione di crisi alimentare. “Grazie a supporto umanitario dell’UE – scrive il Pam – potremo espandere l’assistenza a 22.100 persone in più rispetto alle 77.880 che già stanno ricevendo un’assistenza”. Sono circa 500.000, secondo le stime del Pam, le persone che vivono attualmente in una situazione di crisi alimentare. In Lesotho, i cambiamenti climatici hanno esacerbato episodi di siccità ricorrenti, riducendo i raccolti agricoli e ponendo gli abitanti delle zone rurali in gravi difficoltà. Nel 2019, la produzione di mais, alimento base, è crollata del 78% rispetto all’anno precedente. L’emergenza siccità era stata proclamata l’anno scorso, con un appello a contribuire con 74 milioni di euro. [CC]
  • Sudafrica Free

    Via libera a progetto eolico

    SUDAFRICA - Il ministero sudafricano dell’Ambiente ha dato la propria approvazione allo sviluppo del progetto eolico di Boulders, sulla costa occidentale del Paese, nei pressi di Paternoster nella provincia di Western Cape.

    A darne notizia sono i media specializzati, ricordando che il progetto prevede la costruzione su una superficie di 44 ettari di un totale 45 turbine alte ognuna 165 metri: il parco eolico avrà la capacità di generare 140 megawatt.

    Il progetto eolico di Boulders sarà situato non distante da un altro progetto eolico, quello di West Coast One, operativo già dal 2015 e capace di generare 94 MW, consentendo di crear in questo modo un polo strategico per la produzione di energia rinnovabile nella provincia di Western Cape.

    L’approvazione del progetto di Boulders da parte del ministero dell’Ambiente prevede in ogni caso la necessità di rivedere il progetto originario, incluso il piano di sviluppo del sito e una nuova valutazione d’impatto ambientale. [MV]