Africa Orientale

In corsa per creare valuta unica

AFR ORIENTALE – I Paesi membri della Comunità dell’Africa orientale (EAC) stanno procedendo ad armonizzare le politiche e istituire le necessarie istituzioni per creare entro il 2024 una valuta comune regionale.

(205 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Tanzania Free

    Nel 2019 boom delle esportazioni

    TANZANIA - Nel 2019 sono aumentate le esportazioni di anacardi, canapa, cotone, chiodi di garofano e oro facendo registrare un balzo delle entrate da 8,618 a 9,982 miliardi di dollari. Ad annunciarlo è un rapporto della Banca di Tanzania secondo la quale, nello stesso periodo, le esportazioni di caffè, tè e tabacco hanno invece segnato un calo. “Le esportazioni di oro sono aumentate del 44,5% (2,436 miliardi di dollari) e hanno rappresentato il 56,3% delle esportazioni di beni non tradizionali. L'aumento è legato soprattutto a un incremento delle estrazioni e alla crescita del prezzo all'oncia”, afferma il rapporto. Nel 2019, sono leggermente aumentate anche le importazioni di beni e servizi, attestandosi sui 10,289 miliardi (l'anno precedente erano 10,274 miliardi). Secondo gli analisti della Banca della Tanzania, la crescita è stata trainata dai materiali da costruzione e dalle importazioni di petrolio. Anche il pagamento dei servizi è salito arrivando a 1,768 miliardi. Questo aumento è legato soprattutto al pagamento dei trasporti, in particolare del trasporto di merci, che è cresciuto del 13,5 per cento (579,9 milioni di dollari). [EC]
  • Comore Free

    Celebrazioni indipendenza diventano momento di...

    COMORE - Saranno celebrati oggi, fra strette misure di sicurezza, i 45 anni dell’indipendenza delle isole Comore. Il capo di Stato, Azali Assoumani, ha deciso di tenere una cerimonia sull’isola di Anjouan, la stessa dove ha già subito due tentativi di assassinio. Anjouan è l’isola da cui sarebbe dovuto arrivare il nuovo presidente se il referendum costituzionale del 2018 non avesse consentito ad Assoumani di ottenere un secondo mandato.  Nelle stesse ore della cerimonia di Anjouan, nell’isola di Grande Comore, gli oppositori politici di Assoumani terranno una contro-cerimonia sfidando i divieti formalmente imposti dalle autorità.  Attualmente, anche per motivi sanitari, sono vietati assembramenti di più di 20 persone. La Procura della repubblica ha tra l’altro accusato in maniera esplicita quattro esponenti dell’opposizione di fomentare disordine pubblico, due di questi sono anche stati ascoltati dalla polizia. [MS]
  • Comore Free

    Aumentate le rimesse in periodo di pandemia

    COMORE – Contrariamente alle previsioni sul calo delle rimesse a causa della pandemia di covid-19, alle Comore si è registrato un aumento del 32% degli invii di denaro dalla diaspora verso l’arcipelago africano. Lo si è appreso dalla Banca centrale, secondo la quale le rimesse da gennaio a fine maggio hanno raggiunto 74 milioni di euro, contro 56 milioni di euro l’anno precedente, nello stesso periodo. «È il segnale della solidarietà tradizionale dei comoriani» ha commentato il governatore della Banca centrale,   Younoussa Imani. Alle Comore, le rimesse inviate dai connazionali all’estero rappresentano circa il 15% del Pil e sono la prima fonte in valuta estera. Nel 2019, le rimesse sono state di 158 milioni di euro. Circa 800.000 vivono nelle isole dell’arcipelago, mentre sono 300.000 quelle che vivono all’estero. [CC]
  • Rwanda Free

    Poteri a Kagame sulle aziende statali

    RWANDA – Il presidente Paul Kagame ha d’ora in poi il potere di creare o smantellare società pubbliche. Lo hanno deciso i legislatori, approvando una nuova legge che dà più potere al capo dello Stato in questo ambito. Prima di entrare in vigore, la legge deve essere convalidata dall’esecutivo. Secondo i promotori del provvedimento legislativo, l’obiettivo è quello di snellire le procedure. Finora era solo il Parlamento a poter stabilire o sciogliere le istituzioni pubbliche. Con la novità, il presidente è autorizzato anche a determinare alcune regole di funzionamento delle aziende statali. Con questo passaggio, l’auspicio dichiarato è quello di rendere l’economia di mercato ruandese ancora più efficiente. Il presidente Kagame, alla guida del Paese dal 2000, è l’uomo forte del Paese e il referente supremo per tutto ciò che vi accade. [CC]
  • Mauritius Free

    Mauritius classificato Paese ad alto reddito

    MAURITIUS - La Banca mondiale ha classificato per la prima volta Mauritius come Paese ad alto reddito.

    A segnalarlo è stato lo stesso governo di Port Louis, ricordando di essere in questo modo la seconda economia africana dopo le Seychelles a raggiungere tale status.

    Secondo i dati pubblicati dalla Banca mondiale, il reddito nazionale lordo pro-capite nel 2019 a Mauritius è stato pari a 12.740 dollari, in aumento del 3,5% rispetto all’anno precedente.

    La soglia di reddito per essere considerati un Paese ad alto reddito è stata aggiornata quest’anno 12.535 dollari pro-capite. [MV]

  • Uganda Free

    Microcredito, MoKosh taglia traguarda 7 milioni utenti

    UGANDA - MoKosh, una piattaforma di microcredito gestita in partnership dalla società di telecomunicazioni Mtn e dalla Ncba Bank ha tagliato il traguardo dei sette milioni di utenti. La notizia è stata riferita dall’amministratore delegato di Ncba, Anthony Ndegwa.  Ndegwa ha affermato che la banca spingerà ulteriormente per lo sviluppo di MoKash anche per assistere piccole e medie imprese in termini di asset financing, servizi di advisory, servizi finanziari.  Ncba Bank è frutto di una recente fusione tra due istituti, la Nc Bank e la Cba Uganda. La fusione ha di fatto creato una delle realtà più significative nel panorama ugandese. [MS]