Zambia

Rame, governo fiducioso su prospettive e aumento produzione

ZAMBIA – Secondo maggior produttore di rame in Africa, lo Zambia si sta aprendo a maggiori investimenti nella sua industria mineraria per stimolare la crescita del settore.

(131 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Australe

  • Mozambico Free

    Prorogate misure economiche straordinarie

    MOZAMBICO - La Banca del Mozambico ha deciso di prorogare per ulteriori tre mesi le misure straordinarie già prese per mitigare gli effetti del covid-19.  Le misure prevedono che le società attive nell’ambito della moneta elettronica (e-Mola, Vodafone M-Pesa e Mobile Wallet / mKesh) non addebitino commissioni sui trasferimenti da un cliente all'altro fino al limite giornaliero di mille meticais; il limite per transazione nel portafoglio mobile è portato da 25 mila a 50 mila meticais, il limite giornaliero per le transazioni nel portafoglio mobile salirà da 125 mila a 250 mila meticais; il limite annuale delle transazioni per i clienti di livello I nel portafoglio mobile è portato a 400 mila meticais. Ancora, secondo le direttive della Banca centrale, gli istituti di credito non imporranno commissioni sulle transazioni elettroniche fino a un limite quotidiano di 5000 meticais. [MS]
  • Angola Free

    Luanda si impegna a tagliare produzione petrolifera

    ANGOLA - Il governo di Luanda ha deciso di aderire al patto con l’Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (OPEC) sull’eccesso di offerta di petrolio, compensando la precedente sovrapproduzione.

    A riportarlo è l’agenzia di stampa Reuters citando due funzionari dell’OPEC e ricordando che i Paesi produttori di petrolio avevano concordato di ridurre la produzione di greggio da maggio dopo che la crisi legata alla diffusione della pandemia di covid-19 ha ridotto di un terzo la domanda globale.

    Alcuni Paesi membri dell'OPEC, tra cui l'Angola, non hanno però rispettato in pieno i tagli alla produzione concordati.

    In base a quel che viene riportato, l’attuale impegno del governo di Luanda a ridurre la propria quota e compensare al tempo stesso la sovrapproduzione di maggio e giugno è stato mediato dal Comitato misto di controllo ministeriale (JMMC), che comprende che comprende membri dell’OPEC e del gruppo di Paesi non OPEC per la situazione sul mercato petrolifero e il rispetto dei tagli ed è attualmente presieduto dall’Arabia Saudita.

    Secondo i dati a disposizione, a maggio l’Angola ha estratto 1,28 milioni di barili al giorno e ridotto leggermente la produzione a 1,24 milioni di barili al giorno a giugno. [MV]

  • Sudafrica Free

    Allo studio programma per sviluppare uso idrogeno

    SUDAFRICA - Il ministero della Scienza e dell’innovazione ha avviato un processo in collaborazione con altre istituzioni pubbliche e private, sviluppare un programma destinato a trasformare il Sudafrica in una società votata all’uso dell’idrogeno.

    A riportarlo sono i media locali, precisando che l’obiettivo è realizzare un documento politico che informi tutte le parti interessate nel Paese sui benefici immediati e su quelli potenziali dello sviluppo e dell'implementazione delle tecnologie legate all'idrogeno e su come queste possano essere integrate nel piano nazionale sulle energie rinnovabili.

    Secondo quel che viene reso noto, il programma metterà in prospettiva i costi associati alla realizzazione di tecnologie legate all’idrogeno verde, nonché all’approvvigionamento di idrogeno grigio e blu, quello cioè derivato dal carbone e dal gas naturale. [MV]

  • Sudafrica Free

    Massmart pronta a sforbiciare i negozi Game Store

    SUDAFRICA - La Massmart Holdings Ltd ha avviato colloqui con i sindacati per tagliare fino a 1.800 posti di lavoro nei negozi Game Store attualmente in difficoltà. A pesare, secondo la società, sono le limitazioni alla spesa che le famiglie si sono imposte e in generale gli effetti del coronavirus sull’economia.  La società ha aggiunto di non aver intenzione di chiudere nemmeno uno dei negozi Game Store nonostante questi abbiano rappresentato un freno ai profitti generati dal resto del gruppo.  Di proprietà della statunitense Walmart, Massmart - che gestisce supermercati e rivendite come Makro e Game - ha riferito di aver avviato i colloqui con i sindacati dopo aver valutato l’efficienza dei negozi. La stessa società ha quindi sostenuto di aver pronto da implementare un nuovo modello operativo per i Game Store. [MS]
  • Sudafrica Free

    Total riprenderà le perforazioni a settembre

    SUDAFRICA - Total e i suoi partner riprenderanno a perforare il blocco 11B / 12B nell'offshore del Sudafrica a settembre, dopo che la pandemia di covid-19 ha ritardato il programma di esplorazione di diversi mesi. La piattaforma semisommergibile Deepsea Stavanger è partita da Bergen, in Norvegia, per il Sudafrica per avviare un programma di perforazione multi-pozzo, ha riferito la canadese Oil Energy Corp, società partner di Total.  Il pozzo Luiperd-1 sarà avviato a settembre, ha appunto riferito Africa Energy; in precedenza, il piano prevedeva di riprendere le perforazioni a giugno. [MS]
  • Madagascar Free

    Fondi contro i rischi della siccità

    MADAGASCAR - Il governo di Antananarivo ha ricevuto dalla compagnia assicurativa Pan African Risk Management Mutual (ARC) dell’Unione Africana 2,13 milioni di dollari per coprire le perdite causate dall’ultima siccità.

    A darne notizia è la Banca africana di sviluppo (AfDB), precisando che il pagamento rappresenta il premio per l'assicurazione contro la siccità sottoscritta dal Madagascar.

    I fondi saranno utilizzati per proteggere 600.000 persone vulnerabili colpite da catastrofi climatiche, compresa la siccità, che ha colpito le colture durante l'ultima stagione.

    Gli interventi si concentreranno sul trasferimento di denaro a 15.000 famiglie vulnerabili, sul sostegno nutrizionale a 2000 bambini di età inferiore ai cinque anni e sulla fornitura di acqua potabile per 84.000 famiglie.

    Il Madagascar sta affrontando devastanti rischi climatici, che si aggiungono a una generale insicurezza alimentare. Oltre ai cicloni, l'isola dell'Oceano Indiano affronta inondazioni e siccità, che incidono sulle sue finanze pubbliche e sulla crescita economica.

    Secondo l’AfDB, nel 2017 le catastrofi naturali in Madagascar hanno causato danni per circa 420 milioni di dollari spingendo il governo malgascio ad aderire al programma pilota dell’ARC per la protezione dei rischi causati da fenomeni climatici estremi. [MV]