Rwanda

Missione imprenditoriale a marzo in Rwanda

RWANDA – L’Agenzia ICE organizza in collaborazione con Assolombarda una missione imprenditoriale a Kigali, capitale del Rwanda, dal 9 al 12 marzo prossimi.

A darne notizia è la stessa Agenzia ICE, precisando che la missione è rivolta alle aziende dei settori dell’edilizia, dell’arredo e del contract, dell’energia e dell’ambiente (in particolare rinnovabili e trattamento acqua e rifiuti), delle macchine e degli impianti industriali (con focus su tessile, legno, imballaggio e agro-alimentare), delle apparecchiature medicali e farmaceutiche, delle tecnologie per l’agricoltura e dei servizi turistici.

Durante la missione sarà possibile incontrare operatori locali e istituzioni governative che presenteranno le proprie esigenze in termini di macchinari ed equipment, tecnologie e prodotti finiti; saranno inoltre presentate le strategie di sviluppo del governo ruandese e le opportunità di investimento per le imprese italiane.

Le aziende interessate potranno aderire all’iniziativa fino al 24 febbraio prossimo iscrivendosi qui. Maggiori informazioni sono disponibili qui.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Kenya Free

    Collaborazione internazionale con banche locali per...

    KENYA - L’International Finance Corporation (Ifc), il braccio del gruppo Banca Mondiale dedicato al settore privato, collaborerà con le banche keniane nell’attuazione di futuri progetti off-grid per espandere la copertura dell’energia solare nelle aree remote del Kenya. Il direttore regionale di Ifc per l’Africa orientale, Jumoke Jagun-Dokunmu, ha affermato che i prestiti per i progetti in Kenya e in altre parti dell’Africa e dell’Asia saranno erogati attraverso la valuta denominata in loco per attutire gli investimenti dalla volatilità dei tassi di cambio. “Come parte dei nostri sforzi per costruire un mercato solido, lavoreremo con le banche locali in Africa e Asia per mobilitare i prestiti in valuta locale necessari per alimentare la prossima fase di sviluppo del mercato. Solo ammassando la finanza commerciale su vasta scala possiamo raggiungere l’obiettivo di raggiungere l’accesso universale all’elettricità entro il 2030” ha affermato la stessa fonte. Parlando al sesto forum dell'industria solare off-grid a Nairobi, il presidente Uhuru Kenyatta ha promesso il sostegno del governo a progetti off-grid. “La realizzazione dell'agenda dei Big Four del mio governo sarà realizzata solo se collaboreremo con il settore privato per migliorare l'attuazione dei progetti solari off-grid in tutto il Kenya”, ha affermato il capo di Stato. [MS]
  • Etiopia Free

    Verso creazione tribunale su questioni ambientali

    ETIOPIA - Il governo di Addis Abeba ha approvato la creazione di un nuovo tribunale dedicato specificatamente alle questioni ambientali.

    A segnalarlo sono i media locali, dai quali si apprende che il tribunale dovrebbe essere operativo entro i prossimi tre anni.

    Secondo quel che viene riportato, la creazione del nuovo tribunale è frutto di una proposta redatta negli ultimi sei mesi dalla Commissione per l’ambiente, le foreste e i cambiamenti climatici del governo etiope.

    La proposta è stata ora inviata all’Ufficio del procuratore generale per le ultime osservazioni in vista della sua approvazione entro il prossimo semestre.

    Il tribunale specializzato amministrativo ambientale esaminerà, tra gli altri, quei casi che comportano compensi, riabilitazione e divieti su temi quali la gestione delle zone umide, la gestione dei rifiuti e di altri inquinanti.

    Secondo i media che riportano la notizia, tra le maggiori difficoltà che precederanno l’istituzione del nuovo tribunale figura in particolare la mancanza di competenze tecniche in materie ambientali da parte dei giudici e dei pubblici ministeri locali. A questo scopo, saranno istituiti speciali corsi di formazione sul diritto ambientale. [MV]

  • Etiopia Free

    Pompeo annuncia un aiuto contro le locuste e più...

    ETIOPIA – Arriverà da Washington un aiuto da 8 milioni di dollari per contrastare l’invasione di locuste che sta distruggendo i raccolti in Etiopia, Kenya e Somalia. Lo ha annunciato ieri da Addis Abeba il segretario di Stato statunitense Michael Pompeo, in occasione della sua visita ufficiale in Etiopia. Nel corso di una conferenza stampa successiva a una serie di incontri ufficiali con i massimi esponenti politici etiopi, Pompeo ha affermato che le riforme attuate dal primo ministro Abiy Ahmed stanno incoraggiando le aziende statunitensi a investire in Etiopia. “Il clima degli affari accogliente ha fatto dell’Etiopia un posto gradito da aziende americane come la Coca Cola, la PVH, i fabbricanti dei marchi Calvin Klein e Tommy Hilfiger, tutti si stanno espandendo qui” ha precisato il capo della diplomazia statunitense. “Al giorno d’oggi – ha aggiunto – sempre più imprese statunitensi cercano di venire qui e sono interessate a tutti i settori”. Alla platea, Mike Pompeo ha sostenuto che gli americani, come partner, mettono in primo piano la trasparenza e la sovranità, che impiegano manodopera locale, favoriscono l’empowerment e la salute globale. Nel corso della sua tappa in Senegal, il rappresentante americano aveva esplicitamente paragonato la qualità statunitense a quella cinese, cercando di contrastare l’egemonia asiatica che si è orma espansa nel continente africano. Il programma di visita di Pompeo prevede, questa mattina, un incontro con dirigenti aziendali etiopi del settore privato. [CC]
  • EtiopiaKenya Free

    Safaricom lavora a consorzio per licenza Tlc

    ETIOPIA / KENYA - Safaricom ha aperto colloqui con non meglio precisati investitori per un consorzio che quest’anno farà un'offerta per una delle due licenze di telecomunicazioni che saranno messe a gara dall’Etiopia e che potrebbe significare un investimento da un miliardo di dollari.  La società quotata al Nairobi Securities Exchange ha dichiarato essere al lavoro per riunire un gruppo di investitori in vista della sua offerta in Etiopia, prevista per aprile. Safaricom l'anno scorso aveva parlato di un'offerta congiunta in collaborazione con la Vodacom sudafricana, che detiene una partecipazione del 35% nella società. Tuttavia, fonti della stessa società hanno sostenuto che un maggior numero di aziende potrebbe essere coinvolto all’interno del consorzio proprio per l’ampiezza del mercato etiopico.  “Non abbiamo ancora preso alcuna decisione poiché la costituzione del consorzio non è stata messa a punto”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Safaricom Michael Joseph in un’intervista al Business Daily. “Sarà comunque un consorzio perché è un grande investimento. Non posso dare i nomi”. [MS]
  • Somalia Free

    Nuova legge su concessione blocchi petroliferi

    SOMALIA - Il presidente della Somalia Mohamed Abdullahi Farmajo ha firmato una legge che conferisce al governo centrale il potere di dare in concessione i blocchi petroliferi del Paese per le perforazioni commerciali, dando alla sua amministrazione il pieno controllo dei depositi grezzi non sfruttati. Il nuovo Petroleum Act apre la strada alla creazione di una compagnia petrolifera statale autorizzata a firmare accordi di esplorazione con entità straniere che si sono messe in fila per gli oltre 200 blocchi petroliferi del Paese. La legge solleva anche una nuova dimensione nella disputa marittima in corso tra Kenya e Somalia, in quanto sblocca i poteri di Mogadiscio di vendere potenzialmente blocchi petroliferi che si trovano nell’area contesa delle acque dell'Oceano Indiano. Una sentenza sul caso presentata dinanzi alla Corte internazionale di giustizia è prevista per luglio. La nuova legge scioglie tutti gli accordi stipulati tra la Somalia ed entità esterne tra il 1991 e il 2012. Inoltre, stabilisce che gli accordi stipulati con la Somalia prima della fine del governo di Siad Barre saranno mantenuti, anche se potrebbero dover essere aggiornati. [MS]
  • Rwanda Free

    Dopo finanziamento piani per diga multiuso di...

    RWANDA - Sono in corso piani per l'implementazione del progetto della diga multiuso di Nyabarongo II in seguito alla firma di un accordo di finanziamento tra il governo ruandese e la Exim Bank of China. La banca statale cinese per il commercio estero sta fornendo al Rwanda un prestito agevolato di 214 milioni di dollari. I fondi assegnati verranno utilizzati per l’attuazione del progetto, compresa la costruzione della diga multiuso di Nyabarongo II. Questa sarà una diga in cemento costruita sul fiume Nyabarongo tra i distretti di Gakenke e Kamonyi nel sud-ovest del Rwanda.  Ai piedi della diga, la società cinese Sinohydro costruirà una centrale idroelettrica. L'acqua rilasciata dal serbatoio farà girare le turbine per produrre 43,5 MW di elettricità. Il progetto include anche la costruzione di una sottostazione e la creazione di una linea di trasmissione a 110 kV su una distanza di 19,2 km per collegare l'impianto alla sottostazione di Rulindo. [MS]