Africa

In crescita traffico aereo passeggeri in Africa

AFRICA – Il numero dei passeggeri che hanno viaggiato nel 2019 su compagnie aeree africane è cresciuti del 5% rispetto all’anno precedente.

(147 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Accordo di Cotonou esteso fino a fine anno

    AFRICA - L’accordo di Cotonou, che stabilisce il quadro generale per le relazioni di partenariato tra l’Unione Europea e i Paesi dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico (ACP), è stato esteso fino alla fine di dicembre di quest’anno.

    A comunicarlo sono stati i capi negoziatori delle due parti, per i Paesi ACP il ministro degli Esteri togolese Robert Dussey e per l’UE la Commissaria europea per le partnership internazionali Jutta Urpilainen.

    L’intesa sull’estensione della durata dell’accordo di Cotonou, che altrimenti sarebbe scaduto questo 29 febbraio, consentirà di proseguire i negoziati senza dover modificare il testo in vigore dalla sua adozione nel 2000 per sostituire la convenzione di Lomé del 1975 e che si basa su tre pilastri fondamentali: la cooperazione allo sviluppo, la cooperazione economica e commerciale, e la dimensione politica.

    I colloqui per un nuovo accordo destinato a gettare le basi del futuro partenariato tra UE e Paesi ACP sono cominciati a settembre 2018, con l’UE che si sta adoperando per una base comune a livello di ACP affiancato a tre partenariati regionali su misura per l'Africa, i Caraibi e il Pacifico.

    Nelle intenzioni dell’UE il futuro accordo riguarderà settori prioritari tra cui democrazia e diritti umani, crescita economica e investimenti, cambiamenti climatici, eliminazione della povertà, pace e sicurezza, migrazione e mobilità. [MV]

  • AfricaAngola Free

    Capo della diplomazia statunitense a Luanda, seconda...

    AFRICA – Il capo della diplomazia statunitense Michael Pompeo è giunto la notte scorsa in Angola, seconda tappa di un tour in Africa che lo ha già portato in Senegal e che lo condurrà in seguito in Etiopia. E’ previsto per stamani alle 10.00 un incontro con il presidente della Repubblica Joao Lourenço al Palazzo presidenziale a Cidade Alta, seguito da un colloquio con il suo omologo, Manuel Domingos Augusto, e successivamente da incontri con imprenditori. Vige tra gli Stati Uniti e l’Angola un accordo di partenariato strategico, firmato nel 2010. Dal punto di vista commerciale, l’Angola esporta verso gli USA principalmente petrolio, derivati e diamanti, mentre dagli Stati Uniti sono importati beni alimentari, attrezzature per l’industria petrolifera e altri macchinari. La visita in Africa del Segretario di Stato statunitense giunge in un momento in cui il governo di Washington ha imposto nuove restrizioni per l’ottenimento di visti a quattro nuovi Paesi, portando il numero totale a 6. La considerazione del presidente Donald Trump nei confronti dell'Africa ha più volte suscitato critiche e sgomento, e da qualche settimana, il governo sta anche valutando  di ridurre la presenza militare nel Sahel, allorché l'insicurezza nella regione è drasticamente aumentata. Da Dakar, la capitale senegalese dove ha soggiornato nel fine-settimana, Pompeo ha lasciato la questione aperta, limitandosi a dire che gli USA “faranno quel che bisogna fare” in Africa,  senza chiarire se ci sarà effettivamente una riduzione di truppe. Considerato come modello di democrazia e di stabilità, il Senegal era stato scelto per iniziare questo tour, volto soprattutto a rafforzare le relazioni economiche e a contrastare la dominazione della Cina. “E’ allettante scegliere denaro facile, da interlocutori come la Cina. Ma ci sono alternative migliori” ha detto il capo della diplomazia in conferenza stampa, invitando a scegliere partnership con aziende americane, dotate di “valori migliori e di migliore qualità”. [CC]
  • AfricaMauritaniaSenegal Free

    Al via esercitazioni militari Flintlock

    MAURITANIA / SENEGAL - Almeno 1600 militari di 34 nazioni africane e di alti Stati partner prenderanno parte dal 17 al 28 febbraio alle esercitazioni militari Flintlock. Le esercitazioni Flintlock sono organizzate dagli Stati Uniti nell’ambito dello U.S. Africa Command e quest’anno si terranno in diverse località della Mauritania e del Senegal. Alle esercitazioni parteciperanno anche l’Italia, diversi altri Paesi europei, il Giappone, il Canada e il Brasile. [MS]
  • Africa Free

    Rimesse, accordo tra Ecobank e Alipay

    AFRICA - La banca panafricana Ecobank ha siglato un accordo con Alipay, la piattaforma mondiale di pagamento e lifestyle che mira a offrire servizi finanziari più inclusivi fornendo un modo rapido, sicuro e conveniente per i lavoratori di trasferire denaro a casa. La partnership faciliterà i trasferimenti istantanei da Rapidtransfer, la soluzione dedicata alle rimesse di Ecobank, agli utenti di Alipay, che serve oltre 1,2 miliardi di persone a livello globale insieme ai suoi partner di e-wallet locali. Secondo Ecobank in questo modo si fornirà un canale aggiuntivo che aumenterà le opzioni disponibili per gli utenti, contribuirà a ridurre i costi di transazione e migliorerà la qualità del servizio sul mercato. “Siamo entusiasti di collaborare con Ecobank e di utilizzare la nostra tecnologia per offrire servizi veloci e convenienti per le rimesse e per un numero maggiore di utenti in tutto il mondo, in particolare i lavoratori che vivono lontano da casa", ha affermato Ma Zhiguo, responsabile di Alipay per il settore delle rimesse globali. [MS]
  • Africa Free

    Inaugurata nuova sede dell’Intelligence africana, un...

    GUINEA EQUATORIALE – La nuova sede del Comitato per l’Intelligence e Servizi di Sicurezza dell’Africa (CISSA) è stata inaugurata ad Addis Abeba (Etiopia) a margine del 33° Vertice ordinario dell’Unione Africana, nel corso del fine settimana scorso. La nuova sede dell’Intelligence africana è stata interamente finanziata dalla Guinea Equatoriale, per un importo che non è stato reso pubblico. A tagliare il nastro inaugurale è stato infatti il presidente della Guinea Equatoriale, Teodoro Obiang Ngema, alla guida del Paese da 40 anni, e la cui statua orna l’ingresso del nuovo edificio. Obiang ha ricevuto il plauso dei dirigenti africani per questa e altre opere “umaniste” dedicate all’Africa e al panafricanismo. Il CISSA è stato creato nel 2004 per promuovere gli scambi di informazioni fra i Paesi africani per lottare contro il terrorismo e la criminalità transfrontaliera. Il comitato è collegato al Consiglio per la pace e la sicurezza dell’Unione Africana. [CC]
  • Africa Free

    Dagli Emirati 500 milioni di dollari per...

    AFRICA - Si chiama Consortium for Africa ed è una iniziativa che fa capo agli Emirati Arabi Uniti e che si è impegnata a investire 500 milioni di dollari in diversi settori sotto però un unico comune denominatore: favorire le iniziative imprenditoriali dei giovani africani. Secondo il ministro emiratino della Cooperazione Internazionale, Ibrahim Al Hashemy, il fine dell’iniziativa è essere più che un semplice donor o fornitore di prestiti puntando su iniziative di lungo termine e sul capitale umano che il continente africano è in grado di fornire.

    Il focus saranno digitalizzazione e giovani e questo lo ha sottolineato lo stesso Hashemi parlando al vertice dell’Unione Africana che si è tenuto ad Addis Abeba. [MS]