Etiopia

Verso creazione tribunale su questioni ambientali

ETIOPIA – Il governo di Addis Abeba ha approvato la creazione di un nuovo tribunale dedicato specificatamente alle questioni ambientali.

(181 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Sudan Free

    Opposizione rifiuta offerta di al-Burhan, “un...

    SUDAN – I principali gruppi di opposizione del Sudan hanno respinto l’offerta del capo dell’esercito, il generale Abdel Fattah al-Burhan, di sciogliere il consiglio di sovranità al potere dopo la formazione di un nuovo governo. “Questa offerta è un tentativo di imbrogliare e guadagnare tempo da parte dei militari”, ha detto Omer Al-Digiar, membro della coalizione delle forze di libertà e cambiamento (Ffc), in una conferenza stampa nella capitale Khartoum. “Questo non è un vero tentativo di cambiamento. Non ci fidiamo dell’esercito che continua a uccidere i manifestanti mentre afferma di essere disposto a risolvere la crisi e a cedere il potere ai civili”, ha affermato. Lunedì, al-Burhan ha dichiarato in un discorso televisivo che il consiglio sovrano sarà sciolto dopo la formazione di un nuovo governo. Ha aggiunto che l’esercito si ritirerà dai colloqui politici in corso e consentirà ai gruppi politici e rivoluzionari di riunirsi per concordare la formazione di un governo civile. Al-Digiar ha detto che la sua coalizione non parteciperà ai colloqui politici convocati dal capo dell’esercito. “L’esercito non ha fatto concessioni e cerca di darsi più poteri in futuro”, ha detto. “Non esisteva un chiaro meccanismo di trasferimento del potere e i poteri del governo civile non erano chiari”, ha affermato il membro delle Ffc. “Il discorso di Al-Burhan non ha parlato nemmeno di formazione dell’assemblea legislativa, né di giustizia né di riforme economiche o legali. Era molto difficile credere che il discorso di Al-Burhan fosse genuino”. Il discorso del capo dell’esercito è stato respinto anche da altri gruppi di opposizione, tra cui il cosiddetto Comitato di Resistenza, che guida l’attuale ondata di proteste antimilitari. Anche secondo molti commentatori l’annuncio di al-Burhan potrebbe nascondere doppi fini. L’analista politica Kholood Khair ha scritto su Twitter che si tratta di uno “stratagemma” dal momento che in questo modo il generale avrebbe “effettivamente completato il golpe di ottobre, con lo scioglimento di tutti gli organi di transizione”. In più, la creazione di un Consiglio superiore delle forze armate con compiti indefiniti servirebbe a ricollocare golpisti e mantenere i privilegi dei militari, oltre a servire da altro centro di potere. La repressione delle proteste anti militari ha finora ucciso 113 persone, tra cui 18 bambini. Il Sudan sta affrontando una crisi politica dal colpo di stato del 25 ottobre che ha interrotto la transizione verso la democrazia. Dopo il colpo di stato, la missione politica delle Nazioni Unite in Sudan, l’Unione africana e il gruppo dell’Autorità intergovernativa regionale dell’Africa orientale per lo sviluppo hanno cercato di trovare una via d’uscita dall’impasse politica. Ma i colloqui finora non hanno prodotto risultati. I gruppi pro-democrazia hanno ripetutamente affermato che non negozieranno con i militari e hanno chiesto loro di consegnare immediatamente il potere a un governo civile. [TM]
  • Etiopia Free

    Verso apertura prima zona di libero scambio

    ETIOPIA – Sarà aperta il mese prossimo a Dire Dawa la prima zona di libero scambio (Ftz) dell’Etiopia in linea con il piano di sviluppo prospettico decennale, ha reso noto il Ministero dei Trasporti e della Logistica, durante una tavola rotonda svoltasi martedì. L’Etiopia ha un enorme potenziale da trarre dalle zone di libero scambio, che avranno un ruolo significativo nel rilanciare l’intera economia e nel ridurre l’inflazione, ha dichiarato nel suo discorso di apertura, il Ministro dei Trasporti e della Logistica, Dagmawit Moges, invitando il settore privato a cogliere questa opportunità. Il direttore esecutivo dell’Autorità etiope per gli affari marittimi, Yehualashet Jemere, ha dichiarato a sua volta che l’istituzione della zona di libero scambio è anche in linea con l’area di libero scambio continentale africana (AfCFTA) e con la realizzazione dell’integrazione regionale. Dire Dawa, che, situata nella parte orientale del Paese, è una delle due città autonome dell’Etiopia insieme alla capitale Addis Abeba, è stata scelta come prima zona di libero scambio per la sua vicinanza ai porti, il potenziale di mercato e l’enorme carico merci, oltre che per l’idoneità al trasporto multimodale e alle operazioni logistiche. Sfruttando il potenziale dell’Etiopia per diventare un importante hub terrestre per il commercio, gli investimenti, l’industrializzazione e la logistica nel Corno d’Africa, saranno presto istituite zone di libero scambio in altre parti del Paese e zone economiche speciali. [CN]
  • Africa Orientale Free

    Vertice Igad di Nairobi, transizioni politiche e...

    AFRICA ORIENTALE – Impegno per la stabilità politica, la transizione pacifica del potere e una lotta rinvigorita contro il cambiamento climatico: sono stati i temi principali discussi a Nairobi dai leader dell’Autorità intergovernativa per lo sviluppo (Igad), che comprende Gibuti, l’Etiopia, l’Eritrea, il Kenya, la Somalia, il Sud Sudan, il Sudan e l’Uganda. La 39a assemblea è stata presieduta dall’attuale uomo forte del Sudan, il generale Abdel Fattah al-Burhan, controversa figura alla guida di un consiglio militare e fautore di un colpo di Stato per mantenere il potere in mano militare, le cui recenti dichiarazioni verso un ritorno a un governo civile sono state particolarmente apprezzate dai presenti al vertice. Il comunicato finale si congratula inoltre con la creazione di un meccanismo tripartito Onu-Igad-Ua per la risoluzione della crisi politica in Sudan. Inoltre, il vertice dell’Igad ha chiesto ulteriore sostegno per accelerare l’attuazione di un accordo di pace rivitalizzato in Sud Sudan, ricordando che restano solo otto mesi alla fine della transizione. I leader regionali hanno accolto con favore i passi positivi compiuti dal governo etiope verso l’accesso umanitario e la risoluzione pacifica della crisi nel nord del Paese. Infine, i leader hanno sottolineato l’urgenza di affrontare i conflitti in corso, l’insicurezza, la salute pubblica e la crisi ecologica. Pur riconoscendo l’entità della siccità nella regione che ha aggravato la fame, la malnutrizione e lo stress idrico, hanno chiesto interventi rapidi per evitare una vera crisi umanitaria. [CC]
  • Somalia Free

    Ucciso Hashi, detenuto e assolto per omicidio Alpi

    SOMALIA – È rimasto ucciso ieri a Mogadiscio Hashi Omar Hassan, l’uomo che ha trascorso 17 anni in carcere in Italia, con l’accusa di essere membro del commando responsabile dell’uccisione della giornalista italiana Ilaria Alpi e del cameraman Milan Hrovatin il 20 marzo 1994. Secondo la testata somala Garowe Online,  Hassan è rimasto ucciso in quello che sembra essere stata l’esplosione di un ordigno attaccato al suo veicolo, in un distretto meridionale della capitale somala,  Dharkaynley. Garowe precisa che l’attentato non è stato rivendicato ma che si sospettano i terroristi di al Shaabab. L’uomo era stato condannato nel 2000 ma era poi stato assolto nel 2016 dopo la testimonianza di  Ahmed Ali Rage detto Gelle, il quale aveva ammesso di essere stato pagato per dire il falso. Hassan aveva ricevuto un cospicuo risarcimento e secondo alcune voci, potrebbe aver rifiutato di versare il pizzo ai terroristi, prima di questa tragica sorte. [CC]
  • R.D. CongoRwanda Free

    Crisi est, Tshisekedi incontrerà Kagame a Luanda

    RD CONGO – Il presidente della Repubblica democratica del Congo (Rdc), Félix Tshisekedi, incontrerà questa settimana il suo omologo ruandese Paul Kagame per avviare colloqui nella capitale dell’Angola, Luanda, al fine di cercare di risolvere la crisi nell’est della Rdc. Lo si apprende dalle agenzie internazionali. In una nota, l’ufficio del presidente angolano afferma che i colloqui si terranno domani, mercoledì. Nell’est della Rdc è in atto una recrudescenza molto violenta dell’attività di numerosi gruppi ribelli, accresciuta dalle tensioni tra la Repubblica democratica del Congo e il Ruanda: Kinshasa accusa il Ruanda di sostenere i ribelli dell’M23 mentre Kigali accusa il governo congolese di bombardare il suo territorio. [ASB]
  • Uganda Free

    Obbligatorio insegnamento lingua kiswahili

    UGANDA – L’insegnamento del kiswahili nelle scuole primarie e secondarie è ora obbligatorio nella Comunità dell’Africa orientale (Eac). Le informazioni sono state rese pubbliche dal governo ugandese oggi tramite un post su Twitter.  “Il governo ha approvato l’attuazione della direttiva del 21° vertice dell’Eac in Uganda di adottare il kiswahili come lingua ufficiale della comunità. Il gabinetto ha anche raccomandato di rendere obbligatorio l’insegnamento della lingua nelle scuole primarie e secondarie”, si legge. [MS]