Egitto

Sawiris tratta l’acquisizione di società mineraria statale

EGITTO – Il miliardario egiziano Naguib Sawiris ha rivelato di aver avviato trattative per acquisire una partecipazione del 51% nella società mineraria statale Shalateen.

(108 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Nord

  • Egitto Free

    Previsti investimenti miliardari per espansione...

    EGITTO - Un totale di 22 progetti per un investimento complessivo stimato in 32 miliardi di dollari nei prossimi quattro anni: è il piano delineato dal ministero dei Trasporti per l’espansione della metropolitana del Cairo.

    Ad annunciarlo è stato il ministro dei Trasporti egiziano, Kamel El-Wazir, dopo aver revisionato insieme ai funzionari dell’Autorità Nazionale per le Gallerie (NAT) il programma delle opere previste per la metropolitana nella capitale egiziana, dove sono in corso i lavori di costruzione della terza linea della metropolitana.

    La maggior parte dei progetti, secondo quel che ha dichiarato El-Wazir, sarà avviata entro la fine dell’anno al fine di rispettare le scadenze previste e promuovere una mobilità sostenibile riducendo il traffico automobilistico al Cairo. [MV]

  • Algeria Free

    Allo studio piano per ripresa economica

    ALGERIA - Le autorità algerine stanno lavorando a un piano di ripresa economica che si pone come obiettivo di risolvere la crisi causata dal calo dei prezzi degli idrocarburi sui mercati internazionale e della pandemia di covid-19.

    A darne notizia sono i media locali, dai quali si apprende che il presidente Abdelmajid Tebboune ha promosso un incontro con il primo ministro Abdel Abdelaziz Djerad e i titolari dei dicasteri delle Finanze, Energia, Industria, dell’Industria mineraria, del Commercio e dell’Agricoltura per elaborare le misure necessarie.

    Secondo quel che è stato reso noto al termine dell’incontro, il piano di ripresa economica sarà presentato per intero al consiglio dei ministri nella prossima riunione e prevede una tabella di marcia con scadenze definite per la loro attuazione.

    In base alle anticipazioni riportate dai media, il piano prevede una serie di misure per la semplificazione della burocrazia e la revisione delle normative sugli appalti pubblici, mentre non sono previsti tagli ai sussidi per le fasce di popolazione più svantaggiata al fine di proteggere il potere d'acquisto dei cittadini. [MV]

  • Egitto Free

    Firmato contratto per raffineria di Assiut

    EGITTO - La multinazionale francese Technip, operante nel settore dell'ingegneria petrolifera e gasiera, ha firmato un contratto del valore di oltre un miliardo di dollari per la costruzione di un complesso di hydrocracking per la raffineria di Assiut.

    A comunicarlo è stata la stessa società attraverso un comunicato stampa, in cui precisa che il contratto riguarda la progettazione e la costruzione di diverse nuove unità tra cui un'unità di distillazione sotto vuoto, un'unità di idrocracking diesel, un'unità di cottura ritardata, un'unità di idrotrattamento e un'unità per la produzione di idrogeno.

    Il complesso trasformerà i prodotti petroliferi di valore inferiore provenienti dalla vicina raffineria di Assiut, producendo circa 2,8 milioni di tonnellate all'anno di prodotti più puliti, come diesel Euro 5.

    “Assiut è considerato uno dei principali progetti strategici per soddisfare la crescente domanda locale di prodotti combustibili puliti - ha detto la presidente di Technip Energies, Catherine MacGregor - Siamo quindi estremamente onorati di essere stati selezionati per contribuire alla realizzazione del più grande progetto di raffinazione da attuare nell'Alto Egitto”. [MV]

  • Africa Nord Free

    Costruzioni, un 2020 in crisi

    AFRICA DEL NORD - Il settore edile in Nord Africa sarà colpito da una tripla battuta d'arresto a causa del calo della produzione petrolifera, della discesa dei prezzi del petrolio e della contrazione dei settori non legati al petrolio. Secondo il think-tank GlobalData, questo triplice effetto, legato alla pandemia di coronavirus, porterà a una contrazione del comparto del 2,4% nel 2020. “Le attività dell'edilizia per il resto del 2020 - spiega Yasmine Ghozzi, economista di GlobalData - sono orientate su performance basse. Ogni anno si registra un calo delle attività edili nel mese sacro del Ramadan e nei mesi caldi di giugno, luglio e agosto ma viene di solito compensato da prestazioni forti all'inizio e alla fine di ogni anno. Quest'anno non andrà così a causa delle strette politiche di lockdown. Il settore affronterà un vento contrario anche nel 2021 con una ripresa molto lenta anche se il percorso sarà diverso tra i Paesi della regione”. L'unico Paese che conoscerà una crescita è l'Egitto dove si attende una crescita del7,7%, comunque in discesa rispetto al +9,5% del 2019. Nel Maghreb tagliate le previsioni per la crescita del settore edile in Tunisia, Marocco e Algeria, rispettivamente al -3%, -2,1%, e -2,5%. [EC]
  • Egitto Free

    In attività primo parco industriale eco-sostenibile

    EGITTO - Si chiama e2Alamein ed è il primo parco industriale eco-sostenibile operativo in Egitto.

    A renderlo noto è stato il Gruppo per lo sviluppo industriale (IDG), società del governo egiziano incaricata di facilitare gli investimenti privati nel Paese e già responsabile dello sviluppo del parco industriale di East Port Said.

    L’infrastruttura offre ai potenziali investitori industriali interessati i vantaggi di installare le proprie attività in un Paese che gode di molteplici accordi commerciali, tra cui l’adesione al Mercato comune dell’Africa orientale e australe (COMESA), all’Area di libero scambio del Consiglio dell’Unità economica araba (GAFTA) e al partenariato con l’Unione Europea.

    Il parco industriale si estende su una superficie complessive di 2,7 chilometri quadrati, proponendo oltre a capannoni e magazzini anche servizi ad hoc come un centro di certificazione, trasporti interni, spazi per conferenze e banche. [MV]

  • Egitto Free

    Terreni agli investitori per progetti industriali

    EGITTO - Il governo del Cairo ha aperto una nuova fase aperta agli investitori locali e internazionali per l’acquisizione di terreni nella regione dell’Alto Egitto dove realizzare progetti industriali.

    A darne notizia sono i media economici locali, precisando che titolare dell’iniziativa è l’Autorità per lo sviluppo industriale (IDA) mettendo a disposizione degli investitori 654 appezzamenti di terreno distribuiti in 12 governatorati e che le richieste di assegnazione saranno ricevute fino al 3 agosto prossimo.

    Maggiori informazioni sono disponibili consultando il portale elettronico della mappa degli investimenti industriali, dove è possibile ritirare anche i termini e le condizioni per le richieste, al link https://www.investinegypt.gov.eg. [MV]