Africa

Coronavirus: casi e restrizioni in Africa, aggiornamento del 10 Marzo

AFRICA – (aggiornamento del 10 Marzo) Sono pochi i nuovi casi confermati di coronavirus in Africa nelle ultime 24 ore, secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS/WHO).

Nuovi paesi si aggiungono alla lista degli Stati africani che, con l’aggravarsi della diffusione del virus in Italia, prevedono misure di controllo o restrittive nei confronti dei viaggiatori provenienti dai paesi colpiti maggiormente dal virus, inclusi gli italiani.

In particolare si segnalano le prime misure di controllo e contenimento adottate nelle ultime 24 ore da Ghana, Rwanda, Repubblica Centrafricana, Capoverde, Liberia, Burundi e Guinea Equatoriale. La Guinea Equatoriale ha previsto il divieto di ingresso nel paese per i cittadini provenienti dall’Italia. Di seguito gli alert pubblicati sul sito viaggiaresicuri.it

Novità del 10 Marzo 2020

CAPO VERDE – Al fine di evitare la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), le autorità locali hanno deciso la sospensione temporanea dei voli charter diretti tra l’Italia e Capo Verde. Ai viaggiatori provenienti dalle zone più a rischio viene distribuito un formulario da compilare, per ottenere indirizzo e contatti in caso di necessità.

CENTRAFRICA – Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19, le autorità della Repubblica Centrafricana stanno attuando controlli rafforzati sui viaggiatori in arrivo. In particolare, in base ad eventuali screening sanitari e verifiche sulla storia di viaggio, le autorità locali si riservano la facoltà di imporre ai viaggiatori in arrivo un periodo di quarantena domiciliare di 14 giorni.

LIBERIA – Al fine di evitare la diffusione del COVID-19, le Autorità della Liberia hanno disposto che tutti i passeggeri in arrivo all’aeroporto del Paese siano sottoposti a controlli da parte di un team medico, prima dei controlli di frontiera. Le autorità della Liberia impongono a tutti i visitatori provenienti da Paesi a rischio (con più di 200 casi di contagio da COVID-19) di osservare un periodo di isolamento obbligatorio di 14 giorni, a titolo precauzionale. In particolare, il periodo di isolamento riguarda a questo stadio tutti i viaggiatori provenienti da Italia, Iran, Cina, Corea del Sud, Francia, Germania, Giappone e Spagna. I viaggiatori provenienti da questi Paesi verranno indirizzati presso apposite strutture identificate dalle autorità locali. I viaggiatori provenienti da Paesi con un numero di casi di contagio tra 50 e 200 saranno valutati singolarmente, in base alla loro storia di viaggio. I viaggiatori provenienti da Paesi con casi di contagio tra 15 e 50 verranno invitati a monitorare il proprio stato di salute e, nel caso in cui sviluppino sintomi, a contattare il numero di emergenza 4455. Si rammenta che in Liberia sono sconsigliati tutti i viaggi non necessari

GUINEA EQUATORIALE – Le autorità locali hanno disposto il divieto di ingresso per i viaggiatori provenienti da: Cina, Repubblica di Corea, Iran, Italia e Singapore. Le autorità locali hanno precisato che la restrizione sarà mantenuta in vigore, secondo quanto comunicato dalle Autorità della Guinea Equatoriale, finche’ l’Organizzazione Mondiale della Sanità non dichiarerà l’epidemia di Covid-19 sotto controllo.

GHANA – Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19, le autorità locali hanno rafforzato le misure di controllo sanitario per i viaggiatori in arrivo. In particolare, per i passeggeri in arrivo al Kotoka International Airport di Accra, sono previsti screening termici e, per i passeggeri che dovessero manifestare sintomi sospetti, è stata identificata un’apposita area nella quale tali passeggeri verranno trattenuti in attesa dei risultati dei necessari accertamenti sanitari. Ai viaggiatori in arrivo verrà richiesto anche di fornire un’autodichiarazione sullo stato di salute, da consegnare alle autorità di frontiera. In caso di positività al COVID-19, le autorità locali potranno disporre la quarantena obbligatoria, per il periodo delle cure, presso le strutture sanitarie individuate. Le autorità locali potrebbero rivedere queste misure, anche in senso restrittivo, con scarso o nessun preavviso. Si raccomanda di monitorare questo sito web e di verificare con la compagnia aerea di riferimento, prima di recarsi in aeroporto, l’effettiva possibilità di imbarco.

TUNISIA – Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19, le Autorità tunisine hanno rafforzato i controlli sanitari negli aeroporti, porti marittimi e in tutti gli altri punti di accesso al Paese. Per quanto riguarda gli aeroporti, tutti i passeggeri in provenienza dall’Italia verranno fatti sbarcare al Terminal 2 dell’aeroporto di Tunisi. A tutti i viaggiatori in arrivo in Tunisia da zone a rischio, ivi inclusa l’Italia, è richiesta la compilazione di una scheda con informazioni personali sanitarie e di viaggio. Dai prossimi giorni sarà chiesto ai passeggeri provenienti dalle zone a rischio di scaricare una app in aeroporto (QR code affisso sui poster all’arrivo), tramite la quale dovranno compilare un formulario online che alimenterà una banca dati centralizzata. Ai passeggeri cosi’ identificati sara’ automaticamente inviato un sms informativo e di verifica del rispetto dell’autoisolamento e dell’evolversi dello stato di salute. Solo coloro che non risponderanno all’sms verranno contattati telefonicamente. Coloro i quali non disponessero di uno smartphone, verranno assistiti in aeroporto da personale addetto munito di dispositivi per la compilazione del formulario online. In considerazione della notevole riduzione delle prenotazioni aeree, le linee Alitalia e Tunisair stanno provvedendo a rimodulare le attuali frequenze dei voli diretti dall’Italia. In base alle informazioni fornite e alla successiva valutazione del rischio da parte delle autorità sanitarie tunisine vi è la possibilità che queste ultime raccomandino, anche per i casi asintomatici, la permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva per 14 giorni e l’utilizzo di dispositivi di protezione individuali. Per i casi sospetti è previsto l’isolamento sanitario e il trasferimento in strutture ospedaliere dedicate. Ai viaggiatori in arrivo dall’Italia che presentino dei sintomi (febbre e/o difficoltà respiratoria) nei 14 giorni successivi al loro arrivo in Tunisia è raccomandata la permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva per 14 giorni e l’utilizzo di dispositivi di protezione individuali, ed è richiesta l’immediata segnalazione del caso al numero di emergenza 190 per intervento di squadre sanitarie. Il numero 190 è a disposizione per informazioni e segnalazioni di casi sospetti. La disposizione relativa alla permanenza domiciliare fiduciaria è applicata con particolare rigore dalle autorità locali nei confronti di coloro che arrivano dall’Italia via mare, nei porti turistici. Nel caso di arrivo via mare dall’Italia, le autorità locali possono richiedere la permanenza domiciliare fiduciaria anche a viaggiatori asintomatici.

RWANDA – Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19, le Autorità del Ruanda hanno disposto che ogni viaggiatore proveniente da uno dei Paesi in cui sono stati registrati casi di contagio dal virus, sarà registrato e sottoposto ad un monitoraggio giornaliero per 14 giorni, con spese a carico del viaggiatore. Tale periodo sarà calcolato a partire dalla data di partenza da uno dei Paesi con casi di contagio.

BURUNDI – Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19 le Autorità del Burundi hanno stabilito una serie di misure restrittive per l’ingresso nel Paese. I viaggiatori provenienti dalla Cina, Corea del Sud , Iran, Italia, Germania, Francia, Giappone e Spagna saranno sottoposti ad una quarantena di 14 giorni, presso una struttura appositamente indicata dalle Autorità locali e a carico di queste ultime.

CASI

Egitto 55

Algeria 20

Senegal 4

Sudafrica 3

Marocco, Tunisia, Camerun,Nigeria 2

Togo 1

MISURE RESTRITTIVE AI VIAGGI PER ITALIANI

(Per maggiori dettagli si rimanda al sito viaggiaresicuri.it del Ministero degli Affari Esteri. Le misure di Contenimento, infatti, variano da paese a paese e vanno dalla semplice misurazione della temperatura all’arrivo a pratiche di autoisolamento etc..)

Angola/ Divieto

Algeria/ Contenimento

Benin/Quarantena

Botswana/ Contenimento

Burundi – Quarantena

Capo Verde – Contenimento

Centrafrica Repubblica – Quarantena

Ciad/ Quarantena

Congo/Quarantena

Costa d’Avorio/Contenimento

Egitto/ Contenimento-Ricovero

Eritrea/ Quarantena

Etiopia/ Contenimento

Gabon/ Contenimento-Divieto

Ghana – Contenimento-possibile Quarantena

Gibuti/ Contenimento/ Quarantena

Guinea (Conakry)/ Quarantena

Guinea Equatoriale/ Divieto

Kenya/ Contenimento-Quarantena-rimpatrio

Liberia/ Isolamento (14 giorni)

Madagascar/ Divieto-respingimento

Malawi/ Isolamento (14 giorni)

Marocco/ Contenimento-Isolamento

Mauritius/Divieto

Mozambico/ Quarantena

Niger/ Contenimento

Nigeria/Contenimento-Quarantena

Rwanda/ Controlli-Monitoraggio (con spese a carico)

R.D. Congo/Contenimento-Quarantena

Senegal/Contenimento-Quarantena

Seychelles/ Divieto

Sierra Leone/ Quarantena

Sudafrica/ Contenimento

Sud Sudan/ Contenimento-Quarantena

Tanzania/ Contenimento-Quarantena

Tunisia/ Contenimento-Isolamento

Uganda/ Quarantena

Zambia/ Contenimento-Quarantena

Zimbabwe/ Contenimento

 

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Gruppo Radisson annuncia espansione record

    AFRICA - Radisson Hotel Group, uno dei gruppi alberghieri leader nel mondo, ha annunciato un’espansione record in Africa con l’apertura di 13 nuovi hotel. “Con 2.500 nuove camere aggiunte al suo portafoglio, prevede l’apertura di nove hotel in Marocco, il debutto del gruppo a Gibuti e l’introduzione del marchio ‘Radisson individuals’ in Africa”, viene precisato in un comunicato del gruppo. Radisson Hotel ha già aperto cinque hotel quest’anno in Africa: Radisson red in Sudafrica e quattro resort Radisson blu in Marocco. Il portafoglio africano del gruppo partito 20 anni fa con una sola struttura alberghiera – ricorda la nota – attualmente comprende 100 hotel in funzione e in fase di sviluppo. La sua ambizione è di raggiungere 150 hotel entro il 2025. “Come parte della sua strategia di espansione, il gruppo sta dando la priorità alla crescita in mercati chiave come il Marocco, l’Egitto e il Sudafrica”, si legge. Il gruppo è presente in più di 30 Paesi del continente. Con questi risultati, Radisson Hotel Group consolida la sua posizione di leader come il gruppo alberghiero con la maggiore presenza nella maggior parte dei Paesi africani. Secondo il comunicato, i 13 nuovi acquisti hanno rafforzato la strategia di espansione del gruppo. “Uno dei nuovi hotel previsti a Casablanca, il Radisson Hotel Casablanca Gauthier La Citadelle, segnerà il lancio del marchio Radisson in Marocco. La recente partnership con Madaëf ha portato alla firma di altri sette hotel nelle principali destinazioni di svago del Paese. Il gruppo ha anche annunciato il lancio del suo primo progetto ad Accra, in Ghana: l’Earl Heights. Sono state annunciate anche altre aperture: “l’ingresso nel mercato di Victoria Falls con l’introduzione del Radisson blu Resort Mosi-Oa-Tunya Linvingstone in Zambia, il lancio del nuovo Radisson Hotel Djibouti e il lancio del Radisson Hotel Middleburg, che completa la presenza del gruppo in Sud Africa”, precisa il documento. Questi nuovi hotel rappresentano quasi 2.500 camere. Una parte significativa di questa nuova capacità è concentrata in Paesi chiave, in particolare il Marocco. Il resto è destinato a rafforzare altri mercati o a entrare in nuovi territori, viene sottolineato nella nota. “Manterremo la nostra attenzione sui mercati chiave che abbiamo identificato, in particolare Marocco, Egitto, Nigeria e Sudafrica. Puntiamo ad accelerare la nostra presenza in tutto il continente attraverso nuove costruzioni e l’acquisizione di hotel esistenti”, ha detto Ramsey Rankoussi, vicepresidente dello sviluppo per l’Africa e la Turchia del Radisson Hotel Group. [VGM]
  • Africa Free

    Farmaceutica, il continente dovrà contare su se stesso

    AFRICA - I leader globali, in un evento collaterale sulla salute durante l’Assemblea generale delle Nazioni Unite, hanno espresso l’urgente necessità di aumentare la produzione e l’accesso ai vaccini contro il covid a seguito di una pandemia che ha causato perdite economiche senza precedenti e bancarotta dei sistemi sanitari in tutta l’Africa. Martedì il Future Investment Initiative Institute ha ospitato l’evento, parte di una serie di sessioni di panel sui temi dei vaccini, della resilienza e della salute globale. All’evento hanno partecipato, tra gli altri, anche il presidente della Banca africana di sviluppo (Afdb) Akinwumi Adesina, il direttore generale dell’Organizzazione mondiale del commercio Ngozi Okonjo-Iweala e il vicepresidente e partner di Global Infrastructure Partners Jim Yong Kim. Tutti e tre hanno preso parte a un panel che ha cercato di bilanciare le scale della salute globale e le conseguenze del nuovo coronavirus. Lo si apprende da un comunicato stampa di Afdb. Per proteggere il continente da future pandemie e altre crisi sanitarie, Adesina ha sottolineato la necessità di costruire e rafforzare la capacità manifatturiera e sanitaria dell’Africa: “L’Africa non può esternalizzare la propria salute al resto del mondo. Dobbiamo costruire una capacità manifatturiera indigena in Africai” ha detto Adesina affrontando quella che ha affermato essere una delle più grandi lezioni della pandemia: la necessità che l’Africa possa fare affidamento su se stessa. Sulla logistica internazionale e la distribuzione dei vaccini, Okonjo-Iweala ha affermato che le sue due priorità principali sono convincere i Paesi che hanno un eccesso di vaccini a donarli a Covax, l’iniziativa guidata dalla Coalition for Epidemic Preparedness Innovations, dall’alleanza vaccinale Gavi e dall’Organizzazione mondiale della sanità. Il secondo, ha detto, è “far sì che i paesi più ricchi si scambino il posto con i paesi più poveri nelle liste d’attesa per i vaccini”. Secondo Okonjo-Iweala la questione prioritaria è costruire la capacità produttiva dell’Africa in ambito farmaceutico: “Dobbiamo decentralizzare la produzione” ha sottolineato. Adesina ha affermato che la Banca africana di sviluppo contribuirà con 3 miliardi di dollari allo sviluppo dell’industria farmaceutica africana nei prossimi 10 anni: “Ciò che è necessario a lungo termine è costruire la capacità farmaceutica dell’Africa”, ha sottolineato il capo di Afdb. A ostacolare tale capacità ci sono le varie restrizioni e barriere commerciali, i diritti di proprietà intellettuale e la mancanza di materie prime, che rendono ancora più difficile per i paesi africani entrare in gioco. “Stiamo intervenendo, le catene di approvvigionamento per i vaccini sono molto complicate. Dobbiamo eliminare le restrizioni in modo che i produttori possano ottenere ciò di cui hanno bisogno” ha affermato Okonjo-Iweala: “Il nazionalismo dei vaccini non paga, dobbiamo lasciare che la tecnologia venga trasferita. Non possiamo essere egoisti in questa pandemia. Sono in gioco delle vite”. [ASB]
  • Africa Free

    Clima, covid e debiti nel discorso all’Onu del...

    AFRICA - Emergenza climatica mondiale e africana, pandemia di covid-19, riforma dell’Onu e spazio all’Africa, finanziamento delle economie: sono stati questi gli argomenti principali dell’intervento all’Assembela generale dell’Onu del presidente congolese  Felix-Antoine Tshisekedi Tshilombo, presidente di turno dell’Unione africana (Ua). Rivolgendosi all’Assemblea, Tshisekedi ha chiesto agli Stati membri delle Nazioni Unite di “materializzare tutte le promesse fatte all’Africa in compensazione dei sacrifici concordati per proteggere l’umanità dal riscaldamento globale”. Mancano meno di sei settimane alla Cop26 e nove anni prima del 2030, ha osservato. “Per l’Africa, l’anno 2030 sarà caratterizzato da un calo del Pilfino al 15% di riduzione dei raccolti agricoli e un forte aumento del rischio di inondazioni costiere e nei Paesi insulari”, ha messo in guardia. Per far fronte agli impatti negativi del cambiamento climatico, il continente africano avrà bisogno di 30 miliardi di dollari l’anno per adattarsi. Tale importo dovrebbe aumentare a circa 50 miliardi di dollari entro il 2040. “L’Africa non ha bisogno di carità”, ma di partnership costruttive vantaggiose per tutti per fare un uso migliore della sua ricchezza nazionale collettiva e migliorare le condizioni di vita della sua gente, ha sottolineato. Parlando della pandemia di covid-19, ha affermato che l’Africa non è rimasta con le mani in mano e non intende capitolare, ma ha sottolineato tutte le difficoltà che i Paesi stanno affrontando. Ha accolto con favore le iniziative relative al finanziamento delle economie, in particolare quelle del G20 sulla sospensione del servizio del debito, il quadro comune per la ristrutturazione del debito, e lo stanziamento di 650 miliardi di dollari in diritti speciali di prelievo (Dsp) dal Fondo monetario internazionale (Fmi). Ma a suo avviso, i 33 miliardi di dollari stanziati per l’Africa “sono insufficienti in considerazione dell’immensità delle sue esigenze di stimolo economico”. L’Unione africana sostiene l’obiettivo del vertice di Parigi, 100 miliardi di dollari in Dsp per il continente. Tshisekedi concluso il suo discorso affrontando la “problematica infinita della riforma delle Nazioni Unite e della rappresentanza dell’Africa all’interno del Consiglio di sicurezza”. “Si tratta dell’efficacia delle Nazioni Unite e della giustizia per un continente, un’intera parte dell’umanità il cui ruolo continua ad aumentare ogni giorno”, ha affermato. Ha aggiunto che la Repubblica Democratica del Congo sostiene una proposta che aggiunge altri due membri non permanenti per l’Africa e due seggi come membri permanenti, con gli stessi diritti, incluso il veto. [CC]
  • Africa Free

    Impegno di Afdb per alimentazione e nutrizione

    AFRICA - La Banca africana di sviluppo (Afdb) ha proposto un nuovo strumento di finanziamento per promuovere progetti in tema di alimentazione e nutrizione in Africa, denominato Financing Facility for Food and Nutrition in Africa e destinato a fornire tecnologie agricole agli agricoltori africani su larga scala e a rafforzare i sistemi alimentari. Lo riporta in un comunicato pubblicato ieri l’Afdb, citando un intervento del suo presidente Akinwumi Adesina all’African green revolution forum (Agrf), la più grande conferenza sull’agricoltura in Africa. La struttura mira a raccogliere 1 miliardo di dollari di finanziamenti, raggiungere circa 40 milioni di agricoltori con tecnologie moderne e ridurre l’incidenza di fame e malnutrizione fino al 20%: “Dobbiamo fornire la sicurezza alimentare per l’Africa su scala maggiore e per questo, l’Africa ha bisogno di molti finanziamenti” ha dichiarato Adesina. [ASB]
  • Africa Free

    Agro-industria, Afdb punta sulle zone di trasformazione

    AFRICA - L’iniziativa delle Zone di trasformazione agroindustriale speciale (Sapz) della Banca africana di sviluppo (Afdb) può innescare un cambiamento fondamentale nella trasformazione economica dell’Africa; è quanto emerso dal primo incontro di partenariato per l’agroindustrializzazione, svoltosi ieri ad Abidjan in Costa d’Avorio. Lo riporta un comunicato di Afdb. L’incontro ha riunito rappresentanti di istituzioni finanziarie per lo sviluppo, sviluppatori privati ​​di zone economiche speciali e altri attori chiave globali e regionali nel settore dell’agro-business africano per condividere idee, approfondimenti e buone pratiche su come l’agroindustrializzazione può creare opportunità di lavoro, aumentare la produttività agricola, generare ricchezza e migliorare la qualità della vita delle persone in tutto il continente. “Il valore del settore agroalimentare dovrebbe raggiungere 1.000 miliardi di dollari entro il 2030: quelli di noi che lavorano nel settore delle zone economiche lavoreranno a stretto contatto con l’iniziativa della Banca di sviluppo africana su questa enorme opportunità” ha affermato Ahmed Bennis, segretario generale Sapz. Le Sapz sono destinate a concentrarsi sulle attività di trasformazione dell’agro in aree con alti livelli di potenziale agricolo consentendo ad agricoltori, produttori agricoli, trasformatori, aggregatori e distributori di lavorare insieme in un’unica posizione, riducendo i costi di transazione e condividendo servizi di sviluppo aziendale per aumentare la produttività e la competitività. Il vicepresidente della banca per il settore privato, le infrastrutture e l’industrializzazione di Afdb, Solomon Quaynor, ha dichiarato: “Se vogliamo creare posti di lavoro, dobbiamo consentire al settore privato di prosperare. Nel complesso, si tratta di industrializzare l’Africa”. I principali finanziatori e sviluppatori che hanno partecipato alla sessione erano la African Export-Import Bank, la Società per lo sviluppo industriale, la Banca del commercio e dello sviluppo, il Fondo Opec per lo sviluppo internazionale, l’Africa 50, la Banca di sviluppo dell’Africa occidentale, la Banca araba per lo sviluppo economico in Africa, la Banca islamica di sviluppo e il Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo. [ASB]
  • AfricaCosta Avorio Free

    Africa Investment Forum ad Abidjan a dicembre

    AFRICA - L’Africa Investment Forum si terrà ad Abidjan, in Costa d’Avorio, dal 1 al 3 dicembre 2021. Lo ha reso noto la Banca africana di sviluppo (Afdb), organizzatrice dell’evento. L’incontro d’affari annuale presenterà nuove opportunità di investimento trasformative su tutto il continente africano, molte delle quali hanno il potenziale per guidare l’Africa nella ripresa dalla pandemia. Ai partecipanti invitati a questa terza edizione, inclusi investitori, sponsor di progetti e decisori, verrà presentata una pipeline di accordi pronti per l’investimento: i Market Days 2021 si terranno in un formato ibrido, ci saranno sessioni in sala riunioni, dove verranno siglati e concordate nuove partnership tra i presenti, con altri partecipanti online. Le discussioni ai Market Days 2021 si concentreranno su molti settori diversi: agricoltura e agroindustria, energia e clima, salute, Tic e telecomunicazioni, industrializzazione e commercio. “Non vediamo l’ora di accogliere gli investitori per fare il prossimo passo nella crescita dell’Africa” ha affermato Akinwumi Adesina, presidente della Banca africana di sviluppo. “Per raggiungere questa crescita e per tornare ai livelli pre-pandemia, l’Africa avrà bisogno di un sostegno finanziario significativo”. L’intera Africa subsahariana avrà bisogno di 425 miliardi di dollari di finanziamenti lordi aggiuntivi entro il 2030, ha specificato Adesina. [ASB]