Nigeria

Decine di militari uccisi in un’imboscata nello Stato di Borno

NIGERIA – Almeno 70 militari nigeriani sono stati uccisi in un’imboscata tesa da uomini armati, presunti terroristi del gruppo Boko Haram, nell’estremo nord-est della Nigeria.

(159 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Benin Free

    Allo studio realizzazione raffineria petrolifera

    BENIN - Il governo guidato dal presidente Patrice Talon intende dotare il Benin di una raffineria petrolifera e ha deciso di realizzare uno studio di fattibilità per costruire tale infrastruttura.

    A darne notizia sono i media locali, riportando l’approvazione da parte del governo beninese di un ordine del giorno per individuare un soggetto con comprovata esperienza in materia per realizzare gli studi necessari a questo progetto.

    Secondo quel che viene riportato, la raffineria dovrà essere realizzata sulla base di un partenariato pubblico-privato.

    Il Benin non è un Paese produttore di petrolio, ma lo scorso aprile il ministero delle Miniere ha reso noto che una ventina di compagnie estrattive sono interessate a promuovere attività esplorative di idrocarburi. In attesa di produrre petrolio, il Benin potrebbe però posizionarsi come piattaforma regionale per la lavorazione del greggio estratto nei vicini Paesi dell’Africa occidentale come Nigeria e Ghana. [MV]

  • Ghana Free

    Firmato contratto per costruzione tratta ferroviaria

    GHANA - Il governo di Accra ha firmato un contratto del valore economico di 560 milioni di dollari per la costruzione di una sezione lungo la Linea ferroviaria occidentale.

    A darne notizia con ampia evidenza sono i media locali, sottolineando come il contratto debba essere considerato il più importante singolo contratto ferroviario mai firmato in Ghana dalla sua indipendenza.

    Il contratto, firmato con il gruppo Amandi, riguarda la costruzione di un tratto a scartamento standard tra il porto di Takoradi e la Huni Valley per un totale di 102 chilometri a binario singolo.

    Secondo quel che viene reso noto, il contratto include la realizzazione di un numero non specificato di stazioni ferroviarie, una struttura di officina e materiale rotabile, oltre alla costruzione di altri otto chilometri di binari per collegarsi alla linea già esistente a Takoradi e facilitare in questo modo l’accesso alla movimentazione delle merci presso il locale porto.

    E’ prevista inoltre la conversione di un tratto lungo 10,6 chilometri dallo scartamento ridotto a quello standard tra Takoradi e Kojokrom.

    I lavori, che hanno una durata prevista di 42 mesi, dovrebbero cominciare entro il prossimo mese di ottobre. [MV]

  • GuineaLiberia Free

    Riapre la frontiera tra Liberia e Guinea, soprattutto...

    LIBERIA / GUINEA – È riaperta la frontiera tra la Guinea e la Liberia, chiusa da marzo a causa del coronavirus. Le autorità hanno deciso la riapertura per consentire i movimenti di merci agricole e il rifornimento di fertilizzanti necessari alle coltivazioni. I movimenti sono tornati nei punti frontalieri di Ganta e di Yekepa, nella contea liberiana di Nimba, e a Yeala e Voinjama in quella di Lofa. Il blocco del commercio ha avuto un forte impatto sull’agricoltura e sulla sicurezza alimentare. Impossibilità di trovare mangime per il bestiame, di reperire fertilizzanti, pesticidi, ma anche sementi per le coltivazioni, hanno messo a repentaglio le produzioni nel comparto agri-business. I prezzi dei beni alimentari sui mercati sono aumentati. La Liberia dipende fortemente dagli approvvigionamenti dai Paesi vicini per quanto riguarda il comparto alimentare. Il governo di Monrovia ha approvato recentemente un pacchetto di aiuti di 25 milioni di dollari per gli acquisti di quel genere. [CC]
  • Ghana Free

    Lieve calo nella produzione d’oro, aumentano...

    GHANA – La produzione d’oro in Ghana ha fatto registrare nel 2019 la sua terza migliore performance in circa 40 anni, nonostante un lieve calo di produzione rispetto all’anno precedente. Lo si apprende dagli ultimi dati diffusi dalla Ghana Chamber of Mines, secondo la quale nel 2019 il Ghana, ha prodotto 4.577 milioni di once, contro 4.792 nel 2018. E’ stata la produzione artigianale e su piccola scala a diminuire, per via del bando sulle attività illegali e di provvedimenti più restrittivi. In aumento, invece, è stata la produzione aurifera industriale, cresciuta del 6% a 2.989 milioni d’once. Livelli di produzione in significativo aumento sono evidenziali presso la miniera di Ahafo, della Newmont, quelle di Damang e Asanko della Gold Fields. Nel 2018, il Ghana aveva superato il Sudafrica, diventando primo produttore africano d’oro. La Ghana Chamber of Mines ha inoltre comunicato aumenti di produzione del manganese (+18%) e della bauxite (+10%). [CC]
  • Costa Avorio Free

    Fondi dalla Francia per trasporti e servizi...

    COSTA D’AVORIO - Hanno un valore pari a 173 milioni di euro gli accordi di prestito concessi dall’Agenzia francese di sviluppo (AFD) alla Costa d’Avorio per finanziare lavori infrastrutturali nel settore dei trasporti e il miglioramento dei servizi meteorologici.

    A darne notizia sono i media locali, precisando il primo prestito ha un valore pari a circa 28 milioni di euro ed è destinato a migliorare le capacità di previsione dei servizi meteorologici ivoriani, rafforzando la rete nazionale di osservazione ed espandendo l'elaborazione e la diffusione delle informazioni meteorologiche.

    Il secondo e il terzo prestito, rispettivamente del valore pari a 90 e a 55 milioni di euro, sono destinati a due distinti progetti legati al settore delle infrastrutture stradali.

    Il primo progetto riguarda un progetto di mobilità urbana ad Abidjan che si propone di migliorare l'accesso della popolazione a mezzi di trasporto pubblico moderni e sicuri.

    In particolare, è prevista la realizzazione di una linea di autobus elettrici lunga 20 chilometri tra i distretti di Yopougon e Bingerville, la riorganizzazione delle linee metropolita e di trasporto rapido (BRT) già operative, nonché la professionalizzazione degli operatori informali dei trasporti per migliorare la qualità del servizio.

    Il secondo progetto infrastrutturale riguarda invece il completamento dei lavori della strada tra Bouaké e Ferkessédougou verso il confine con il Burkina Faso e la costruzione di 12 ponti metallici nelle zone rurali distribuiti su tutto il territorio nazionale. [MV]

  • Mali Free

    Non si arresta la produzione di cotone

    MALI - E’ cresciuta del 6,6% rispetto all’anno precedente, la produzione di cotone in Mali nel corso dell’ultima stagione 2019/2020 raggiungendo un volume pari a 700.000 tonnellate.

    A rendere noti i dati aggiornati è stata l’azienda di Stato Compagnie malienne pour le développement du textile (CMDT), aggiungendo che l’obiettivo per la prossima stagione è superare le 820.000 tonnellate.

    Il Mali è uno dei maggiori produttori di cotone in Africa sub-sahariana insieme a Ciad, Benin e Burkina Faso.

    La stagione del cotone in Mali dura circa un anno da aprile a marzo ed è suddivisa in due fasi: quella produzione che va da maggio-giugno a settembre-ottobre e una fase di raccolta e commercializzazione che va da ottobre-novembre fino a fine marzo. [MV]