Togo

Verso creazione incubatore d’imprese nel polo agricolo di Kara

TOGO – Il governo togolese ha annunciato la prossima creazione di un incubatore d’imprese nel polo agricolo di Kara, nel nord-est del Paese.

(132 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Nigeria Free

    Banda larga per sostenere digitalizzazione

    NIGERIA - Una non meglio specificata compagnia internazionale delle telecomunicazioni intende posare 160 chilometri di rete in fibra ottica nello stato sud-occidentale nigeriano di Ekiti.

    A renderlo noto è stato il consigliere speciale del governo locale dello stato di Ekiti per gli investimenti, Akin Oyebode, precisando che la nuova rete in fibra ottica sarà utilizzata per sostenere il progetto attualmente in fase di sviluppo dell’Ekiti Knowledge Zone, che si propone come il primo parco in Nigeria dedicato alle tecnologie dell’informazione dedicato alle imprese del settore dei servizi.

    Secondo quel che viene inoltre riportato dai media che ne danno notizia, l’installazione della rete in fibra ottica consentirà la diffusione della banda larga in tutto il territorio dello stato di Ekiti, favorendo la digitalizzazione per offrire un migliorato accesso a servizi sanitari e dell’istruzione, creare nuove opportunità imprenditoriali e posti di lavoro. [MV]

  • Burkina Faso Free

    Nuovo programma per sviluppare energia solare

    BURKINA FASO - L’Agenzia nazionale burkinabè per l’energia rinnovabile e l’efficienza energetica (ANEREE) ha lanciato un nuovo programma per l’energia solare nel Paese.

    A darne notizia sono i media specializzati, dai quali si apprende che il programma denominato “Cluster Solaire - Burkina Faso” si propone di sviluppare partenariati tra le parti interessate per promuovere il settore dell'energia solare e l'efficienza energetica.

    In particolare, l’iniziativa intende creare una rete ampia e ben strutturata che consentirà agli imprenditori locali (produttori, importatori, commercianti, servizi pubblici e privati, ONG e associazioni) della filiera industriale legata all’energia solare di avere non solo le capacità tecniche necessarie, ma anche strumenti finanziari per partecipare a concorsi internazionali.

    Secondo l’ANEREE, il programma consentirà al Burkina Faso di compiere un passo da gigante verso il suo obiettivo di produrre il 30% della sua elettricità dall'energia solare entro il 2025-2030.

    Attualmente, il tasso di accesso all'elettricità in Burkina Faso è solo del 21%, nonostante il Paese abbia un enorme potenziale solare e una delle più grandi centrali solari fotovoltaiche nella sottoregione dell'Africa occidentale con una capacità annua stimata di 56 GWh. [MV]

  • Nigeria Free

    Minerario, verso ripresa progetti Ajaokuta e Niomco

    NIGERIA - Il ministro delle Miniere, Olamilekan Adegbite, ha lasciato intendere che la ripresa dei progetti della Ajaokuta Steel Company e della National Iron Ore Mining Company (Niomco) porterà ad investimenti per circa 1,45 miliardi di dollari.  Adegbite, che ha parlato durante un briefing con i media ad Abuja, ha affermato che il fondo sarà fornito dal Russian Export Center e dalla Nigeria Export-Import Bank (Neximbank). La prima metterà a disposizione 450 milioni di dollari per il progetto, mentre la nigeriana Neximbank fornirà il restante miliardo. I progetti non avranno finanziamenti del governo, quest’ultimo ha però chiesto il rispetto di una quota del 60% di local content. [MS]
  • Ghana Free

    Competizione elettorale si scalda, ticket rosa per...

    GHANA - Comincia a entrare nel vivo la competizione elettorale in Ghana, in vista delle elezioni presidenziali del prossimo mese di dicembre. L'ex capo di Stato John Mahama, candidato del principale partito di opposizione, ha dichiarato di aver scelto Jane Naana Opoku-Agyeman quale sua vice-presidente.  Opoku-Agyeman è diventata così la prima donna ad avere un ticket presidenziale per un importante partito del Ghana.  Alle elezioni del 7 dicembre, Mahama (capo di Stato dal 2012 agli inizi del 2017) sfiderà l’attuale presidente Nana Akufo-Addo, che lo aveva sconfitto al voto tenutosi alla fine del 2016.  Opoku-Agyeman, 69 anni, è un ex ministro dell’Educazione e docente universitaria. Nel 2008 è diventata la prima vice rettrice donna dell’Università di Cape Coast. [MS]
  • Ghana Free

    Un nuovo portale sui progetti infrastrutturali...

    GHANA - La Commissione nazionale per la pianificazione dello sviluppo (NDPC) ha lanciato ufficialmente un nuovo portale online dove saranno elencati i progetti infrastrutturali esistenti in Ghana.

    Ad annunciarlo è stato il direttore generale della NDPC, Kodjo Mensah-Abrampa, sottolineando come i dati contenuti nel portale favoriranno l’analisi socio-economia e i processi decisionali a tutti i livelli di governo.

    Denominato ‘Ghana Integrated Infrastructure Database’ (GIID), il portale è stato sviluppato attraverso un’architettura open source con funzionalità che supportano l'accessibilità e l'utilizzo dei dati offline e online in collaborazione con il programma Ghana Oil and Gas for Inclusive Growth (GOGIG), finanziato dal governo britannico.

    Maggiori informazioni possono essere ottenute visitando il sito internet www.giidapp.org. [MV]

  • Niger Free

    Sostegno dell’IFAD per sicurezza alimentare

    NIGER - Sono pari a 77,7 milioni di euro i fondi stanziati dal Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (IFAD) a favore del governo di Niamey per finanziare un progetto destinato a contrastare gli shock climatici e l’insicurezza alimentare.

    Denominato Progetto per rafforzare la resilienza delle comunità rurali all'insicurezza alimentare e nutrizionale (PRECIS), il programma si rivolge a circa 210.000 residenti nelle aree rurali del Niger con l’obiettivo di aumentare la produttività agricola e passare da una produzione di passare dalla sussistenza alla commercializzazione, riducendo in questo modo la povertà e migliorando la sicurezza alimentare e nutrizionale nelle zone rurali.

    “Il PRECIS arriva al momento giusto - ha detto il direttore nazionale di IFAD in Niger, Jakob Tuborgh - La pandemia di covid-19 rappresenta una minaccia per gli obiettivi del governo di riduzione della povertà; questo nuovo progetto affronterà le principali problematiche dell'insicurezza alimentare e nutrizionale in Niger e creerà posti di lavoro per i giovani nelle aree rurali, contribuendo nel contempo a numerosi obiettivi di sviluppo sostenibile”.

    Al finanziamento del progetto contribuirà inoltre lo stesso governo del Niger con 26,3 milioni di euro, mentre sono in fase di perfezionamento accordi per un cofinanziamento aggiuntivo di circa 63 milioni di euro da parte di altri partner di sviluppo.

    Il progetto sarà attuato nelle regioni di Dosso, Maradi, Tahoua e Zinder e raggiungerà 186 comuni. [MV]