Africa

Coronavirus: casi e restrizioni in Africa, aggiornamento del 27 marzo

AFRICA – (aggiornamento del 27 Marzo) Hanno subito un’accelerata i dati della diffusione del Covid-19 in Africa, dove  nelle ultime ore sono raddoppiati i casi registrati in Sudafrica e Ghana.  

E’ quanto emerge dagli ultimi dati confermati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS/WHO), che fissa a 927 i casi in Sudafrica (ieri erano 554) o in Ghana, dove il dato è quasi triplo con 132 casi rispetto ai 52 precedenti. Oltre i paesi del Nord Africa (Algeria, Marocco e Tunisia) è l’Africa Occidentale l’altra regione che conta paesi con maggior numero di casi. Si segnala che nelle ultime 24 ore anche il Mali, finora a 0, ha fatto sapere di aver registrato due casi positivi.  

Sul fronte delle misure di limitazione di viaggi e spostamenti, continua ovviamente ad allungarsi la lista dei paesi che procedono alla sospensione di voli, chiusura delle frontiere terrestri, marittime ed aeree.L’ultimo ad aggiungersi è il piccolo arcipelago delle Isole Comore che ha chiuso tutti i confini nazionali. Sempre di più anche i paesi africani che stanno prendendo misure di limitazione ai movimenti della propria popolazione, che comprendono il coprifuoco notturno e il “lockdown” nazionale. 

E’ bene evidenziare che nelle ultime ore il Ministero degli Esteri ha pubblicato il seguente avviso relativo a tutte le destinazioni nel mondo:

“In base alla normativa vigente, sono VIETATI tutti i viaggi e gli spostamenti per turismo all’estero come sul territorio nazionale. Visita il sito www.governo.it per consultare la normativa in vigore. La dichiarazione dell’OMS con cui si classifica COVID-19 come “pandemia” sta comportando l’adozione di misure restrittive (sospensione del traffico aereo, divieto di ingresso, respingimento in frontiera, quarantena obbligatoria, accertamenti sanitari) da parte di tutti i Paesi del mondo, con scarso o nessun preavviso. SI RACCOMANDA DI EVITARE OGNI VIAGGIO/SPOSTAMENTO NON ESSENZIALE. Il rientro in Italia è consentito per ragioni di ASSOLUTA URGENZA (DPCM 22 marzo 2020). Chi rientra in Italia dall’estero deve sottoporsi ad ISOLAMENTO FIDUCIARIO per 14 giorni. Per maggiori informazioni: http://www.viaggiaresicuri.it/approfondimento/saluteinviaggio/coronavirus/L’Italia”

 

NOVITÀ’ DEL 27 MARZO

 

COMORE – In risposta all’emergenza sanitaria causata da COVID-19, le autorità delle isole Comore hanno disposto la chiusura di tutti i confini a partire dal 25 marzo.

 

TANZANIA – Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19 il governo della Tanzania e quello semiautonomo di Zanzibar hanno rafforzato le misure di contenimento. Tutti i viaggiatori provenienti da paesi a rischio (inclusa l’Italia) sono confinati in quarantena obbligatoria a loro spese in strutture designate dal governo. A Zanzibar entra in vigore il 28 marzo il divieto di ingresso per i turisti stranieri e per i tanzaniani di rientro dall’estero (la misura non si applica ai residenti nell’isola). Sanzioni, ivi incluso l’arresto, potrebbero essere disposte nei confronti di chi diffonda informazioni false o non ufficiali su COVID-19. Le autorità locali hanno annunciato il 9 marzo, con effetto immediato, la cessazione di tutti i voli charter dall’Italia diretti a Zanzibar. Si sta registrando una drastica riduzione del traffico aereo a livello globale. Si consiglia di verificare con attenzione lo stato del proprio volo, di controllare che negli aeroporti di transito non vi siano divieti per i passeggeri provenienti da o diretti in Italia e di comunicare all’Ambasciata la propria presenza nel Paese.

 

KENYA – In risposta all’emergenza sanitaria causata da COVID-19, le autorità locali hanno disposto la quarantena obbligatoria di 14 giorni per chiunque sia rientrato nel Paese dal 20 marzo in poi, incluso il personale diplomatico e delle Nazioni Unite. La quarantena è imposta dalle autorità locali e va effettuata presso hotel a spese del viaggiatore. A partire da venerdì 27 marzo, sarà attuato un coprifuoco, tutti i giorni dalle 19.00 alle 5.00 del mattino, ora locale. Le autorità locali hanno inoltre annunciato il 15 marzo la chiusura delle frontiere per tutti i viaggiatori provenienti da Paesi dove sono stati riportati casi di contagio da COVID-19, inclusa l’Italia, con l’unica eccezione di cittadini keniani o stranieri con permesso di soggiorno keniano e a condizione che si sottopongano a quarantena obbligatoria presso le strutture preposte o ad auto-quarantena. Chiunque presenti sintomi (in particolare, febbre e tosse) dovrà recarsi presso la struttura sanitaria preposta più vicina al proprio domicilio. Per maggiori informazioni, si consiglia di consultare il sito del Ministero della Salute keniano (www.health.go.ke) o chiamare i seguenti numeri: +254 729 471 414, +254 732 353 535. Le Autorità keniane hanno disposto la sospensione di tutti i collegamenti aerei internazionali con il Kenya a partire dal 25 marzo. Si registra una drastica riduzione dei collegamenti aerei a livello globale. Ai connazionali presenti nel Paese e che debbano rientrare in Italia, si raccomanda di visitare il sito web dell’Ambasciata d’Italia in Kenya www.ambnairobi.esteri.it, sezione Notizie e Comunicati Stampa, e di seguire @ItalyinKenya su Twitter. In caso di emergenza, contattare l’Ambasciata al numero (attivo 24h): +254 722 514 327

 

CASI

I casi seguenti sono quelli ufficialmente confermati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS/WHO):

 

Paese Casi Paese Casi
Sudafrica 927 Kenya 25
Egitto  456  Togo 23
Algeria 264 Madagascar 19
Marocco 225 Uganda 14
Tunisia 173 Tanzania,  13
Burkina Faso,  146 Gibuti, Etiopia 12
Ghana 132 Namibia 8
Senegal 99 Seychelles 7
Reunion 94 Guinea Equatoriale, Gabon, Benin 6
Costa d’Avorio 80 Repubblica del Centrafrica, Mozambico 5
Camerun,  76 Repubblica del Congo, Eswatini, Guinea, Eritrea 4
R. D. Congo, 51 Liberia, Ciad, Sudan, Zambia Capo Verde,  3
Mauritius, Nigeria 46 Mauritania, Angola, Zimbabwe,Niger, Mali, Somalia, Gambia, Guinea Bissau,  2
Rwanda 41 Libia 1
Mayotte 35

 

MISURE RESTRITTIVE AI VIAGGI PER ITALIANI

(Per maggiori dettagli si rimanda al sito viaggiaresicuri.it del Ministero degli Affari Esteri. Le misure di Contenimento, infatti, variano da paese a paese e vanno dalla semplice misurazione della temperatura all’arrivo a pratiche di autoisolamento etc..)

Angola/ Divieto

Algeria/ Chiusura frontiere-sospensione voli

Benin/Chiusura frontiere-restrizione visti – Quarantena

Botswana/ Divieto

Burundi/ sospensione voli – Quarantena

Capo Verde – Sospensione voli-Contenimento

Camerun – Divieto

Centrafrica Repubblica – Quarantena

Ciad/ Divieto

Comore/ Chiusura confini

Congo/Quarantena

Costa d’Avorio/Contenimento

Egitto/ Chiusura aeroporti- Contenimento-Ricovero

Eritrea/ Quarantena

Etiopia/ Quarantena-Sospensione voli- 

Gabon/ Contenimento-Divieto

Gambia/ Contenimento

Ghana/ Divieto

Gibuti/ Divieto

Guinea Bissau/ Contenimento

Guinea (Conakry)/ Quarantena

Guinea Equatoriale/ Divieto

Kenya/ Divieto

Liberia/ Isolamento (14 giorni)

Madagascar/ Divieto-respingimento

Malawi/ Isolamento (14 giorni)

Marocco/ Sospensione collegamenti con estero – Contenimento-Isolamento

Mauritius/Divieto

Mozambico/ Quarantena-blocco visti

Niger/ Quarantena

Nigeria/Chiusura voli – Contenimento-Quarantena

Rwanda/ Controlli-Monitoraggio (con spese a carico)

R.D. Congo/Contenimento-Quarantena

Senegal/Contenimento-Quarantena

Seychelles/ Divieto

Sierra Leone/ Quarantena

Somalia/ Sospensione voli

Sudafrica/ Divieto

Sudan/ Coprifuoco – sospensione Visti- chiusura frontiere

Sud Sudan/ Chiusura frontiere internazionali – Divieto – Contenimento-Quarantena

Tanzania/ Contenimento-Quarantena

Tunisia/ Divieto

Uganda/ Sospensione voli – Quarantena

Zambia/ Sospensione voli – Contenimento-Quarantena

Zimbabwe/ Contenimento

 

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Covid-19, un terzo dei Paesi del continente con...

    AFRICA - Sono 17 i Paesi e le regioni africane attualmente con le frontiere completamente chiuse per far fronte alla diffusione di covid-19. Lo ha riferito il Centro africano per il controllo e la prevenzione delle malattie (Africa Cdc).  Organi dell’Unione Africana con sede ad Addis Abeba, il Cdc ha inoltre aggiunto che sono invece 33 i Paesi in cui sono al momento chiuse le scuole e le altre istituzioni dedicate all'istruzione.  Secondo i dati del Cdc, finora il continente ha registrato un milione 420 mila casi circa con 34.327 decessi. Nove sono i Paesi che ai posti di frontiera hanno imposto test obbligati; Marocco, Sudafrica ed Etiopia risultano al momento i Pesi con il maggior numero di casi registrati nell’ultima settimana. [MS]
  • Africa Free

    L'Astronomia a sostegno della ripresa post-covid

    AFRICA - Venti progetti che riguardano l’Africa riceveranno borse dall’Unione internazionale dell’Astronomia (Uia) per coinvolgere la scienza, e in particolare l’astronomia, in soluzioni in grado di mitigare gli effetti della pandemia di coronavirus.   L’avviso di gara straordinario era stato pubblicato lo scorso maggio, attraverso l’ufficio Astronomia per lo sviluppo. All’assegnazione delle borse, complessivamente circa 40.000 euro per 43 progetti internazionali, sono associate l’African Astronomical Society e l’African Planetarium Association.   Tra i progetti africani selezionati, troviamo ad esempio lezioni online di astrologia per studenti del Ghana, con un tour virtuale del telescopio di Kutunse, ad Accra. Un altro progetto, centrato sulla Nigeria e altri Paesi dell’Africa occidentale, prevede la costruzione di un sito Internet intuitivo e interattivo per insegnare fisica e astronomia a studenti universitari.   Il progetto «reach for the stars», si colloca nella città di Sutherlands, che ospita l’osservatorio astronomico sudafricano, e prevede un sostegno concreto, la distribuzione alimentare, a 200 famiglie nel bisogno. Un progetto che si svilupperà in Uganda riguarda invece la formazione di insegnanti, ovvero la ripresa di un progetto del 2019 ma interrotto a causa della pandemia, con la Network for Astronomy School Education (Nase). [CC]
  • Africa Free

    Formazione e sviluppo (2), Del Re: “Così promuoviamo...

    AFRICA - La spinta demografica dell’Africa come occasione per promuovere la persona e la comunità, attraverso la formazione. Questo in estrema sintesi uno dei messaggi trasmessi ieri dalla vice ministra degli Esteri italiana Emanuela Del Re, in occasione del webinar ‘Formazione e sviluppo’ organizzato dal mensile economico ‘Africa e Affari’.  “E’ certo che alcuni dati quantitativi come l’accelerazione demografica da alcuni vengono letti come una sfida molto importante per il futuro, perché bisogna elaborare delle strategie per far fronte a una simile accelerazione” ha detto la vice ministra. “Io - ha aggiunto - ritengo in realtà che questa accelerazione possa costituire una grandissima opportunità tenendo conto di adeguate misure per poter fare in modo che ci sia parallelamente a questo aumento demografico una capacità di elaborare dei programmi di sviluppo che possano portare a una promozione concreta della persona e allo stesso tempo delle comunità. Ci troviamo di fronte a un capitale umano importantissimo che attraverso la formazione può essere valorizzato al massimo”. Nel suo intervento, la vice ministra ha allo stesso tempo sottolineato come quello della formazione sia uno dei cavalli di battaglia nell’azione della cooperazione italiana e come la formazione risponda alle indicazioni espresse all’interno dell’Agenda 2030 dell’Onu e dell’Agenda 2063 dell’Unione Africana.  “Penso che la formazione professionale sia uno degli elementi più importanti perché si pone all’intersezione tra vari aspetti della cooperazione allo sviluppo - ha ancora detto Del Re - tra la dimensione dello sviluppo umano e la dimensione dello sviluppo economico. Che cosa si può fare concretamente? Si deve puntare su questo capitale umano, si deve fare in modo che le attività economiche da promuovere includano degli schemi di formazione che possano permettere di creare generazioni future consapevoli, capaci e preparate”. [MS]
  • Africa Free

    Formazione e sviluppo, fare squadra per migliorare...

    AFRICA - Fare squadra anche nel campo della formazione può servire a spingere ulteriormente in alto l’asticella della cooperazione tra Italia e continente africano. E’ questo uno dei punti emersi ieri in occasione del webinar ‘Formazione e sviluppo’ organizzato dal mensile economico ‘Africa e Affari’.  Un tema cruciale quello della formazione, come sottolineato in apertura attraverso un intervento video dalla vice ministra degli Esteri Emanuela Del Re, in un continente dove la crescita demografica impone di guardare alle nuove generazioni e alle esigenze dei giovani.  Di fatto, come anche sottolineato da Alberto Piatti (Eni) e Carlo Cecchetti (Res4Africa), la formazione è lo strumento attraverso il quale si possono pianificare azioni sul lungo periodo e di largo respiro.  Rispetto a una sfida di per sé enorme, decisiva può essere quindi un’azione coordinata che veda insieme settore privato, pubblico, ong e altri attori della cooperazione, ha detto a sua volta Roberto Colaminè, vice direttore generale per la cooperazione allo sviluppo del ministero degli Esteri. Quel che manca hanno sottolineato a loro volta Marta Sachy (Fondazione Aurora) e Nino Sergi (Intersos) sono azioni di sistema che consentano di mettere in rete gli sforzi attualmente in corso.  Un concetto, quello ‘del fare squadra’, su cui si sono soffermati anche i rappresentanti di De Lorenzo, azienda italiana che dal 1951 contribuisce alla formazione ingegneristica e professionale in tutto il mondo, grazie a materiale didattico appositamente concepito. “L’istruzione e la formazione delle competenze  legate alla produttività - hanno detto Filippo Prosperi e Roland Ruhumuriza di De Lorenzo - sono vitali per lo sviluppo socioeconomico di ogni Paese. L’istruzione e la formazione tecnica e professionale sono considerate da tempo come uno strumento essenziale per rafforzare la produttività, nonché colonna portante dell’industrializzazione”. [MS]
  • Africa Free

    Formazione professionale: se ne parla domani in una...

    AFRICA - Formazione: una parola di peso per un Continente in costante crescita e che di manodopera ne ha anche da rivendere, rispetto a Stati più industrializzati ma ormai esposti al rischio di una futura penuria di competenze con un rinnovo della forza lavoro interna insufficiente per garantire la continuità dei propri fabbisogni. I megatrend di sviluppo in Africa – ovvero la crescita demografica, la crescita economica e l’urbanizzazione – evidenziano tutti la necessità di garantire un lavoro a decine di milioni di giovani africani (si stima siano 30 milioni) che ogni anno si affacciano sul mercato, nonché di rafforzare la produttività e il processo di industrializzazione dei singoli Stati del continente per competere al livello globale.

    La formazione tecnica e professionale e il suo ruolo per la trasformazione strutturale delle economie africane saranno al centro domani di una conferenza organizzata dal mensile ‘Africa e Affari’, che vedrà l’intervento, fra gli altri, del Vice Direttore Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Esteri italiano, Roberto Colaminé, e un videomessaggio della  Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re. La conferenza sarà seguita da una tavola rotonda alla quale parteciperanno i principali protagonisti del settore.

    Per iscriversi clicca qui.

  • Africa Free

    Cambiamenti climatici, perdite economiche tra 7 e 15...

    AFRICA - Gli effetti dei cambiamenti climatici in Africa causeranno, a partire da quest’anno, conseguenze dirette sulle economie dei Paesi del continente stimate per un valore pari tra 7 e 15 miliardi di dollari ogni anno.

    A dirlo è stato il presidente della Banca africana di sviluppo (AfDB), Akinwumi Adesina, in occasione dell’inaugurazione ad Abidjan della nuova sede regionale per l’Africa del Centro globale per l’adattamento (GCA), un’organismo internazionale creato dalle Nazioni Unite in occasione della conferenza sul clima del 2017.

    “Solo quattro anni fa, il fenomeno meteorologico El Niño ha devastato le regioni orientali e meridionali dell'Africa con gravi ondate di siccità; lo scorso anno i cicloni tropicali Idai e Kenneth hanno causato perdite per 2 miliardi di dollari alle economie di Mozambico, Malawi e Zimbabwe uccidendo 800 persone - ha ricordato Adesina - A partire da questo 2020 le stime mostrano che l'Africa perderà tra i 7 e i 15 miliardi di dollari all’anno per causa dei cambiamenti climatici”.

    Di fronte a questa emergenza, ha proseguito Adesina, è fondamentale mobilitare fondi per il clima ed è per questo motivo che l'AfDB ha incluso tra le sue priorità per i prossimi anni, il sostegno alla crescita verde e la mobilitazione di finanziamenti per l’adattamento climatico, impegnandosi a stanziare almeno 25 miliardi di dollari a tale scopo entro il 2025. [MV]