Rwanda

Contributo dalla Germania per Kigali Città Verde, buon governo e Pmi

RWANDA – E’ destinato al sostegno del piano “Green city Kigali”, Kigali città verde, parte del contributo finanziario del valore di 52 milioni di euro concesso dalla Germania al governo ruandese.

(148 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Tanzania Free

    Investimenti per servizi e infrastrutture nei porti di...

    TANZANIA – Sono circa tre milioni di euro i fondi investiti per il miglioramento delle infrastrutture e dei servizi nei porti di Zanzibar, arcipelago della Tanzania con un’intensa attività commerciale e turistica.   A sostenere la spesa è la Zanzibar Ports Corporation (Zpc), ente parastatale incaricata della gestione e dello sviluppo delle infrastrutture portuali locali.   Nel riferire al Parlamento sulle attività portuali, la ministra Sira Ubwa Mamboya, a capo del dicastero per le Infrastrutture, i trasporti e le comunicazioni, ha fornito aggiornamenti sulle attrezzature già consegnate e su quelle ordinate e sulle opere realizzate, tra cui miglioramenti delle tecnologie della comunicazione.   Tra luglio 2019 e il blocco di marzo 2020, sono passati a Zanzibar 103 navi internazionali con 1,3 milioni di tonnellate di stazza lorda, ma anche oltre due milioni di passeggeri. Per il prossimo esercizio la Zpc mira a poter gestire 128 navi internazionali, 3.800 navi nazionali e 7.000 barche a vela dau. [CC]
  • Rwanda Free

    Avviata la costruzione di 22.000 nuove aule scolastiche

    RWANDA - Ci saranno più di 22.000 aule supplementari al prossimo rientro a scuola di settembre. Lo sostiene il governo ruandese, che ha avviato il progetto di costruzione di 22.505 aule per istituti elementari, secondari e professionali. Nel “Paese delle mille colline”, che registra un record di densità di popolazione, si conta un’aula per 59 alunni nella scuola elementare e un’aula per 26 alunni nella scuola secondaria. Secondo dati del 2018, Sono circa 2,5 milioni i piccoli ruandesi iscritti alle elementari , mentre solo 578. 897 frequentano le secondarie. La realizzazione delle nuove aule è partita il 1° giugno nei 30 distretti del Paese. Il piano di assunzione dei docenti stilato per il 2020 dal Rwanda Education Board (Reb) prevede inoltre 7.214 nuovi insegnanti. [CC]
  • Sudan Free

    ONU verso fine a missione di peacekeeping in Darfur

    SUDAN - Il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha votato all’unanimità per cominciare a porre fine alla missione di mantenimento della pace nella regione occidentale del Darfur e sostituirla con una missione civile incentrata sulla transizione democratica.

    A darne notizia è stata l’agenzia di stampa Associated Press, citando fonti diplomatiche e anticipando i risultati del voto su due risoluzioni in merito, che saranno resi noti ufficialmente oggi in giornata.

    Secondo quel che è stato anticipato da AP, il Consiglio di sicurezza non ha tuttavia ancora fissato una data per la fine della missione congiunta Nazioni Unite-Unione Africana, nota con la sigla UNAMID.

    La prima risoluzione prolunga l'attuale missione per sei mesi fino al 31 dicembre 2020, precisando che alla fine dell’attuale mandato il Consiglio deciderà “il ritiro e l'uscita responsabili dell'UNAMID dal Paese”.

    La seconda risoluzione stabilisce invece la creazione di  una nuova missione politica integrata di assistenza alla transizione per un periodo iniziale di un anno con il mandato di assistere il Paese nella sua transizione politica verso la governance democratica e nella protezione e promozione dei diritti umani e della pace sostenibile. [MV]

  • Kenya Free

    Luce verde a produzione disinfettante per Bidco Africa

    KENYA - Il Kenya Bureau of Standards (Kebs) ha dato il via libera alla Bidco Africa per la produzione e la vendita di un disinfettante per le mani. La notizia è stata riferita da un comunicato congiunto di Kebs e Bidco Africa che mette così fine a settimane di negoziati.  Nei giorni scorsi la società aveva invitato i funzionari di Kebs nel suo stabilimento di produzione a Thika, per testare e confermare la qualità e la concentrazione di alcol su campioni di disinfettante per le mani. Con l’autorizzazione così ottenuta, Bidco Africa potrà rimettere in produzione e in commercio in disinfettante in tutto il Kenya. [MS]
  • RwandaSudafrica Free

    Società sudafricana di servizi sanitari si quota anche...

    RWANDA / SUDAFRICA - Ha deciso di quotarsi anche alla Borsa ruandese la società sudafricana RH Bophelo attiva nei servizi sanitari. L’obiettivo, secondo quanto riferito dagli stessi sudafricani, è raccogliere risorse finanziarie da investire in Rwanda. Per RH Bophelo, già quotata alla Borsa di Johannesburg, si tratta di un passo inedito, ufficializzato solo pochi giorni fa.  Quinton Zunga, amministratore delegato della società, ha dichiarato al New Times che la decisione di quotarsi sulla borsa ruandese è quella di diversificare la sua base di investitori e raccogliere più capitali da investire in Rwanda ma anche nella regione. Attualmente Bophelo ha un portafoglio ospedaliero per un totale di 665 posti letto di proprietà e oltre 800 ulteriori posti letti sotto contratto attraverso l’Africa Healthcare Proprietary Ltd in otto province sudafricane. [MS]
  • Etiopia Free

    Sempre più braccio di ferro fra tigrini e Addis Abeba

    ETIOPIA - E’ sempre più un braccio di ferro quello che sta opponendo il governo centrale etiopico con le autorità dello Stato del Tigrè (o Tigray). Io più settentrionale degli Stati che costituiscono la federazione ha infatti ribadito la volontà di tenere le elezioni parlamentari nonostante queste siano state rinviate a livello nazionale a causa della pandemia di covid-19 in corso.  Nella sua ultima riunione il Fronte di liberazione del popolo del Tigré ha diramato una comunicazione in cui contesta apertamente le politiche del primo ministro Abiy Ahmed e contesta il Partito della prosperità, la nuova coalizione governativa di cui il Fronte ha rifiutato di far parte; nello stesso comunicato si contesta poi la decisione di rinviare le elezioni in programma il 29 agosto confermando invece l’intenzione di tenere il voto nel Tigrè.  La posizione tigrina, già contestata dalla Commissione elettorale nazionale, rischia di esasperare ulteriormente divisioni già evidenti e mostrano le volontà autonomiste di una regione stretta in un contesto statuale in cui è stata elemento dominante ma in cui non si trova più a suo agio. [MS]