Africa

Coronavirus: casi e restrizioni in Africa, aggiornamento del 15 Aprile

AFRICA – (aggiornamento del 15 Aprile) Resta lenta la crescita della diffusione del Coronavirus Covid-19 in Africa, dove a fronte di 1,3 miliardi di abitanti sparsi in 54 paesi si registra un totale di 10.787 casi, ieri erano 10.259. E’ quanto emerge dall’analisi dei dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che evidenzia come l’Africa si mantenga la zona del pianeta con la minore diffusione del virus. Secondo i dati pubblicati alle 8 di oggi dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) il numero planetario di contagi ha raggiunto quota 1.848.439

All’interno del continente,  Sudafrica ed Egitto sono gli unici due paesi ad aver superato la ‘soglia’ simbolica dei 2000 casi (vedi tabella), seguiti dagli altri paesi del Nord Africa ( Algeria, Marocco e Tunisia) e poi da alcuni paesi dell’Africa Occidentale (Burkina Faso, Costa d’Avorio, Camerun, Ghana) con qualche centinaio di casi. E’ bene segnalare che al momento in Africa non si è verificata alcuna crescita “esponenziale” ma in tutti paesi i numeri salgono in maniera limitata e costante. Il Lesotho resta l’unico paese africano senza alcun contagio comunicato.

Sul fronte delle misure di limitazione, nelle ultime 72 ore si registrano le novità introdotte da Etiopia, Benin, Niger e Sudafrica. 

E’ bene evidenziare che da giorni ormai  il Ministero degli Esteri ha pubblicato il seguente avviso relativo a tutte le destinazioni nel mondo:

“In base alla normativa vigente, sono VIETATI tutti i viaggi e gli spostamenti per turismo all’estero come sul territorio nazionale. Visita il sito www.governo.it per consultare la normativa in vigore. La dichiarazione dell’OMS con cui si classifica COVID-19 come “pandemia” sta comportando l’adozione di misure restrittive (sospensione del traffico aereo, divieto di ingresso, respingimento in frontiera, quarantena obbligatoria, accertamenti sanitari) da parte di tutti i Paesi del mondo, con scarso o nessun preavviso. SI RACCOMANDA DI EVITARE OGNI VIAGGIO/SPOSTAMENTO NON ESSENZIALE. Il rientro in Italia è consentito per ragioni di ASSOLUTA URGENZA (DPCM 22 marzo 2020). Chi rientra in Italia dall’estero deve sottoporsi ad ISOLAMENTO FIDUCIARIO per 14 giorni. Per maggiori informazioni: http://www.viaggiaresicuri.it/approfondimento/saluteinviaggio/coronavirus/L’Italia”

 

NOVITA’ DEL 15 APRILE

 

ETIOPIA – In risposta all’emergenza sanitaria causata da COVID-19, il 10 aprile 2020 le Autorità federali etiopiche hanno deliberato lo Stato di Emergenza valido per 5 mesi (quindi sino al 10 settembre 2020) sull’intero territorio nazionale. Vengono disposte una serie di misure volte a impedire assembramenti di persone (anche nei trasporti pubblici) e a favorire il distanziamento sociale. Dal 16 marzo sono chiuse le scuole e sono limitate le manifestazioni religiose, sino a nuova comunicazione. Alcune Autorità regionali hanno inoltre previsto misure autonome di contenimento del contagio che limitano e/o impediscono la mobilità tra regioni e all’interno di una stessa regione (per maggiori dettagli sullo stato di emergenza federale ed i provvedimenti regionali: www.ambaddisabeba.esteri.it, sezione Notizie e Comunicati Stampa).Con riferimento al traffico aereo, le autorità locali hanno disposto la misura di quarantena obbligatoria di 14 giorni per tutti i passeggeri in arrivo ad Addis Abeba da svolgersi presso designate strutture alberghiere a proprie spese e con conferma di prenotazione in anticipo rispetto all’arrivo sul territorio etiopico. I passeggeri in transito prolungato (oltre le 8 ore) saranno trasportati in isolamento presso l’Hotel Skylight, nelle vicinanze dell’Aeroporto Internazionale di Addis Abeba – Bole, dove rimarranno per la durata dello scalo. È stato disposto anche il blocco dei voli verso 30 Paesi. Il volo della Ethiopian Airlines da Addis Abeba a Milano è stato sospeso dal 17 marzo, quello da Addis Abeba a Roma Fiumicino è stato sospeso dal 28 marzo, fino a nuovo avviso. Sono tuttavia possibili voli con scalo in un numero limitato di città europee. Si raccomanda di contattare direttamente Ethiopian Airlines per informazioni sui voli disponibili e di visitare il sito web dell’Ambasciata ad Addis Abeba: www.ambaddisabeba.esteri.it, sezione Notizie e Comunicati Stampa. Il traffico aereo può subire cambiamenti con scarso o nessun preavviso.In caso di febbre, tosse e difficoltà respiratorie, le autorità locali raccomandano di chiamare immediatamente il numero 8335 per assistenza medica. 

 

BENIN – Al fine di contenere la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), che ha registrato i primi contagi e decessi nel Paese, le Autorità beninesi hanno introdotto le seguenti restrizioni:limitazione dell’attraversamento delle frontiere terrestri solo ai casi di estrema necessità in coordinamento con le Autorità dei Paesi confinanti;restrizioni all’emissione di visti d’ingresso per il Benin;messa in quarantena “sistematica ed obbligatoria di ogni persona in arrivo in Benin per le vie aeree”. A tal fine numerose stanze di albergo sono state requisite. Il costo per il soggiorno obbligatorio in quarantena sarà a carico dei viaggiatori se di nazionalità non beninese.Ulteriori restrizioni valide per tutta la popolazione sono state adottate in materia di eventi pubblici, orari di lavoro e distanze di sicurezza da applicare presso uffici e negozi. I trasporti pubblici di persone (corriera, minibus) sono temporaneamente proibiti.Fino al 27 aprile è stato istituito un ‘cordone sanitario’ intorno a 12 Comuni del Sud del Paese (Abomey-Calavi, Allada, Ouidah, Sèmè-Podji, Porto-Novo, Zè, Tori, So-Ava, Aguégué, Akpro-Missérété e Adjarra) allo scopo di isolarli dal resto del Paese. All’interno di tale cordone sanitario è stato introdotto l’obbligo di indossare mascherine, mentre nel resto del Paese si tratta di una misura consigliata ma non obbligatoria.

 

NIGER – In risposta all’emergenza sanitaria COVID-19, il Presidente della Repubblica del Niger ha proclamato lo stato d’urgenza sanitario su tutto il territorio nazionale a partire dalla mezzanotte di venerdì 27 marzo, l’attivazione del coprifuoco a Niamey dalle 19.00 alle 06.00, l’isolamento sanitario della città di Niamey per una durata di due settimane rinnovabili a partire dalla mezzanotte di domenica 29 marzo. La chiusura degli aeroporti internazionali di Niamey e Zinder e delle frontiere terrestri è stata prorogata fino al 25 aprile. Si raccomanda di consultare il sito dell’Ambasciata d’Italia a Niamey www.ambniamey.esteri.it.

 

SUDAFRICA – Al fine di prevenire la diffusione dei casi di Covid-19, le autorità del Sud Africa hanno disposto, a partire da giovedì 26 marzo e fino al 30  aprile, la sospensione di ogni attività economica e movimento di persone non assolutamente indispensabile (“lockdown”). Per il periodo di lockdown, il Sud Africa ha annunciato la chiusura temporanea delle frontiere, sospendendo pertanto i collegamenti aerei domestici e internazionali. In caso di biglietto acquistato per i giorni dal 27 marzo in poi, si raccomanda di contattare quanto prima la propria compagnia aerea. La chiusura coinvolgerà anche le frontiere terrestri e i porti. Sarà consentito esclusivamente il trasporto di merci essenziali. Sono vietati gli spostamenti tra le Province e tra le municipalità. Le persone sono invitate a non lasciare le proprie abitazioni tranne che per esigenze indifferibili quali ricevere assistenza sanitaria, acquisti di alimenti e medicinali, servizi bancari essenziali. Saranno esentati dal divieto quanti prestano servizio in settori economici fondamentali quali sanità, sicurezza, produzione e distribuzione di alimenti e beni di prima necessità, servizi bancari e servizi di base quali acqua, energia e telecomunicazioni. Negozi alimentari e supermercati, farmacie, laboratori medici, banche, trasporti per servizi essenziali e distributori di carburante continueranno a svolgere le proprie attività. Tutti i turisti presenti in Sud Africa dovranno rimanere confinati al proprio indirizzo di residenza temporanea nel paese per tutto il periodo del “lockdown” e potranno essere soggetti a controlli sanitari. Tali misure si aggiungono a quelle varate a partire dallo scorso 18 marzo e pertanto invigorì fino alla mezzanotte di giovedì 26 marzo: il divieto di ingresso per i viaggiatori provenienti da “Paesi ad alto rischio” (Italia, Francia, Germania, Spagna, Svizzera, UK, Stati Uniti, Iran, Cina, Corea del Sud); controlli potenziati per i passeggeri da Portogallo, Hong Kong, Singapore (“Paesi a medio rischio”); rafforzamento dei controlli negli aeroporti sudafricani sugli aeroporti di origine dei passeggeri; annullamento di tutti i visti già rilasciati per i cittadini provenienti da “Paesi ad alto rischio” (la misura non riguarda chi è già entrato in Sud Africa ma solo chi non ha ancora utilizzato il visto) e la sospensione della concessione di nuovi visti per questi ultimi o chiunque vi abbia soggiornato o vi sia passato negli ultimi 20 giorni (per i “Paesi ad alto rischio” originariamente esenti dall’obbligo di visto per turismo, tra cui l’Italia, è stato introdotto tale obbligo, ferma restando l’attuale completa sospensione; in caso di emergenze è possibile comunque presentare domanda). In caso di scali, è importante verificare la presenza di eventuali restrizioni nei Paesi di transito. Tali restrizioni non si applicano a titolari di passaporto diplomatico e lasciapassare di organismi internazionali, che saranno comunque sottoposti a controlli medici e, ove necessario, posti in quarantena. Sono proibiti gli assembramenti.

 

CASI

I casi seguenti sono quelli ufficialmente confermati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS/WHO):

 

Paese Casi Paese Casi
Sudafrica 2272 Mauritius 324
Egitto 2190  Guinea 319
Algeria 1983 Senegal 291
Marocco 1838 R. D. Congo 241
Camerun 803 Mayotte 207
Tunisia  726  Kenya 208
Costa d’Avorio 626 Rwanda 127
Ghana 566 Mali 116
Niger  548 Madagascar 106
Burkina Faso 497 Togo 76
Reunion 391 Etiopia, Repubblica del Congo 74
Gibuti 363 Uganda, 54
Nigeria 343 Zambia, Tanzania, Guinea Equatoriale , Eritrea, Namibia, Gabon, Benin, Libia, Sudan, Guinea Bissau, Repubblica del Centrafrica, Mozambico, Eswatini, Seychelles, Liberia, Ciad, Zambia Capo Verde, Mauritania, Angola, Zimbabwe,Somalia, Gambia, Botswana, Burundi, Malawi, Sud Sudan <50

 

MISURE RESTRITTIVE AI VIAGGI PER ITALIANI

(Per maggiori dettagli si rimanda al sito viaggiaresicuri.it del Ministero degli Affari Esteri. Le misure di Contenimento, infatti, variano da paese a paese e vanno dalla semplice misurazione della temperatura all’arrivo a pratiche di autoisolamento etc..)

Angola/ Divieto

Algeria/ Chiusura frontiere-sospensione voli

Benin/Chiusura frontiere-restrizione visti – Quarantena

Botswana/ Divieto

Burundi/ sospensione voli – Quarantena

Capo Verde – Sospensione voli-Contenimento

Camerun – Divieto

Centrafrica Repubblica – Quarantena

Ciad/ Divieto

Comore/ Chiusura confini

Congo/Quarantena

Costa d’Avorio/Contenimento

Egitto/ Chiusura aeroporti- Contenimento-Ricovero

Eritrea/ Quarantena

Etiopia/ Quarantena-Sospensione voli- 

Gabon/ Contenimento-Divieto

Gambia/ Contenimento

Ghana/ Divieto

Gibuti/ Divieto

Guinea Bissau/ Contenimento

Guinea (Conakry)/ Quarantena

Guinea Equatoriale/ Divieto

Kenya/ Divieto

Liberia/ Isolamento (14 giorni)

Madagascar/ Divieto-respingimento

Malawi/ Isolamento (14 giorni)

Marocco/ Sospensione collegamenti con estero – Contenimento-Isolamento

Mauritius/Divieto

Mozambico/ Quarantena-blocco visti

Niger/ Quarantena

Nigeria/Chiusura voli – Contenimento-Quarantena

Rwanda/ Controlli-Monitoraggio (con spese a carico)

R.D. Congo/Contenimento-Quarantena

Senegal/Contenimento-Quarantena

Seychelles/ Divieto

Sierra Leone/ Quarantena

Somalia/ Sospensione voli

Sudafrica/ Divieto

Sudan/ Coprifuoco – sospensione Visti- chiusura frontiere

Sud Sudan/ Chiusura frontiere internazionali – Divieto – Contenimento-Quarantena

Tanzania/ Contenimento-Quarantena

Tunisia/ Divieto

Uganda/ Sospensione voli – Quarantena

Zambia/ Sospensione voli – Contenimento-Quarantena

Zimbabwe/ Contenimento

 

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Banca mondiale si riorganizza in Africa Sub-Sahariana

    AFRICA - La Banca mondiale ha annunciato di aver riorganizzato la sua divisione africana per concentrarsi meglio sulla regione sub-sahariana, creando due vice-presidenze che si occuperanno di due sottoregioni ciascuno.

    A riferirlo è la stessa Banca in una dichiarazione diffusa ieri nella quale si precisa che una vicepresidenza coprirà l’Africa Occidentale e quella Centrale, mentre la seconda si concentrerà su Africa Orientale e Africa Australe.

    La decisione, spiega la Banca nella nota, “si allinea all'impegno della Banca mondiale per l’Africa” e “consentirà di monitorare maggiormente i progressi e le sfide inserendole in un’ottica regionale”.

    A guidare la vicepresidenza di Banca Mondiale per Africa Occidentale e Centrale sarà  Ousmane Diagana, Vice Presidente per l'Africa occidentale e centrale, ex Banca mondiale Direttore nazionale della Costa d'Avorio, Burkina Faso, Guinea, Benin e Togo.

    A guidare la vicepresidenza di Banca Mondiale per Africa Orientale ed Australe sarà Hafez Ghanem, già vicepresidente per l’Africa dal 2018. 

    “ Sono onorato di guidare gli sforzi della Banca in Africa occidentale e centrale, con una forte attenzione all'innovazione, all'impatto e alla trasformazione. Lavorando insieme […] possiamo e faremo di più per mettere i paesi e le persone al primo posto e trovare modi per affrontare le sfide di sviluppo odierne utilizzando tutti gli strumenti a nostra disposizione ”, ha commentato Diagana.

    Hafez Ghanem ha affermato che “il nostro impegno per l'Africa si rafforza ogni giorno e sono entusiasta di lavorare a fianco di Ousmane Diagana. Siamo due vicepresidenti, ma consideriamo l'Africa unica e continueremo a condividere lezioni, competenze e idee in tutto il continente. "

    L'Africa rappresenta circa un terzo del portafoglio complessivo della Banca mondiale, secondo i dati ufficiali. Nell'ultimo decennio, l'istituzione ha raddoppiato gli aiuti alla regione SSA.

    La stessa Banca Mondiale fa poi sapere che alla fine del 2020 la cifra di prestiti garantiti ai 48 paesi dell’Africa sub-sahariana toccherà la cifra record di 50 miliardi di dollari. 

  • Africa Free

    L'atomo russo piace all'Africa

    AFRICA - La Russia sta cercando di esportare la tecnologia nucleare in Africa. A partire dal 2014, le sanzioni occidentali imposte alla Russia dopo l'annessione della Crimea, hanno costretto Mosca a cercare nuovi mercati. Così Rosatom, società pubblica russa che si occupa di tutti le attività legate al nucleare, è sbarcata in forze nel continente cercando di siglare accordi con le nazioni africane. Ne è nata una collaborazione sempre più stretta con alcuni Paesi. In Egitto, la società russa sta realizzando la più grande centrale nucleare del continente che avrà una capacità installata di 4,8 gigawatt. In Ruanda, il parlamento ha approvato, proprio insieme a Rosatom, un piano per costruire un centro di ricerca nucleare nella capitale, Kigali. Il centro, il cui completamento è previsto entro il 2024, includerà laboratori di ricerca e un piccolo reattore con una capacità fino a 10 MW. Etiopia, Nigeria e Zambia hanno firmato accordi simili con Rosatom, mentre Ghana, Uganda, Sudan e Rd Congo hanno concluso intese di cooperazione e di ricerca meno ambiziosi. “Per la nostra società - hanno dichiarato i dirigenti di Rosatom - l'Africa è una regione prioritaria. Nel continente costruiremo nuovi reattori nucleari ed espanderemo la nostra attività”. [EC]
  • Africa Free

    Agribusiness (2): valore aggiunto ed effetto...

    AFRICA - Per invertire questa realtà diversi Paesi africani hanno promosso la creazione di speciali zone dedicate specificatamente all’agroindustria, le Special Agro-Processing Zones (Sapzs), in modo da concentrare lo sviluppo di tutte le infrastrutture, incluse quelle dei trasporti e della logistica, necessarie a garantire il corretto funzionamento degli impianti di trasformazione e favorire l’accesso ai mercati. «L’idea è che le infrastrutture attivino la produzione, incoraggiando gli investimenti - ha sottolineato Njuguna Ndung’u, direttore esecutivo del Consorzio per la ricerca economica africana (Aerc) ed ex governatore della Banca centrale del Kenya - Queste zone però saranno efficaci solo se i governi manterranno un ruolo di regolamentazione, senza partecipare attivamente al mercato». L’iniziativa è sostenuta in particolare dall’AfDB, che insieme ad altri partner internazionali, tra cui la Banca europea per gli investimenti e la Exim Bank sud-coreana, ha già contribuito con 120 milioni di dollari alla creazione di parchi agroindustriali in Etiopia, Guinea e Togo. A febbraio di quest’anno l’AfDB ha inoltre annunciato un nuovo sostegno del valore di 500 milioni di dollari a favore del governo di Abuja per finanziare la realizzazione anche in Nigeria di zone specializzate nella trasformazione industriale dei prodotti agricoli, almeno una in ciascuna delle quattro principali zone Paese: Nord-est/ovest, Centro-nord, Sud-ovest e Sud-est/sud. Ogni zona speciale dovrebbe includere la costruzione di mini-dighe idroelettriche, strade, strutture per la catena del freddo, laboratori di ricerca, strutture per il trattamento dei rifiuti, centri di stoccaggio, centri di distribuzione e centri per il controllo di qualità. Secondo il piano dell’istituto multilaterale panafricano, sviluppare una zona speciale richiede in media oltre 100 milioni di dollari tra investimenti pubblici e privati. L’obiettivo di AfDB è garantire per ciascun dollaro di investimento pubblico un effetto leva di tre volte, raccogliendo 3 dollari da parte degli investitori privati. L’intero approccio riguarda quindi il de-risking degli investimenti privati nello sviluppo delle catene del valore agricole, incoraggiando gli investimenti pubblici per sviluppare infrastrutture critiche, comprese le politiche e i quadri normativi regolatori. [MV]
  • Africa Free

    Agribusiness: valore aggiunto ed effetto moltiplicatore

    AFRICA - Gli sforzi per sostenere l’aumento della produttività in campo agricolo vanno di pari passo con quelli destinati a sviluppare una filiera della trasformazione dei prodotti agricoli. Le stime della Banca africana di sviluppo (AfDB) evidenziano che il continente potrebbe infatti diventare un esportatore netto di beni agricoli, consentendo potenzialmente di sostituire entro i cinque anni importazioni per un valore di 110 miliardi di dollari, con il settore agroalimentare che può raggiungere entro il 2030 una quota pari a 1.000 miliardi di dollari. Nella maggior parte dei Paesi in via di sviluppo, l’industria della trasformazione agroalimentare fornisce un contributo molto rilevante alla creazione di valore aggiunto nel settore manifatturiero. In effetti, in Africa subsahariana, i dati a disposizione mostrano che l’industria della trasformazione agroalimentare e delle bevande rappresenta una quota tra il 30 e il 50% del totale del valore aggiunto. Gli investimenti realizzati nell’industria della trasformazione agroalimentare hanno importanti effetti moltiplicatori su tutta l’economia alla luce dei collegamenti della filiera, che si caratterizzano per l’aumento della domanda di materie prime, input e servizi, con conseguente creazione di nuovi posti di lavoro distribuiti lungo tutto il sistema, dalla produzione alla distribuzione. Allo stato attuale, sottolinea sempre l’AfDB, il settore dell’industria della trasformazione agroalimentare in Africa è però spesso fermo a livelli molto basilari o è addirittura praticamente inesistente nelle zone rurali del continente, costringendo il continente a dover importare ogni anno prodotti alimentari per un valore pari a 65 miliardi di dollari. Il settore, inoltre, deve far fronte a un’altra serie di problemi, a cominciare dalle perdite post-raccolto causate dalle carenze esistenti in fase di stoccaggio. Solo per fare un esempio, in media nei Paesi dell’Africa subsahariana le perdite post-raccolta per i prodotti agricoli deperibili come frutta e verdura si aggirano su una media compresa tra il 35 e il 50% della produzione totale, mentre per i prodotti cerealicoli queste variano tra il 15 e il 25%. [SEGUE]
  • AfricaKenyaNigeriaSudafrica Free

    Sudafrica, Kenya e Nigeria le principali destinazioni...

    AFRICA - Oltre metà degli investimenti destinati negli ultimi cinque anni alla creazione di start-up innovative in Africa sono andati a iniziative imprenditoriali in Sudafrica, Kenya e Nigeria.

    E’ quel che emerge nell’ultimo rapporto realizzato dagli analisti di African Private Equity e Venture Capital Association (ACVA), precisando che tra 2014 e 2019 è stato il Sudafrica ad attrarre maggiori investimenti (21%), seguito da Kenya (18%) e Nigeria (14%).

    La maggior parte degli investimenti sono andati a finanziare start-up innovative nel settore fintech, ma sono aumentate anche le iniziative imprenditoriali nei settori dell’energia, della logistica, dei trasporti, dell'e-commerce, della sanità e dell'agroalimentare.

    Secondo il rapporto di ACVA, l’Africa meridionale è la zona che attrae maggiori capitali (25%) seguita dall’Africa orientale (23%) e dall’Africa occidentale (21%).

    A trainare gli investimenti, conclude il rapporto, sono investitori con base nel Nord America con una quota del 42%, seguiti da investitori con sede in Europea (23%), in Africa (20%), nella regione dell’Asia e del Pacifico (8%) e del Medio Oriente (&%). [MV]

  • Africa Free

    Webinar su strumenti Banca Mondiale per investimenti in...

    AFRICA - Agenzia ICE e ANIMA Confindustria Meccanica Varia organizzano domani giovedì 2 luglio, a partire dalle ore 14:30, un webinar per approfondire la conoscenza e gli strumenti messi a disposizione dal gruppo della Banca Mondiale attraverso l’International Finance Corporation (IFC) per gli investimenti delle imprese italiane nei Paesi in Via di Sviluppo.

    Il seminario sarà aperto dal presidente dell’Agenzia ICE Carlo Ferro e dal direttore per le relazioni esterne e internazionali di ANIMA Confindustria Meccanica Varia Alessandro Durante per un saluto istituzionale ai partecipanti.

    I lavori proseguiranno con una breve presentazione del gruppo della Banca Mondiale da parte di Tindaro Paganini dell’Ufficio Servizi Formativi dell’Agenzia ICE e con gli interventi dei delegati della Banca Mondiale per illustrare le attività dell’IFC, in particolare per approfondire le attività legate ai settori della trasformazione agro-industriale, delle energie rinnovabili e dello sviluppo sostenibile.

    La partecipazione al webinar è gratuita previa registrazione cliccando qui. [MV]