Etiopia

Luce verde per nuova banca, sarà operativa entro 2020

ETIOPIA – Jano Bank, neo-costituita banca di investimento, ha iniziato a vendere azioni dopo aver ottenuto il via libera dalla Banca nazionale dell’Etiopia.

(152 parole) - 3,90 Euro

Leggi tutto l'articolo

Bloccato
Acquista questo articolo
Singolo articolo

Acquista un singolo articolo per visualizzarne il contenuto

3,90 Euro

Abbonamento Canale

L’abbonamento a un Canale dà diritto a ricevere informazioni quotidiane su un'area geografica o un paese.

da 190 Euro

Abbonamento Area Tematica

L’abbonamento per canale tematico è pensato per chi ha interessi specifici determinati dalla propria attività e non strettamente legati a una precisa area geografica

da 350 Euro

Ultimi articoli della sezione Africa Orientale

  • Kenya Free

    Verso adozione standard ecologici in  edilizia sociale

    KENYA - Il programma governativo di edilizia sociale in Kenya adotterà gli standard di edilizia ecologica della Società finanziaria internazionale (IFC) del gruppo della Banca mondiale.

    Ad annunciarlo è stato il segretario principale del ministero dei Lavori pubblici responsabile per gli alloggi e lo sviluppo urbano, Charles Hinga, sottolineando come il Kenya sia intenzionato a costruire i nuovi alloggi utilizzando tecniche e metodologie che consentano di ridurre le emissioni inquinanti al fine di combattere i cambiamenti climatici.

    "Lo standard minimo per la progettazione di case in edilizia sociale che siano al tempo stesso economiche e rispettose del clima deve’essere l'eccellenza di IFC nella progettazione per il programma di certificazione di bioedilizia di maggiore efficienza (EDGE)”, ha detto Hinga ricordando come tale standard comporti un 20% in meno nell’uso di energia, nonché un minore utilizzo di  acqua ed energia nei materiali di costruzione.

    Nell'ambito del suo programma di edilizia sociale, il Kenya intende costruire 500.000 unità abitative da destinare alle fasce di popolazione più a basso reddito entro la fine del 2022. [MV]

  • Sud Sudan Free

    Drastica riduzione del tasso di interesse

    SUD SUDAN - La Banca centrale del Sud Sudan ha comunicato di aver ridotto il suo tasso d’interesse di riferimento dal 13 al 10% per mitigare gli effetti della pandemia di covid-19 sull'economia.

    Si tratta della seconda volta da aprile che la Banca centrale del Sud Sudan ha tagliato il suo tasso d’interesse, che in precedenza era fissato al 15%.

    Secondo quel che ha dichiarato il governatore della Banca, Gamal Abdalla Wani, la revisione al ribasso è stata decisa per ridurre i costi dei finanziamenti al settore privato da parte delle banche commerciali.

    “I prestiti saranno più convenienti e andranno a vantaggio sia delle imprese che dei cittadini in questo momento di crisi", ha detto Wani annunciando il taglio.

    E’ stato inoltre anche ridotto il rapporto di riserva di liquidità dal 15% al 10% per rilasciare liquidità aggiuntiva alle banche commerciali per iniettarla ulteriormente per sostenere le attività economiche e in particolare i settori più colpiti dalla pandemia, in un’economia che si deve ancora riprendere dalla devastazione causata da anni di guerra civile tra le forze governative leali al presidente Salva Kiir e quelle alleate con il vice presidente Riek Machar. [MV]

  • Somalia Free

    Opposizione contraria a rinvio del voto

    SOMALIA - I principali partiti di opposizione in Somalia si oppongono fermamente alla decisione della commissione elettorale di rimandare il voto del 2020.

    Secondo le formazioni di opposizione lo spostamento si configura come “una cospirazione per estendere il mandato del presidente Mohammed Abdullahi Farmaajo”.

    Il Partito Wadajir guidato dal principale oppositore Abdirahman Abdishakur Warsame, il Forum for National Parties (Fnp), una coalizione di sei partiti guidata dagli ex presidenti Sharif Sheikh Ahmed e Hassan Sheikh Mohamud, e il Somalia Welfare Party hanno sostenuto che l’annuncio della commissione elettorale è stato fortemente influenzato da Villa Somalia (la residenza del presidente della Repubblica).

    La Somalia avrebbe dovuto tenere le elezioni parlamentari a dicembre e le elezioni presidenziali a febbraio, ma il presidente della commissione, Halima Yarey, ha annunciato a fine giugno sarà tutto spostato nel 2021. Questo voto avrebbe dovuto rappresentare una svolta storia. Per la prima volta da cinquant’anni, i somali avrebbero potuto votare individualmente (come avviene nelle principali democrazie) e non attraverso gli anziani dei rispettivi clan.

    Il presidente Farmaajo ha ripetutamente assicurato che la sua amministrazione è determinata a organizzare le elezioni. Il 28 maggio scorso, il premier Hassan Ali Kheyre ha incaricato i ministri di organizzare il voto.

    “Tenere elezioni è più importante di ogni altra cosa in questo momento ed è uno degli obiettivi primari che i cittadini ci hanno affidato”, ha dichiarato Kheyre dopo una riunione del governo. Ma l’amministrazione Farmaajo teme che i continui attentati di al-Shabaab, uniti all’epidemia di coronavirus e alle recenti alluvioni, possano influenzare le elezioni. [Africa Rivista]

  • EgittoEritrea Free

    Politica e affari nell'incontro tra al-Sisi e Isaias

    EGITTO / ERITREA - Affari e alleanze geopolitiche, si è discusso di questo nell'incontro che si è tenuto ieri, lunedì 6 luglio, al Cairo tra il presidente egiziano Abdel Fattah al-Sisi e il suo omologo eritreo Isaias Afwerki al Cairo. Sotto il profilo strategico, i due Paesi si affacciano entrambi sul Mar Rosso e condividono interessi comuni. Entrambi hanno come solidi alleati l'Arabia Saudita e gli Emirati arabi uniti ed entrambi lavorano per contenere l'influenza dell'Etiopia nel Corno d'Africa (in particolare sul dossier della diga sul Nilo). Negli ultimi anni è poi aumentata anche la cooperazione economica soprattutto in agricoltura e nella pesca. Negli ultimi anni è si è consolidata anche l'assistenza tecnica all'Eritrea da parte della Egyptian Agency of Partnership for Development. Il presidente eritreo, arrivato domenica nella capitale egiziana, rimarrà fino a mercoledì 8 luglio.
  • Kenya Free

    Una App contro le locuste

    KENYA - Una App monitorerà la crescita e gli spostamenti delle locuste nella zona del Lago Turkana. Si chiama E-Locust ed è stata realizzata dalla Fao, agenzia Onu per l'agricoltura e l'alimentazione, in collaborazione Acted, una Ong locale. Le informazioni vengono raccolte sul territorio da una rete di osservatori che poi le inviano in tempo reale a Lodwar, la città principale della regione. I dati vengono poi inseriti in un database e sono passati alle squadre addette all'irrorazione dei pesticidi per prevenire la formazione di ulteriori sciami. Grazie a un clima particolarmente umido, negli ultimi mesi, gli insetti si sono riprodotti in modo esponenziale in Africa orientale e nella regione del Mar Rosso. Secondo la Banca mondiale, nei prossimi mesi, i parassiti potrebbero causare danni per circa 8,5 miliardi di dollari all'Africa orientale e allo Yemen. Gli sciami possono volare fino a 150 km al giorno con il vento e uno sciame può mangiare tanto cibo in un giorno quanto 35.000 persone. Le locuste del deserto si nutrono di quasi tutta la vegetazione e le colture verdi, tra cui foglie, fiori, corteccia, frutta, miglio e riso. In un bollettino del 3 luglio, la Fao ha affermato che si prevede che la formazione di sciami in Kenya continuerà fino a metà luglio. Ha detto che a giugno le operazioni di controllo hanno trattato con insetticidi circa 30.830 ettari contro le locuste (8.500 ettari per via aerea). [EC]
  • Uganda Free

    Acquisti record di apparecchi radio

    UGANDA - Tra il 2014 e il 2018, nel Paese sono state importate 1,3 milioni di radio. Sono i dati dell'Uganda Revenue Authority resi pubblici ieri, 6 luglio. Nel 2014 sono state importate 122.769 radio, nel 2015 270.656. Poi il numero è andato sempre crescendo: 288.343 nel 2016, 313.362 nel 2017, 345.808 nel 2018. Si tratta, in maggioranza, di apparecchi portatili utilizzati principalmente nelle aree rurali, molte delle quali non hanno accesso alla rete elettrica. Nei prossimi mesi, il governo di Kampala cercherà di procurarsi altri 10 milioni di apparecchi radio alimentati a energia solare. Verranno poi distribuiti in ogni famiglia per rendere disponibili a tutti i corsi di educazione di base. Il presidente Yoweri Museveni ha recentemente chiesto al ministero delle Finanze di inserire una clausola nel bando di acquisto che preveda che radio e televisioni siano prodotte in Uganda. Attualmente, ci sono solo due società coinvolte nel montaggio di radio e televisori, entrambi di proprietà straniera. [EC]