Africa

Coronavirus: casi e restrizioni in Africa, aggiornamento del 16 Aprile

Accesso Completo, Africa AFRICA – (aggiornamento del 16 Aprile) Prosegue in maniera lenta e senza scossoni la diffusione del Coronavirus Covid-19 in Africa, dove a fronte di 1,3 miliardi di abitanti sparsi in 54 paesi si registra un totale di 11.367 casi, ieri erano 10.787. E’ quanto emerge dall’analisi dei dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), che evidenzia come l’Africa si mantenga la zona del pianeta con la minore diffusione del virus. Secondo i dati pubblicati alle 8 di oggi dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) il numero planetario di contagi sfiora quota 2 milioni, avendo raggiunto alle 8 di questa mattina  1.918.138 casi. All’interno del continente,  l’Algeria si è unita al Sudafrica e all’Egitto nel superare  la ‘soglia’ simbolica dei 2000 casi (vedi tabella), seguiti dagli altri paesi del Nord Africa ( Marocco e Tunisia) e poi da alcuni paesi dell’Africa Occidentale (Burkina Faso, Costa d’Avorio, Camerun, Ghana) con qualche centinaio di casi. E’ bene segnalare che al momento in Africa non si è verificata alcuna crescita “esponenziale” ma in tutti paesi i numeri salgono in maniera limitata e costante. Il Lesotho resta l’unico paese africano senza alcun contagio comunicato. Sul fronte delle misure di limitazione, è bene sottolineare che, a fronte di numeri limitati rispetto alle altre zone del mondo, la maggior parte dei paesi africani si è dimostrata la più reattiva nel prendere misure di prevenzione e contenimento. Nelle ultime 24 ore si registrano le novità introdotte da Reunion, Mauritius, Gabon, Malawi, Sudan e Somalia.  E’ bene evidenziare che da giorni ormai  il Ministero degli Esteri ha pubblicato il seguente avviso relativo a tutte le destinazioni nel mondo: “In base alla normativa vigente, sono VIETATI tutti i viaggi e gli spostamenti per turismo all’estero come sul territorio nazionale. Visita il sito www.governo.it per consultare la normativa in vigore. La dichiarazione dell’OMS con cui si classifica COVID-19 come “pandemia” sta comportando l’adozione di misure restrittive (sospensione del traffico aereo, divieto di ingresso, respingimento in frontiera, quarantena obbligatoria, accertamenti sanitari) da parte di tutti i Paesi del mondo, con scarso o nessun preavviso. SI RACCOMANDA DI EVITARE OGNI VIAGGIO/SPOSTAMENTO NON ESSENZIALE. Il rientro in Italia è consentito per ragioni di ASSOLUTA URGENZA (DPCM 22 marzo 2020). Chi rientra in Italia dall’estero deve sottoporsi ad ISOLAMENTO FIDUCIARIO per 14 giorni. Per maggiori informazioni: http://www.viaggiaresicuri.it/approfondimento/saluteinviaggio/coronavirus/L'Italia”   NOVITA’ DEL 16 APRILE   REUNION - In risposta all’emergenza sanitaria COVID-19, le misure adottate sul territorio metropolitano francese (consultare l’avviso in evidenza sulla Scheda Paese Francia) si applicano anche a Réunion a partire dalle 15.00 del 17 marzo, ora locale.Per tutti i viaggiatori in arrivo è stata disposta una quarantena obbligatoria di 14 giorni presso strutture di tipo alberghiero.A partire dal 30 marzo 2020 i voli commerciali tra Parigi e La Réunion sono stati ridotti a 3 collegamenti a settimana mentre sono stati sospesi i voli tra Mayotte e La Réunion. Si raccomanda di verificare l’operatività del proprio volo con la compagnia aerea di riferimento. Le compagnie aeree verificheranno agli imbarchi autocertificazione e documentazione giustificativa comprovante il domicilio nell'isola.   MAURITIUS - In risposta all’emergenza causata dalla diffusione del Covid-19, le Autorità di Mauritius hanno disposto la chiusura dei confini del Paese a partire dal 19 marzo per gli stranieri e, a partire dal 22 marzo, per cittadini mauriziani e residenti. Sono interrotti, pertanto, tutti i collegamenti aerei e marittimi. Tutti gli stranieri entrati prima di tale data sono sottoposti a una quarantena di almeno due settimane. A partire dal 20 marzo, inoltre, le autorità mauriziane hanno deciso la sospensione di tutte le attività economiche non essenziali e, a partire dalle ore 20.00 del 23 marzo e fino a nuovo avviso , hanno stabilito un coprifuoco che implica il divieto di lasciare i propri alloggi, salvo che per i lavoratori impiegati in servizi essenziali (ad esempio sanità, sicurezza, emergenze) o impegnati a garantire i servizi minimi e indispensabili. I negozi di alimentari e supermercati (chiusi a partire dallo scorso 24 marzo) saranno riaperti a partire da giovedì 2 aprile, ma sotto stringenti condizioni al fine di evitare il diffondersi del virus.   GABON - In risposta all’emergenza sanitaria Covid-19, le autorità del Gabon hanno decretato lo stato di emergenza, in vigore a partire dal 12 aprile, con conseguente obbligo di isolamento domiciliare per tutta la popolazione residente nella “Grande Libreville” (il territorio metropolitano della capitale), per la durata di due settimane, eventualmente rinnovabili. Saranno garantiti i servizi considerati essenziali (commercio di generi alimentari e di prima necessità, ordine pubblico, farmacie, vendita di carburanti, raccolta dei rifiuti). Le autorità locali hanno inoltre adottato una serie di misure di contenimento, tra cui la sospensione di tutti i voli internazionali, la chiusura delle frontiere terrestri, marittime e aeree e la sospensione del rilascio di visti turistici per chiunque provenga da "Paesi a rischio" (Unione Europea, Cina, Corea del Sud e Stati Uniti). Le autorità locali hanno introdotto, altresì, in tutto il Paese un coprifuoco dalle 19.30 alle 6.00 ed un provvedimento che, a partire dalla mezzanotte di domenica 12 aprile e per i successivi 15 giorni, impone il confinamento obbligatorio a casa, fatto salvo specifica autorizzazione a spostarsi per i lavoratori di alcuni settori considerati prioritari. Al momento le modalità di realizzazione del confinamento obbligatorio non sono del tutto chiare, considerato che in teoria gli abitanti di Libreville sono autorizzati ad uscire per fare la spesa alimentare o per motivi sanitari (purché provvisti di mascherina, guanti e con l’obbligo di mantenere la distanza minima di sicurezza oltre che di restare nel proprio comune di residenza amministrativa), ma si è avuta notizia di alcuni occidentali fermati nel corso degli abituali controlli stradali e rimandati a casa in quanto sprovvisti di lasciapassare. I trasporti extraurbani sono vietati  (con alcune eccezioni come i trasporti merci ed il trasporto di acqua, prodotti alimentari, carburanti e prodotti farmaceutici) fuori della zona rossa di Libreville, mentre a decorrere dalla mezzanotte di domenica 12 aprile sono proibiti anche gli spostamenti all’interno di diversi comuni amministrativamente autonomi, ma che formano ormai parte integrante della capitale Libreville, ovvero: il comune di Libreville in senso stretto (il centro della città), Akanda (zona nord della capitale), Owendo (zona sud, che comprende il porto commerciale), Ntoum (limite esterno alla capitale che conduce a tutte le altre zone del Paese) e Pointe Denis (zona balneare).   SOMALIA - A seguito della conferma di casi di Covid-19, le autorità locali hanno decretato la sospensione di tutti i voli internazionali di passeggeri, fino a nuovo avviso. Si ricorda che, alla luce della persistente minaccia nei confronti di cittadini ed obbiettivi occidentali, si sconsigliano sia i viaggi sia la permanenza nel Paese, a qualsiasi titolo.   MALAWI - Al fine di prevenire la diffusione del COIVID-19, le Autorità del Malawi hanno  decretato il lockdown (chiusura) del Paese per 21 giorni a partire dalle h. 23.59 di sabato 18 aprile fino alla mezzanotte di sabato 9 maggio. E’ previsto altresì un coprifuoco tra le ore 19:00 e le ore 6:30. Durante tale fascia oraria, è vietato ogni spostamento. E’ possibile che le misure restrittive descritte vengano prorogate. Permane lo stato di emergenza che ha introdotto misure di contenimento quali la chiusura di scuole e università, la proibizione di assembramenti e il divieto per gli stranieri provenienti da paesi affetti dal virus di entrare nel Paese. Da tale divieto sono esclusi i cittadini dei paesi della Southern African Development Community - SADC (Angola, Botswana, Congo, Lesotho, Malawi, Mauritius, Mozambico, Namibia, Seychelles, Sud Africa, Swaziland, Tanzania, Zambia, Zimbawe), i cittadini malawiani e i residenti in rientro che saranno invece sottoposti a quarantena di 14 giorni. Il Governo del Malawi ha inoltre sospeso, dal 1 aprile, tutti i voli internazionali. E' stato sospeso anche il rilascio dei visti di ingresso alle frontiere. Le autorità locali hanno istituito il seguente numero da contattare per informazioni e chiarimenti sull’argomento COVID-19: tel. 00 265 887 371288. Per gli ulteriori dettagli, si rimanda alla sezione Emergenza Coronavirus Covid-19 del sito dell'Ambasciata d'Italia a Lusaka, in particolare al link https://amblusaka.esteri.it/ambasciata_lusaka/it/ambasciata/notizie/dall_ambasciata/2020/04/malawi-emergenza-covid-19.html e al Focus Coronavirus sulla homepage di questo sito.   SUDAN - Nel quadro delle misure di contrasto alla pandemia COVID-19, le autorità sudanesi hanno imposto a livello nazionale il coprifuoco dalle ore 18 alle 6 del mattino a partire da martedì 31 marzo. Da giovedì 26 marzo sono inoltre sospesi i voli interni e il trasporto pubblico su strada tra i diversi Stati del Paese.A partire da sabato 18 aprile incluso e fino a nuovo avviso, le autorità sudanesi hanno disposto, inoltre, l'applicazione allo Stato di Khartoum del coprifuoco H24 e la chiusura dei ponti sul Nilo tra Khartoum, Khartoum Nord ed Omdurman per un periodo di tre settimane. E' pertanto vietata la circolazione di persone prive di specifiche autorizzazioni.   CASI I casi seguenti sono quelli ufficialmente confermati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS/WHO):   
Paese Casi Paese Casi
Sudafrica 2415 Mauritius 324
Egitto 2350  Senegal 299
Algeria 2070 R. D. Congo 254
Marocco 1988 Mayotte 217
Camerun 855 Kenya 216
Tunisia  747  Rwanda 134
Costa d’Avorio 638 Mali 123
Ghana 636 Madagascar 110
Niger  570 Togo 77
Burkina Faso 515 Etiopia, Gabon  82
Gibuti 435 Repubblica del Congo 74
Reunion 391 Somalia 60
Guinea 363 Uganda, Tanzania 54
Nigeria 343 Zambia, Guinea Equatoriale , Eritrea, Namibia, Benin, Libia, Sudan, Guinea Bissau, Repubblica del Centrafrica, Mozambico, Eswatini, Seychelles, Liberia, Ciad, Zambia Capo Verde, Mauritania, Angola, Zimbabwe,Somalia, Gambia, Botswana, Burundi, Malawi, Sud Sudan <50
 

MISURE RESTRITTIVE AI VIAGGI PER ITALIANI

(Per maggiori dettagli si rimanda al sito viaggiaresicuri.it del Ministero degli Affari Esteri. Le misure di Contenimento, infatti, variano da paese a paese e vanno dalla semplice misurazione della temperatura all’arrivo a pratiche di autoisolamento etc..) Angola/ Divieto Algeria/ Chiusura frontiere-sospensione voli Benin/Chiusura frontiere-restrizione visti - Quarantena Botswana/ Divieto Burundi/ sospensione voli - Quarantena Capo Verde - Sospensione voli-Contenimento Camerun - Divieto Centrafrica Repubblica - Quarantena Ciad/ Divieto Comore/ Chiusura confini Congo/Quarantena Costa d’Avorio/Contenimento Egitto/ Chiusura aeroporti- Contenimento-Ricovero Eritrea/ Quarantena Etiopia/ Quarantena-Sospensione voli-  Gabon/ Contenimento-Divieto Gambia/ Contenimento Ghana/ Divieto Gibuti/ Divieto Guinea Bissau/ Contenimento Guinea (Conakry)/ Quarantena Guinea Equatoriale/ Divieto Kenya/ Divieto Liberia/ Isolamento (14 giorni) Madagascar/ Divieto-respingimento Malawi/ Lockdown - Isolamento (14 giorni) Marocco/ Sospensione collegamenti con estero - Contenimento-Isolamento Mauritius/Divieto Mozambico/ Quarantena-blocco visti Niger/ Quarantena Nigeria/Chiusura voli - Contenimento-Quarantena Rwanda/ Controlli-Monitoraggio (con spese a carico) R.D. Congo/Contenimento-Quarantena Senegal/Contenimento-Quarantena Seychelles/ Divieto Sierra Leone/ Quarantena Somalia/ Sospensione voli Sudafrica/ Divieto Sudan/ Coprifuoco - sospensione Visti- chiusura frontiere Sud Sudan/ Chiusura frontiere internazionali - Divieto - Contenimento-Quarantena Tanzania/ Contenimento-Quarantena Tunisia/ Divieto Uganda/ Sospensione voli - Quarantena Zambia/ Sospensione voli - Contenimento-Quarantena Zimbabwe/ Contenimento  

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Obiettivo Huawei, digitalizzare continente

    AFRICA - Il colosso delle telecomunicazioni Huawei ha tenuto ad Abidjan il suo primo vertice per l’Africa occidentale e centrale dedicato alla condivisione di esperienze tecnologiche, durante il quale ha espresso l’ambizione di contribuire al processo di digitalizzazione dell’Africa. “La nostra ambizione è creare sempre più connessione, promuovere la digitalizzazione per ogni persona, famiglia e organizzazione. Vorremmo contribuire allo sviluppo del digitale in Africa e ciò a beneficio delle popolazioni africane”, ha dichiarato il presidente e direttore generale di Huawei dell’Africa occidentale e centrale (WCA), Jean Sun. L’azienda ha anche mostrato ai suoi partner i suoi risultati di successo nel campo della sicurezza e dell’istruzione in Costa d’Avorio. “Abbiamo invitato i nostri partner dall’estero a vedere le buone esperienze di successo della digitalizzazione in Costa d’Avorio per accompagnarci a completare insieme la nostra missione”, ha aggiunto Sun. Fondata in Africa dal 1997, Huawei è presente in tutto il continente con oltre 5.000 dipendenti e quasi 400 partner. [GT]
  • Africa Free

    Il lento cammino dei diritti umani, un incontro a Roma

    AFRICA - Si propone di approfondire in che stato versano i diritti fondamentali nel continente africano e in che modo la loro violazione influenzi il fenomeno delle migrazioni l'incontro promosso dall'Associazione dei cristiani per l'abolizione della tortura (Acat) che si terrà il 12 dicembre a Roma.

    L'incontro intitolato "Africa, il lento cammino dei diritti umani: sfide, prospettive, testimonianze" si colloca come evento conclusivo del progetto Premio di Laurea Acat Italia 2022 “Un premio per fermare la tortura e per i diritti dei migranti”, supportato grazie ai fondi dell’Otto per mille della Chiesa Valdese.

    All'evento, che sarà moderato dal direttore responsabile di Africa e Affari Massimo Zaurrini, è prevista la partecipazione in qualità di relatori di Michel Kalemba, membro di Acat Repubblica Democratica del Congo e componente della Federazione internazionale delle Acat (Fiacat), Lyonel Grassy, directeur de plaidoyer di Fiacat e attivo su diversi progetti nel continente africano, Suor Paola Vizzotto, missionaria dell’Immacolata, volontaria per molti anni presso le carceri del Camerun e attualmente a Rebibbia e il giornalista Luca Attanasio.

    L'incontro si terrà lunedì 12 dicembre dalle ore 17 nei locali dell'Aula Magna della Facoltà Valdese di Teologia a Roma. [MV]

  • AfricaEgittoKenyaMalawiMozambicoNamibiaTanzaniaZambia Free

    Sette Paesi nella prima piattaforma Nature, People and...

    AFRICA - Egitto, Kenya, Zambia, Malawi, Mozambico, Namibia e Tanzania sono tra i nove Paesi che parteciperanno alla prima piattaforma Nature, People and Climate. Lo ha annunciato il Climate Investment Funds (CIF), precisando che su 55 candidature, anche la Repubblica Dominicana e le Fiji sono state selezionate nel programma, che beneficerà di 350 milioni di dollari in finanziamenti e altro supporto per soluzioni basate sulla natura. “Estendo la nostra gratitudine all'Italia, al Regno Unito e alla Svezia per l'incredibile partnership. Congratulazioni a questi Paesi. Non vediamo l'ora di iniziare e questo è solo l'inizio. Sosterremo anche l'Etiopia, il Rwanda, la Namibia e il Brasile per la preparazione del piano di investimento, in previsione di ricevere ulteriori contributi", ha affermato l'amministratore delegato di The Funds, Mafalda Duarte. Nei nove Paesi suddetti, la piattaforma Nature, People and Climate implementa soluzioni basate sulla natura che riconoscano i collegamenti tra l'uso del suolo, la mitigazione e l'adattamento ai cambiamenti climatici e il miglioramento delle fonti di sostentamento delle comunità rurali e delle popolazioni indigene. Copre l'agricoltura sostenibile, l'approvvigionamento alimentare, le foreste, i sistemi costieri resilienti e gli sforzi per responsabilizzare le popolazioni indigene e le comunità locali. Come passo successivo, i Paesi partecipanti svilupperanno piani di investimento in collaborazione con una serie di banche multilaterali di sviluppo partner. La piattaforma collabora anche con le banche di sviluppo multilaterali per ridurre i rischi e ridimensionare gli investimenti sulla base di un approccio a livello di sistema piuttosto che a livello di progetto.  Secondo il  Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente, gli investimenti annuali in soluzioni rispettose dell’ambiente delle sole nazioni del G20 devono aumentare di ulteriori 165 miliardi di dollari all'anno - un aumento del 140% rispetto ai livelli esistenti - per raggiungere la biodiversità, il ripristino del territorio e gli obiettivi climatici entro il 2050. [CN]  
  • Africa Free

    Onu spinge per digitalizzazione del continente

    AFRICA - L’accesso a internet è fondamentale per la trasformazione economica e sociale dell’Africa, il che rende vitale per i governi investire nelle tecnologie digitali. E’ quanto osservato da Antonio Pedro, segretario ad interim della Commissione economica delle Nazioni Unite per l’Africa (Uneca). “La digitalizzazione è la chiave per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2063 e il raggiungimento di ciò richiede il contributo di tutte le parti interessate”, ha affermato Pedro, intervenendo all’Internet forum 2022 ad Addis Abeba, in Etiopia. Pedro ha sottolineato l’importanza dei partenariati e della collaborazione per promuovere la connettività digitale in Africa, che è sulla via della trasformazione economica con l’operatività dell’Africa continental free trade area. [GT]
  • Africa Free

    Perso il 12,4 per cento collegamenti marittimi diretti

    AFRICA - L’Africa ha perso il 12,4% dei suoi collegamenti marittimi diretti tra il terzo trimestre del 2020 e il secondo trimestre del 2022 a causa della congestione dei suoi porti. Lo ha rivelato la Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo (Unctad) in un rapporto pubblicato da poco. Il documento spiega, tuttavia, che la perdita di collegamenti marittimi diretti nel periodo in esame non è un fenomeno specifico dell’Africa. La regione dell’America Latina e dei Caraibi ha perso il 13,5% dei suoi collegamenti marittimi diretti, rispetto al 3,7% dell’Europa, al 2,9% dell’Asia e dell’Oceania e al 2,6% del Nord America. Queste perdite erano dovute alla congestione dei porti che faticavano a far fronte all’aumento della domanda nella ripresa post-Covid, spesso privi di attrezzature, manodopera e strutture di stoccaggio. Le difficoltà associate alla congestione portuale erano inizialmente concentrate in tre regioni: Cina, Europa settentrionale e costa occidentale degli Stati Uniti. Tuttavia, poiché le compagnie di navigazione hanno riallocato le loro navi su rotte più trafficate e più redditizie, altre regioni sono state colpite più duramente. Inoltre, i vettori hanno modificato le rotte delle loro navi per aumentare i profitti e hanno smesso di fare scalo in alcuni porti. Nel 2021, la carenza di capacità di trasporto e le perturbazioni causate dalla pandemia di coronavirus, unite alla ripresa del volume del commercio marittimo, hanno spinto i noli per i carichi containerizzati a livelli record. A metà del 2021, i tassi erano quattro volte superiori a quelli precedenti la pandemia. Anche i vettori di container hanno dovuto affrontare spese aggiuntive, ma hanno registrato profitti record. I noli per le merci containerizzate sono aumentati sulla maggior parte delle rotte, comprese quelle verso le regioni in via di sviluppo. Tra dicembre 2020 e dicembre 2021, la tariffa per Teu è passata da 2521 a 6450 dollari per la rotta Shanghai-Sudafrica (Durban) e da 2521 a 7452 dollari per la rotta Shanghai-Africa occidentale (Lagos). Il rapporto rivela anche che la quota dell’Africa nelle importazioni mondiali via mare, misurata in base al volume delle merci scaricate, era del 5% nel 2021. La quota del continente nelle esportazioni marittime mondiali, misurata in base al volume dei carichi imbarcati, ha raggiunto il 7%. L’Asia, la regione principale per le operazioni di carico e scarico, continua ad essere in testa con il 42% delle esportazioni mondiali e il 64% delle importazioni, seguita dall’America continentale, dall’Europa, dall’Oceania e dall’Africa. Nel complesso, il commercio marittimo internazionale ha registrato una significativa ripresa nel 2021 con una crescita stimata del 3,2%, dopo un calo del 3,8% nel 2020. Nel 2022, tuttavia, questa ripresa ha perso slancio, soprattutto a causa del rallentamento dell’economia globale, delle nuove ondate di Covid-19 che hanno portato alla chiusura di fabbriche in Cina e delle tensioni geopolitiche dovute alla guerra in Ucraina. La crescita del commercio marittimo internazionale dovrebbe diminuire dell’1,4% quest’anno. Per il periodo 2023-2027, si prevede che il settore, che rappresenta l’80% del commercio mondiale, cresca a un tasso medio annuo del 2,1%, più lento rispetto alla media dei tre decenni precedenti (3,3%). Per quanto riguarda le compagnie di navigazione, il rapporto dell’Unctad indica che il settore del trasporto marittimo di container si è consolidato orizzontalmente nel tempo attraverso fusioni e acquisizioni. Inoltre, i vettori hanno adottato strategie di integrazione verticale investendo nelle operazioni di terminal e in altri servizi logistici. Inoltre, sempre più spesso collaborano in consorzi e alleanze. Di conseguenza, tra il 1996 e il 2022, la quota dei primi 20 vettori sulla capacità totale di trasporto di navi portacontainer è passata dal 48% al 91%, mentre i primi quattro vettori controllano ora più del 50% di tale capacità. [VGM]
  • Africa Free

    Webinar su sfide e opportunità logistiche

    AFRICA - Nell’ambito del suo progetto Africa Business Lab, l’Agenzia per la promozione e l’internazionalizzazione delle imprese italiane (Agenzia Ice) organizza il prossimo 13 dicembre alle ore 10 un webinar gratuito sulle opportunità e le sfide della logistica in Africa rivolto alle Pmi italiane interessate ad operare sui mercati del continente con una strategia di internazionalizzazione più strutturata. “Che si commerci con il continente o si produca, che si lavori per esportare all’estero o per vendere in altri Paesi limitrofi, la logistica è uno dei nodi centrali da sciogliere per operare in Africa”, affermano gli organizzatori dell’evento in un comunicato. “La vastità del continente, i gap infrastrutturali, ma anche il fatto che l’Africa sia continuamente terra di sperimentazioni e innovazioni rendono il settore della distribuzione fondamentale da comprendere e conoscere”, aggiunge ancora il documento. Maggiori informazioni sono disponibili sul sito dell’Agenzia ICE cliccando qui. [CN]