Africa

Coronavirus in Africa: casi aumentano, ma con regolarità

AFRICA – Sono 58.663 i casi di contagio da Covid19 in Africa e circa 2700 i decessi dall’inizio della pandemia.

Lo si apprende dai dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) dai quali emerge che nelle ultime 24 ore il numero di casi dell’intero continente (1,3 miliardi di abitanti sparsi in 54 paesi) sia aumentato di 2200 unità circa, il ritmo di incremento quotidiano che ormai si registra regolarmente dai primi di maggio. Il Sudafrica e l’Egitto restano i due paesi col maggior numero di casi (rispettivamente 14300 e 11700 ), mentre Marocco e Algeria si attestano sui 6700 casi circa. 

Andando a scendere, troviamo alcuni dei principali paesi dell’Africa Occidentale: la  Nigeria (5621), Ghana (5735) e il Camerun con poco più di 3000 casi.. Costa d’Avorio, Guinea Senegal sono nell’ordine dei 2000 casi, mentre Gibuti, Tunisia, Guinea Bissau, Gabon e Repubblica Democratica del Congo sono su un migliaio di casi. Tutto il resto del continente conta meno di 1000 casi con il maggior numero dei paesi che registra meno di 500 casi. E’ bene ribadire che finora in Africa (nonostante i titoli di giornale) non si è verificata alcuna crescita “esponenziale” ma nella maggioranza dei paesi i numeri continuano a salire in maniera limitata e costante. Iniziata praticamente in contemporanea con la diffusione europea, l’epidemia di covid in Africa non si è mai impennata. Anche il  Lesotho, piccola enclave in territorio sudafricano, che a lungo era stato l’unico paese africano senza alcun contagio comunicato, conta il suo primo positivo al Covid19.

Sul fronte delle misure di limitazione l’Africa si è dimostrata la regione del mondo più reattiva nel prendere misure di prevenzione e contenimento. Nelle ultime 24 ore si registrano le nuove misure o l’irrigidimento di quelle già esistenti in: Senegal, Zimbabwe, Uganda, Tunisia e Namibia. 

I dati africani (58.000 casi e 2700 decessi) vanno affiancati a quelli globali arrivati a toccare, secondo l’OMS, 4 milioni e 550.000 contagiati e 307.395 morti dall’inizio della pandemia. Numeri che dimostrano come l’Africa sia finora la zona del mondo meno colpita dal virus. 

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Vadoinafrica, per conoscere le potenzialità dei...

    Torna con la formula di un business forum online che si terrà il 2 e 3 ottobre prossimi la community di Vadoinafrica.

    A segnalarlo è Martino Ghielmi, formatore e consulente aziendale che ha creato la community, sottolineando l’importanza di approfondire le realtà dei mercati africani.

    «Nel mondo post-Covid19 appariranno le enormi opportunità, gran parte ancora inesplorate, di una nuova interazione tra Europa e Africa - ha detto Ghielmi - Non più guidata dai monologhi ‘sviluppisti’ del passato, ma piuttosto da un’ottica di collaborazione bidirezionale, a beneficio di entrambi le parti».

    L’evento si propone di mettere in collegamento tra loro imprenditori e professionisti con una pluriennale esperienza sul terreno per offrire spunti preziosi per mitigare rischi ed evitare pericolosi errori di approccio a un continente tanto affascinante quanto complesso.

    Vadoinafrica Business Summit è gratuito anche grazie al sostegno di Sodimax, azienda genovese di spedizioni verso il continente africano. Per approfondire il programma e le modalità di partecipazione, clicca qui.

  • Africa Free

    Fondi dalla Cooperazione statunitense per aziende...

    AFRICA - L’iniziativa governativa Power Africa ha stanziato, attraverso l’Agenzia statunitense per lo sviluppo internazionale (USAID), contributi a fondo perduto per un valore pari a oltre 2,6 milioni di dollari a favore di aziende africane che operano nel settore delle energie rinnovabili.

    A darne notizia è una nota diffusa dall’Ambasciata degli Stati Uniti in Nigeria, in cui viene precisato che i fondi saranno utilizzati per realizzare soluzioni off-grid e garantire l’accesso all’elettricità ad almeno 300 strutture sanitarie nelle zone rurali di nove diversi Paesi dell’Africa sub-sahariana.

    Secondo le informazioni rese note, i fondi saranno assegnati alle seguenti società: Havenhill Synergy Ltd. (Nigeria), KYA-Energy Group (Togo), Muhanya Solar Ltd. (Zambia), Nanoé (Madagascar), OffGridBox (Rwanda), OnePower (Lesotho), PEG Solar (Ghana), SolarWorks! (Mozambico) e Zuwa Energy (Malawi).

    “L'energia solare ha un grande potenziale per espandere e migliorare la fornitura di assistenza sanitaria nell'Africa sub-sahariana e la tecnologia solare off-grid offre una soluzione pulita, economica e intelligente per elettrificare le strutture sanitarie situate oltre la portata delle reti elettriche nazionali”, ha detto Mark Carato, coordinatore esecutivo del programma Power Africa. [MV]

  • Africa Free

    Covid-19, un terzo dei Paesi del continente con...

    AFRICA - Sono 17 i Paesi e le regioni africane attualmente con le frontiere completamente chiuse per far fronte alla diffusione di covid-19. Lo ha riferito il Centro africano per il controllo e la prevenzione delle malattie (Africa Cdc).  Organi dell’Unione Africana con sede ad Addis Abeba, il Cdc ha inoltre aggiunto che sono invece 33 i Paesi in cui sono al momento chiuse le scuole e le altre istituzioni dedicate all'istruzione.  Secondo i dati del Cdc, finora il continente ha registrato un milione 420 mila casi circa con 34.327 decessi. Nove sono i Paesi che ai posti di frontiera hanno imposto test obbligati; Marocco, Sudafrica ed Etiopia risultano al momento i Pesi con il maggior numero di casi registrati nell’ultima settimana. [MS]
  • Africa Free

    L'Astronomia a sostegno della ripresa post-covid

    AFRICA - Venti progetti che riguardano l’Africa riceveranno borse dall’Unione internazionale dell’Astronomia (Uia) per coinvolgere la scienza, e in particolare l’astronomia, in soluzioni in grado di mitigare gli effetti della pandemia di coronavirus.   L’avviso di gara straordinario era stato pubblicato lo scorso maggio, attraverso l’ufficio Astronomia per lo sviluppo. All’assegnazione delle borse, complessivamente circa 40.000 euro per 43 progetti internazionali, sono associate l’African Astronomical Society e l’African Planetarium Association.   Tra i progetti africani selezionati, troviamo ad esempio lezioni online di astrologia per studenti del Ghana, con un tour virtuale del telescopio di Kutunse, ad Accra. Un altro progetto, centrato sulla Nigeria e altri Paesi dell’Africa occidentale, prevede la costruzione di un sito Internet intuitivo e interattivo per insegnare fisica e astronomia a studenti universitari.   Il progetto «reach for the stars», si colloca nella città di Sutherlands, che ospita l’osservatorio astronomico sudafricano, e prevede un sostegno concreto, la distribuzione alimentare, a 200 famiglie nel bisogno. Un progetto che si svilupperà in Uganda riguarda invece la formazione di insegnanti, ovvero la ripresa di un progetto del 2019 ma interrotto a causa della pandemia, con la Network for Astronomy School Education (Nase). [CC]
  • Africa Free

    Formazione e sviluppo (2), Del Re: “Così promuoviamo...

    AFRICA - La spinta demografica dell’Africa come occasione per promuovere la persona e la comunità, attraverso la formazione. Questo in estrema sintesi uno dei messaggi trasmessi ieri dalla vice ministra degli Esteri italiana Emanuela Del Re, in occasione del webinar ‘Formazione e sviluppo’ organizzato dal mensile economico ‘Africa e Affari’.  “E’ certo che alcuni dati quantitativi come l’accelerazione demografica da alcuni vengono letti come una sfida molto importante per il futuro, perché bisogna elaborare delle strategie per far fronte a una simile accelerazione” ha detto la vice ministra. “Io - ha aggiunto - ritengo in realtà che questa accelerazione possa costituire una grandissima opportunità tenendo conto di adeguate misure per poter fare in modo che ci sia parallelamente a questo aumento demografico una capacità di elaborare dei programmi di sviluppo che possano portare a una promozione concreta della persona e allo stesso tempo delle comunità. Ci troviamo di fronte a un capitale umano importantissimo che attraverso la formazione può essere valorizzato al massimo”. Nel suo intervento, la vice ministra ha allo stesso tempo sottolineato come quello della formazione sia uno dei cavalli di battaglia nell’azione della cooperazione italiana e come la formazione risponda alle indicazioni espresse all’interno dell’Agenda 2030 dell’Onu e dell’Agenda 2063 dell’Unione Africana.  “Penso che la formazione professionale sia uno degli elementi più importanti perché si pone all’intersezione tra vari aspetti della cooperazione allo sviluppo - ha ancora detto Del Re - tra la dimensione dello sviluppo umano e la dimensione dello sviluppo economico. Che cosa si può fare concretamente? Si deve puntare su questo capitale umano, si deve fare in modo che le attività economiche da promuovere includano degli schemi di formazione che possano permettere di creare generazioni future consapevoli, capaci e preparate”. [MS]
  • Africa Free

    Formazione e sviluppo, fare squadra per migliorare...

    AFRICA - Fare squadra anche nel campo della formazione può servire a spingere ulteriormente in alto l’asticella della cooperazione tra Italia e continente africano. E’ questo uno dei punti emersi ieri in occasione del webinar ‘Formazione e sviluppo’ organizzato dal mensile economico ‘Africa e Affari’.  Un tema cruciale quello della formazione, come sottolineato in apertura attraverso un intervento video dalla vice ministra degli Esteri Emanuela Del Re, in un continente dove la crescita demografica impone di guardare alle nuove generazioni e alle esigenze dei giovani.  Di fatto, come anche sottolineato da Alberto Piatti (Eni) e Carlo Cecchetti (Res4Africa), la formazione è lo strumento attraverso il quale si possono pianificare azioni sul lungo periodo e di largo respiro.  Rispetto a una sfida di per sé enorme, decisiva può essere quindi un’azione coordinata che veda insieme settore privato, pubblico, ong e altri attori della cooperazione, ha detto a sua volta Roberto Colaminè, vice direttore generale per la cooperazione allo sviluppo del ministero degli Esteri. Quel che manca hanno sottolineato a loro volta Marta Sachy (Fondazione Aurora) e Nino Sergi (Intersos) sono azioni di sistema che consentano di mettere in rete gli sforzi attualmente in corso.  Un concetto, quello ‘del fare squadra’, su cui si sono soffermati anche i rappresentanti di De Lorenzo, azienda italiana che dal 1951 contribuisce alla formazione ingegneristica e professionale in tutto il mondo, grazie a materiale didattico appositamente concepito. “L’istruzione e la formazione delle competenze  legate alla produttività - hanno detto Filippo Prosperi e Roland Ruhumuriza di De Lorenzo - sono vitali per lo sviluppo socioeconomico di ogni Paese. L’istruzione e la formazione tecnica e professionale sono considerate da tempo come uno strumento essenziale per rafforzare la produttività, nonché colonna portante dell’industrializzazione”. [MS]