Africa

L’Africa e l’esigenza di uno sviluppo davvero africano

AFRICA – I numeri confermano quello che è già facile immaginare. Possono bastarci gli ultimi dati della Banca mondiale, che prevedono per il continente africano la prima recessione degli ultimi 25 anni. Nel suo rapporto semestrale denominato “Africa’s Pulse”, l’istituzione di Bretton Woods prevede una decrescita compresa all’interno di una forbice tra il -2,1 e il -5,1%. Una riduzione enorme per il continente, i cui effetti si stanno già facendo sentire.  E’ questo l’incipit di un servizio di Oltremare, il magazine dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo (Aics), dedicato agli effetti economici della pandemia, che si può leggere cliccando qui e che di seguito sintetizziamo.

 

La pandemia di covid-19 sta testando i limiti delle società e delle economie di tutto il mondo e i Paesi africani rischiano di essere colpiti in maniera particolarmente dura, ha detto Hafez Ghanem, vicepresidente della Banca mondiale per l’Africa, commentando il documento. 

Il covid-19 ha anche il potenziale per innescare una crisi della sicurezza alimentare in Africa, con la produzione agricola che potrebbe contrarsi tra il 2,6% in uno scenario ottimistico e fino al 7% in caso di blocchi commerciali. Le importazioni di alimenti diminuiranno notevolmente (fino al 25%, secondo alcune stime) a causa di una combinazione di maggiori costi di transazione e riduzione della domanda interna. 

Quello di Banca mondiale è solo l’ultimo di una serie di rapporti che vanno tutti nello stesso senso. Che aprono finestre buie sul futuro economico e sociale del continente e preannunciano sfide su cui gli intellettuali africani hanno sottoscritto una lettera aperta rivolta ai capi di Stato africani e a tutti gli africani. La lettera vede come primo firmatario il premio Nobel Wole Soyinka, seguono altri 99 accademici e intellettuali, tra cui lo scrittore senegalese Boubacar Boris Diop e la poetessa ivoriana Véronique Tadjo.

“La sfida con cui siamo chiamati a misurarci – si legge nel passaggio conclusivo della lettera – non è altro che il ripristino della libertà intellettuale e della creatività del continente: in assenza di queste, qualsiasi discorso sulla sovranità si rivela inconcepibile. La sfida è rompere con l’outsourcing delle nostre prerogative sovrane, riconnetterci con configurazioni locali, abbandonare l’imitazione sterile, adattare la scienza, la tecnologia e la ricerca al nostro contesto, ridisegnando le istituzioni sulla base delle nostre specificità e delle nostre risorse, adottando un quadro di governance inclusivo e uno sviluppo endogeno, per creare valore qui, al fine di ridurre la nostra dipendenza sistemica”.

Ancora più importante ed essenziale, prosegue la lettera, è ricordare che l’Africa ha risorse materiali e umane sufficienti per costruire una prosperità condivisa su base egualitaria e nel rispetto della dignità di ognuno: “La mancanza di volontà politica e le pratiche estrattive di attori esterni non possono più essere usate come scuse per l’inazione. Non abbiamo più scelta: abbiamo bisogno di un radicale cambio di direzione. Ora è il momento!”.

In altre parole, e questo è un tema su cui si stanno soffermando diversi pensatori, politici, istituzioni e organizzazioni, la pandemia ha messo a nudo le carenze dell’attuale modello di sviluppo, ha portato alla luce le distorsioni di una crescita non sostenibile, di un mondo diviso tra una minoranza che vive nel benessere e una maggioranza che vive ai margini. 

Emblematiche le parole espresse a più riprese da padre Kizito Sesana, missionario comboniano che vive a Nairobi, in Kenya: “Questa pandemia ci mostra e ci ricorda come siamo tutti sulla stessa barca, però – ha tenuto a sottolineare Kizito anche in occasione di una web conference organizzata da Africa e Affari e da Africa Rivista – alcuni hanno i remi e altri no; alcuni hanno i mezzi per affrontare la tempesta e uscire dalla crisi, altri sono più vulnerabili”. 

In quella stessa conferenza, Roberto Ridolfi, Assistant-Director-General alla Fao, ha chiaramente detto che la teoria economica prevalente che si insegna nelle facoltà di economia, non aiuta il pianeta: “Il nodo centrale di qualsiasi strategia per l’Africa e per l’Europa è la concreta attuazione dello sviluppo sostenibile, con investimenti capaci di non distruggere l’enorme giacimento di risorse umane e naturali, creare e far durare posti di lavoro dignitosi”. In altre parole, quando la crisi del covid-19 sarà passata ci troveremo di nuovo di fronte le ineguaglianze, la povertà, il cambiamento climatico, le migrazioni di massa. Proprio come prima. 

In che modo, allora, far nascere questo nuovo e necessario modello? L’interrogativo non ha risposta o, meglio, la risposta potrebbe essere determinata dal confronto di opposte vedute (sovranisti e internazionalisti) citando un’analisi di Emilio Ciarlo, direttore delle relazioni istituzionali di Aics, pubblicata su Africa e Affari.

In Africa però questa contrapposizione forse potrebbe essere sciolta da quel processo di integrazione regionale che trova ispirazione nello spirito dell’ubuntu, ovvero dell’approccio tipico dell’Africa subsahariana rispetto alle relazioni umane e alla reciprocità di queste relazioni. Di un Ubuntu Plan, per esempio, ha scritto Victor Oladokun, già direttore della Comunicazione e delle Relazioni esterne presso la Banca africana di sviluppo: “L’Africa deve ricorrere il prima possibile a un Ubuntu Plan, perché serve un piano coordinato e internazionale che riconosca l’intrinseca e inscindibile connessione esistente tra tutti gli uomini”. L’Africa e i suoi partner sono già impegnati nella lotta per debellare la povertà con misure come gli Obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite o la strategia degli High5 della Banca africana di sviluppo. “Covid-19 – sottolinea Oladokun – accende ora i fari sui fragili sistemi sanitari africani e sulle grandi sfide che li attendono”

E che non si tratti di sfide limitate alla mera sfera sanitaria lo tengono bene in conto i nostri cento intellettuali africani. Tornando alla loro lettera aperta, è evidente questa voglia di guardare oltre, la necessità anzi di nuovi modelli di riferimento e l’assegnazione alla Politica, con la P in maiuscolo, del compito di traghettare il continente verso nuovi lidi. “I leader africani – scrivono – possono e devono proporre alle loro società una nuova idea politica dell’Africa: è una questione di sopravvivenza e non di ‘prosperità retorica’. Sono necessarie serie riflessioni sul funzionamento delle istituzioni statali, sulla funzione stessa dello Stato e sulle norme giuridiche che distribuiscono i poteri e definiscono il loro equilibrio. Possiamo ottenere di più se partiamo da idee rispondenti alle realtà in tutto il continente. La realizzazione della seconda ondata della nostra indipendenza politica dipenderà dalla creatività politica e dalla nostra capacità di assumerci la responsabilità del nostro destino comune”. [GB]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Formazione professionale: se ne parla domani in una...

    AFRICA - Formazione: una parola di peso per un Continente in costante crescita e che di manodopera ne ha anche da rivendere, rispetto a Stati più industrializzati ma ormai esposti al rischio di una futura penuria di competenze con un rinnovo della forza lavoro interna insufficiente per garantire la continuità dei propri fabbisogni. I megatrend di sviluppo in Africa – ovvero la crescita demografica, la crescita economica e l’urbanizzazione – evidenziano tutti la necessità di garantire un lavoro a decine di milioni di giovani africani (si stima siano 30 milioni) che ogni anno si affacciano sul mercato, nonché di rafforzare la produttività e il processo di industrializzazione dei singoli Stati del continente per competere al livello globale.

    La formazione tecnica e professionale e il suo ruolo per la trasformazione strutturale delle economie africane saranno al centro domani di una conferenza organizzata dal mensile ‘Africa e Affari’, che vedrà l’intervento, fra gli altri, del Vice Direttore Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Esteri italiano, Roberto Colaminé, e un videomessaggio della  Vice Ministra degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Emanuela Del Re. La conferenza sarà seguita da una tavola rotonda alla quale parteciperanno i principali protagonisti del settore.

    Per iscriversi clicca qui.

  • Africa Free

    Cambiamenti climatici, perdite economiche tra 7 e 15...

    AFRICA - Gli effetti dei cambiamenti climatici in Africa causeranno, a partire da quest’anno, conseguenze dirette sulle economie dei Paesi del continente stimate per un valore pari tra 7 e 15 miliardi di dollari ogni anno.

    A dirlo è stato il presidente della Banca africana di sviluppo (AfDB), Akinwumi Adesina, in occasione dell’inaugurazione ad Abidjan della nuova sede regionale per l’Africa del Centro globale per l’adattamento (GCA), un’organismo internazionale creato dalle Nazioni Unite in occasione della conferenza sul clima del 2017.

    “Solo quattro anni fa, il fenomeno meteorologico El Niño ha devastato le regioni orientali e meridionali dell'Africa con gravi ondate di siccità; lo scorso anno i cicloni tropicali Idai e Kenneth hanno causato perdite per 2 miliardi di dollari alle economie di Mozambico, Malawi e Zimbabwe uccidendo 800 persone - ha ricordato Adesina - A partire da questo 2020 le stime mostrano che l'Africa perderà tra i 7 e i 15 miliardi di dollari all’anno per causa dei cambiamenti climatici”.

    Di fronte a questa emergenza, ha proseguito Adesina, è fondamentale mobilitare fondi per il clima ed è per questo motivo che l'AfDB ha incluso tra le sue priorità per i prossimi anni, il sostegno alla crescita verde e la mobilitazione di finanziamenti per l’adattamento climatico, impegnandosi a stanziare almeno 25 miliardi di dollari a tale scopo entro il 2025. [MV]

  • Africa Free

    Campagna crowdfunding di azienda veneta per portare...

    AFRICA – OffgridSun, azienda veneta specializzata in soluzioni fotovoltaiche per zone non connesse alla rete elettrica, vuole crescere e svolgere un ruolo importante nel “dar luce” ai Paesi in via di Sviluppo oggi privi di rete elettrica. Per questo l’azienda italiana specializzata nello sviluppo, progettazione, produzione e commercializzazione di tecnologie solari fotovoltaiche ha lanciato una campagna di equity crowdfunding. Nata nel 2016 da un team con un’esperienza ventennale nel fotovoltaico, OffgridSun opera nella distribuzione di moduli fotovoltaici a 12 V, ideali per la pubblica illuminazione, la segnaletica stradale e nei mercati della camperistica e della nautica. “OffgridSun - si legge in una nota - è inoltre l’unica azienda italiana del programma Lighting Global, la piattaforma del Gruppo Banca Mondiale (BM-IFC) che promuove la crescita sostenibile del mercato solare off-grid come mezzo per incrementare rapidamente l'accesso all'energia”. La sua finalità è portare l’energia a una parte di quel miliardo di persone che oggi vivono in zone rurali non raggiunte dalla rete: questo partendo dai bisogni basilari di illuminazione fino a impianti complessi realizzati con mini-grid. La campagna di equity crowdfunding servirà in particolare ad ampliare la propria presenza in in Africa, da un lato in Etiopia e dall’altro in Africa Orientale (Ecowas), e per sviluppare l’innovativo sistema Pay-as-you-go che permette di ridurre le barriere d’ingresso per l’acquisto di prodotti solari da parte dei più poveri. “Da molti anni lavoriamo in Africa e in altri contesti non elettrificati, e oggi siamo pronti per crescere ulteriormente - afferma Nicola Baggio, fondatore e amministratore delegato di Offgridsun - Oggi, un modulo fotovoltaico costa venti volte meno di 15 anni fa e ha un’efficienza quasi doppia. Grazie allo sviluppo delle tecnologie di accumulo è possibile soddisfare non solo le esigenze di base ma anche il fabbisogno di scuole, ospedali, aziende agricole o interi villaggi grazie alle mini-grid. L’indipendenza energetica potrebbe essere un elemento sempre più d’interesse anche in Europa: quello che vediamo oggi nei paesi cosiddetti poveri paradossalmente anticipa uno scenario che presto toccheremo con mano anche in Europa e in Italia ovvero abitazioni completamente autonome, non connesse alla rete elettrica. Per questo, da anni realizziamo impianti su baite e case isolate dalla Norvegia alla Spagna”.
  • Africa Free

    Presentazione oggi del libro “Le vie dell’Africa”...

    Si svolge oggi, venerdì 18 settembre alle ore 18.30 presso la libreria GRIOT a Roma e in diretta streaming, la presentazione del libro “Le vie dell’Africa. Il futuro del continente, fra Europa, Italia, Cina e Nuovi Attori”, di Giuseppe Mistretta, pubblicato da Infinito Edizioni.

    Insieme all’autore, alla presentazione parteciperanno Massimo Zaurrini, direttore responsabile di Africa e Affari e di InfoAfrica, e Raffaella Scuderi di Repubblica.

    Diplomatico di professione e grande conoscitore del continente africano, l’Ambasciatore Giuseppe Mistretta è attualmente il Direttore per l’Africa subsahariana presso il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e ha scritto un libro snello e nello stesso tempo denso e pieno di informazioni sulla attuale situazione economica e politica dell’Africa.

    “Coi suoi cinquantaquattro Stati, le sue migliaia di etnie, le differenti situazioni politiche, economiche e socio-culturali, l’Africa merita una considerazione profonda, ampia e articolata. Aumentano nel continente gli investimenti, le imprese, le iniziative di enti privati e pubblici; crescono infrastrutture, strade, ferrovie, porti, aeroporti, stadi, ponti, palazzi e grattacieli. E se ancora prevale nell’immaginario collettivo l’idea di un’Africa puntellata di villaggi primordiali e di slum suburbani disordinati e poveri, o disseminata di discariche immense, si va affermando in parallelo la visione di un continente giovane e dinamico, nel quale fertili sono gli spazi per la tecnologia, il progresso, le più moderne telecomunicazioni, la finanza e un embrionale benessere in strati sempre più ampi della classe media. L’Africa andrebbe pensata dal punto di vista degli africani, mettendoci noi nelle loro scarpe, nelle loro teste e nei loro problemi; questo ci aiuterebbe a comprendere meglio quali sono le necessità e le sfide di quelle popolazioni, piuttosto che ripetere slogan comodi e il più delle volte insensati, generati e alimentati dalla nostra visione eurocentrica del mondo. Non siamo solo noi ad avere qualcosa da insegnare agli africani; anzi, se volessimo, avremmo molto da apprendere da loro.”

    Per partecipare alla presentazione dal vivo è necessario prenotare un posto chiamando lo 0658334116 o scrivendo a info@libreriagriot.it. Nel rispetto delle norme di distanziamento i posti a sedere sono limitati.

    La diretta in streaming sarà disponibile sulla pagina Facebook della libreria GRIOT.

  • Africa Free

    Centro globale per adattamento apre sede regionale in...

    AFRICA - Il Centro globale per l’adattamento (GCA), un’organismo internazionale creato dalle Nazioni Unite in occasione della conferenza sul clima del 2017, ha annunciato l’apertura di una nuova sede regionale per l’Africa ad Abidjan in Costa d’Avorio, presso la Banca africana di sviluppo (AfDB), per stimolare gli sforzi del continente nel contrastare il cambiamento climatico.

    “Questo è un momento storico per accelerare l'adattamento in Africa - ha dichiarato il presidente del GCA e già segretario generale delle Nazioni Unite, Ban-Ki-moon - In nessun’altra parte del mondo la sfida per raggiungere uno sviluppo sostenibile di fronte a un clima che cambia è più acuta che nel continente”.

    Intenzione dell’istituzione multilaterale è collaborare con i diversi Paesi africani e gli altri partner allo sviluppo per accelerare l'azione di adattamento necessaria a proteggere le comunità locali dagli impatti dei cambiamenti climatici.

    La sede africana del GCA si concentrerà su programmi e azioni, accelerazione della conoscenza e sviluppo di capacità e definizione di programmi che rispondano alle sfide in corso, includendo iniziative per il miglioramento della sicurezza alimentare, il benessere rurale e la resilienza urbana. [MV]

  • Africa Free

    Annullato e rimandato al 2021 il Vertice UE-Africa

    AFRICA - Non si terrà quest’anno, a causa della pandemia di covid-19, il vertice Unione Europea-Africa che era in programma dal 28 al 29 ottobre prossimo. L’appuntamento, secondo fonti di Infoafrica, sarà verosimilmente rimandato al 2021. Il VI Vertice UE-Africa si sarebbe dovuto svolgere a Bruxelles. L’ipotesi di organizzare un vertice virtuale, che era stata sostenuta dal presidente di turno dell’UA, il sudafricano Cyril Ramaphosa, è stata accantonata. [CC]