Africa

Tecnologie italiane e Unido contro il covid-19, la storia di Isinnova

AFRICA – Fare di necessità virtù. Forse si potrebbe usare questo ben noto detto per raccontare sinteticamente quanto è successo lo scorso marzo negli ospedali di Brescia, quando il covid cominciava a menare terribili fendenti mettendo a nudo i buchi nel frattempo lasciati dai vari lockdown che in giro per il mondo fermavano le produzioni, i commerci e le filiere. Una vera tempesta che costringendo un po’ tutti ai ripari aveva l’effetto di determinare un’insufficienza di pezzi di ricambio, valvole e respiratori necessari per far fronte alla folla di persone che assiepava gli ospedali e aveva bisogno con urgenza di cure e ossigeno. 

È in questo frangente – come racconta in un suo articolo il numero di questo mese di Oltremare, il magazine dell’Agenzia Italiana per la Cooperazione allo Sviluppo – che Isinnova, società di Brescia attiva nel campo della ricerca industriale, riceve dall’ospedale di Chiari tramite il giornale locale la richiesta di realizzare con la stampa 3D la valvola Venturi, una valvola particolare che la struttura sanitaria non aveva più a disposizione e che è un componente fondamentale nei respiratori. “La società che produce questo tipo di valvola era stata inondata di richieste e non sarebbe riuscita a fornire i pezzi in tempi rapidi, ma intanto c’era da agire, c’erano vite da salvare e così in un giorno siamo riusciti a progettare e replicare il componente fornendolo all’ospedale” racconta Lorenzo Abeni, senior consultant di Isinnova. 

La valvola Venturi è stata soltanto la prima tappa di un rapido processo che ha visto Isinnova ancora protagonista nel sostegno alla lotta contro il covid-19 e non soltanto a Brescia. Pochi giorni dopo, anche a seguito della grande attenzione suscitata da quel primo esperimento riuscito, è un medico ed ex primario dell’ospedale di Gardone Val Trompia, Renato Favero, ad avere un’altra intuizione e a proporla a Isinnova: perché non usare le maschere di snorkeling e modificarle per ottenere respiratori Cpap d’emergenza? “La maschera Cpap – prosegue Abeni – permette l’insufflazione di ossigeno nei pazienti covid-19 ed è fondamentale perché consente la riapertura degli alveoli polmonari collassati a causa del covid. Il grande utilizzo che se ne stava facendo in ospedale stava portando a una grave carenza di questo dispositivo, ma è giunta l’idea e abbiamo progettato il raccordo Charlotte. Con questo sistema, una maschera da snorkeling viene collegata a un respiratore e si riesce così a fornire ossigeno al paziente. Abbiamo fatto delle prove con dei volontari e il dispositivo si è dimostrato perfettamente funzionante”. 

Nel picco dell’emergenza, in Italia, sono stati circa 40 gli ospedali che hanno utilizzato questa formula e molte richieste sono arrivate da oltre confine (Marocco, Tunisia, Gran Bretagna, Germania, Stati Uniti) perché si era vicini a una saturazione di richieste; nel momento culminante almeno 100.000 maschere di snorkeling sono state modificate e inviate lì dove il prodotto ufficiale non era disponibile.

È a questo punto che a Isinnova parte un progetto che incontra subito l’interesse dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per lo Sviluppo Industriale (Unido) e in particolare l’ufficio italiano, Unido Itpo Italy. “Ci arrivavano le richieste da Paesi in via di sviluppo e abbiamo allora ideato un kit per consentire loro di stampare direttamente i pezzi di cui avevano bisogno piuttosto che spedirli noi dall’Italia in un momento, tra l’altro, in cui tutto era bloccato. Il progetto, chiamato ISI 3D, ha visto già il coinvolgimento di diverse Ong, prevede la creazione di una piattaforma online (per caricare tutorial e altre informazioni) ed è legato a una raccolta di crowdfunding che servirà a pagare le spese dell’operazione; in questo modo invieremo in Paesi in via di sviluppo kit di stampa che potranno essere utilizzati per stampare componenti per respiratori in situazioni di emergenza”. Terminata l’emergenza, le stampanti potranno essere utilizzate per stampare anche altro, come ingranaggi e componenti di vario tipo. [SEGUE]

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa

  • Africa Free

    Airtel ottiene finanziamenti per attività nel...

    AFRICA - Airtel Africa ha sottoscritto una linea di credito rotativo (credit revolving) da 125 milioni di dollari con l’istituto bancario statunitense Citi. I fondi ottenuti saranno impiegati per sostenere le operazioni e gli investimenti in quattro delle filiali di Airtel nel continente. “La linea di credito risponde alla strategia di indebitamento delle nostre società operative locali e comprenderà sia il debito in valuta locale che quello denominato in dollari”, ha riferito la divisione Africa di Bharti Airtel in un comunicato. Airtel Africa ha aggiunto che la linea di credito rotativo ha una durata fino a settembre 2024 e fornisce potenziali risparmi sui tassi di interesse in cambio del raggiungimento di obiettivi di impatto sociale relativi all’inclusione digitale e alla diversità di genere, con particolare attenzione alle aree rurali e alle donne, e dell’allineamento con la strategia di sostenibilità del gruppo, lanciata nell’ottobre 2021. [MS]
  • AfricaTunisia Free

    Evento AfDb su energia verde a margine della Ticad8

    AFRICA - Accelerare l’accesso all’energia pulita con i finanziamenti per il clima: questo sarà il tema dell’evento che organizzeranno il prossimo 22 agosto la Banca africana di sviluppo (AfDb) e l’International Finance Corporation per discutere le sfide relative all’accelerazione della transizione verso l’energia pulita, le opportunità di investimento per il settore privato e il modo in cui le istituzioni di finanziamento dello sviluppo stanno aumentando il loro sostegno per raggiungere questi obiettivi. L’evento, che si svolgerà virtualmente a margine dell’ottava Conferenza internazionale di Tokyo sullo sviluppo africano (Ticad8) prevista il 27 e 28 agosto 2022 a Tunisi, riunirà esperti del settore pubblico e privato in Asia e Africa, nonché istituzioni di finanziamento dello sviluppo con l’obiettivo di dibattere della necessaria transizione equa e giusta verso l’energia pulita che attende il continente africano. La Conferenza internazionale di Tokyo sullo sviluppo africano mira a promuovere la cooperazione e il partenariato tra Giappone e Africa a sostegno dello sviluppo sostenibile del continente. Per informazioni sull'agenda e sulle modalità di partecipazione, cliccare qui. [CN]
  • AfricaMarocco Free

    A ottobre in Marocco un forum sulla resilienza...

    AFRICA - Dal 26 al 28 ottobre, la città di Ifrane, nel Marocco occidentale, ospiterà il quinto Vertice africano sul commercio e gli investimenti, con la resilienza del continente agli effetti del cambiamento climatico al centro delle discussioni, sotto il tema “Cambiamenti climatici: l’Africa si fa carico del suo destino”. “L’Africa è responsabile di meno del 4% delle emissioni globali di gas serra. Tenuto alla vigilia della Conferenza delle Parti sul cambiamento climatico (Cop27) delle Nazioni Unite, l’Ifrane Forum 2022 metterà in evidenza le iniziative del settore privato e le soluzioni innovative sviluppate per fornire risposte adeguate all’emergenza climatica in Africa”, afferma Khadija Idrissi Janati, presidente dell’associazione I-Afrika, che organizza l’incontro. Ifrane Forum 2022 riunirà quasi 200 partecipanti provenienti da 30 paesi africani, inclusi operatori economici, decisori politici, organizzazioni non governative, ricercatori, sindacati professionali e start-up. Durante i tre giorni dell’evento, i partecipanti discuteranno di finanza e imprenditorialità verde, diplomazia climatica, genere e clima, industrie non inquinanti, ma anche dell’impatto sull’occupazione e del coinvolgimento del settore privato. Per maggiori informazioni, cliccare qui. [CN]
  • Africa Free

    Ict, nuova partnership per servizi ad aziende africane

    AFRICA - La sudafricana Seacom sarà in grado di proteggere la propria infrastruttura, fornire nuove soluzioni di networking, sicurezza e comunicazione ai clienti aziendali in Africa grazie a una nuova partnership con il gruppo britannico Bt. “Grazie alla rete globale e alla presenza locale di Seacom, nonché alla portata e all’esperienza globali di BT, saremo in grado di fornire un portafoglio completo di servizi cloud, sicurezza e connettività affidabili, scalabili e all’avanguardia nel settore”, afferma Oliver Fortuin, Ceo di Seacom. Seacom, che, dal lancio della sua divisione aziendale, afferma di aver notevolmente ampliato la sua base di clienti e partnership per rafforzare le sue offerte e servire i clienti oltre i mercati esistenti, sfrutterà i servizi, le relazioni con i fornitori e le competenze di Bt per espandere il proprio portafoglio di servizi rivolti alle imprese africane. Il gruppo Bt protegge già alcune delle più grandi organizzazioni del mondo dalle minacce informatiche e dispone di una rete globale di centri operativi di sicurezza dedicati 24 ore su 24, 7 giorni su 7. [CN]
  • AfricaRwanda Free

    A Kigali il Vertice continentale su agricoltura e...

    RWANDA - Sono in corso i preparativi per l’organizzazione del 12° vertice annuale per l'alimentazione e l'agricoltura (Agrf) che si svolgerà a Kigali, capitale del Rwanda, dal 5 al 9 settembre. L'Agrf, il principale forum africano per l'alimentazione e l'agricoltura, si terrà sotto il tema "Crescere, nutrire e premiare: azioni coraggiose per sistemi alimentari resilienti". Il presidente dell’Agrf e ex-Primo ministro dell’Etiopia, Hailemariam Dessalegn, afferma che sarà necessaria un'azione collettiva per accelerare il progresso e il vero cambiamento. “Nessun paese è sano a meno che il cibo e i mezzi di sussistenza non siano sani. Fornire per il pianeta, le persone e la prosperità richiederà sforzi collettivi da parte di tutti i settori. Tuttavia, i governi africani dovrebbero guidare questi sforzi dando priorità e integrando politiche che affrontano molteplici obiettivi, compresi quelli che richiedono diete sane e nutrienti, un reddito dignitoso per gli agricoltori e politiche che affrontano il clima e altre fragilità ambientali”, ha dichiarato il presidente dell’Agrf, i cui punti salienti includeranno quest’anno l'Agribusiness Deal Room, una piattaforma per collegare gli innovatori con il capitale necessario, in vertice presidenziale, un forum degli agricoltori e un municipio della gioventù. Per approfondire, cliccare qui. [CN]
  • AfricaEtiopia Free

    Ad Addis Abeba a settembre l’African Technology Fair

    AFRICA - L’Etiopia ospiterà il mese prossimo, dal 7 al 9 settembre, l’African Technology Fair. Lo ha annunciato alla stampa locale il portavoce del ministero degli Esteri, Dina Mufti, precisando che la fiera punterà su energia solare, veicoli elettrici, sistemi di pagamento digitali, telecomunicazioni, servizi bancari e assicurativi. All’evento è attesa la partecipazione di aziende straniere impegnate nei settori della sicurezza informatica, della biotecnologia, dell’energia solare e delle comunicazioni, che presenteranno i loro prodotti e servizi, favorendo così lo scambio di tecnologie, ha aggiunto Mufti. Le autorità etiopi prevedono la presenza di oltre 45.000 persone. Per maggiori informazioni, cliccare qui. [SS]