Africa Occidentale

E-Africa Business Lab: l’Africa Occidentale “a misura di PMI” italiane

Stanno entrando sempre di più nel vivo i webinar dell’E-Africa Business Lab, il nuovo percorso proposto alle Piccole e Medie Imprese (Pmi) italiane dall’Agenzia Ice, giunto al terzo appuntamento mercoledì 27 giugno. In apertura dei lavori, questa volta dedicati all’Africa Occidentale, Alessandra Rainaldi, Responsabile del progetto per Ice, ha ricordato che l’Agenzia è presente nella regione tramite la sua sede ad Accra (Ghana), porta di accesso alla prima economia del continente: la Nigeria.

“In questi incontri interattivi di condivisione, siamo qui per raccontarvi l’Africa e per proporvi una riflessione sui rischi e sulle opportunità commerciali di questa regione, ma soprattutto per mettere a vostra disposizione il nostro know-how”, ha esordito Mariangela Siciliano, responsabile del programma Education to Export di Sace Simest, polo dell’export italiano, ricordando l’obiettivo di un progetto pensato per incentivare le Pmi a scoprire i nuovi mercati dell’area subsahariana strettamente accompagnate dai vari protagonisti del sistema-Paese.

Segnalando la presenza tra i partecipanti di numerosi associati di Confindustria Assafrica & Mediterraneo – terzo partner dell’iniziativa – Pier Luigi D’Agata, Direttore Generale dell’organizzazione, ha sottolineato la varietà della regione occidentale del continente, tra Paesi francofoni e Paesi anglofoni, tra territori di vaste e altri di piccolissime dimensioni, tra Stati ricchi e Stati poveri, alcuni con una moneta comune e tutti membri dell’Ecowas (Comunità economica degli Stati dell’Africa Occidentale).

Moderatore dei lavori, Massimo Zaurrini, direttore di Africa e Affari/InfoAfrica, ha ricordato che l’Africa occidentale è la seconda regione per crescita del continente (dopo l’Africa Orientale), prima di elencare alcuni tra gli aspetti più attrattivi dell’area per gli investitori: una forte vocazione al settore Oil&Gas, con l’estensione di una nuova frontiera dopo che giacimenti sono stati scoperti negli ultimi anni in diversi paesi del Golfo di Guinea; piani governativi dinamici (come in Senegal o in Costa d’Avorio) mirati a potenziare i progressi economici di mercati in crescita; l’accesso conferito da Paesi come la Nigeria, il Ghana, il Senegal o la Costa d’Avorio ai mercati della regione; la futura nascita della moneta comune “eco” di cui potrebbero anche entrare a fare parte la Nigeria e il Ghana; la vicinanza a questa area della maggioranza degli Africani presenti in Italia (Nigeria, Senegal, Costa d’Avorio).

Intervenendo per la sua consueta presentazione dei indici rischi e opportunità valutati per la regione, Alessandro Terzulli, Chief Economist di Sace Simest, ha indicato che 1,9 miliardi dei 5,5 miliardi di euro di export italiano nel continente sono stati destinati nel 2019 alla regione occidentale, segnando un calo del 2,8% rispetto all’anno precedente.

Tra le voci delle esportazioni del nostro Paese in Africa Occidentale spiccano la meccanica strumentale  – che rappresenta il 37% ossia più di un terzo del totale, di cui oltre la metà in Nigeria – in vari ambiti (trasformazione alimentare, lavorazione del legno e dell’acciaio, Oil&Gas, commodities), le estrattiva (10%) e la chimica (7%). Mettendo avanti la propria esperienza sul campo durante una recente missione nell’area, Terzulli ha ribadito il ruolo importante che la qualità della meccanica italiana potrebbe essere chiamata a svolgere nella filiera agricola nonché la necessità di contribuire alla crescita del settore manifatturiero e dei processi di trasformazione, innanzitutto nella catena agricola, per creare valore aggiunto.

Un concetto riaffermato da Alessandro Gerbino, in collegamento da Accra, dove dirige la sede di Ice e nota alcune mosse delle imprese italiane per espandersi nella regione. Evidenziando il credito referenziale di cui gode il Made in Italy, Gerbino ha però denunciato il “gap di comunicazione” che caratterizza le attività delle aziende della Penisola. Augurandosi un crescita della proposta italiana, soprattutto da parte delle Pmi, Gerbino ha anche ricordato l’importanza per gli operatori di essere accompagnati sin dai primi passi nel paese da Ice, che ha aperto nuove sedi nell’area – a Lagos (Nigeria) e ad Abidjan (Costa d’Avorio) – nei primi mesi del 2020.

Due testimonianze aziendali di peso, Marco Sandrucci, direttore della Divisione Ambiente di Proger Spa, e Massimiliano Taricone, CEO del Trasacco Group, uno dei principali gruppi industriali del Ghana, che hanno entrambi osservato quanto il mercato africano sia fatto “su misura” per le Pmi italiane, reiterando la necessità di portare formazione per partecipare alla crescita del continente.

In conclusione dei lavori, i partecipanti hanno avuto la possibilità di porre numerose domande scritte rivolte agli esperti riuniti

Oggi si terrà l’ultimo corso informativo della prima fase dell’E-Africa Business Lab, prima dell’inizio dei quattro percorsi formativi settoriali, a cominciare dalla filiera dell’Agribusiness, alla quale saranno dedicate tre giornate i prossimi 3,4,e 5 giugno.

© Riproduzione riservata

Ultimi articoli della sezione Africa Occidentale

  • Ghana Free

    Piano per facilitare concessione licenze industria...

    GHANA - L’Autorità ghanese per l’alimentazione e i medicinali (FDA) intende lanciare un programma per facilitare la concessione di licenze nel settore dell’industria della trasformazione agro-alimentare.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che l’iniziativa denominata ‘Progressive Licensing Scheme’ è rivolta alle piccole e medie imprese con sede in Ghana e prevede tre diversi tipi di licenza, senza tutta specificare le differenze tra di esse.

    Secondo quel che viene reso noto, il programma mira a far crescere l'industria alimentare nazionale puntando a fare in modo che tutti i negozi di alimentari e i supermercati in Ghana siano riforniti con almeno il 60% di alimentari prodotti localmente. [MV]

  • Capo Verde Free

    Istituita Zona Economica Speciale Marittima

    CAPO VERDE - Il presidente capo-verdiano Jorge Carlos Fonseca ha promulgato il provvedimento che istituisce ufficialmente la Zona economica speciale per l'economia marittima a São Vicente.

    A darne notizia sono i media locali, precisando che sono già previsti investimenti privati per un valore di oltre 2,5 milioni di euro per consentire il funzionamento della zona economica speciale.

    In base a quel che viene reso noto, la zona economica speciale prevede l’istituzione di una zona franca e le aziende che vi si installeranno beneficeranno di incentivi fiscali e doganali da parte dello Stato.

    “Gli incentivi speciali da destinare alla Zona economica speciale per l'economia marittima dovranno tenere conto della quantità di investimenti, dell'impatto sociale ed economico, della creazione di posti di lavoro e della loro pertinenza”, si legge nel provvedimento istitutivo precisando inoltre che l’importo minimo degli investimenti privati per poter beneficiare degli incentivi è pari a 2,5 milioni di euro.

    Obiettivo del governo è creare a São Vicente una piattaforma logistica marittima nel centro dell’oceano Atlantico per favorire il trasbordo delle merci e la loro trasformazione, la commercializzazione e la distribuzione di pesce e lo sviluppo di una meta turistica di fama internazionale. [MV]

  • Costa Avorio Free

    Vertici partito al potere spingono per nuova...

    COSTA D’AVORIO - La morte improvvisa del primo ministro ivoriano e candidato presidenziale, Amadou Gon Coulibaly, ha aperto un confronto all’interno del partito al governo (Rhdp) con sviluppi ancora da verificare.  Nel corso di una riunione informale a porte chiuse, i vertici del partito - secondo alcune indiscrezioni di stampa - non hanno escluso una ricandidatura dell’attuale capo di Stato Alassane Dramane Ouattara alle elezioni che sono in programma ad ottobre.  Ouattara aveva annunciato lo scorso marzo la sua volontà di farsi da parte dopo dieci anni di presidenza e aveva designato Gon Coulibaly, il suo alleato di sempre, quale candidato del suo partito.  La morte di Coulibaly - che era appena rientrato dalla Francia dove era stato sottoposto a un intervento - ha rimesso tutto in discussione. La prima scadenza da tenere in considerazione è quella del 31 luglio, termine ultimo per presentare le candidature. Una eventuale ricandidatura di Ouattara sarebbe consentita dalla Costituzione, grazie a una revisione del testo risalente al 2016 benché contestata dall’opposizione.  Il candidato di Rhdp si confronterà sicuramente con l’ex presidente Henri Konan Bedie, che ha già annunciato la sua candidatura; altri dovrebbero farsi avanti nei prossimi giorni. [MS]
  • Burkina Faso Free

    Le raccomandazioni del parlamento per far fronte a...

    BURKINA FASO - Una lista di 19 raccomandazioni per far fronte alla fase di insicurezza che ormai segna il Burkina Faso negli ultimi anni è stata approvata dall’Assemblea nazionale e resa nota alla stampa dal presidente del parlamento, Alassane Bala Sakandé.  Le raccomandazioni includono il rinvio di un anno delle elezioni legislative ma il mantenimento delle presidenziali attualmente in programma il 22 novembre 2020. Il rapporto raccomanda poi un censimento degli sfollati interni per favorire politiche e operazioni umanitarie, l’invio di beni di prima necessità nei villaggi situati in zone insicure, donazioni alle famiglie che ospitano sfollati, dotazione di mezzi alle forze di difesa e di sicurezza.  Sakané ha poi sottolineato che chiunque sia il prossimo presidente dovrà inserire tra le priorità la questione della riconciliazione nazionale. [MS]
  • Ghana Free

    Tecnologie dell’informazione traino dell’economia

    GHANA - E’ stato il settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) a trainare la crescita dell’economia ghanese nel primo trimestre di quest’anno.

    Secondo quel che si apprende da uno studio di Standard Bank, il settore è cresciuto infatti del 77% su base annua contribuendo in larga parte a comporre il tasso di crescita del 4,9% registrato complessivamente dall’economia nazionale del Ghana nel periodo preso in esame.

    Lo studio prosegue osservando che l'espansione del settore delle ICT è previsto possa continuare senza ostacoli anche per tutto il resto dell’anno in corso alla luce delle misure di distanziamento fisico introdotte per contrastare la diffusione della pandemia di covid-19.

    “Il Ghana ha il secondo più alto tasso di penetrazione dati in Africa sub-sahariana e il mercato di mobile-money in più rapida crescita nel continente. Anche la scena delle start-up tecnologiche sta crescendo rapidamente nel Paese: dato il limitato impatto economico su questo settore durante la pandemia, prevediamo che la crescita nel settore delle ICT rimarrà senza ostacoli anche nei trimestri successivi”, si legge nello studio. [MV]

  • Benin Free

    Cotone, Benin si conferma primo produttore continentale

    BENIN - I dati preliminari diffusi dal ministero dell’Agricoltura conferma che anche quest’anno il Benin si conferma prima Paese produttore di cotone in Africa.

    A darne notizia sono i media locali citando un comunicato del consiglio dei ministri di Porto-Novo, da cui emerge che nella stagione 2019-2020 la produzione di cotone raggiungerà un valore minimo di 714.714 tonnellate, circa 2000 tonnellate in più della stagione precedente.

    Si tratta del quinto aumento consecutivo della produzione, che conferma per il secondo anno il primato del Benin a livello continentale.

    Negli ultimi 4 anni, il Benin ha fatto raddoppiare la produzione e ha superato tutti i produttori della regione, incluso il Mali, ex primo produttore africano.

    La gestione del settore di produzione di cotone è attualmente guidata dal settore privato. [MV]